Liberati due connazionali dopo uno scontro a fuoco

Pubblicato il 11 dicembre 2012 da redazione

CARACAS – Un sequestro “multiple”, come é di moda in questi giorni; un intervento “coordinato” di Polibaruta, Polichacao e Polisucre; uno scontro a fuoco durato oltre un quarto d’ora, allo stile Hollywood; un bilancio tragico di un delinquente morto e di due agenti della polizia feriti; e la fuga rocambolesca dei delinquenti a bordo di una volante della polizia. Questo, in sintesi, quanto accaduto all’alba di lunedí scorso. Una storia iniziata nel quartiere Los Naranjos e conclusasi in uno dei vicoli ciechi di Los Palos Grandes. Tra i protagonisti, anche un imprenditore italo-venezolano con la moglie e il suo autista. Dei connazionali non é stato reso noto né il nome né il tipo di attivitá commerciale alla quale si dedicano.
Il sequestro, in Venezuela, é diventata una attivitá molto redditizia. A differenza dei furti, rapine e assalti ai blindati delle banche, il rischio di essere arrestati é assai limitato. La novità, almeno in questo 2012, é l’incremento esponenziale dei “sequestri multipli”. Ovvero, il rapimento di piú di una vittima, nel giro di poche ore, per poi patteggiare il riscatto. Quanto é accaduto la notte del lunedì scorso, appunto, doveva essere uno dei tanti sequestri dei quali, poi, nulla si viene a sapere poichè non denunciati alle autorità di polizia.
Una banda che ha fatto del rapimento il suo “modus vivendi”, l’altra notte, nella via ‘La Cinta de Los Naranjos’, nel quartiere Las Mercedes, nei pressi della Chiesa Guadalupe, intercettava un BMW. Al volante dell’auto vi era Pilar Sever, segretaria dell’ambasciata turca. La signora, fatta scendere dalla sua auto, era obbligata a salire su una Explorer bianca. La sorpresa della donna è stata enorme al rendersi conto che non era l’unica vittima dei malviventi. Sul Suv vi erano già la coppia italo-venezolana con l’autista. Erano stati sequestrati poche ore prima mentre, a bordo di un Audi, ritornavano a casa, nel quartiere Los Naranjos.
Nel frugare nella borsa di Pilar Sever, i malviventi trovavano una tessera che accredita la donna come segretaria dell’ambasciata turca. Per evitare “problemi”, decidevano di abbandonare la vittima nell’Av. Las Acacias, nella via conosciuta con il nome di “calle de los hoteles”. Pilar Sever denunciava inmediatamente l’accaduto e la polizia iniziava subito le indagini.
Polibaruta, Polisucre e Polichacao, con un intervento coordinato, riuscivano a localizzare i malviventi. Questi, infatti, avevano rilasciato la segretaria dell’ambasciata turca ma avevano trattenuto alcuni documenti e l’Iphone. Questo aveva il Gps acceso. La polizia, attraverso il segnale del Gps telefonico, riusciva a rintracciare i delinquenti, in un vicolo cieco tra la 3ª e la 4ª trasversale di Los Palos Grandes. Al momento di essere scoperti, i malviventi stavano portando a termine le trattative per la liberazione della coppia italo-venezolana, si suppone chiedendo un pesante riscatto. Ormai scoperti, alla polizia della prima ‘volante’ uno dei malviventi si identificava come agente in borghese mentre altri due scendevano dal Suv sparando. Comincia va così lo scontro a fuoco che durava più di un quarto d’ora; uno scontro a fuoco con la polizia in gran svantaggio. Infatti, come sempre, mentre gli agenti erano in possesso delle solite pistole Glock, i malviventi avevano fucili Ar15 e Ak44. Nella sparatoria che, come abbiamo già riferito durava più di un quarto d’ora (“un’eternità” commenterà alla stampa una inquilina dell’Edificio Anabella, quello che più ha ricevuto danni), veniva ucciso Josè Riccardo Suárez Peña, presunto capo della banda di malviventi. Suárez Peña era ricercato dalla polizia per omicidio, sequestro, furto e assalto. A lui è attribuito l’assassinio dell’agente della polizia scientifica, Edwing Soto.
Per quindici minuti, gli abitanti di Los Palos Grande, vivevano l’inferno.
– Sembrava di stare nel Far-West – ha riferito una testimone -. Ci siamo rintanati in una stanza, e ci siamo gettati bocca in giù. Mio figlio era appena arrivato a casa. Pochi minuti ancora e si sarebbe trovato nella linea di fuoco.
– Si sparava all’impazzata, che spavento! – ha dichiarato un’altra signora.
Approfittando della confusione, i delinquenti riuscivano a fuggire a bordo di una volante di Polisucre, che è stata ritrovata nell’Av. Solano. Tredici vetture sono state danneggate durante lo scontro a fuoco, in  particolare dall’esplosione di una bomba a mano lanciata dai delinquenti. Sono andati in frantumi anche i vetri di alcune finestre. Fortunatamente i connazionali non sono stati feriti. Insomma, il loro è stato solo un forte spavento.
Nei giorni scorsi era stato liberato un connazionale, di cui non è stato reso noto il nome. Non si sa se la liberazione è avvenuta dopo il pagamento di un lauto riscatto. Lo ha comunicato la nostra Ambasciata al Ministero degli Esteri, a Roma. (Fotografia cortesia El Universal)

A.T.

Ultima ora

11:44Agente si spara al pronto soccorso, è gravissimo

(ANSA) - BOLOGNA, 3 DIC - Un uomo di 44 anni si è sparato al pronto soccorso dell'ospedale Sant'Orsola di Bologna e le sue condizioni sono gravissime. Secondo le prime informazioni si tratta di un poliziotto della Penitenziaria, in servizio nella struttura minorile di via del Pratello. Era stato portato in ospedale su un'ambulanza. Una volta giunto al nosocomio, ha estratto l'arma, l'ha rivolta contro di sè e ha sparato.

11:36Calcio: serie D, match Frattese-Gragnano, emessi otto daspo

(ANSA) - NAPOLI, 3 DIC - Otto daspo sono stati emessi dalla Polizia dopo l'incontro di calcio Frattese-Gragnano, valido per il Campionato di serie D, disputatosi lo scorso 16 ottobre allo stadio Ianniello di Frattamaggiore (Napoli). I provvedimenti di divieto di accesso alle manifestazioni sportive sono scattati per tifosi della Frattese, per la durata di tre anni, sette dei quali con obbligo di presentazione presso i commissariati di Polizia di Stato di Frattamaggiore e Afragola. Prima, durante e dopo il match diversi sono stati gli episodi di scontri e tensioni. Già prima dell'inizio della partita, si era verificata una situazione di allarme, quando un gruppo di tifosi della Frattese, avendo intercettato lungo il percorso l'autobus dei tifosi ospiti diretto allo stadio e aveva lanciato contro dei sassi, al punto da costringere il mezzo a fermarsi. Evitato lo scontro diretto tra tifoserie solo grazie all'intervento degli agenti.

11:30Atletica: 600 atlete al via della Best Woman di Fiumicino

(ANSA) - ROMA, 03 DIC - Saranno oltre 600 le donne, su 2400 atleti in totale, al via domani della 27° edizione della "Best Woman", una delle gare podistiche sui 10 km. più competitive sulla distanza a livello nazionale. La partenza, alle 10 da via Bezzi, vedrà impegnati come volontari un gruppo di ragazzi rifugiati provenienti da vari Paesi, ospiti di una casa di accoglienza a Fiumicino. A caccia della corona di "best woman 2016", ci saranno le fondiste Elena Romagnolo dell'Esercito, Rosaria Console, Giulia Martinelli della Forestale, la romana Federica Proietti che lo scorso anno vinse la gara siglando il suo personal best (34:37), l'iridata di canoa Anna Alberti, protagonista lo scorso 10 aprile alla Maratona di Roma, e Maria Grazia Espinoza Bianchi che alla maratona di Firenze di domenica scorsa ha chiuso al quinto posto.

11:24Gb: pilota Klm colpito da infarto poco prima del decollo

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - Il pilota di un volo della Klm in partenza dall'aeroporto di Glasgow, in Scozia, e diretto ad Amsterdam ha avuto un infarto pochi minuti prima del decollo, quando l'aereo aveva già lasciato il terminal e si dirigeva verso la pista: lo riporta la Bbc online. L'uomo, ha detto un portavoce della compagnia aerea olandese, e' stato soccorso dai membri dell'equipaggio con l'aiuto di un passeggero, mentre il copilota ha riportato al gate il velivolo, che aveva 128 persone a bordo. La partenza del volo era prevista per le 17:00 di ieri, ma a causa dell'emergenza e' stato cancellato. Le condizioni del pilota sono "stabili", ha aggiunto il portavoce.

11:21Incidenti lavoro: incastrato in macchinario, muore a Torino

(ANSA) - TORINO, 3 DIC - Un operario di 23 anni ha perso la vita la scorsa notte in un incidente sul lavoro nello stabilimento produttivo della ditta dolciaria a Torino. Secondo una prima ricostruzione, la testa gli è rimasta intrappolata in un'apparecchiatura per la preparazione dei dolciumi. Il giovane è morto sul colpo, davanti agli occhi di alcuni colleghi; a nulla sono serviti i tentativi dei medici del 118 di rianimarlo. Dai primi accertamenti dei carabinieri risulta che siano state rispettate le norme di sicurezza.

11:20Basket: Nba, Cleveland ancora ko, ma resta capolista

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - Continua il periodo nero dei Cleveland Cavaliers, ancora sconfitti: la notte Nba riserva un'altra sorpresa dopo quelle dell'ultimo turno. I Cavs già usciti malconci dal confronto con i Los Angeles Clippers nel turno scorso, hanno concesso il bis a favore dei Chicago Bulls, usciti vittoriosi per 111-105 nonostante i ben 27 punti messi a segno da Lebron James. Bene invece i Toronto Raptors, che affondano i Los Angeles Lakers 113-80, e acciuffano il secondo posto nella classifica della Eastern Conference, che resta guidata dai Cleveland Cavaliers, nonostante la seconda battuta d'arresto consecutiva e la quinta sconfitta stagionale. Larga vittoria anche di Orlando Magic sui Philadelphia 76ers per 105 a 88. Nell'altro girone Nba, vittoria facile del San Antonio sui Washington Wizard. Male invece i Denver Nuggets di Danilo Gallinari, battuti da Houston Rockets 128-110.

10:45Calcio: il Torino compie 110 anni

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - La squadra di calcio del Torino compie oggi 110 anni. Il club granata fu infatti fondato il 3 dicembre 1906 e nacque dalla fusione tra il Football club Torino e un gruppo di giocatori della Juventus decisi ad andarsene per la loro strada. Nacque allora una formazione sportiva che ha fatto la storia del calcio in Italia, sfornato campioni, vinto 7 scudetti e 5 coppe Italia, ed ha consegnato al calcio campioni e storie meravigliose. Ma anche un lutto terribile, quello del Grande Torino, che si schiantò a Superga nel 1949. Il club attuale è nato nel 2005 sulle ceneri di quello precedente, affondato dai problemi economici. Ma la sostanza e il cuore granata sono sempre quelli.

Archivio Ultima ora