Legge elettorale: Napolitano, ‘Garantisca la stabilità’

Pubblicato il 12 ottobre 2012 da redazione

ROMA  – “Considero positivo l’avvenuto superamento di una situazione che vedeva trascinarsi da tempo, senza risultato, discussioni tra le principali forze politiche; considero positiva cioè la proposizione formale – nella sola sede appropriata, il Parlamento – di un concreto progetto di nuova legge elettorale”. Lo afferma Giorgio Napolitano.
Nella lettera, Napolitano ringrazia Schifani per l’annuncio, datogli ieri sera, del via libera in commissione al Senato del testo base di legge elettorale “su cui avviare già oggi l’esame, in vista del successivo passaggio e di una attesa conclusione in Assemblea”. “Considero positivo – aggiunge – l’avvenuto superamento, anche grazie alla tua costante attenzione e sollecitazione, di una situazione che vedeva trascinarsi da tempo, senza risultato, discussioni tra i rappresentanti delle principali forze politiche; considero positiva cioè la proposizione formale – nella sola sede appropriata, il Parlamento – di un concreto progetto di nuova legge elettorale”. “Potrà così onorarsi – sottolinea il capo dello Stato – l’impegno assunto e ribadito da ogni parte di accogliere istanze largamente avvertite dall’opinione pubblica per nuove regole che consentano agli elettori di compiere scelte determinanti per la composizione del Parlamento, e di evitare il ricorso a incentivi e vincoli tali da indurre a vasti raggruppamenti elettorali di dubbia idoneità a garantire stabilmente il governo del Paese”. “Mi auguro che stia per esprimersi, con realismo e senso di responsabilità, un ampio consenso parlamentare, al di là di ogni persistente diversità di punti di vista. Occorre dare finalmente esito a lunghe e travagliate polemiche – conclude il capo dello Stato – così da offrire al paese l’indispensabile certezza di un nuovo quadro di riferimento per l’esercizio del diritto di voto alla scadenza della legislatura nella prossima primavera”.

La nuova legge elettorale deve “garantire stabilmente il governo del Paese”, scrive Napolitano in una lettera al presidente del Senato Schifani. L’invito è ad “evitare il ricorso a incentivi e vincoli tali da indurre a vasti raggruppamenti elettorali di dubbia idoneità a garantire stabilmente il governo del Paese”.

Sulla nuova legge elettorale, Giorgio Napolitano si augura “stia per esprimersi, con realismo e senso di responsabilità, un ampio consenso parlamentare, al di là di ogni persistente diversità di punti di vista”. “Occorre dare finalmente esito – scrive nella lettera al presidente del Senato Schifani – a lunghe e travagliate polemiche così da offrire al Paese l’indispensabile certezza di un nuovo quadro di riferimento per l’esercizio del diritto di voto alla scadenza della legislatura nella prossima primavera”.

SCHIFANI, piacere e apprezzamento – “Mi ha fatto molto piacere ricevere questo autorevole apprezzamento dal capo dello Stato che costituisce, tra l’altro, un ulteriore stimolo per fare sempre di più e meglio per l’interesse del Paese”. Così, a margine della sua visita alla Ptl di San Prospero, una delle aziende più colpite dal sisma dello scorso maggio il presidente del Senato, Renato Schifani, commenta la lettera di Napolitano sul superamento dello stallo per la riforma della legge elettorale.
“Interesse del Paese, ha proseguito Schifani, e cioé quello di dotare i cittadini di un sistema di scelta elettorale che consenta loto di tornare ad essere protagonisti”. Pertanto, ha sottolineato Schifani, “faremo di tutto perché il Senato, al più presto, esiti questa riforma e la trasmetta alla Camera. Se non avessimo avuto lo stimolo continuo e il richiamo autorevole del capo dello Stato – ha concluso – il risultato di ieri non si sarebbe raggiunto.

BERSANI: “Bene Colle” – Il segretario del Pd, Pierluigi Bersani, esprime “vivo apprezzamento” per la lettera del Presidente Napolitano al presidente del Senato Renato Schifani, e afferma che il Pd “sta lavorando con tutte le sue forze perché la riforma elettorale si faccia garantendo la prospettiva della governabilità del Paese”.
“Esprimo il mio vivo apprezzamento – sostiene Bersani – per la lettera che il Presidente Napolitano ha voluto trasmettere al presidente del Senato Renato Schifani. La sollecitazione a procedere nella sede parlamentare alla riforma della legge elettorale è giusta e l’accogliamo con favore”. Il Pd, aggiunge il segretario dei Democratici, sta “lavorando con tutte le sue forze perché la riforma si faccia garantendo la prospettiva della governabilità del Paese, la possibilità per i cittadini di scegliere i parlamentari e la parità di genere”.

CASINI: “Chi ruba lo fa con preferenze o Collegi”  – “Se uno ruba o compra i voti lo fa sia con le preferenze sia con i collegi”. Così il leader dell’Udc Pier Ferdinando Casini conversando con i cronisti in Transatlantico, spiegando che l’asse visto ieri al Senato sulla legge elettorale “non c’entra niente con la Casa delle Libertà. E’ una legge che bisogna fare ed è fortissimo il partito di chi non vuole cambiare il porcellum. Ieri è stato fatto un bel passo avanti, ora vedremo”.

Ultima ora

21:39Gerusalemme:Casa Bianca, Trump resta impegnato su pace

(ANSA) - WASHINGTON, 13 DIC - Trump "resta impegnato per la pace come sempre": lo ha ribadito la Casa Bianca dopo l'annuncio dei palestinesi che non riconosceranno più il ruolo degli Usa nel processo di pace con Israele. Una fonte dell'amministrazione ha osservato che "questa retorica ha impedito la pace per anni". La Casa Bianca, ha aggiunto, continuerà a lavorare duro "per elaborare il suo piano, di cui beneficeranno sia il popolo israeliano sia quello palestinese". Un piano che sarà svelato "quando sarà pronto e il momento sarà giusto".

21:38Gerusalemme: Iron Dome intercetta 2 razzi da Gaza

(ANSAmed) - TEL AVIV, 13 DIC - Il sistema antimissili Iron Dome ha intercettato "con successo" due razzi lanciati dalla Striscia di Gaza verso Israele. Lo ha riferito il portavoce militare israeliano.

21:34Tribunale, Inps eroghi premio nascita a tutte le madri

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Ha "carattere discriminatorio" la condotta dell'Inps "consistente nell'aver introdotto requisiti non previsti dalla legge del 2016 per poter beneficiare del cosiddetto 'premio alla nascita'" come il permesso di soggiorno di lungo periodo. Il premio va quindi esteso "a tutte le future madri" straniere "regolarmente presenti in Italia che ne facciano domanda". Lo ha deciso il giudice del Tribunale civile di Milano accogliendo il ricorso di APN - Avvocati per niente Onlus, A.S.G.I. Associazioni Studi Giuridici sull'Immigrazione e Fondazione Guido Piccini per i Diritti dell'Uomo Onlus.

21:27Calcio: Mondiale club,2-1 all’Al Jazira e R.Madrid in finale

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Real Madrid vince 2-1 contro i padroni di casa dell'Al Jazira di Abu Dhabi e stacca il biglietto per la finale del Mondiale per club di sabato, dove affronterà i brasiliani del Gremio Porto Alegre, campioni in carica del Sudamerica.

21:23Gerusalemme: sirene di allarme nel sud di Israele

(ANSAmed) - TEL AVIV, 13 DIC - Le sirene di allarme anti missili sono risuonate poco fa nel sud di Israele, nella zona della cittadina di Sderot non lontano dalla Striscia. Lo conferma l'esercito, citato dai media. Secondo questi ultimi ci sarebbe stato almeno un razzo dalla Striscia intercettato dall'Iron Dome.

21:15‘Boicotta Espresso’, ma blitz Forza Nuova fallisce a Torino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - Avevano in programma un'azione dimostrativa sotto la redazione torinese del quotidiano La Repubblica, simile a quella effettuata a Roma lo scorso 6 dicembre, i militanti di Forza Nuova che ieri sono stati fermati dalla polizia a Torino. Gli investigatori della Digos hanno intercettato il corteo, non autorizzato, prima che arrivasse in via Lugaro, sede del giornale, e i manifestanti si sono allontanati. Secondo quanto appreso, l'intenzione di Forza Nuova era quella di appendere uno striscione con la scritta 'Boicotta il Gruppo Espresso'. (ANSA).

21:12Calcio: 3-2 alla Sampdoria, Fiorentina ai quarti

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - La Fiorentina ha battuto 3-2 la Sampdoria negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti affronterà la vincitrice di Lazio-Cittadella, in programma domani sera allo stadio Olimpico di Roma. Viola in vantaggio già al 2' grazie a Babacar. Il pareggio ligure lo firma Barreto a cinque minuti dall'intervallo. Nella ripresa l'arbitro Rosario Abisso, di Palermo, diventa protagonista fischiando tre rigori, due con l'ausilio della Var. Il primo lo trasforma Veretout, il secondo - quello del 2-2 - è opera di Ramirez al 32'. Al 90' ancora Veretout sul dischetto. Il francese non sbaglia battendo Puggioni con grande freddezza. Per la Samp anche un clamoroso palo colpito da Caprari su punizione.

Archivio Ultima ora