Liberati due connazionali dopo uno scontro a fuoco

Pubblicato il 11 dicembre 2012 da redazione

CARACAS – Un sequestro “multiple”, come é di moda in questi giorni; un intervento “coordinato” di Polibaruta, Polichacao e Polisucre; uno scontro a fuoco durato oltre un quarto d’ora, allo stile Hollywood; un bilancio tragico di un delinquente morto e di due agenti della polizia feriti; e la fuga rocambolesca dei delinquenti a bordo di una volante della polizia. Questo, in sintesi, quanto accaduto all’alba di lunedí scorso. Una storia iniziata nel quartiere Los Naranjos e conclusasi in uno dei vicoli ciechi di Los Palos Grandes. Tra i protagonisti, anche un imprenditore italo-venezolano con la moglie e il suo autista. Dei connazionali non é stato reso noto né il nome né il tipo di attivitá commerciale alla quale si dedicano.
Il sequestro, in Venezuela, é diventata una attivitá molto redditizia. A differenza dei furti, rapine e assalti ai blindati delle banche, il rischio di essere arrestati é assai limitato. La novità, almeno in questo 2012, é l’incremento esponenziale dei “sequestri multipli”. Ovvero, il rapimento di piú di una vittima, nel giro di poche ore, per poi patteggiare il riscatto. Quanto é accaduto la notte del lunedì scorso, appunto, doveva essere uno dei tanti sequestri dei quali, poi, nulla si viene a sapere poichè non denunciati alle autorità di polizia.
Una banda che ha fatto del rapimento il suo “modus vivendi”, l’altra notte, nella via ‘La Cinta de Los Naranjos’, nel quartiere Las Mercedes, nei pressi della Chiesa Guadalupe, intercettava un BMW. Al volante dell’auto vi era Pilar Sever, segretaria dell’ambasciata turca. La signora, fatta scendere dalla sua auto, era obbligata a salire su una Explorer bianca. La sorpresa della donna è stata enorme al rendersi conto che non era l’unica vittima dei malviventi. Sul Suv vi erano già la coppia italo-venezolana con l’autista. Erano stati sequestrati poche ore prima mentre, a bordo di un Audi, ritornavano a casa, nel quartiere Los Naranjos.
Nel frugare nella borsa di Pilar Sever, i malviventi trovavano una tessera che accredita la donna come segretaria dell’ambasciata turca. Per evitare “problemi”, decidevano di abbandonare la vittima nell’Av. Las Acacias, nella via conosciuta con il nome di “calle de los hoteles”. Pilar Sever denunciava inmediatamente l’accaduto e la polizia iniziava subito le indagini.
Polibaruta, Polisucre e Polichacao, con un intervento coordinato, riuscivano a localizzare i malviventi. Questi, infatti, avevano rilasciato la segretaria dell’ambasciata turca ma avevano trattenuto alcuni documenti e l’Iphone. Questo aveva il Gps acceso. La polizia, attraverso il segnale del Gps telefonico, riusciva a rintracciare i delinquenti, in un vicolo cieco tra la 3ª e la 4ª trasversale di Los Palos Grandes. Al momento di essere scoperti, i malviventi stavano portando a termine le trattative per la liberazione della coppia italo-venezolana, si suppone chiedendo un pesante riscatto. Ormai scoperti, alla polizia della prima ‘volante’ uno dei malviventi si identificava come agente in borghese mentre altri due scendevano dal Suv sparando. Comincia va così lo scontro a fuoco che durava più di un quarto d’ora; uno scontro a fuoco con la polizia in gran svantaggio. Infatti, come sempre, mentre gli agenti erano in possesso delle solite pistole Glock, i malviventi avevano fucili Ar15 e Ak44. Nella sparatoria che, come abbiamo già riferito durava più di un quarto d’ora (“un’eternità” commenterà alla stampa una inquilina dell’Edificio Anabella, quello che più ha ricevuto danni), veniva ucciso Josè Riccardo Suárez Peña, presunto capo della banda di malviventi. Suárez Peña era ricercato dalla polizia per omicidio, sequestro, furto e assalto. A lui è attribuito l’assassinio dell’agente della polizia scientifica, Edwing Soto.
Per quindici minuti, gli abitanti di Los Palos Grande, vivevano l’inferno.
– Sembrava di stare nel Far-West – ha riferito una testimone -. Ci siamo rintanati in una stanza, e ci siamo gettati bocca in giù. Mio figlio era appena arrivato a casa. Pochi minuti ancora e si sarebbe trovato nella linea di fuoco.
– Si sparava all’impazzata, che spavento! – ha dichiarato un’altra signora.
Approfittando della confusione, i delinquenti riuscivano a fuggire a bordo di una volante di Polisucre, che è stata ritrovata nell’Av. Solano. Tredici vetture sono state danneggate durante lo scontro a fuoco, in  particolare dall’esplosione di una bomba a mano lanciata dai delinquenti. Sono andati in frantumi anche i vetri di alcune finestre. Fortunatamente i connazionali non sono stati feriti. Insomma, il loro è stato solo un forte spavento.
Nei giorni scorsi era stato liberato un connazionale, di cui non è stato reso noto il nome. Non si sa se la liberazione è avvenuta dopo il pagamento di un lauto riscatto. Lo ha comunicato la nostra Ambasciata al Ministero degli Esteri, a Roma. (Fotografia cortesia El Universal)

A.T.

Ultima ora

00:46Pallavolo: Superlega, vincono Trento e Perugia

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - Risultati della 25/a giornata, 13/a di ritorno, del campionato di Superlega di pallavolo. Revivre Milano-Sir Safety Conad Perugia 0-3 (17-25, 17-25,23-25); Diatec Trentino-Exprivia Molfetta 3-0 (25-14, 25-18, 25-23); Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia-Top Volley Latina 3-1 (27-25, 29-27, 20-25, 25-23); Calzedonia Verona-Kioene Padova 3-0 (25-15, 25-19, 25-20); LPR Piacenza-Gi Group Monza 2-3 (18-25, 22-25, 28-26, 25-17, 12-15); Biosì Indexa Sora-Bunge Ravenna 0-3 (21-25, 20-25, 18-25); Cucine Lube Civitanova-Azimut Modena domani. Classifica: Civitanova 64 punti; Trento e Perugia 59; Modena e Verona 50; Piacenza 40; Monza 34; Ravenna 32; Vibo Valentia 29; Latina 26; Molfetta e Sora 20; Padova 19; Milano 15. Civitanova e Modena una partita in meno.

00:37Champions: Allegri “Juve paziente e brava,prova di maturità”

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - "Non è la realizzazione di un sogno: abbiamo fatto una buona partita, soprattutto sul piano della personalità. Dopo i primi cinque minuti di leggera sofferenza abbiamo preso la partita in mano. I ragazzi sono stati bravi, pazienti". Così il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, a Premium dopo la bella vittoria sul Porto. Soddisfazione personale dopo le vicende degli ultimi giorni? "Normale che nell'arco della stagione ci siano dei momenti di tensione - risponde riferendosi alla vicenda Bonucci - sennò ci annoieremmo: diciamo che questa vittoria è arrivata nel momento giusto e nel modo giusto. Siamo entrati nel momento più importante della stagione: dobbiamo affrontare questo momento con entusiasmo, voglia, spensieratezza e incoscienza. Abbiamo ancora ampi margini di miglioramento, ma i ragazzi stasera hanno dato prova di grande maturità".

00:21Champions: Pjaca “più contento del risultato che del gol”

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - "Sono molto contento. Per noi è una vittoria importante: il gol mi fa felice, ma sono più contento del risultato della squadra. Anche a Torino, però, dovremo giocare seriamente: partire dal 2 a 0 ottenuto qui è un bel vantaggio, ma non dovremo avere cali di concentrazione". Così Marko Pjaca ai microfoni di Premium dopo la partita al 'Do Dragao'. "Se mi sento più titolare? Rispetto le decisioni del mister, io cerco di fare sempre il meglio tutte le volte che vengo chiamato in causa", ha concluso.

00:14Calcio: Champions League, Siviglia-Leicester 2-1

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - Siviglia-Leicester 2-1 (1-0) nell'incontro di andata degli ottavi di finale di Champions League disputato in Spagna. Le reti: Sarabia al 25', Correa al 62', Vardy al 73'. Il ritorno il 14 marzo in Inghilterra.

00:07Calcio: Champions League, Porto-Juventus 0-2

(ANSA) - OPORTO (PORTOGALLO), 22 FEB -La Juventus batte il Porto 2-0 nell'andata degli ottavi di finale di Champions League ipotecando il passaggio del turno. Buon primo tempo della squadra di Allegri che si rende pericolosa con Dybala al 23' dopo una combinazione con Khedira e Higuain. Il Porto rimane in 10 al 27' per l'espulsione dell'ex interista Alex Telles che rimedia due cartellini gialli in un minuto. La Juve insiste e va vicina al gol prima con Cuadrado e poi con Khedira. Al 39' Casillas salva su Higuain e al 45' Dybala coglie un palo con un sinistro da fuori area. ll Porto si fa vedere dalle parti di Buffon solo al 48' con un colpo di testa di Herrera. La Juve, agevolata dalla superiorità numerica, continua a fare la partita, al 60' una conclusione di Khedira si spegne sul fondo poi ci prova Higuain. Al 72' i bianconeri sbloccano il risultato con Pjaca, entrato 5' prima al posto di Cuadrado. Due minuti dopo il raddoppio di Dani Alves, che aveva appena sostituito Lichtsteiner. Ritorno allo Juventus Stadium il 14 marzo.

23:50Gay: Iene, revocato finanziamento 55mila euro Andoss

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - Con un provvedimento del Capo Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Giovanna Boda,è stata avviata la procedura di annullamento solo per l'associazione Anddos dei finanziamenti relativi al bando oggetto di polemiche. Lo comunicano le Iene sui loro account Facebook e Twitter specificando che l'annuncio é stato dato loro dal sottosegretario alla presidenza del consiglio Maria Elena Boschi. Di fatto questo significa la revoca del finanziamento di 55mila euro alla sola associazione Andoss.

23:47Prescritta violenza bimba, Orlando: scuse a nome Stato

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - "Chiedo scusa a nome dello Stato, anche se naturalmente il Ministero non ha dirette competenze. In fondo rappresentiamo complessivamente il sistema giustizia e se succedono questi episodi non possiamo che, con poche parole, scusarci". Lo dichiara a Matrix Andrea Orlando, ministro della Giustizia, a seguito della prescrizione del reato di abusi sessuali a danno di una bambina, avvenuto 20 anni fa e andato in prescrizione nei giorni scorsi a Torino. "Ho disposto un'ispezione per ricostruire la dinamica che ha portato a questo tremendo risultato per lo Stato e per le persone coinvolte".

Archivio Ultima ora