Carta d’intenti Pd-Sel-Psi: riconoscimento coppie gay

ROMA – “Daremo sostanza normativa al principio riconosciuto dalla Corte costituzionale, per il quale una coppia omosessuale ha diritto a vivere la propria unione ottenendone il riconoscimento giuridico”. E’ quanto si legge nella ‘Carta d’intentì sottoscritta dal centrosinistra (Pd-Sel- Psi) per le primarie.

“Attenzione, la crisi economica sarà lunga e non possiamo chiudere gli occhi davanti al rischio di crisi politiche e culturali che possono essere regressive. Si rischia il populismo”. Così Pier Luigi Bersani, segretario del Pd, nel corso della manifestazione della firma della coalizione di centrosinistra con Nichi Vendola e Riccardo Nencini, sottolineando che “il nuovo Patto per la coalizione di centrosinistra sarà vincolante per non ripetere l’esperienza del passato”.

–  Governare non è facile per nessuno e non possiamo deludere il paese –  prosegue -. Ci siamo presi degli impegni reciproci e vincoli di organizzazione. Casini non si preoccupi,è una bella giornata per noi e per l’Italia.Noi ci stiamo prendendo una responsabilità, l’impegno e il rischio della partecipazioni.

Tre sono “i compiti decisivi” che andranno affrontati nella prossima legislatura e per cui Pd, Sel e Psi decidono di unire le loro forze.

“La prossima legislatura dovrà affrontare tre compiti decisivi – si legge nella Carta di intenti che Bersani, Vendola e Nencini hanno firmato questa mattina. “Guidare l’economia fuori dalla crisi – si legge – ridare autorità, efficienza e prestigio alle istituzioni ed alla politica ripartendo dai principi della Costituzione. Rlanciare l’unità e l’integrazione politica dell’Ue

E’ confermata la data del 25 novembre per le primarie del centrosinistra. E’ quanto si legge nel documento sulle regole presentato da Pier Luigi Bersani, Nichi Vendola e Riccardo Nencini. L’eventuale ballottaggio, nel caso in cui nessun candidato raggiunga al primo turno il 50% più 1 dei voti, si terrà domenica 2 dicembre.

– Le primarie sono la cosa più bella che la politica possa offrire oggi e noi ne siamo orgogliosi – ha detto Pier Luigi Bersani -. Da oggi si comincia e noi ci stiamo assumendo un rischio – dice -, quello della partecipazione. Ci potrà essere qualche inconveniente. Le primarie sono fatte così. Ci potrà essere un dibattito più aspro di quanto vorremmo, ma noi siamo orgogliosi.

Secondo Bersani le primarie sono lo strumento per riavvicinare politica e cittadini: “Noi ci prendiamo la responsabilità di intraprendere una strada e rompere il muro tra cittadini e politica”.