Monitoraggio socio-sanitario, solo 17 Comites su 112 hanno risposto

ROMA – Su 112 Comites cui è stata inviata informazione sul monitoraggio socio-sanitario avviato dal Cgie, hanno risposto solo in 17. E tra questi non c’è il Venezuela. Un dato sconfortante quello reso noto da Roberto Volpini, neo segretario generale per i consiglieri di nomina governativa, nell’ultimo giorno di assemblea plenaria del Cgie, ieri alla Farnesina.
Volpini ha spiegato che “su 112 Comites, hanno risposto in 17. Cinque ci hanno detto di non aver avviato nulla, dunque, ad oggi, il monitoraggio è “partito” in 12 circoscrizioni”.
C’è, dunque, un problema di comunicazione con i Comitati, ma anche di informazione sulla portata del sondaggio predisposto dal Consiglio generale, che conta molto sui dati che dovrebbero essere alla base del seminario sull’assistenza in programma nel 2013.
Diversi i consiglieri intervenuti per spiegare che l’operazione non è stata bene intesa.
Marina Salvarezza, ad esempio, ha spiegato che “noi in Messico non abbiamo risposto: abbiamo pubblicato il questionario sul bollettino del Comites, ma ci hanno risposto in due. Le persone, quando vedono un questionario di questo tipo, pensano che ci sia un progetto dietro e noi non abbiamo insistito per non creare false speranze su prospettive di accordi sanitari o quant’altro”. In ogni caso, ha concluso, “stiamo preparando un report sul Paese basato sulla nostra conoscenza della situazione sul territorio”.
Anche Giacomo Canepa dal Cile, l’unico Paese col Perù a rispondere al Cgie dall’America Latina – non l’ha ancora fatto nessun Comites di Argentina, Brasile, Venezuela e Uruguay, solo per citare i Paesi con le comunità più numerose – ha riferito che per far passare il questionario hanno dovuto insistere: “le associazioni – ha spiegato – erano perplesse, perché credevano che ci fosse sotto qualcosa”.
Le indicazioni per la Commissione competente emerse sono quindi due: rinviare la comunicazione di Comites, magari inviandola per conoscenza anche ai consoli (Motta) e spiegare meglio di cosa si tratta.

Condividi: