Cgie, Cretti, presidente della Fusie, incontra il nuovo Direttore di Rai World

Pubblicato il 10 dicembre 2012 da redazione

ROMA – Piero Corsini è il nuovo direttore di Rai World, la rete che sostituirà Rai Italia. In attesa della formalizzazione del suo incarico, che avverrà solo il 17 dicembre prossimo con la presentazione del piano industriale, Corsini – cresciuto in Rai con Gianni Minoli a Rai Educational, fino alla nomina responsabile di Rai Storia – ha incontrato informalmente Giangi Cretti, membro della Commissione Informazione del Cgie e presidente della Fusie

– Mi ha parlato delle sue intenzioni, che comunque dovranno fare i conti con le risorse che saranno a sua disposizione – ha spiegato Cretti.

Nessuna cifra da Corsini, che ha però assicurato che avrebbe “abbastanza per realizzare un palinsesto che non sia solo un assemblaggio di trasmissione già fatte, ma anche programmai autoprodotti per Rai Italia”. Sì, perché, “al momento non ci sarà alcun cambiamento nome: come dire che Rai World sarà la struttura “cappello” del canale Rai Italia”.

– Questi progetti, ovviamente, richiedono del tempo – ha detto Cretti -, quindi non ci sarà nessuna novità immediata. In ogni caso l’obiettivo non è avere un target di riferimento, ma produrre programmi che tengano conto di diversi pubblici, sia per età che per continente.

Sull’annosa questione dei fusi orari, Corsini ha confermato che “è solo un problema tecnico” e che quindi proveranno a risolverlo.

– Sono fortemente intenzionati a sottotitolare i programmi, ma quasi sicuramente sarà un servizio a pagamento che verrà attivato a chi lo chiederà.

Tra i programmi del nuovo direttore anche un ulteriore canale.

– Si chiamerà Rai World Premium – ha riferito Cretti – che sarà a pagamento e sarà dedicato alla fiction. Da questo canale saranno esclusi i cartoni animati e tutti i programmi sportivi, per i quali, tra l’altro, non hanno i diritti.

Dunque rimane la questione-oscuramento.

– Il punto – ha detto Cretti, riferendo quanto confermatogli da Corsini – è che i diritti sono impagabili non perché costano troppo, ma perché chi li possiede non li vuole vendere a tutti.

Il nuovo direttore gli ha infine confermato che “prenderà contatto con i rappresentanti degli italiani all’estero per istaurare un rapporto e avere un feedback di quanto fatto, man mano” e che “sono consapevoli delle nuove esigenze legate alle nuove mobilità, che intendono considerare in una programmazione ponderata”.

Rai World, si legge sul sito Rai, “nasce con una missione innovativa di Servizio pubblico, destinato a rafforzare l’immagine dell’Italia nel mondo” e dunque si propone di “sostenere e promuovere, attraverso il bouquet dei canali che distribuisce e produce, la conoscenza del nostro Paese attraverso i suoi avvenimenti, la sua storia, la cultura, l’economia insieme alle tradizioni, i costumi, i grandi appuntamenti e la valorizzazione del grande patrimonio artistico di cui l’Italia dispone”.

La sua proposta editoriale è rivolta “al vasto pubblico dei telespettatori appartenenti alle comunità di connazionali che da molti anni vivono nei diversi Continenti, ai tanti italiani che viaggiano per turismo e lavoro, agli operatori residenti all’estero, agli stessi italiani che guardano con crescente attenzione alle bellezze inesplorate del nostro Paese, e, infine, a quella vasta platea di viaggiatori comunque interessati all’Italia anche se non parlano la nostra lingua”.

Rai World intende operare in tutti i continenti “con particolare riguardo ai Paesi dove è più significativa l’attenzione verso il nostro Paese, dove il “Made in Italy” è sinonimo di qualità, tradizione e ospitalità”.

Amministratore Delegato di Rai World è Claudio Cappon, mentre in Consiglio di Amministrazione siede l’ormai ex direttore di Rai Italia, Daniele Renzoni; con lui Antonio Bettanini, Giovanni Galoppi e Manuela Maffioli.

Ultima ora

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

Archivio Ultima ora