Pm Palermo: “Immunità totale c’è solo per i re”

Pubblicato il 12 ottobre 2012 da redazione

ROMA  – “Solo” quattro telefonate, in tutto 18 minuti di conversazione. Secondo il Quirinale andavano distrutte, secondo la Procura di Palermo e secondo i legali che la rappresentano, questo non era tecnicamente possibile. Di più: se il Capo dello Stato avesse “un’immunità assoluta” e “gli si riconoscesse una totale irresponsabilità giuridica anche per i reati extrafunzionali”, questo coinciderebbe con la “qualifica di ‘inviolabile’ che caratterizza il Sovrano nelle monarchie”. E’ il passaggio che più colpisce della memoria di costituzione in giudizio predisposta dai professori Alessandro Pace, Giovanni Serges e Mario Serio che costituiscono il collegio difensivo nominato dagli inquirenti palermitani.

La vicenda scaturisce dalle intercettazioni indirette del Capo dello Stato captate quando, nei mesi scorsi, le utenza dell’ex ministro Nicola Mancino sono state messe sotto controllo dai pm di Palermo che indagano sulla presunta trattativa Stato-mafia. Il presidente Giorgio Napolitano ha ritenuto lese le proprie prerogative presidenziali ed ha sollevato conflitto di fronte alla Corte Costituzionale: ora la Procura di Palermo si è costituita in giudizio e sono stati depositati presso la cancelleria della Consultai relativi atti.

– A novembre – anticipa Pace, già presidente dei costituzionalisti italiani – depositeremo la memoria illustrativa e allegheremo anche pareri di giuristi spagnoli.

Proprio la figura del Re di Spagna viene citata nella memoria depositata: in Spagna – sostengono gli avvocati – “una legittima intercettazione di una conversazione telefonica nella quale accidentalmente figuri il Re come mero interlocutore non equivale a ‘investigare la persona del Re’, e quindi la registrazione della conversazione ben potrebbe essere valutata dal giudice istruttore”. Le telefonate di Napolitano intercettate sono state quattro, “solo quattro”, su un totale di 9.295 telefonate di Mancino intercettate in circa sette mesi, scrivono i legali nella memoria. Queste le quattro telefonate: la prima, il 24 dicembre 2011 alle ore 9.40 della durata di 3 minuti, in uscita da una delle sei utenze di Mancino; la seconda, il 31 dicembre 2011, alle ore 8.48 (durata 6 minuti), anch’essa in uscita; la terza, il 13 gennaio 2012, alle ore 12.52 (durata 4 minuti): in questo caso – si legge negli atti – Mancino aveva prima chiamato il centralino del Quirinale chiedendo di parlare con Napolitano; la quarta, infine, il 6 febbraio 2012, alle ore 11.12 (durata 5 minuti), in entrata sul telefono di Mancino, che viene quindi chiamato. A chiedere conto di quante fossero state le intercettazioni indirette a Napolitano, e quando fossero avvenuto era stata la stessa Corte Costituzionale, che aveva anche chiesto copia del “brogliaccio” di polizia giudiziaria, verbale che però – si ribadisce nell’atto predisposto per conto della Procura di Palermo – non riporta “l’indicazione del contenuto della conversazione”.

Nell’atto, i legali degli inquirenti palermitani, esaminano punto per punto il ricorso presentato dal Quirinale e steso dall’Avvocatura generale dello Stato. E sottolineano un punto: il pm non può autonomamente disporre la distruzione di intercettazioni, non ne ha il potere; quest’atto spetta a un giudice. In questo senso si ritiene anche inutilizzabile l’articolo 271 del codice di procedura penale che prevede la distruzione delle intercettazioni vietate (come quelle dei confessori o degli avvocati), una via che invece viene prospettata nel ricorso presentato dal Quirinale: secondo gli avvocati, l’analogia con i casi di divieto legati al segreto professionale non c’è. Anche l’art 7 della legge 289/1989 non è considerato attinente, perché riguarda le sole intercettazioni dirette. L’atto firmato da Pace, Serges e Serio punta poi sulla “insussistenza delle pretese lesioni delle prerogative del Presidente della Repubblica”, sostenendo da una parte la “casualità delle intercettazioni presidenziali”, che, aggiungono, non sono mai state depositate, dall’altra che l’irresponsabilità del Presidente riguarda solo gli atti compiuti nell’esercizio delle sue funzioni. E l’essere “rappresentante dell’unità nazionale” non può costituire “la fonte di ulteriori poteri, quali, nella specie, il potere di esigere la distruzione della documentazione delle intercettazioni di tutte le telefonate a lui rivolte ancorché inviate da soggetti sottoposti ad indagine penale”. Altrimenti, si osserva nella memoria di costituzione, “il Presidente parlerebbe sempre e soltanto come Capo dello Stato”. O si dovrebbe configurare una sorta di totale immunità che vale solo per il Sovrani, “contraddicendo i principi dello Stato democratico-costituzionale”.

La Procura palermitana chiede quindi, tramite i propri legali, che il ricorso del Colle sia rigettato come “inammissibile” e “infondato”. La Consulta si riunirà in udienza pubblica il 4 dicembre per ascoltare le parti e risolvere il conflitto.

Ultima ora

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

00:48Calcio: Gattuso “strada ancora lunga, difesa da migliorare”

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Dobbiamo ancora migliorare, specie in difesa, perché il Bologna ci ha messo in difficoltà. Ma devo ringraziare i ragazzi per la vittoria, per la mentalità e per lo spirito di sacrificio: mi tengo la prestazione e il risultato, ma dobbiamo ben tener presente che la strada è ancora lunga". Così l'allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, dopo la vittoria a San Siro sul Bologna. Il tecnico ha elogiato il match winner Bonaventura: "Ha grandissima qualità. Sa fare gol, si sa inserire. Credo sia uno dei centrocampisti migliori d'Italia, deve migliorare un pochino sul fisico". Una battuta sul suo comportamento a bordo campo: "Le partite le sento tantissimo, pure quando gioco a calcio balilla con mio figlio, ma certo su questa di panchina è ancora più emozionante. Il Milan è la mia seconda pelle".

00:32Calcio: Spagna, Suarez-Messi, Barcellona sbanca a Villarreal

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il Barcellona torna alla vittoria in Liga dopo due pareggi superando 2-0 in trasferta il Villarreal, alla terza sconfitta di fila. Restano cinque i punti di vantaggio della capolista sul Valencia, vittorioso ieri sul Celta Vigo, e sei sull'Atletico Madrid, che in un altro incontro domenicale della 15/a giornata è andato a vincere 1-0 a Siviglia sul campo del Betis. A Villarreal, i blaugrana hanno sbloccato il risultato solo nella ripresa, con le reti di Luis Suarez al 27' e Messi al 38', con l'argentino che porta così a 14 centri il bottino personale in campionato. Il Barcellona ha ancora un vantaggio di 8 punti sul Real Madrid, che prima del Clasico del 23 dicembre, forse l'ultima occasione per rientrare in corsa per il titolo, andrà in trasferta in settimana negli Emirati per la semifinale, e probabilmente la finale, del Mondiale per club.

00:23Basket: Serie A, Torino-Milano 71-59

(ANSA) - TORINO, 10 DIC - La Fiat Torino batte 71-59 l'EA7 Milano e aggancia in classifica i milanesi. Una vittoria di carattere quella conquistata dalla squadra dell'ex milanese Banchi, passata a condurre nella prima frazione per poi non lasciare più il comando della partita. Se all'inizio le percentuali di Milano hanno favorito la fuga torinese (32-27 al 20'), nella ripresa la difesa di Torino ha fatto la differenza. Washington ha chiuso le falle in difesa, Mbakwe ha fatto impazzire sotto canestro i lunghi milanesi, caricando di falli Tarczewski e Gudaitis. Un parziale di 17-6 a metà terzo quarto (51-33), propiziato da Mbakwe e Vujacic ha indirizzato la partita: Milano ha provato nel finale a riavvicinarsi, ma la Fiat ha controllato senza patemi il risultato. Ottima prova di Patterson (16), Mbakwe (15) e Vujacic (10) per Torino, mentre sulla sponda milanese il solo Jerrels è riuscito ad andare in doppia cifra chiudendo con 10 punti.

00:21Calcio: Bonaventura, vittoria sia punto di partenza Milan

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Era importante vincere e ce l'abbiamo fatta. Siamo felici, venivamo da un periodo in cui seminavamo tanto e raccoglievamo poco''. A Premium Sport, il centrocampista del Milan Giacomo Bonaventura racconta il suo match da protagonista contro il Bologna: ''Dovevamo tenere un po' più la palla una volta andati in vantaggio, ci servirà da lezione per le prossime. Sperando che questa vittoria possa essere un punto di partenza. Io sto meglio, piano piano sto arrivando al cento per cento e cerco sempre di dare tutto me stesso per la squadra''.

00:08Serie A: il Milan batte il Bologna 2-1 nel posticipo

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Una doppietta di Jack Bonaventura fa respirare il Milan di Rino Gattuso alla sua prima vittoria da quando ha preso il posto in panchina di Vincenzo Montella. In un Meazza congelato con fiocchi di neve a sprazzi, i rossoneri battono il Bologna 2-1 (1-1) nel posticipo della 16/a giornata della Serie A. Apre le marcature Bonaventura al 10' pt, bel pari di Verdi al 23' pt, decide di nuovo Bonaventura al 31' st. Con i tre punti conquistati questa sera il Milan si porta al settimo posto a quota 24 punti.

Archivio Ultima ora