Grandi rischi, ministro Clini: “L’unico precedente è Galileo”

Pubblicato il 24 ottobre 2012 da redazione

ROMA – “Aspetto di leggere le motivazioni che saranno molto utili per capire; perché se fossero stati condannati per non aver previsto sarebbe assurdo”. Così il ministro dell’Ambiente Corrado Clini sulla sentenza per i componenti della commissione Grandi rischi sul terremoto de L’Aquila. “Non ho mai capito il nodo dell’accusa – spiega Clini parlando a Radio anch’io – e perciò della condanna”.
– Aver affidato le decisioni politiche a un comitato di tecnici e scienziati penso sia stato l’errore de L’Aquila – spiega Clini -. Deve cambiare o essere più chiara la catena di comando; non si può chiedere a tecnici e scienziati di assumersi una responsabilità che – conclude – dovrebbe essere amministrativa e in ultima istanza della politica. Quello che serve è avere un quadro di informazioni il più chiaro possibile; a fronte di questo si devono assumere gli scenari di rischio che possono sembrare i più cautelativi.
Allo stesso modo il ministro – parlando anche di rischio da dissesto idrogeologico – ritiene necessario “investire nella prevenzione”, ribadendo che “nel frattempo le allerte alla popolazione devono essere le più cautelative possibili”.
Il consiglio dei Ministri discuterà domani della Commissione Grandi Rischi dopo la condanna per il terremoto di L’Aquila e chiederà il ritiro delle dimissioni. A dirlo è stato il ministro per l’Ambiente.
– Chiedere di ritirare le dimissioni? Abbiamo consiglio dei ministri venerdì, la nostra opinione è questa. La commissione deve continuare a lavorare, chi fa questo lavoro deve avere serenità di poter esprimere dubbi.
Per il ministro Clini le Commissioni, come quella Grandi Rischi, devono “poter dare margine di incertezza, poi spetta a noi politici scegliere”.
– Spetta alla politica difendere e proteggere la libertà delle Commissioni di consulenza – ha aggiunto il ministro – di poter fare quello che devono senza vincoli.
Per il ministro dell’ambiente Corrado Clini “se i membri della commissione Grandi Rischi sono stati condannati perché non hanno fatto una previsione esatta questo è assurdo”. Ma la per il ministro la sentenza è “un errore anche se si ritiene che gli esperti che fanno le previsioni devono anche assumersi la responsabilità di cosa bisogna fare. “Non ho capito quali siano le motivazioni della condanna le voglio leggere”.
– Se si vuole imporre per legge che non c’é dubbio, allora possiamo smettere. Se questa è la motivazione, tutti quelli che stanno protestando contro l’Italia hanno ragione. Non sono gli scienziati – ha ribadito Clini – che devono dire al Governo o a una amministrazione locale cosa fare, gli scienziati dicono cosa può succedere. Il tema centrale è il rapporto tra le commissioni, la Grandi Rischi e le altre, che fanno consulenza per il Governo e le amministrazioni, e il livello delle decisioni. Noi dobbiamo assicurare alle commissioni la libertà di poterlo fare assumendoci la responsabilità delle decisioni che dobbiamo prendere.
“Hanno ragione quelli che dicono che l’unico precedente a questa sentenza è quello di Galileo”, secondo Clini. “Spero che in secondo grado venga del tutto ribaltata”.
– La commissione è oggetto di questa condanna perché è stato attribuito a una valutazione scientifica un valore ordinativo. E questo è totalmente assurdo. Interpreto questa sentenza come stimolo all’amministrazione e non per scaricarla. Temo – rileva ancora Clini – che la magistratura abbia fotografato una situazione di incertezza, ed è per questo che credo che la sentenza vada interpretata con una presa di responsabilità da parte delle istituzioni. Il governo deve assolutamente respingere le dimissioni della commissione Grandi rischi – osserva Clini – Non spetta agli scienziati decidere ma, in libertà ed autonomia fornire un quadro, dare un ‘range’ dell’incertezza e del dubbio. Per questo ho detto al presidente dell’Ispra De Bernardinis che non se ne parla proprio di dimissioni. Anzi dobbiamo continuare a dare fiducia a questi esperti. Il problema non è il ruolo degli esperti ma dell’amministrazione. È poi necessario che le strutture sul territorio abbiano il massimo sostegno. Non è che abbiamo un altro sistema di Protezione civile; e questo sistema va rinforzato tutelando la sua autonomia.
Il richiamo alla condanna di Galileo Galilei come precedente della sentenza dei giudici dell’Aquila sul terremoto, fatto dal ministro dell’Ambiente Corrado Clini, “non è un’affermazione corretta”. E’ l’opinione espressa dal presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati Rodolfo Sabelli. Le critiche alle sentenze, ha ribadito Sabelli “devono essere rispettose ed espresse in modo corretto e informato sulla base di una conoscenza dei fatti”. E, premettendo di “non volere entrare nel merito, non conoscendo le motivazioni”, il presidente dell’Anm ha sottolineato che “leggendo le imputazioni si evince che l’accusa non si fonda sulla pretesa di prevedere i terremoti. Ciò che si contesta è l’errata analisi dei rischi che ha portato a un’informazione tranquillizzante non corretta”.

Ultima ora

22:50Bimbo di due mesi trovato morto in culla dai genitori

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Era in culla e non respirava più. Così un padre e una madre, lui 39 anni lei 33, di Sant'Antioco, nel Sulcis, hanno trovato il corpo senza vita del figlioletto di soli due mesi. La tragedia, su cui stanno indagando i carabinieri, è avvenuta in una abitazione di via Matteotti, alle 18.30, orario in cui i genitori del piccolo hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i medici del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso. In via Matteotti sono poi arrivati i militari della Stazione che hanno raccolto le prime testimonianze. Dai primi accertamenti, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpicino: si tende ad escludere l'azione di terzi. Il magistrato di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma del piccolo al Policlinico di Monserrato dove sarà eseguita l'autopsia.

21:59Argentina: milioni di pesos falsi contro la corruzione

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - In occasione della Giornata nazionale contro la corruzione, i cittadini di San Salvador de Jujuy, città dell'Argentina nordoccidentale, hanno trovato per strada una montagna di denaro falso pari a 716 milioni di pesos argentini (circa 35 milioni di euro). L'iniziativa è stata realizzata dall'ufficio provinciale anticorruzione per informare i cittadini sugli effetti negativi della corruzione. L'ufficio ha voluto realizzare, in occasione del 9 novembre in Argentina, una riproduzione in scala di tutto il denaro che non si è potuto utilizzare per la costruzione di oltre 2.200 alloggi popolari. I fondi sarebbero coinvolti nel caso che vede sotto accusa la dirigente sociale Milagro Sala, attualmente detenuta per presunta frode, associazione a delinquere ed estorsione. L'iniziativa, costituita da quattro strutture cubiche, rappresentavano gli oltre 716 milioni di pesos la cui destinazione finale non è stata ancora chiarita.

21:55Pentagono ‘ignora’ Trump, transgender possono arruolarsi

(ANSA) - WASHINGTON, 11 DIC - Il Pentagono ha annunciato che consentirà ai transgender di partecipare all'arruolamento che comincia il primo gennaio, nonostante l'opposizione del presidente Donald Trump. Una mossa che, secondo gli osservatori, riflette le crescenti pressioni legali sulla questione e le difficoltà da parte del governo federale di attuare la richiesta del tycoon di bandire i transgender dall'esercito. Le sue direttive finora sono state bocciate da due corti federali. Le aspiranti reclute dovranno tuttavia superare una serie di esami fisici, psicologici e medici che potrebbero rendere più difficile ottenere la divisa.

21:53Putin sbarcato ad Ankara, faccia a faccia con Erdogan

(ANSA) - ISTANBUL, 11 DIC - Il presidente russo Vladimir Putin è sbarcato ad Ankara, ultima tappa del suo tour de force mediorientale che oggi lo ha portato nella base russa di Hmeimim in Siria, dove ha incontrato il suo omologo Bashar al Assad, e poi al Cairo per colloqui con il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi. In Turchia, il capo del Cremlino avrà un faccia a faccia con il presidente Recep Tayyip Erdogan sulle crisi regionali - dalla Siria a Gerusalemme - e i rapporti bilaterali, con un focus sulla cooperazione energetica e il progetto russo della prima centrale nucleare turca ad Akkuyu. Negli ultimi mesi, i due leader hanno avuto numerosi contatti. Il faccia a faccia di oggi, seguito da una conferenza stampa congiunta, è il terzo nell'ultimo mese.

21:53Maltempo: Toti, ‘Le prossime ore sono le più critiche’

(ANSA) - GENOVA, 11 DIC - "La nostra è una situazione di preoccupazione e di attenzione perché si tratta di una perturbazione molto complessa, sia da seguire che da capire. E' stata una tempesta perfetta, un fenomeno estremo per il variegato modo in cui si è presentato. Le prossime ore saranno quelle che danno maggiore preoccupazione". Così il Presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti ha commentato la situazione meteo. "Abbiamo avuto mareggiate con onde fino a 7 metri, vento fino a 160 km orari, precipitazioni fino a 300 mm, freddo molto intenso nell'entroterra con neve nel savonese con il fenomeno del gelicidio che ha provocato non pochi problemi ai trasporti ferroviari e stradali". Restano sorvegliati speciali l'Entella, il Magra e il Vara. "Adesso sarà importante vedere nelle prossime ore - continua Toti - quando le piogge intorno a mezzanotte caleranno, come reagiranno i bacini".

21:49Gerusalemme: razzi da Gaza, Israele risponde al fuoco

(ANSAmed) - TEL AVIV, 11 DIC - Razzi sono stati lanciati da Gaza verso Israele ma per ora non si conosce il luogo dell'impatto, né eventuali conseguenze. Lo ha riferito il portavoce militare aggiungendo che, in risposta al lancio, l'esercito ha sparato tre colpi di artiglieria verso la zona della Striscia da cui si presume siano parti i razzi. Non si hanno altre notizie al momento. Oltre l'artiglieria - ha in seguito aggiunto il portavoce - è intervenuta anche l'aviazione israeliana che ha colpito postazioni di Hamas nel sud della Striscia. Israele - ha spiegato - considera Hamas responsabile "per ogni attacco da Gaza".

21:48New York: ‘Vendetta per raid Israele a Gaza’

(ANSA) - NEW YORK, 11 DIC - L'attentatore di Manhattan parlando con gli investigatori avrebbe legato il suo gesto alle azioni di Israele contro la popolazione di Gaza: lo riporta la Cnn citando fonti investigative.

Archivio Ultima ora