Non decolla il dialogo Udc-Pdl

Pubblicato il 18 ottobre 2012 da redazione

BUCAREST – Non decolla e non può decollare il dialogo tra i moderati di Pdl e Udc alla grande riunione di famiglia dei popolari europei. Il perchè lo spiega lo stesso Angelino Alfano ai suoi, prima di incontrare di nuovo Pier Ferdinando Casini come ha fatto ieri a più riprese ma senza costrutto.
– Noi caliamo ogni giorno nei sondaggi, mentre persino la destra di Storace sale. Che dobbiamo fare? Io a Casini ho spiegato che faremo un forte rinnovamento, che cercheremo di cambiare nome e simbolo, però devo dirvi la verità: lui non si fida e finchè Berlusconi non decide davvero cosa vuole fare anche noi non possiamo fare nulla. Poi ci sono varibili come il voto in Sicilia, e se per caso vincesse Renzi tutto potrebbe saltare…
Insomma, il dialogo è al palo. E ciò che spiega meglio delle dichiarazioni ufficiali lo stato dell’arte è la raccomandazione concitata che il leader dell’Udc fa al segretario del Pdl, dietro un paravento azzurro al congresso del Ppe, prima che Angelino vada a dichiarare davanti alle telecamere.
– Limitiamoci a parlare di accordo sulle cose europee – lo inchioda in un breve colloquio carpito dai cronisti. E infatti Alfano questo dirà:
– Nessun passo avanti o indietro. Il quadro è molto chiaro. Noi e Casini abbiamo preso in questi anni strade differenti. Oggi l’unico punto di unione è il sostegno al governo Monti e si sta aggiungendo una visione comune sulle politiche economiche europee. Ma non credo che due giorni di congresso siano sufficienti…
E certo non è un caso che le parole scelte siano le stesse che poco prima il leader Udc ha pronunciato davanti alle telecamere:
– Non si può pensare che divisioni di anni e anni, non causate da personalismi ma da fatti politici, si ricompongano durante due giorni di congresso.
Ad Alfano e Casini non sono mancate certo le occasioni di scambio: seduti accanto in aereo all’andata e sullo stesso volo pure al ritorno (ma stavolta il leader Udc si è seduto con Clemente Mastella e Alfano lo ha solo salutato), vicini anche in platea alle assise del Ppe, e ancora insieme alla cena dell’altra sera del partito popolare europeo e a pranzo al termine del congresso, per non dire delle innumerevoli volte che si sono incrociati nei corridoi del Parlamento rumeno e degli sforzi dei vari ‘ambasciatori di pace’ (Franco Frattini primo tra tutti). eppure il massimo che il leader Udc può concedersi, essendo chiaro dalla cronache che di accordo non se ne parla, è una mano tesa ad Alfano, al quale indica quantomeno una via percorribile.
– Io e Alfano abbiamo posto le basi per una riflessione comune forte a partire dalle politiche europee – dice tornando a mettere al centro di un possibile dialogo i programmi e le scelte valoriali confermate dal Ppe a Bucarest.
In Italia pero’ il discorso è diverso e lì, aggiunge subito Casini ‘’non è che qualcuno ha la bacchetta magica, trasformismi non servono a nessuno, né giochi di prestigio, né svolte miracolose, che non sono serie’’. Insomma, Berlusconi resta il convitato di pietra. Ed é vero anche che Alfano ai suoi riferisce che diversi leader popolari ‘’hanno chiesto di lui, lo hanno definito un protagonista degli eventi della storia del Ppe e lo hanno ampiamente citato’’.

Ultima ora

18:43Calcio: Ancelotti in panchina per match solidarietà

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Uefa e Onu hanno annunciato oggi a Ginevra che uniranno le forze per organizzare una partita di solidarietà con il sostegno del Cantone di Ginevra, della città e della Fondazione dello stadio di Ginevra. Il match, che vedrà la partecipazione di due squadre guidate da celebrità del calcio, si giocherà sabato 21 aprile 2018 alle 16. In nome della solidarietà e del riconoscimento dell'importanza dello sport nella società, 'Match for solidarity' è finalizzata a promuovere la pace, i diritti umani e il benessere nel mondo, attraverso gli obiettivi di sviluppo sostenibile stabiliti dalle Nazioni Unite. Il ricavato di questa partita sarà utilizzato per finanziare progetti umanitari e di sviluppo internazionali. Le due squadre, allenate da Carlo Ancelotti e Didier Deschamps, avranno rispettivamente come capitani Luis Figo e Ronaldinho. Gli allenatori e i capitani selezioneranno le proprie squadre nelle prossime settimane. La partita sarà arbitrata da Pierluigi Collina.

18:32Incidenti lavoro, operaio morto a Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 12 DIC - Un operaio è deceduto in un incidente sul lavoro, avvenuto in salita Tarsia, nel centro cittadino di Napoli. L'uomo stava lavorando su un terrazzo di uno stabile in Salita Tarsia quando probabilmente ha perso l'equilibrio ed è caduto. La dinamica è in fase di ricostruzione da parte della Polizia di Stato. L'operaio stava ricoprendo il terrazzo con una guaina impermeabile; nella caduta, terminata su un'automobile in sosta, ha trascinato con sé anche la bombola del gas e il cannello bruciatore che stava utilizzando. Forse sul posto c'era anche un collega.

18:25Calcio: Giampaolo, pronti a battaglia in Coppa

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - "Non ci sono partite semplici e gli avversari forti ti stimolano. Ce la giocheremo alla pari". Marco Giampaolo si affida a SampTv per presentare l'ottavo di Coppa Italia contro la Fiorentina di domani. "Alla Coppa ci teniamo anche se - ha spiegato - la formula così concepita è difficile, perché devi vincere fuori casa a Firenze per passare il turno. In ogni caso la rispettiamo come sempre e farò giocare la miglior formazione possibile. Abbiamo recuperato bene rispetto alla partita di sabato alcuni elementi non sono al meglio della condizione. Dovremo farei i conti con alcune assenze. In ogni caso chi scenderà in campo darà battaglia". A Genova sono rimasti Viviano, Quagliarella e Linetty, tutti per motivi fisici "Domattina - aggiunge Giampaolo - farò la valutazione di chi è disponibile. A oggi non ho la minima idea di chi far giocare. La Fiorentina? E' una squadra forte che è cresciuta e arriva a questa sfida dopo i risultati positivi con Lazio e Napoli".

18:23Tetraplegico per tre mesi in autobus a scuola nel milanese

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - Tre mesi di tempo perché uno studente tetraplegico di 16 anni, milanese, ottenesse un trasporto adeguato alla scuola che frequenta fuori città, a Corsico. Nel frattempo è stato costretto ad andare sull'autobus accompagnato dalla madre o in auto col padre, perché "il Comune di Milano non ha fornito il mezzo adeguato poiché l'istituto era fuori dal capoluogo lombardo". La denuncia è di Angelo Ciocca, europarlamentare della Lega: "è un episodio davvero spiacevole, sono imbarazzato nel dire che sono dovuto intervenire su un'assenza del Comune chiedendo un intervento della Regione e non mi sembra giusto che un disabile non abbia il trattamento di cui ha diritto". "La Regione nel cuore dell'estate ha trasferito le competenze per i trasporti degli studenti superiori disabili ai Comuni, - ha replicato il Comune -. Purtroppo per la decina di studenti che vanno fuori città il contributo di Regione Lombardia è molto al di sotto del costo del servizio. Quindi il Comune ha avuto bisogno di reperire le risorse".

18:19Serena Grandi a giudizio per fallimento ristorante

(ANSA) - RIMINI, 12 DIC - Serena Grandi è stata rinviata a giudizio per il fallimento, dichiarato nel 2015, della società 'Donna serena srl' che ha gestito il ristorante la 'Locanda di Miranda', nel borgo San Giuliano di Rimini. L'attrice bolognese, 59 anni, all'anagrafe Serena Faggioli, difesa dall'avvocato Christian Guidi, sarà giudicata a partire dal prossimo 12 giugno davanti al Tribunale collegiale. Stando alle accuse, Serena Grandi, in qualità di legale rappresentante della società 'Donna serena' avrebbe distratto parte dei beni strumentali, impiegati presso il ristorante, e sottratto i libri contabili e altra documentazione obbligatoria per legge relativi alla gestione della 'Locanda di Miranda'. La procedura fallimentare della società è ancora in corso davanti al Tribunale fallimentare di Rimini.(ANSA).

18:13Il Rally del Salento ‘corre’ con la Pizzica

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il Rally del Salento e la Pizzica, perfetto connubio in un territorio davvero unico per le sue eccellenze. Parte da queste basi l'accordo tra Aci Lecce e la Fondazione la Notte Della Taranta presentato durante la serata dal titolo "La danza del volante" svoltasi presso la Sala Angioina del Castello di Copertino. Un'importante sinergia, quella tra il Rally del Salento gara di rilievo internazionale, e la Pizzica, danza popolare salentina famosa in tutto il mondo, che si presenta come un nuovo ed inedito canale di promozione del Salento. "Unire due manifestazioni che pur nella diversità delle loro esperienza sono la massima espressione del territorio nei loro rispettivi campi è stato un risultato particolarmente importante" ha affermato il Presidente dell'Aci Lecce Aurelio Filippi Filippi. Per il n.1 dell'Aci Sticchi Damiani "Il Rally del Salento ha contribuito a far si che il territorio salentino fosse conosciuto non solo per il mare ma per tutta una serie di attrattive''

18:12Calcio: Napoli, De Laurentiis allontana crisi

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Alla presentazione del film 'Super vacanze di Natale' di Paolo Ruffini, in sala dal 14 dicembre, Aurelio De Laurentiis non raccoglie la provocazione di chi gli chiede della presunta crisi del Napoli di cui è presidente. "Una cosa va detta - ha replicato - siamo l'unica società che ha i conti a posto. Certo, essere primi è importante, ma i primi, come si sa, si vedono solo alla fine".

Archivio Ultima ora