Sequestro contabile del Cav, spunta l’ipotesi del riscatto

Pubblicato il 19 novembre 2012 da redazione

MILANO – Ipotesi riscatto al vaglio degli inquirenti nell’ambito dell’inchiesta sul sequestro lampo del contabile di Silvio Berlusconi, Giuseppe Spinelli, e di sua moglie, a scopo di estorsione nei confronti dell’ex premier. La Squadra Mobile di Milano, in collaborazione con la Dia, ha eseguito sei arresti e una serie di perquisizioni in diverse città d’Italia. I sei fermati sono Francesco Leone, un pregiudicato pugliese di 51 anni, specializzato in questo genere di reati; Pierluigi Tranquilli, 34 anni, residente a Roma, pregiudicato, e Alessio Maier, 46 anni, residente a Varese, anch’egli con precedenti. Oltre a loro, ritenuti gli organizzatori e gli ideatori, ci sono 3 albanesi pregiudicati di 33, 28 e 39 anni. Il capo della banda, appassionato del Milan, è stato tradito anche per via di un paio di scarpette rosse con le stringhe nere. Per le indagini è stata determinante, comunque, anche una sua traccia biologica lasciata in casa del ragioniere.
Sono previsti mercoledì prossimo gli interrogatori di garanzia dei sei arrestati. Gli interrogatori davanti al gip si svolgeranno in carcere.
La vicenda ha contorni ancora poco chiari. Sembra che il ‘contabile’ di Berlusconi sia stato tenuto in ostaggio la notte tra il 15 e il 16 ottobre affinché chiedesse all’ex premier di versare 35 milioni in cambio di documenti a lui favorevoli del Lodo Mondadori. Gli inquirenti, che comunque non hanno trovato traccia dei documenti, tra i quali anche una presunta registrazione di un colloquio tra Gianfranco Fini e i giudici del ‘Lodo’, non escludono che possa essere stato pagato un riscatto.
In una telefonata tra due indagati, infatti, si fa riferimento a 8 milioni di euro che i due, intercettati, pianificano di poter portare in Svizzera dopo averli prelevati dalle cassette di sicurezza. Da quanto emerge dall’ordinanza di custodia cautelare, i sequestratori erano pronti a ritirare ieri il denaro, ma l’entrata in scena degli agenti della Questura di Milano, coordinati dalla Dda, ha mandato a monte il piano.
Dal canto suo Spinelli ha riferito ai Pm che, mentre era minacciato dai suoi sequestratori, “dissi a Berlusconi che il filmato con Fini e i magistrati era autentico e che queste persone erano disposte a cederlo in cambio di una grossa somma di denaro”. Facendo riferimento a una “grossa somma di denaro”, il pm “ipotizza che possa trattarsi di una parte del riscatto che potrebbe essere stato pagato in un momento successivo al rilascio degli ostaggi ma non monitorato”. Il gip, tuttavia, invita alla cautela: “una ricostruzione possibile, come è anche possibile che il denaro sia riconducibile ad altri affari illeciti di Francesco Leone, che non è nuovo alla commissione di reati come quello per cui si procede”.
Nel suo racconto agli investigatori Spinelli avrebbe parlato di un foglio di carta ingiallito, in cui ci sarebbe stato scritto Lodo Mondadori, De Benedetti e i nominativi di alcuni magistrati. Il capo della banda avrebbe poi mostrato una chiavetta Usb e un Dvd, ma il ragioniere non sa riferire cosa contenessero. Supporti cartacei e informatici di cui, al momento, non si ha traccia.
Il cassiere del Cavaliere ha detto inoltre:
– Dissi a Berlusconi che i 35 milioni richiesti erano il 6% di 560 milioni di euro (i 560 milioni sono la somma che la corte d’appello di Milano ha fissato come risarcimento da Berlusconi a De Benedetti nella causa sul lodo Mondadori, ndr).
Spinelli ha poi spiegato di essere stato in grado di contattare l’ex premier solo la mattina seguente, e infatti, verso le 9 del 16 ottobre, il ragioniere ha parlato al telefono con il Cavaliere.
– Dall’insistenza e dall’agitazione di Spinelli, sequestrato con la moglie da oramai 11 ore, Berlusconi ha certamente intuito la situazione in cui il ragioniere si trovava – ha chiarito il dirigente della squadra mobile di Milano, Alessandro Giuliano, sottolineando che, sempre secondo quanto riferito dalle vittime, i rapitori sarebbero andati via “dopo aver preso atto che l’offerta dei documenti insieme con la richiesta di denaro erano giunte a destinazione”.
Nei giorni seguenti al sequestro, i rapitori avrebbero telefonato a casa Spinelli in più occasioni, e il 17 sarebbero riusciti a parlare con il ragioniere che era rientrato nella sua abitazione (non è chiaro se solo temporaneamente).
Per il presidente onorario di Cir, Carlo De Benedetti, la vicenda del rapimento “si tratta con ogni evidenza di criminalità, che è materia di cui si deve occupare la giustizia e mi pare che gli inquirenti lo stanno facendo”.
– Ritengo assolutamente ridicola l’ipotesi dell’esistenza di carte che possano ribaltare la sentenza del Lodo Mondadori – ha detto Carlo De Benedetti, presidente onorario di Cir -. Si tratta con ogni evidenza – prosegue – di criminalità, una materia di cui si deve occupare la giustizia e mi pare che gli inquirenti lo stiano facendo.

J.R.

Ultima ora

01:37Pallavolo: 3-0 a Civitanova,Zenit Kazan vince Mondiale club

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - I russi dello Zenit Kazan hanno vinto il Mondiale per club di pallavolo battendo in finale a Cracovia la Lube Civitanova per 3-0 (27-25, 25-22, 25-22). Sfuma quindi il sogno della squadra marchigiana di salire sul tetto del mondo.

01:34Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Risultati della 12/a giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Wixo Piacenza 3-2 (giocata il 16/11) Sir Safety Perugia - Azimut Modena 0-3 Calzedonia Verona - Callipo Vibo V. 3-0 (ieri) Gi Group Monza - Bunge Ravenna 3-1 Kioene Padova - Taiwan Ex. Latina 3-0 Biosi' Indexa Sora - Diatec Trentino 1-3 (giocata il 13/12) Revivre Milano - BCC Castellana Grotte 3-0 - Classifica: Civitanova 31; Perugia e Modena 30; Verona 24; Padova e Ravenna 20; Piacenza e Trentino 19; Milano 18; Monza e Latina 12; Vibo Valentia 9; Castellana 5; Sora 3.

01:14Calcio: Inzaghi, la Lazio ha dimostrato che non molla mai

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Abbiamo dato una bella risposta su un campo difficile, sapevamo che avremmo sofferto. Siamo andati sotto di due gol e per molti sarebbero stati colpi decisivi, invece non ci siamo disuniti e siamo riusciti a pareggiare. Poi abbiamo commesso un errore sul rigore, ma siamo riusciti ancora a pareggiare: penso che non si sia annoiato nessuno". Così il tecnico della Lazio Simone Inzaghi al termine di Atalanta-Lazio. "Non sono due punti persi rispetto alle prime - dice ancora il tecnico -. L'Atalanta è la squadra che mi ha impressionato di più per ritmo e qualità dei giocatori. Infatti è arrivata quarta nella scorsa stagione e prima nel girone in Europa League. Segnare 3 gol qui non è facile, abbiamo dimostrato di non mollare mai e vogliamo restare attaccati al treno delle prime qualsiasi cosa succeda". Un commento sull'espulsione: "Non ho detto una parola - spiega -, ma Irrati mi ha mandato via. Mi dispiace perché non ho mai protestato per tutta la gara, forse Irrati era un po' prevenuto, al ritorno starò attento".

01:04Calcio: Messi rigore parato, ma Barcellona serve il poker

(ANSA) - BARCELLONA, 17 DIC - In attesa di giocare l'attesissimo 'Clasico' di sabato prossimo (ore 13) al Santiago Bernabeu, il Barcellona ne fa quattro al Deportivo La Coruna nel posticipo serale della Liga. Luis Suarez e Paulinho, con una doppietta a testa, sono i protagonisti del 4-0 finale, ma di questa partita rimane anche l'immagine di Lionel Messi che si è fatto parare un rigore da Ruben Martinez, portiere della squadra galiziana. Con i tre punti di questa sera il Barcellona è primo in classifica con 6 punti di vantaggio sull'Atletico Madrid, che ha scavalcato il Valencia (sconfitto dall'Eibar) e ora è secondo. Il Real Madrid, impegnato ieri nella finale del Mondiale per club contro il Gremio, ha undici punti di ritardo dagli arcirivali.

00:55Calcio: Gasperini, da questa sfida Atalanta esce più forte

(ANSA) - BERGAMO, 17 DIC - "Sono comunque soddisfatto, la Lazio ha delle risorse importanti. Non siamo riusciti a chiuderla in molti momenti, ma abbiamo fatto una partita importante e usciamo più forti da questa sfida. Abbiamo giocato nel modo in cui mi piace". L'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini è soddisfatto del pareggio della sua squadra nonostante si sia fatta raggiungere per due volte dalla Lazio. "Abbiamo avuto delle difficoltà solo nel finale del primo tempo - dice ancora Gasperini -, poi il loro primo gol ha dato grande fiducia alla Lazio che ha dei giocatori molto abili e veloci. A fine gara c'era molta delusione nello spogliatoio perché se avessimo vinto avremmo fatto un bel salto in classifica. Ma questo campionato è molto equilibrato, abbiamo affrontato una squadra molto forte e abbiamo capito che possiamo fare bene, e mi sento più forte dopo questa gara. Preoccupato per l'astinenza da gol di Gomez e Petagna? No perché abbiamo fatto tre gol e abbiamo avuto moltissime occasioni. Peccato non aver chiuso la gara".

00:54Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A di basket: Grissin Bon Reggio Emilia - Openjobmetis Varese 76-66 (ieri) Betaland Capo d'Orlando - Happy Casa Brindisi 67-66 (ieri) Banco di Sardegna Sassari - The Flexx Pistoia 88-81 (ieri) Segafredo Virtus Bologna - Fiat Torino 84-76 EA7 Emporio Armani Milano - Red October Cantù 93-77 Dolomiti Energia Trentino - Vanoli Cremona 90-79 VL Pesaro - Sidigas Avellino 78-83 Germani Brescia - Umana Reyer Venezia 90-71 - Classifica: Brescia 20; Avellino e Milano 16; Venezia, Torino e Sassari 14; Cantù, Capo d'Orlando, Trentino e Bologna 10; Reggio Emilia, Varese, Cremona e Pistoia 8; Pesaro 6; Brindisi 4.

00:36Calcio: Atalanta-Lazio 3-3

(ANSA) - BERGAMO, 17 dic - Posticipo spettacolare quello fra Atalanta e Lazio. Il match finisce 3-3, con i bergamaschi avanti di due gol già al 26' con Caldara e Ilicic (bellissima rete). Poi però i padroni di casa si fanno raggiungere dai biancocelesti, trascinati da Luis Alberto e Milinkovic Savic, quest'ultimo autore della doppietta per il 2-2 (berisha non sembra impeccabile). Nella ripresa Ilicic riporta avanti la Dea trasformando un rigore concesso per fallo di Bastos su Gomez. L'arbitro Irrati annulla con l'ausilio del Var un gol a Caldara, poi la Lazio pareggia ancora con una rete di Luis Alberto, oggi il suo uomo migliore.

Archivio Ultima ora