Bersani sfida Berlusconi: “Non vedo l’ora di affrontarlo”

Pubblicato il 04 dicembre 2012 da redazione

TRIPOLI – Lontana anni luce dalle primarie. La Libia post Gheddafi e la sua rivoluzione, ancora incompiuta, ha tanti, tantissimi problemi. Il trionfo del segretario del pd ‘e solo un eco lontano. Ma poco importa. Pier Luigi Bersani, in tutti gli incontri a Tripoli scelta come prima tappa dopo la vittoria, non rinucnia a raccontare ‘’la grande giornata di democrazia’’; quella dei 3 milioni di cittadini che lo hanno investito premier del centrosinistra. Una candidatura espressione della volontá democratica di una grossa fetta del Paese. Da qui, la forza al vincitore che non teme competitors vecchi e nuovi.
– Non vedo l’ora di sfidare Berlusconi – sostiene il segretario Pd, che con si suoi sta analizzando linea su linea come superare i limiti del Porcellum nel caso in cui – come effettivamente pare – la riforma elettorale saltasse:
– Se facciamo il listone Pd-Sel, abbiamo già gli elenchi degli elettori che possono scegliere i propri rappresentanti con le primarie dei parlamentari.
Il giorno dopo la vittoria, Bersani prende il primo volo a Tripoli ad esprimere l’amicizia del Pd ‘’alla nuova Libia’’. Ma anche a rivendicare ‘’il ruolo centrale che l’Italia deve tornare ad avere nel Mediterraneo’’.
Dopo aver incontrato il presidente del congresso Mohamed Mgarief ed i leader dei due principali partiti, il segretario Pd racconta ad una delegazione delle 33 donne elette nel Parlamento nato dopo la rivoluzione, come ‘’non esistono ricette per la democrazia che è un campo in costruzione, ma certo il ruolo delle donne è una discriminante fondamentale’’.
Bersani sostiene che la democrazia è un cantiere aperto e, riferendosi al suo partito, sottolinea che ‘’un filino’’ di primavera italiana c’è stata anche nelle primarie.
– Per anni siano stati abituati all’imperatore e all’uomo solo al comando -afferma.
Il neo candidato premier del centrosinistra ha le idee assai chiare e le spone senza mezzi termini a chi lo ascolta. Sogna con una campagna elettorale in cui tutto il Pd, ‘’senza monopoli o duopoli’’, ‘’discutendo insieme ma anche decidendo’’, e soprattutto coinvolgendo gli elettori, ‘’torna a servire il paese’’. Anche se non vede l’ora di sfidare il Cavaliere, il segretario del Pd mette al primo posto delle priorità post primarie ‘’il dossier della riforma elettorale’’ così come confessa che al primo posto tra i politici che vuole incontrare nuovamente in Italia è il premier Mario Monti. Bersani assicura che il Pd sosterrà il governo tecnico fino alla fine ma teme che il Pdl, gridando all’election day, punti a staccare la spina in anticipo.
– Ho sempre pensato che – afferma il leader Pd – sia sensato tenere separate regionali e politiche. Alfano e Berlusconi dicano perchè e come intendono realizzare l’election day.
Capire quando si voterà – l’ultima ipotesi della giornata è votare nel Lazio a febbraio e fare le elezioni politiche con Lombardia e Molise a marzo – è la variabile, insieme a come si andrà a votare, da cui discende lo schema di gioco del centrosinistra.
Le trattative sulla riforma elettorale sono saltate un’altra volta e Bersani ha perso la pazienza.
– Il Pdl ci faccia sapere che cosa pensa precisamente perchè non capiamo più, siamo alla ventesima proposta – afferma con preoccupazione. Se resterà il Porcellum – e tutto indica che sarà così -, il segretario Pd ha già pronto l’antidoto all’antipolitica scatenata dal parlamento dei nominati.
– Le primarie per i parlamentari – sostiene – si fanno, vedremo come coinvolgendo i territori ma le tecnicalità si risolvono
Ragionando con i giornalisti al termine della breve trasferta in Libia, Bersani spiega che, andando al voto con un listone del centrosinistra, si potrebbero chiamare ai gazebo a scegliere i parlamentari gli stessi votanti delle primarie, ormai riuniti nell’albo degli elettori. Il candidato premier non ha titubanze sulle primarie per i parlamentari, ‘’salvaguardando- precisa- una quota del 20-30 per cento per candidati tecnici sconosciuti tra la gente’’ e immaginando, al fianco del listone 2-3 liste aggiuntive, dai Moderati di Giacomo Portas al movimento dei sindaci e della società civile.
Nel partito non c’è nessuna certezza. Ormai tutti, da Franceschini alla Bindi, sono consapevoli che una forma di consultazione ci vuole, salvo che precipitasse tutto e si andasse a votare a febbraio. Ma a vincere le elezioni Bersani ci punta davvero al punto che nei suoi incontri in Libia assicura che ‘’un possibile nuovo governo possa avere una disponibilità ulteriore e più forte verso la Libia’’.
L.C.

Ultima ora

17:25Calcio: De Magistris, il Napoli va sempre sostenuto

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non mi inserisco in polemiche che non condivido ed esprimo massimo sostegno e vicinanza alla squadra. Sullo stadio noi facciamo fatti e stiamo realizzando un lavoro che sarà portato a compimento nella sua interezza prima delle Universiadi". Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha così risposto ai cronisti che gli hanno chiesto di commentare le dichiarazioni del presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, il quale in una intervista a Il Mattino ha detto di non aspettare più de Magistris sulla questione stadio. Rispetto al momento che vive la squadra, il sindaco ha affermato: "Va sostenuta da tutti nei momenti belli e in quelli difficili. Siamo fra i primi in campionato e abbiamo grandi prospettive".

17:19Berlusconi, da Salvini puntiglio che sarà superato

(ANSA) - BRUXELLES, 14 DIC - "Non è una cosa che non fa trovare un accordo con la Lega e con Fratelli d'Italia, è un puntiglio che sarà presto superato". Lo ha detto Silvio Berlusconi, rispondendo alle critiche arrivate da Matteo Salvini sull'iter della legge Molteni, all'uscita dalla riunione del Ppe.

17:18Cadavere donna vegliato in casa da figlio per una settimana

(ANSA) - GENOVA, 14 DIC - Il cadavere di una anziana donna di 78 anni è stata vegliata per almeno una settimana dal figlio, malato psichiatrico, di 47 anni. Il corpo è stato trovato oggi dai medici del 118 e dai carabinieri in un'abitazione di Borgoratti, quartiere popolare di Genova. I militari non escludono alcuna ipotesi: il cadavere presenta segni sul collo compatibili con uno strozzamento anche se il medico legale Marco Salvi, intervenuto per il primo sopralluogo, avrebbe accertato la presenza di altri segni che potrebbero far pensare che la donna si possa essere ferita in seguito a una caduta. Il magistrato titolare delle indagini ha disposto l'autopsia per accertare le cause del decesso. Sul posto gli investigatori del nucleo operativo e gli esperti della sezione rilievi.

17:11Calcio: Schick ci crede, la Roma è da scudetto

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Sono venuto qui perché credo nella strada che ha intrapreso la Roma. Siamo sempre in una posizione di classifica che ci permette di pensare allo scudetto. Possiamo vincerlo già quest'anno". Nonostante i due pareggi consecutivi in trasferta con Genoa e Chievo, Patrik Schick è convinto che la i giallorossi possano puntare al titolo. Il giocatore ceco, intervistato da Sky Sport24, spera di poter dare il proprio contributo: "Sono un attaccate e penso fare gol, quando gioco voglio segnare, questo è il mio obiettivo - sottolinea -. Essere il giocatore più pagato nella storia della Roma non mi pesa, anzi è al 100% una grande motivazione per me, farò tutto il possibile per non deludere nessuno". Schick rivela poi di aver legato in particolar modo con Dzeko nello spogliatoio di Trigoria: "Edin parla molto bene la mia lingua. E penso che anche il feeling in campo vada bene. Potenzialmente forse possiamo formare la coppia di attaccanti più forte della Serie A, ma poi dobbiamo confermarlo sul campo".

17:07Droga: Gdf scopre 26 chili di cocaina a Vipiteno

(ANSA) - BOLZANO, 14 DIC - La Guardia di finanza ha bloccato alla barriera dell'autostrada del Brennero a Vipiteno un cittadino italiano di 43 anni, che stava portando in Italia 26 chili di cocaina. La Citroen Ds5, con targa tedesca, condotta dall'uomo, accompagnato da familiari, non si era fermata all'alt e i finanzieri l'hanno inseguita fino a raggiungerla nei pressi dell'area di servizio Trens Ovest. Il conducente mostrava evidenti segni di nervosismo, che facevano ritenere opportuni alcuni approfondimenti, anche con l'ausilio del cane Escort dell'unità cinofila antidroga della Guardia di Finanza di Bolzano. Infine, in un'officina meccanica, nascosti all'interno dei longheroni dell'autovettura, sono stati trovati 22 panetti per complessivamente 26 chili di cocaina, che sul mercato avrebbero potuto fruttare oltre un milione di euro. Il cittadino italiano è stato tratto in arresto.

17:03Donna incinta avvelenata: condanna a tre anni e sei mesi

(ANSA) - BOLOGNA, 14 DIC - Tre anni e sei mesi per lesioni aggravate da premeditazione e uso di sostanza corrosiva. E' questa la pena a cui il Tribunale di Bologna ha condannato il 36enne dipendente pubblico che nel giugno del 2016 aveva avvelenato a Valsamoggia (Bologna) la compagna incinta alla 30/a settimana diluendo in una Coca Cola un detersivo per lavastoviglie. L'uomo è stato invece assolto da tentato procurato aborto perché il fatto non sussiste. "Siamo soddisfatti per l'assoluzione per il reato di tentato procurato aborto in accoglimento delle tesi difensive da sempre propugnate - hanno commentato gli avvocati Patrizio Orlandi e Simone Zambelli - Attendiamo le motivazioni della sentenza per le valutazioni circa l'impugnazione. Ora confidiamo che su questa triste vicenda cali al più presto l'oblio nell'interesse di tutti i soggetti coinvolti". La donna dopo l'avvelenamento partorì. (ANSA).

17:00Basket: Pianigiani, Panathinaikos come scalare una montagna

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - Il Panathinaikos (7-4) è quarto in classifica e Oaka assomiglia ad una fortezza inespugnabile (i greci non ci perdono da oltre un anno in Eurolega); l'Ax Milano (3-8) è invece nel gruppo delle ultime ed è reduce da tre sconfitte consecutive in Coppa e dalla batosta di Torino in campionato. "Giocare contro un'altra big - spiega coach Pianigiani - e in un momento difficile, a causa delle sconfitte e della perdita di fiducia, significa dover scalare un'altra montagna. Il Panathinaikos gioca in un ambiente particolare, hanno grande taglia fisica e atletismo e la loro difesa tende a stritolarti. Noi dovremo essere mentalmente duri per ritrovare le nostre qualità offensive". L'Olimpia ad Atene sarà senza Young e Goudelock ma conta di recuperare Gudaitis (problema al ginocchio) e Cusin (botta all'occhio). Novità infine dal mercato: torna a casa Lorenzo Bartoli, tesserato da Milano per raggiungere il numero minimo di 5 italiani da schierare in campionato dopo i prestiti di Fontecchio a Cremona e La Torre a Udine.

Archivio Ultima ora