Hannover: “Premio Comites” 2012 alla quinta edizione

HANNOVER – Il 4 dicembre scorso, nella Leibnitzhaus di Hannover, si è svolta la quinta edizione del Premio Comites, manifestazione che, organizzata insieme dal Comites di Hannover e dal Consolato Generale d’Italia, ha messo in evidenza l’importanza della sinergia nel raggiungimento di risultati prestigiosi.
Dopo i saluti di apertura a nome del Consolato Generale, Laura Todescato, coordinatrice delle attività culturali del Consolato, ha presentato gli illustri ospiti intervenuti a partire dal Console Generale Gianpaolo Ceprini che, nel suo discorso, ha lodato il lavoro che svolge il Comites, quale punto nodale dell’emigrazione, in grado di valorizzare il lavoro e l’impegno degli Italiani che sono riusciti a dare il meglio di se stessi per la crescita della Germania.
Il Sindaco di Hannover, Bernd Strauch, ha sottolineato l’importanza del lavoro svolto in questi anni dagli italiani, che hanno saputo emergere in un contesto multietnico complesso mostrandosi perfettamente integrati nella società di Hannover, ma anche il costante impegno del Comites che ha saputo tutelare i loro diritti.
Il presidente del Comites Giuseppe Scigliano, dal canto suo, ha lodato l’impegno profuso nella Regione dagli italiani in 50 anni di emigrazione ricordando che ormai una grossa fetta di essi sono tedeschi a tutti gli effetti, tanto che le statistiche non sempre riflettono correttamente questa integrazione con particolare riguardo alla situazione scolastica.
– La popolazione italiana – ha spiegato Scigliano – è quella che ha più matrimoni misti con quella tedesca ed i loro figli sono i “tedeschi” non conteggiati dalle statistiche. Oltretutto – ha aggiunto – il successo spesso non passa dai banchi di scuola ed il nostro mondo imprenditoriale ne è una dimostrazione. Spesso molti di loro, nonostante il basso titolo di studio, hanno avuto successo come imprenditori di primo piano con aziende di successo che danno lavoro e sono un motore economico importante in questa Regione. Ma questa integrazione è stata possibile anche e soprattutto grazie al saggio e lungimirante lavoro di molte Amministrazioni comunali che hanno favorito con i loro interventi e disponibilità l’inserimento con successo dei nostri Connazionali nel tessuto sociale.
Dopo uno stacco musicale a cura della pianista Claudia Rinaldi, è iniziata la consegna dei Primi Comites 2012. Ad Assunta Verrone, membro del Comites, il compito di leggere le motivazioni di ciascun premio. Ai connazionali premiati, oltre all’attestato, sono state consegnate anche le medaglie messe a disposizione dalla Camera dei Deputati quale tangibile riconoscimento del Paese inviate dall’Onorevole Franco Narducci, Vice presidente della Commissione Affari Esteri.
I premi sono stati consegnati dal Console Ceprini e dal Presidente Scigliano.
Quest’anno i premi Comites 2012 sono stati consegnati a due città della Bassa Sassonia, Garbsen ed Hildesheim, tre a cittadini italiani che si sono distinti per la loro attività come Ristoratori e imprenditori ed uno ad un Connazionale che ha saputo valorizzare la sua professionalità nel mondo del lavoro.
Il primo Premio é stato consegnato a Cosimo De Lucia, proprietario del Ristorante “L´incontro” di Hannover; il secondo Premio é stato conferito ad Emilio Dettori, proprietario del noto ristorante “Gallo nero”.
Il terzo Premio é stato consegnato ad Arcangelo Tomasello, ristoratore, sommelier, importatore di prodotti eno-gastronomici italiani, imprenditore ed organizzatore di eventi musicali di successo.
Il quarto Premio é stato dato a Marc Frangipane, studioso, molto conosciuto nell´ambiente giornalistico, nonché moderatore in una nota rete radiofonica (NDR di Hamburg).
Il quinto Premio é stato consegnato al Sindaco di Garbsen, Alexander Heuer, che ha lodato il processo di integrazione degli Italiani nella sua città, assicurando che il Comune continuerà a concedere gratuitamente alla nostra Collettività i locali ove risiede il Circolo italiano. Il sesto Premio é stato assegnato al Sindaco di Hildesheim, Kurt Machens.
Il pubblico numeroso che gremiva la sala della Leibenizhause, ben oltre 160 intervenuti, tra cui molti politici comunali, parlamentari regionali, presidenti di grandi organizzazioni straniere, cittadini italiani di tutti i ceti e ranghi, imprenditori ed artisti é stato allietato dalle musiche della pianista Claudia Rinaldi che ha suonato pezzi di Giacomo Puccini, Astor Piazzolla, Domenico Scarlatti, Nicola Piovani e Ferrucci Busoni.
Durante i saluti di ringraziamento, Scigliano ha presentato al pubblico i consiglieri del Comites, ringraziandoli per la loro disponibilità e dedizione, e esortato la collettività a prendere la doppia cittadinanza, “premessa necessaria per la vita politica della nostra Collettività nella vita attiva della politica di Hannover”. La Parlamentare Filiz Polat, invitata a fare un saluto ai presenti, ha confermato quanto “positivo ed importante il passo della cittadinanza quale tangibile segno di vera integrazione”.
La manifestazione si é conclusa con un vino d’onore offerto dal Console Generale.
– Per l’ottima riuscita di questo evento – conclude Scigliano – i miei ringraziamenti vanno particolarmente al Console Generale Gianpaolo Ceprini che ha dato il massimo di se stesso ed ai consiglieri Comites Elena Sanfilippo e Claudio Provenzano che mi hanno affiancato in tutta la fase preparatoria e durante la manifestazione.