Liberati due connazionali dopo uno scontro a fuoco

Pubblicato il 11 dicembre 2012 da redazione

CARACAS – Un sequestro “multiple”, come é di moda in questi giorni; un intervento “coordinato” di Polibaruta, Polichacao e Polisucre; uno scontro a fuoco durato oltre un quarto d’ora, allo stile Hollywood; un bilancio tragico di un delinquente morto e di due agenti della polizia feriti; e la fuga rocambolesca dei delinquenti a bordo di una volante della polizia. Questo, in sintesi, quanto accaduto all’alba di lunedí scorso. Una storia iniziata nel quartiere Los Naranjos e conclusasi in uno dei vicoli ciechi di Los Palos Grandes. Tra i protagonisti, anche un imprenditore italo-venezolano con la moglie e il suo autista. Dei connazionali non é stato reso noto né il nome né il tipo di attivitá commerciale alla quale si dedicano.
Il sequestro, in Venezuela, é diventata una attivitá molto redditizia. A differenza dei furti, rapine e assalti ai blindati delle banche, il rischio di essere arrestati é assai limitato. La novità, almeno in questo 2012, é l’incremento esponenziale dei “sequestri multipli”. Ovvero, il rapimento di piú di una vittima, nel giro di poche ore, per poi patteggiare il riscatto. Quanto é accaduto la notte del lunedì scorso, appunto, doveva essere uno dei tanti sequestri dei quali, poi, nulla si viene a sapere poichè non denunciati alle autorità di polizia.
Una banda che ha fatto del rapimento il suo “modus vivendi”, l’altra notte, nella via ‘La Cinta de Los Naranjos’, nel quartiere Las Mercedes, nei pressi della Chiesa Guadalupe, intercettava un BMW. Al volante dell’auto vi era Pilar Sever, segretaria dell’ambasciata turca. La signora, fatta scendere dalla sua auto, era obbligata a salire su una Explorer bianca. La sorpresa della donna è stata enorme al rendersi conto che non era l’unica vittima dei malviventi. Sul Suv vi erano già la coppia italo-venezolana con l’autista. Erano stati sequestrati poche ore prima mentre, a bordo di un Audi, ritornavano a casa, nel quartiere Los Naranjos.
Nel frugare nella borsa di Pilar Sever, i malviventi trovavano una tessera che accredita la donna come segretaria dell’ambasciata turca. Per evitare “problemi”, decidevano di abbandonare la vittima nell’Av. Las Acacias, nella via conosciuta con il nome di “calle de los hoteles”. Pilar Sever denunciava inmediatamente l’accaduto e la polizia iniziava subito le indagini.
Polibaruta, Polisucre e Polichacao, con un intervento coordinato, riuscivano a localizzare i malviventi. Questi, infatti, avevano rilasciato la segretaria dell’ambasciata turca ma avevano trattenuto alcuni documenti e l’Iphone. Questo aveva il Gps acceso. La polizia, attraverso il segnale del Gps telefonico, riusciva a rintracciare i delinquenti, in un vicolo cieco tra la 3ª e la 4ª trasversale di Los Palos Grandes. Al momento di essere scoperti, i malviventi stavano portando a termine le trattative per la liberazione della coppia italo-venezolana, si suppone chiedendo un pesante riscatto. Ormai scoperti, alla polizia della prima ‘volante’ uno dei malviventi si identificava come agente in borghese mentre altri due scendevano dal Suv sparando. Comincia va così lo scontro a fuoco che durava più di un quarto d’ora; uno scontro a fuoco con la polizia in gran svantaggio. Infatti, come sempre, mentre gli agenti erano in possesso delle solite pistole Glock, i malviventi avevano fucili Ar15 e Ak44. Nella sparatoria che, come abbiamo già riferito durava più di un quarto d’ora (“un’eternità” commenterà alla stampa una inquilina dell’Edificio Anabella, quello che più ha ricevuto danni), veniva ucciso Josè Riccardo Suárez Peña, presunto capo della banda di malviventi. Suárez Peña era ricercato dalla polizia per omicidio, sequestro, furto e assalto. A lui è attribuito l’assassinio dell’agente della polizia scientifica, Edwing Soto.
Per quindici minuti, gli abitanti di Los Palos Grande, vivevano l’inferno.
– Sembrava di stare nel Far-West – ha riferito una testimone -. Ci siamo rintanati in una stanza, e ci siamo gettati bocca in giù. Mio figlio era appena arrivato a casa. Pochi minuti ancora e si sarebbe trovato nella linea di fuoco.
– Si sparava all’impazzata, che spavento! – ha dichiarato un’altra signora.
Approfittando della confusione, i delinquenti riuscivano a fuggire a bordo di una volante di Polisucre, che è stata ritrovata nell’Av. Solano. Tredici vetture sono state danneggate durante lo scontro a fuoco, in  particolare dall’esplosione di una bomba a mano lanciata dai delinquenti. Sono andati in frantumi anche i vetri di alcune finestre. Fortunatamente i connazionali non sono stati feriti. Insomma, il loro è stato solo un forte spavento.
Nei giorni scorsi era stato liberato un connazionale, di cui non è stato reso noto il nome. Non si sa se la liberazione è avvenuta dopo il pagamento di un lauto riscatto. Lo ha comunicato la nostra Ambasciata al Ministero degli Esteri, a Roma. (Fotografia cortesia El Universal)

A.T.

Ultima ora

08:47Cina: frana, 141 persone sepolte vive

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Sono 141 le persone rimaste sepolte vive dalla frana che ha travolto oltre 40 case nella provincia di Sichuan, nel sud-ovest della Cina. Lo riporta la Cctv. Intanto due persone sono state tratte in salvo dai soccorritori, mentre è stato recuperato il cadavere di una terza. Una coppia con un bambino di appena un mese è riuscita a scappare proprio mentre la frana stava avanzando contro la propria casa.

07:19Cina: frana investe 40 case, 100 persone travolte

PECHINO - Un centinaio di persone potrebbero essere rimaste sepolte in una frana che investito 40 case nel sud-ovest della Cina. Lo riferisce il governo della citta'-contea di Mao, nella provincia di Sichuan, precisando che la frana e' caduta dalla montagna nel villaggio di Xinmo intorno alle 6 del mattino ora locale. Un responsabile dei soccorsi ha detto alla televisione statale CCTV che dalla montagna e' franata una quantita' di terra e rocce stimata in 3 milioni di metri cubi. Lo smottamento ha anche bloccato un tratto di 2 chilometri di un fiume.

04:34Ivanka Trump dovra’ deporre in causa marchio italiano scarpe

NEW YORK - Ivanka Trump dovra' testimoniare nella causa che l'azienda calzaturiera fiorentina Aquazzurra ha fatto alla Marc Fisher Holdings, la societa' che produce per Ivanka una lussuosa e costosissima linea di scarpe. Lo ha stabilito il giudice federale di New York Katherine Forrest, precisando che la figlia del presidente dovra' rispondere a delle domande in una deposizione che non durera' piu' di due ore e si terra' a Washington, se questa e' la preferenza di Ivanka. La causa era stata avviata da Aquazzurra esattamente un anno fa, il 24 giugno 2016. L'azienda italiana sostiene che il modello ''Hettie'' prodotto dal marchio della figlia di Donald Trump e' una copia del suo ''Wild Thing'', e aggiunge che quasi ogni dettaglio della sua calzatura e' stato plagiato.

04:30Affondo del Nyt, pubblica ‘tutte le bugie di Trump’

NEW YORK - 'The liar in chief', un bugiardo al comando. Il New York Times ha catalogato in maniera dettagliata tutte le ''palesi bugie'' che Donald Trump ha detto dal giorno del suo giuramento ed insediamento alla Casa Bianca: una al giorno - si sottolinea - nei primi 40 giorni. Non scordando come l'ascesa politica del tycoon e' stata costruita proprio su una bugia: Barack Obama non e' nato in America. Quella di Trump viene definita una situazione ''senza precedenti per un presidente degli Stati Uniti''. Perche' se tutti i presidente hanno sempre cercato di nascondere qualche verita' - scrive il Nyt - ''nessun altro presidente ha cercato di creare un'atmosfera nella quale la verita' diventa irrilevante''.

04:17Incendio Londra: procede sgombero Camden, rabbia e paura

LONDRA - Sta procedendo lo sgombero dalle cinque torri di Camden, nel nord di Londra, dopo la decisione del consiglio comunale di evacuare i residenti per evitare pericoli legati alla presenza di rivestimenti a rischio incendio dopo la tragedia della Grenfell Tower. Tra le persone che stanno lasciando gli 800 appartamenti prevalgono la rabbia e la paura. Michelle Urquhart ha detto di essere arrabbiata perché fino a giovedì sembrava che la situazione potesse essere gestita senza ricorrere all'evacuazione. Invece ieri la decisione di liberare le torri e di ospitare i residenti in alloggi temporanei.

01:07Arabia Saudita: ‘Sventato attentato a Grande Moschea Mecca’

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Le autorità saudite hanno annunciato venerdì di aver sventato un'"azione terroristica imminente" che aveva come obiettivo la Grande Moschea della Mecca. Lo riferisce al Jazira. In un comunicato del ministro dell'interno si afferma che un uomo che progettava di attaccare la moschea si è fatto esplodere quando le forze di sicurezza hanno circondato la casa alla Mecca dove si era nascosto. Almeno 11 persone, tra cui cinque agenti di polizia, sono rimasti feriti nel crollo dell'edificio a tre piani dove l'uomo si era barricato.

00:14Calcio: all’Inter la Supercoppa Under 17

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Dopo il successo tricolore del Milan fra gli Under 16, festeggia anche la sponda della città interista con la vittoria della Supercoppa Under 17: a Cesenatico, infatti, i nerazzurri si sono imposti per 3-0 sul Como. Reti nel primo tempo di Vergani e nella ripresa di Demirovich (doppietta). Anche su questo campo, prima della partita, è stato osservato un minuto di silenzio in omaggio al vicepresidente del Settore giovanile e scolastico della Figc Fabio Bresci, scomparso due giorni fa.

Archivio Ultima ora