Liberati due connazionali dopo uno scontro a fuoco

Pubblicato il 11 dicembre 2012 da redazione

CARACAS – Un sequestro “multiple”, come é di moda in questi giorni; un intervento “coordinato” di Polibaruta, Polichacao e Polisucre; uno scontro a fuoco durato oltre un quarto d’ora, allo stile Hollywood; un bilancio tragico di un delinquente morto e di due agenti della polizia feriti; e la fuga rocambolesca dei delinquenti a bordo di una volante della polizia. Questo, in sintesi, quanto accaduto all’alba di lunedí scorso. Una storia iniziata nel quartiere Los Naranjos e conclusasi in uno dei vicoli ciechi di Los Palos Grandes. Tra i protagonisti, anche un imprenditore italo-venezolano con la moglie e il suo autista. Dei connazionali non é stato reso noto né il nome né il tipo di attivitá commerciale alla quale si dedicano.
Il sequestro, in Venezuela, é diventata una attivitá molto redditizia. A differenza dei furti, rapine e assalti ai blindati delle banche, il rischio di essere arrestati é assai limitato. La novità, almeno in questo 2012, é l’incremento esponenziale dei “sequestri multipli”. Ovvero, il rapimento di piú di una vittima, nel giro di poche ore, per poi patteggiare il riscatto. Quanto é accaduto la notte del lunedì scorso, appunto, doveva essere uno dei tanti sequestri dei quali, poi, nulla si viene a sapere poichè non denunciati alle autorità di polizia.
Una banda che ha fatto del rapimento il suo “modus vivendi”, l’altra notte, nella via ‘La Cinta de Los Naranjos’, nel quartiere Las Mercedes, nei pressi della Chiesa Guadalupe, intercettava un BMW. Al volante dell’auto vi era Pilar Sever, segretaria dell’ambasciata turca. La signora, fatta scendere dalla sua auto, era obbligata a salire su una Explorer bianca. La sorpresa della donna è stata enorme al rendersi conto che non era l’unica vittima dei malviventi. Sul Suv vi erano già la coppia italo-venezolana con l’autista. Erano stati sequestrati poche ore prima mentre, a bordo di un Audi, ritornavano a casa, nel quartiere Los Naranjos.
Nel frugare nella borsa di Pilar Sever, i malviventi trovavano una tessera che accredita la donna come segretaria dell’ambasciata turca. Per evitare “problemi”, decidevano di abbandonare la vittima nell’Av. Las Acacias, nella via conosciuta con il nome di “calle de los hoteles”. Pilar Sever denunciava inmediatamente l’accaduto e la polizia iniziava subito le indagini.
Polibaruta, Polisucre e Polichacao, con un intervento coordinato, riuscivano a localizzare i malviventi. Questi, infatti, avevano rilasciato la segretaria dell’ambasciata turca ma avevano trattenuto alcuni documenti e l’Iphone. Questo aveva il Gps acceso. La polizia, attraverso il segnale del Gps telefonico, riusciva a rintracciare i delinquenti, in un vicolo cieco tra la 3ª e la 4ª trasversale di Los Palos Grandes. Al momento di essere scoperti, i malviventi stavano portando a termine le trattative per la liberazione della coppia italo-venezolana, si suppone chiedendo un pesante riscatto. Ormai scoperti, alla polizia della prima ‘volante’ uno dei malviventi si identificava come agente in borghese mentre altri due scendevano dal Suv sparando. Comincia va così lo scontro a fuoco che durava più di un quarto d’ora; uno scontro a fuoco con la polizia in gran svantaggio. Infatti, come sempre, mentre gli agenti erano in possesso delle solite pistole Glock, i malviventi avevano fucili Ar15 e Ak44. Nella sparatoria che, come abbiamo già riferito durava più di un quarto d’ora (“un’eternità” commenterà alla stampa una inquilina dell’Edificio Anabella, quello che più ha ricevuto danni), veniva ucciso Josè Riccardo Suárez Peña, presunto capo della banda di malviventi. Suárez Peña era ricercato dalla polizia per omicidio, sequestro, furto e assalto. A lui è attribuito l’assassinio dell’agente della polizia scientifica, Edwing Soto.
Per quindici minuti, gli abitanti di Los Palos Grande, vivevano l’inferno.
– Sembrava di stare nel Far-West – ha riferito una testimone -. Ci siamo rintanati in una stanza, e ci siamo gettati bocca in giù. Mio figlio era appena arrivato a casa. Pochi minuti ancora e si sarebbe trovato nella linea di fuoco.
– Si sparava all’impazzata, che spavento! – ha dichiarato un’altra signora.
Approfittando della confusione, i delinquenti riuscivano a fuggire a bordo di una volante di Polisucre, che è stata ritrovata nell’Av. Solano. Tredici vetture sono state danneggate durante lo scontro a fuoco, in  particolare dall’esplosione di una bomba a mano lanciata dai delinquenti. Sono andati in frantumi anche i vetri di alcune finestre. Fortunatamente i connazionali non sono stati feriti. Insomma, il loro è stato solo un forte spavento.
Nei giorni scorsi era stato liberato un connazionale, di cui non è stato reso noto il nome. Non si sa se la liberazione è avvenuta dopo il pagamento di un lauto riscatto. Lo ha comunicato la nostra Ambasciata al Ministero degli Esteri, a Roma. (Fotografia cortesia El Universal)

A.T.

Ultima ora

15:53F.1: Gp Russia, prima fila Ferrari

(ANSA) - ROMA, 29 APR - Prima fila tutta Ferrari nel Gp di Russia, quarta prova del Mondiale di F1 che si corre domani sul circuito di Sochi. Sebastian Vettel ha preceduto il compagno di squadra Kimi Raikkonen. Seconda fila per le due Mercedes con Valtteri Bottas davanti a Lewis Hamilton. L'ultima pole Ferrari risaliva al Gp di Singapore 2015 mentre una prima fila tutta Rossa non si vedeva dal Gp di Francia 2008. Tornando al gran premio di Sochi, dopo le Ferrari e le Mercedes, quinto tempo per la Red Bull di Daniel Ricciardo che precede la Williams di Felipe Massa. Completano la top ten la Red Bull di Max Verstappen, la Renault di Nico Hulkenberg e le Force India di Sergio Perez ed Esteban Ocon.

15:44Calcio: Pioli, la presenza di Zhang è di stimolo per l’Inter

(ANSA) - ROMA, 29 APR - "La presenza di Zhang Jindong sarà di grande stimolo. Con lui affronteremo tanti temi, ma domenica c'è una gara importante e ci sarà tempo per farlo dopo la partita": lo dice il tecnico dell'Inter Stefano Pioli alla vigilia del match con il Napoli. Con Zhang parlerà del momento attuale dell'Inter, ma probabilmente anche del suo futuro di tecnico. Molti pensano che all'Inter serva un allenatore in grado di far fare il salto di qualità alla squadra. "Quel che si dice su di me conta poco - taglia corto Pioli - Io vado avanti per la mia strada e cerco di migliorare con i giocatori. I conti si faranno alla fine, abbiamo ancora 5 partite. Come sto io? Non si vede che sto bene? Avevo pochi capelli anche prima... Il calcio è così: dà e toglie tanto. Non mi sono mai esaltato nei momenti migliori e non mi deprimo in quelli difficili". Il ritorno di Lele Oriali colmerebbe un vuoto nella gestione della squadra? "Dalla società - risponde Pioli - ho avuto il supporto necessario per sviluppare al meglio le mie mansioni".

15:39Turchia: bloccato l’accesso a Wikipedia

(ANSA) - ISTANBUL, 29 APR - Le autorità turche hanno bloccato l'accesso a Wikipedia, l'enciclopedia on-line in tutte le lingue per contenuti che secondo Ankara presentano il paese come sostenitore del terrore e ne danneggiano l'immagine. L'agenzia ufficiale turca, citando il ministero dei Trasporti e delle Comunicazioni, ha reso noto che oggi il sito è stato bloccato "dopo essere diventato una fonte di informazione che agisce con i gruppi che conducono una campagna nociva contro la Turchia nel contesto internazionale". Turkey Blocks, un gruppo di monitoraggio delle attività online, ha precisato che dalle 8 del mattino di oggi era impossibile accedere al sito. Secondo Anadolu le autorità turche avevano chiesto a Wikipedia di rimuovere dei contenuti sui legami fra la Turchia e alcuni gruppi terroristi, ma il sito non lo ha fatto. La Turchia ha spesso e più volte bloccato l'accesso a Twitter, Facebook e YouTube. Numerosi siti antigovernativi sono inaccessibili agli utenti.

15:24Nuoto: Usa, lo squalificato Lochte in gara con i senior

(ANSA) - ROMA, 29 APR - Ryan Lochte è tornato ieri in piscina, in una gara competitiva, per la prima volta dalla sua squalifica scattata lo scorso settembre in seguito alla vicenda della falsa rapina a Rio de Janeiro, in piena Olimpiade, che lo vide coinvolto insieme ad altri tre nuotatori della Nazionale statunitense. Il 32enne Lochte si è piazzato 2/o nella gara delle 100 yard rana in 53"92 ed ha vinto quella dei 200 misti individuali in 1'44"21 agli Us Masters Swimming Spring Nationals, a Riverside (California). Una maniera, la sua, di riprendere confidenza con le gare in vista della fine della squalifica di 10 mesi, il 30 giugno, dal momento che le competizioni riservate ai senior come quella in questione fanno riferimento ad un diverso organismo di governo. Fra oggi e domani, infatti, Lochte approfitterà per partecipare ad altre 4 gare. Dopo la squalifica, il sei volte campione olimpico ha ripreso ad allenarsi con il coach Dave Salo. Il ritorno alle gare ufficiali dovrebbe avvenire ad agosto agli Us Open di Long Island.

15:17Calcio: Sousa, l’Europa? Faremo i conti alla fine

(ANSA) - ROMA, 29 APR - "Vinciamo ogni partita da qui alla fine e poi faremo i conti". Così Paulo Sousa alla vigilia della trasferta a Palermo, una gara importante per la Fiorentina tornata in corsa per il 6/o posto dopo i risultati dell'ultimo turno di campionato. "Non so chi stia meglio tra noi, l'Inter e il Milan - ha continuato il tecnico viola - Siamo concentrati solo su noi stessi, ben consapevoli di quello che dobbiamo fare: lavorare bene per cercare di vincere sempre e cercare di essere molto concreti". Squalificato Kalinic, toccherà ancora a Babacar guidare l'attacco della squadra. L'attaccante senegalese ha segnato una doppietta nel 5-4 sull'Inter.

15:13Calcio: Borussia, Bartra torna ad allenarsi

(ANSA) - ROMA, 29 APR - A diciassette giorni dall'attentato contro il pullman del Borussia Dortmund, ha ripreso ieri ad allenarsi Marc Bartra, il 26enne difensore spagnolo ferito nell'esplosione e poi operato per la frattura del radio. Lo riporta il quotidiano iberico "Mundo Deportivo", precisando che il ritorno in campo del giocatore potrebbe avvenire sabato prossimo nel match casalingo di campionato contro l'Hoffenheim. I suoi compagni di squadra, intanto, sfidano oggi il Colonia, sempre in casa, per difendere il terzo posto in Bundesliga.

15:07Calcio: Lazio, appello Inzaghi ai tifosi

(ANSA) - ROMA, 29 APR - "Pochi laziali al derby? Quello che si legge mi dispiacerebbe molto, penso che la squadra abbia meritato di avere la propria gente vicina. Spero di essere smentito, mancano ancora 24 ore e spero che al nostro fianco ci sia la curva che c'è stata al derby di ritorno di Coppa Italia: eravamo in trasferta come domani ma non sembrava". E' l'appello lanciato dall'allenatore della Lazio, Simone Inzaghi, commentando la fiacca prevendita di tagliandi riservati ai tifosi biancocelesti a poco meno di 24 ore dal derby contro la Roma.

Archivio Ultima ora