Mud: “No al centralismo”

CARACAS – Il segretario Esecutivo della ‘Mesa de la Unidad’, Ramón Guillermo Aveledo, non ha dubbi: si è chiuso il capitolo delle ‘presidenziali¡’ ma resta aperto quello delle ‘regionali’.

– Bisogna andare avanti – ha detto ai giornalisti che hanno assistito alla conferenza stampa -. Fare le correzioni pertinenti ed andare avanti.

Il dirigente politico ha ammesso che i risultati del 7/0 sicuramente avranno ripercussioni su quelli delle elezioni di dicembre. Ma, ha anche sottolineato, “ci sono buone ragioni per partecipare e difendere la decentralizzazione, che l’attuale governo si nega a riconoscere”.

Aveledo ha spiegato che l’Opposizione, nelle prossime elezioni, è chiamata a difendere la “buona gestione dei governi regionali”. E ha precisato:

– Devo ricordare che, stando ai sondaggi di opinione pubblica,  i governatori considerati più efficienti e competenti sono i nostri. E’ questo ciò che siamo chiamati a difendere. Non solo per mantenere la nostra presenza ma soprattutto per dimostrare alle altre regioni del Paese che è possibile svolgere un ottimo lavoro ed avere una eccellente gestione.

Ha quindi precisato che i candidati della Mud, non “sono importati, ma leader delle regioni in cui aspirano ad essere candidati”.

Il dirigente politico, poi, ha commentato che non esistono campagne elettorali perfette.

– E’ indispensabile imparare dagli errori – ha aggiunto -. Per analizzare il nostro lavoro è stata costituita una Commissione “ad hoc”. E’ nostro dovere dialogare quotidianamente con i venezolani.

Ha assicurato che a prescindere dai risultati che esporranno gli analisti della Commissione, La Mud non cessera nelle sue funzioni.