Alonso obbligato a fare ‘13’: “Io nulla da perdere”

Pubblicato il 22 novembre 2012 da redazione

ROMA  – Sarà l’ultima gara, la definitiva, la più importante. Lui, sulla pista brasiliana, non ha nulla da perdere. E così, la strategia della tensione la tiene a distanza. Insomma, l’ora del verdetto finale sta per scoccare. Fernando Alonso ne è cosciente così come lo è  che, sebbene in misura minore rispetto al rivale Sebastian Vettel, qualche chance di vincere il mondiale ancora ce l’ha: deve fare ’13’, il totale dei punti che lo distaccano dal tedesco della Red Bull, confidando anche in un po’ di fortuna che la cabala attribuisce a quel numero.

– Ora non dipende da noi, l’unica cosa che può succedere è vincere qualcosa – sorride lo spagnolo della Ferrari -: io non ho nulla da perdere, se vince Sebastian ci riproviamo il prossimo anno.

Insomma alla vigilia del Gp decisivo della stagione, il ferrarista invita alla normalita.

– Mi comporterò come fosse un fine settimana qualunque, cercando di conquistare più punti possibile – ha detto, sottolineando che pensa a fare bene la sua gara, con l’obiettivo di chiudere tra i primi tre e magari vedere Vettel arretrato -. Sarebbe bello finire sul podio con un punteggio minimo di 15 punti e poi, una volta tagliato il traguardo, vedere dov’é Sebastian e cercare di fare i calcoli – ha spiegato lo spagnolo -. Conquistare più di 13 punti è la nostra priorità. Quello che farà la Red Bull non è nelle nostre facoltà. Noi non abbiamo molto da perdere – ha ripetuto – Possiamo solo vincere e cercare di fare del nostro meglio.

Sulla penalità relativa al cambio che il team ha optato per Massa ad Austin, Alonso ha difeso la scelta presa.

– Abbiamo visto molte squadre, quest’anno e in passato, fare determinate cose per ottenere un vantaggio strategico, sfruttando i limiti del regolamento – ha tagliato corto – Quella di portare entrambe le vetture sul lato pulito della pista è stata una decisione strategica, dato che c’era in palio anche il titolo costruttori. Ha funzionato abbastanza bene e, anche se qualche persona ha storto il naso, io sono sempre orgoglioso della mia squadra, perché dice sempre la verità su ciò che fa.

Il Brasile come Abu Dhabi 2010. Certo, il paragone con il finale di due anni fa viene spontaneo. Allora era Alonso in vantaggio, ma fu Vettel a vincere il mondiale.

– La situazione ora è un po’  diversa – ha commentato il pilota spaggnolo –  abbiamo a disposizione DRS e KERS, che rendono il sorpasso più facile e, anche partendo dietro in griglia, si possono guadagnare posizioni – ha spiegato – può succedere di tutto fino alla bandiera a scacchi. Noi cercheremo di fare del nostro meglio e salire sul podio. Se vinceremo saremo molto felici, ma sappiamo che abbiamo bisogno di qualche strana combinazione di risultati. Se non vinceremo, ci congratuleremo con Vettel. Se la gara avverrà in circostanze normali finirà nel secondo modo, perché sarà molto difficile recuperare 13 punti. Se succede qualcosa, invece, forse possiamo vincere il campionato. Ma, dato che non tutto dipende da noi, la pressione é decisamente inferiore.

Il sipario sta per calare e già si pensa alla prossima stagione.

– Da quando è scesa in pista a Jerez, non siamo rimasti soddisfatti della vettura, ma siamo riusciti a migliorarla abbastanza tanto da lottare per il titolo, quindi ci saranno molti cambiamenti per il prossimo anno – ha assicurato -. Rispetto alle altre squadre, dovremo lavorare di più durante l’inverno per colmare il divario.

Scaccia la tensione anche Vettel, infastidito dal fatto che se vince lui è tutto merito della macchina.

– Per quello che so nessuno ha mai vinto con un’auto pessima – ha detto il tedesco – Nello sport può succedere di tutto, e noi restiamo concentrati: qui siamo sempre stati veloci, speriamo anche domenica e di portare a casa il massimo risultato.

Il rush finale è partito

A.di T.

Ultima ora

21:15‘Boicotta Espresso’, ma blitz Forza Nuova fallisce a Torino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - Avevano in programma un'azione dimostrativa sotto la redazione torinese del quotidiano La Repubblica, simile a quella effettuata a Roma lo scorso 6 dicembre, i militanti di Forza Nuova che ieri sono stati fermati dalla polizia a Torino. Gli investigatori della Digos hanno intercettato il corteo, non autorizzato, prima che arrivasse in via Lugaro, sede del giornale, e i manifestanti si sono allontanati. Secondo quanto appreso, l'intenzione di Forza Nuova era quella di appendere uno striscione con la scritta 'Boicotta il Gruppo Espresso'. (ANSA).

21:12Calcio: 3-2 alla Sampdoria, Fiorentina ai quarti

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - La Fiorentina ha battuto 3-2 la Sampdoria negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti affronterà la vincitrice di Lazio-Cittadella, in programma domani sera allo stadio Olimpico di Roma. Viola in vantaggio già al 2' grazie a Babacar. Il pareggio ligure lo firma Barreto a cinque minuti dall'intervallo. Nella ripresa l'arbitro Rosario Abisso, di Palermo, diventa protagonista fischiando tre rigori, due con l'ausilio della Var. Il primo lo trasforma Veretout, il secondo - quello del 2-2 - è opera di Ramirez al 32'. Al 90' ancora Veretout sul dischetto. Il francese non sbaglia battendo Puggioni con grande freddezza. Per la Samp anche un clamoroso palo colpito da Caprari su punizione.

21:10Calcio: Baldissoni “Roma patrimonio collettività,è una fede”

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "La storia della Roma ha un inizio, ma è senza fine. Questa squadra è patrimonio di una collettività e racchiude il capitale emotivo di una comunità. Parliamo di una storia che si aggiorna quotidianamente, perché le emozioni non muoiono mai. La Roma è una fede, una famiglia, è parte di tutti noi e lo sarà per sempre". Così il dg della Roma, Mauro Baldissoni, nel corso della presentazione del libro 'Dimmi cos'è', pubblicato per celebrare i 90 anni del club giallorosso. Il volume, a cura di Tonino Cagnucci e Luca Pelosi (casa editrice Skira), ripercorre la storia della Roma con illustrazioni, disegni d'autore, fotografie inedite. "Da quando è arrivata la nuova proprietà è stato creato un dipartimento dedicato all'archivio storico. Abbiamo fatto un lavoro incessante negli anni, recuperato e organizzato centinaia di migliaia di documenti, foto e oggetti - sottolinea Baldissoni -. Questo grande sforzo di raccolta è stato ora messo su carta, è fruibile da tutti e ne siamo estremamente orgogliosi".

21:09Uccise ladro: condannato a nove anni e quattro mesi

(ANSA) - BRESCIA, 13 DIC - La Corte d'Assise di Brescia ha condannato a 9 anni e 4 mesi per omicidio volontario Mirco Franzoni, il 33enne che la sera del 14 dicembre 2013 a Serle, nel Bresciano, uccise in strada con un colpo di fucile ravvicinato il ladro di origine albanese Eduard Ndoj, che era entrato nell'abitazione del fratello. Il pm aveva chiesto 16 anni, sempre per omicidio volontario.

20:59Nuoto: Europei 25 metri, Scozzoli vince l’oro nei 50 rana

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Due medaglie per l'Italia nella prima giornata di gare dei campionati europei di nuoto in vasca da 25 metri, in corso a Copenaghen. L'azzurro Fabio Scozzoli ha chiuso al primo posto la gara dei 50 rana con il tempo di 25"62, nuovo record europeo, che sottrae dieci centesimi al limite che lui stesso aveva stabilito nel 2013 in coppa del mondo a Berlino. Ha preceduto il russo Kirili Progoda, medaglia d'argento, e il britannico Adam Peaty, bronzo. La seconda medaglia è d'argento, conquistata dagli staffettisti della 4x50 stile libero. Luca Dotto, Lorenzo Zazzeri, Alessandro Miressi e Marco Orsi hanno chiuso in 1'23''67, dietro ai russi che si impongono in 1'23''23.

20:48Brasile: stampa, Temer in ospedale per serie esami urologici

(ANSA) - SAN PAOLO, 13 DIC - Il presidente del Brasile, Michel Temer, si sottoporrà oggi a una serie di esami urologici presso l'ospedale Sirio-libanese di San Paolo: lo rende noto la stampa locale. Il ricovero - precisano i media - era previsto per venerdì, ma sarebbe stato anticipato ad oggi su consiglio del medico curante del capo di Stato, il cardiologo Roberto Kalil Filho. Temer, che ha 77 anni, a fine ottobre aveva già subito un intervento chirurgico alla prostata.

20:42Biotestamento: ok art.3 sulle Dat con 158 sì, 62 no

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Passa nell'Aula del Senato l'articolo 3 del disegno di legge sul biotestamento. Un altro punto nodale del testo che riguarda le Dat, cioè le "disposizioni anticipate di trattamento". La norma passa con 158 sì, 62 no e 10 astenuti.

Archivio Ultima ora