Cortei contro l’austerity, scontri e fermi in tutta Italia

Pubblicato il 14 novembre 2012 da redazione

ROMA – La giornata dello sciopero generale europeo convocato dalla Confederazione europea dei sindacati contro politiche di rigore “che costringono a ridurre i diritti, impoverire il lavoro, distruggere l’istruzione pubblica” si è trasformata in una giornata di tensione. In Europa iniziative in 23 dei 27 paesi, con scioperi generali anche in Spagna, Portogallo e Grecia. In Italia, guerriglia nella Capitale, cariche della polizia, agenti feriti e scontri ai cortei studenteschi che hanno affollato le piazze.
Il ministro dell’Interno Annamaria Cancellieri, che ha seguito dal Viminale l’evoluzione della situazione, ha espresso “la più ferma condanna per i gravi episodi di violenza” ed ha espresso al capo della Polizia, Antonio Manganelli, il proprio “apprezzamento per l’operato delle Forze di polizia, che hanno evitato maggiori e più gravi conseguenze per l’ordine pubblico, per la sicurezza e per l’incolumità dei cittadini”
Tensione a Roma quando gli studenti di Blocco Studentesco hanno tentato di sfondare il cordone delle forze dell’ordine per raggiungere le sedi istituzionali.
Dopo un lancio di pietre e bottiglie le forze dell’ordine hanno respinto gli studenti con una carica di contenimento. ‘’Siamo oltre 50mila’’, ha annunciato uno degli organizzatori della manifestazione. Dal corteo che ha poi proseguito sul Lungotevere, all’altezza della Sinagoga si sono levate urla e fischi all’indirizzo del luogo di culto. Un gruppetto di giovani hanno gridato “Saddam, Saddam” e hanno proseguito al grido di “Occupiamo Montecitorio”.
La polizia ha caricato gli studenti che hanno lanciato pietre e bombe carta. Tre studenti a volto coperto sono stati fermati dalla polizia e caricati su un cellulare mentre la guerriglia continuava con lanci di bottiglie e sassi. Sull’asfalto sono rimasti gli scudi che i ragazzi usavano per ripararsi. Un altro ragazzo con il volto insanguinato è stato caricato insieme agli altri sul cellulare della polizia. Diciotto le persone, tra cui una donna e un minorenne, accompagnate presso diversi uffici di Polizia e dei carabinieri. La Digos di Roma ha arrestato due giovani di 21 e 22 anni, studenti di Scienze Politiche. Nel corso di una carica a lungotevere dei Tebaldi, i carabinieri hanno arrestato per resistenza a pubblico ufficiale un operaio 39enne. Al vaglio anche la posizione di 126 persone identificate a porto di Ripa Grande dove sono stati sequestrati vari caschi e scudi. Sedici i feriti tra le forze dell’ordine tra cui 10 poliziotti 5 carabinieri e un funzionario di Polizia in seguito agli scontri.
A Torino un agente è stato ferito dopo essere stato circondato da un gruppo di autonomi vicino al grattacielo di Intesa Sanpaolo e poi aggredito da due militanti armati di mazza da baseball e bastone che lo hanno colpito sul casco e al braccio. Il poliziotto è riuscito a rifugiarsi nel palazzo della Provincia dove è stato soccorso e portato all’ospedale.
I manifestanti hanno tirato uova contro la sede dell’Agenzia delle entrate, che nel frattempo aveva chiuso i cancelli, poi hanno acceso un fumogeno e scritto sul muro con vernice rossa “Usurai strozzini”. Una parte degli studenti ha fatto irruzione nel cantiere del grattacielo di Intesa San Paolo in costruzione di fronte al palazzo di giustizia. Poi hanno esposto uno striscione prima di disperdersi. La polizia in tenuta antisommossa ha lanciato lacrimogeni.
Irruzione anche nella sede della Provincia. Dopo essere entrati hanno portato all’esterno mobili e documenti, ammassandoli davanti al portone; un gruppo è riuscito a salire al primo piano e, affacciandosi alla balconata, ha slegato una delle 4 bandiere sui pennoni e lanciata ai manifestanti che aspettavano sotto, che hanno tentato di dare fuoco alla bandiera. Poi l’hanno sostituita con una bandiera no-tav.
A fine giornata il bilancio è di otto manifestanti denunciati mentre la polizia sta indagando per identificare chi ha preso parte ai danneggiamenti durante il corteo.
Momenti di tensione a Padova quando un gruppo di giovani dei centri sociali si è staccato dal corteo e, imbrattando le vetrine di diversi negozi, si è diretto verso la stazione per occupare i binari. Una sassaiola si è scatenata contro le forze dell’ordine schierate a protezione della stazione. Gli agenti hanno risposto con una carica di alleggerimento. Due manifestanti fermati, due agenti feriti.
Accessi ai varchi portuali bloccati a Genova. Alcune centinaia di manifestanti che avevano preso parte al corteo di studenti, lavoratori precari e militanti dei centri sociali, dopo avere percorso la sopraelevata, mettendo in crisi il traffico del centro, si sono uniti a un gruppo di lavoratori che bloccava gli accessi al varco di San Benigno e ponte Etiopia. Una lunga fila di tir si è formata in lungomare Canepa.
A Bologna dove hanno sfilato 4 cortei, alcune decine di giovani dei collettivi studenteschi e dei centri sociali hanno assaltato la sede Cisl. Il gruppetto di facinorosi ha di fatto messo in atto un’occupazione lampo della sede sindacale, lanciando uova e fumogeni all’interno del primo piano dell’edificio. Sono volati anche insulti contro il sindacato che ha deciso di non aderire allo sciopero.
La Cgil e la Fiom sono partite da piazza Martiri per giungere in Piazza Malpighi. A parlare davanti agli operai delle aziende in crisi il segretario confederale Danilo Barbi. In piazza Malpighi per portare sostegno ai lavoratori ed un saluto al segretario della Cgil di Bologna Danilo Gruppi è sceso anche il sindaco Virginio Merola, che poi ha lasciato il presidio per tornare in Comune per una serie di appuntamenti istituzionali. In strada con i manifestanti anche il segretario del Pd di Bologna Raffaele Donini.
Gli studenti e collettivi universitari Cua e Cas, invece, si sono diretti invece in piazza XX Settembre, per dire ‘no’ al debito e all’austerità, sotto lo slogan ‘Save school, not bank’ ovvero ‘Salvate la scuola, non le banche’. Il serpentone si è mosso verso porta Galliera per la confulenza del corteo dei Cobas, dei docenti e precari che hanno invaso pacificamente la zona universitaria e via Irnerio. Sono migliaia in tutto le persone che hanno manifestato in strada.
Nessun incidente di rilievo per la manifestazione di studenti e Cobas a Firenze. Durante il passaggio del corteo, però, sono state tracciate scritte sui muri di palazzi e sulle vetrine di istituti di credito, e sono state lanciate uova piene di vernice contro la sede fiorentina della Banca d’Italia. I manifestanti hanno lanciato uova anche contro altre due banche, ma non si sono verificati disordini. Oltre al corteo di studenti e Cobas, partito da piazza San Marco, a Firenze è sfilato anche un secondo corteo, quello organizzato dalla Cgil, partito da piazza Dalmazia. ‘’Per il lavoro e la solidarietà in Europa, no all’austerità’’, lo striscione in testa al corteo. Migliaia i manifestanti. Il corteo dei Cobas e degli studenti è terminato in piazza Annigoni.
A Napoli dopo una mattinata di cortei e caos, un gruppo di studenti del Collettivo ha invaso la stazione centrale e si è riversato sui binari. Fonti della Questura riferiscono che la protesta è durata al massimo cinque minuti, senza creare disagi ai treni in partenza e in arrivo. Il corteo si è poi ricostituito e si è fermato davanti ad una concessionaria Fiat dove si è tenuto un breve comizio.

Ultima ora

13:54Germania: Seehofer rieletto a guida Csu con 83,7% voti

(ANSA) - BERLINO, 16 DIC - Horst Seehofer è stato rieletto alla presidenza della Csu bavarese con l'83,7% dei voti. Il risultato di questa elezione, al congresso in corso a Norimberga, è una dimostrazione di tenuta per il leader, dopo la forte perdita subita alle urne del 24 settembre. Due anni fa Seehofer aveva ottenuto l'87,2%.

13:46Calcio: legale Palermo, oggi prima volta che parliamo a pm

(ANSA) - PALERMO, 16 DIC - "Oggi, per la prima volta, abbiamo potuto interloquire con la Procura presentando le nostre ragioni. Siamo molto ottimisti, aspettiamo fiduciosi la decisione del Tribunale". Lo ha detto l'avvocato del Palermo, Francesco Pantaleone, al termine dell'udienza sull'istanza di fallimento della società presentata dalla Procura. "Abbiamo ripercorso quanto scritto nelle memorie - ha spiegato - il fatto di avere avuto un confronto con la Procura è molto importante". Il presidente del Palermo, Giovanni Giammarva, si dice fiducioso: "Speriamo di avere belle notizie a breve. Abbiamo illustrato le nostre ragioni al Tribunale, siamo sicuri dei nostri bilanci. Sono sereno e l'evolversi della situazione ci rende ancora più ottimisti. L'analisi dei documenti ci rende davvero tranquilli".

13:43Nuoto: Europei,Rivolta e Codia tentano il bis in 50 farfalla

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Nelle gare della mattinata ai campionati europei di nuoto in vasca corta, in corso a Copenhagen, hanno confermato il loro grande stato di forma Matteo Rivolta e Piero Codia, qualificandosi agevolmente per le semifinali dei 50 farfalla. Con un occhio alla finale per una possibile doppietta bis, dopo quella dei 100 farfalla dei giorni scorsi. Nei 200 misti Ilaria Cusinato ha vinto la sua batteria in 2'09"91 e guadagnato un posto in finale. In finale anche la 4X50 sl mista (in vasca per l'Italia Zazzeri, Vergani, Pellegrini, Ferraioli): il quartetto azzurro ha fatto il quinto tempo in 1'31"50 ed è passato. Altri responsi delle batterie di oggi: in semifinale Silvia Scalia e Elena di Liddo nei 50 dorso. La stessa Di Liddo e Ilaria Bianchi sono in semifinale anche nella gara dei 100 farfalla.

13:41Igor: ora è caccia alla ‘rete’, decina nomi nel mirino

(ANSA) - BOLOGNA, 16 DIC - Sono una decina i nomi nel mirino degli inquirenti italiani che indagano sull'ipotetica rete di appoggi di 'Igor', il criminale serbo Norbert Feher arrestato in Spagna, dopo una sparatoria con tre morti nella provincia Teruel, in Aragona. La Guardia Civil si è imbattuta in lui casualmente mentre indagava su alcune rapine nella zona. La Procura di Bologna ha chiesto il verbale dell'udienza che si terrà domani in Spagna, dove Norbert Feher comparirà in seguito all'arresto per il triplice omicidio commesso nella zona di Teruel, dove il 14 dicembre sono morti due uomini della Guardia Civil e un allevatore. Il procuratore Giuseppe Amato e il pm Marco Forte si sono attivati attraverso Eurojust e stanno valutando le mosse da compiere nei confronti di 'Igor': anche in base a come si comporterà davanti al giudice spagnolo, decideranno quando sentire l'indagato. L'obiettivo è capire come e quando Feher è riuscito a lasciare l'Emilia per raggiungere la sperduta zona dell'Aragona. (ANSA).

13:36Nuoto: Europei, Dotto show, in semifinale con miglior tempo

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Un grandissimo Luca Dotto ha vinto la sua batteria e fatto il miglior tempo (46"81) nei 100 sl ai campionati europei in vasca corta in corso a Copenhagen. Il campione azzurro si è qualificato per la semifinale della gara regina, e con lui è passato anche Lorenzo Zazzeri (47"). Fuori dalle semifinali invece Marco Orsi, campione in carica, che pure ha vinto la sua batteria e ha fatto il sesto tempo in 47"13. Orsi è stato eliminato per le quote nazionali, e così pure Alessandro Miressi, che aveva segnato il decimo tempo in 47"35. Orsi si è rifatto comunque nei 100 misti, vincendo la sua batteria in 52"13 a un solo centesimo dal record italiano. Dietro di lui Simone Geni, in 52"74. Entrambi vanno in semifinale. In questa gara ha dato forfait all'ultimo momento il primatista del mondo Morozov.

12:58Calcio: Palermo, istanza fallimento, giudice si riserva

(ANSA) - PALERMO, 16 DIC - Il giudice del tribunale di Palermo, Giuseppe Sidoti, si è riservato di decidere sull'istanza di fallimento del Palermo calcio presentata dalla Procura, secondo la quale la società sarebbe insolvente. I pm avevano presentato anche una memoria nei giorni scorsi per rispondere ai rilievi della difesa del Palermo.

12:50Mafia: arrestato boss della ‘società’ foggiana

(ANSA) - FOGGI, 16 DIC - La polizia ha arrestato a Foggia il boss della 'società' foggiana, Federico Trisciuoglio di 64 anni e il figlio Giuseppe, di 40, per provvedimenti di carcerazione emessi dalla Procura Generale di Bari. Sconteranno condanne per estorsione aggravata dal metodo mafioso: il padre è a sette anni di reclusione, il figlio a quasi cinque anni. Federico Trisciuoglio ha già subito condanne per associazione mafiosa nell'ambito dei processi storici alla criminalità organizzata foggiana. La condanna per cui è stato ora riportato in carcere si riferisce alla operazione 'piazza pulita' del 2010 su estorsioni a funzionari dell'azienda municipalizzata Amica (raccolta e smaltimento dei rifiuti), che all'epoca era di proprietà del Comune. Gli Trisciuoglio imponevano le assunzioni anche grazie all'intermediazione di politici locali. Gli assunti venivano pagati anche se non lavoravano e quando funzionari dell'Amica tentarono di contestare queste mancanze, furono minacciati di morte da parte di Federico Trisciuoglio.

Archivio Ultima ora