Libia, Clinton difende Obama: “A Bengasi fu colpa mia”

Pubblicato il 16 ottobre 2012 da redazione

LIMA – Il segretario di Stato americano, Hilllary Clinton, si è assunta la responsabilità della gestione della sicurezza al consolato Usa di Bengasi, in Libia, dove lo scorso 11 settembre sono stati uccisi in un attacco l’ambasciatore Chris Stevens e altri tre membri dello staff diplomatico. “Mi assumo la responsabilità”, ha detto la Clinton alla Cnn respingendo così le critiche dei repubblicani contro l’amministrazione Obama, montate in questi ultimi giorni di campagna elettorale. Parlando da Lima il segretario di Stato ha spiegato: “Sono io ad essere incaricata della gestione delle oltre 60mila persone del dipartimento di Stato in 275 posti in tutto il mondo”.
“Voglio evitare che ci sia una strumentalizzazione politica o un gioco di accuse”, ha aggiunto la Clinton sottolineando che presidente e vice presidente non sono coinvolti in prima persona nelle decisioni relative alla sicurezza. I repubblicani hanno cavalcato la campagna di discredito nei confronti dell’amministrazione Obama per i fatti di Bengasi dopo due nuovi episodi: in primo luogo in alcune udienze al Congresso la scorsa settimana è emerso che il dipartimento di Stato aveva ricevuto diverse richieste di aumentare il livello di sicurezza a Bengasi prima dell’11 settembre, ma le aveva ignorate; in secondo luogo il vice presidente Joe Biden, nel suo dibattito contro l’avversario Paul Ryan, ha detto che “non ci era stato detto” delle richieste di sicurezza extra al consolato. Venerdì i portavoce di dipartimento di Stato e Casa Bianca hanno chiarito che il “noi” di Biden si riferiva alla Casa Bianca, alla quale non viene inoltrato questo tipo di richieste in uno stadio iniziale.
Intervistata da Fox News, inoltre, Hillary Clinton ha ribadito che “le decisioni relative alla sicurezza vengono prese dal personale di sicurezza, ma rivedremo tutto per essere sicuri di fare il necessario in una situazione sempre più rischiosa”. Le dichiarazioni rilasciate dalla Clinton sembrano voler sostenere le affermazioni di Biden durante il dibattito. Al momento sono in corso tre inchieste separate sull’attacco al consolato Usa a Bengasi: una dell’Fbi sulla morte dei quattro americani; un’indagine indipendente da parte di una commissione nominata dalla stessa Clinton e le audizioni in Congresso. Il segretario di Stato Usa si trovava in Perù per un giorno: ha incontrato il presidente Ollanta Humala e ha partecipato alla conferenza intitolata ‘Donne come motore di crescita sociale e integrazione’.

Ultima ora

12:37M5S: sindaca Dorgali annuncia su Fb, sono indagata

(ANSA) - NUORO, 15 DIC - La sindaca di Dorgali (Nuoro) Maria Itria Fancello, del Movimento 5 stelle, è indagata dalla Procura di Nuoro per turbativa d'asta. Lo ha annunciato lei stessa su Facebook, in nome di quella trasparenza richiesta dal suo partito. "Volevo informare i cittadini di Dorgali che mi è stata notificata una richiesta di proroga delle indagini da parte della procura di Nuoro - spiega - a quanto pare, insieme a mio marito, ex dipendente della cooperativa Ghivine, e all'assessore Fabrizio Corrias sono indagata per turbativa d'asta. Per quanto sono riuscita a ricostruire, non ho ricevuto avvisi di garanzia, né ero a conoscenza dell'attività, si tratterebbe della gara di aggiudicazione della gestione dei siti archeologici. Un bando che è stato pubblicato il giorno successivo all'insediamento del nuovo consiglio comunale. Per cui né io, né altri componenti della giunta abbiamo avuto nulla a che fare con la gara, assegnata da un'apposita commissione". "Ho fiducia nella giustizia - prosegue la prima cittadina di Dorgali - e mi sento confortata dal fatto di aver sempre agito per il bene dei cittadini. Ve lo dovevo per quella trasparenza che contraddistingue il MoVimento 5 Stelle. Vi terrò aggiornati." (ANSA).

12:32Brexit: Gentiloni, seconda fase non più facile della prima

(ANSA) - BRUXELLES, 15 DIC - "La seconda fase (dei negoziati sulla Brexit, ndr) non sarà più facile della prima": lo ha detto il premier Paolo Gentiloni, spiegando che ieri il Consiglio Ue ha "accolto con grande cortesia" la disponibilità espressa dalla premier britannica Theresa May nel suo intervento. Il summit Ue discuterà di Brexit questa mattina, senza la May. Ieri la premier ha "rivendicato la linea con la quale siamo riusciti ad arrivare all'intesa con la Commissione qualche giorno fa", ha spiegato Gentiloni, ribadendo che i leader Ue restano "consapevoli" delle difficoltà della seconda fase.

12:30Francia: scontro treno-scuolabus, bilancio sale 6 morti

(ANSA) - PARIGI, 15 DIC - Il bilancio della collisione tra un treno regionale e uno scuolabus a Milau, nel sud-ovest della Francia, sale a 6 morti. E' quanto rivela France Info precisando che altri due ragazzi oltre ai quattro annunciati ieri non ce l'hanno fatta. Entrambi avevano 11 anni.

12:06Terrorismo: espulso francese, ha mimato spari contro Cc

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Con un provvedimento firmato dal ministro dell'interno, Marco Minniti, è stato espulso un cittadino francese 23enne, convertito all'Islam radicale, che era stato arrestato per reati comuni il 29 agosto scorso dai Carabinieri in provincia di Cuneo. Già segnalato dalle autorità transalpine quale simpatizzante jihadista, informa il Viminale, durante le procedure di identificazione aveva mimato il gesto di "sparare" contro i Carabinieri e di "far detonare" un ordigno esplosivo, citando Allah. Con quella di oggi sono 101 le espulsioni eseguite con accompagnamento nel proprio Paese, nel corso del 2017 e 233 quelle eseguite dall'1 gennaio 2015 ad oggi, riguardanti soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso.

11:36Litiga per 2 euro con gestore pompa benzina e appicca fuoco

(ANSA) - VITTORIA (RAGUSA), 15 DIC - Un 40enne di Vittoria ha appiccato le fiamme alla colonnina di un distributore di carburanti nella periferia della cittadina, non lontano dall'ospedale. L'allarme è stato dato al commissariato dai vigili del fuoco. Dietro al gesto ci sarebbe la lite avuta la sera prima col gestore del rifornimento per due euro. L'uomo, che è stato arrestato, aveva inserito soldi per comprare le sigarette, ma parte del denaro era rimasta bloccata e, nonostante il proprietario volesse ridargli i soldi, se ne era andato furibondo meditando la vendetta. Gli agenti sono risaliti all'autore dell'incendio esaminando le immagini registrate dall'impianto interno di videosorveglianza. Nelle riprese si vede il 40enne introdurre una banconota nel distributore, selezionare la pompa da utilizzare, estrarre la pistola e "irrorare" l'area circostante con la benzina, poi allontanarsi e appiccare il fuoco. Nella casa dell'arrestato, in lavatrice, sono stati trovati gli indumenti indossati dall'uomo nelle immagini. (ANSA).

11:28Sci: cdm, cancellata anche 2/a prova libera val d’Isere

(ANSA) - Val d'Isère (Francia), 15 dic - Come previsto anche la seconda prova cronometrata per la discesa di cdm donne di val D'Isere e' stata annullata per le abbondanti nevicate. Nella localita' francese domani e domenica erano in programma una discesa e un superG. Dopo l'annullamento delle due prove il programma prevede per domani un superG valido come recupero di quello non disputato per il maltempo una settimana a fa a St. Morizt. Poi la giuria decidera' le mosse successive. Tenendo conto che non si puo' disputare una discesa senza aver prima fatto almeno una prova cronometrata, e' probabile cosi' che domenica venga disputato almeno il superg originariamente previsto in Val d'Isère.

11:25Pedofilia: premier Australia,emersa tragedia nazionale

(ANSA) - CANBERRA, 15 DIC - Il rapporto della Commissione australiana d'inchiesta sulle risposte istituzionali sulla pedofilia "ha rivelato una tragedia nazionale. Ringrazio i membri della commissione e coloro che hanno avuto il coraggio di raccontare le loro storie". Così il premier australiano, Malcolm Turnbull, ha commentato i risultati dell'inchiesta che ha raccolto le deposizioni di oltre 15 mila persone e udito a porte chiuse oltre 8.000 vittime di abusi sessuali, in gran parte subiti in istituzioni religiose.

Archivio Ultima ora