Scontro su “Liste Pulite” Lite sul voto degli italiani all’estero

Pubblicato il 20 dicembre 2012 da redazione

ROMA  – A poche ore dalla fine della legislatura è ancora guerra sui provvedimenti alle Camere. E nulla di ciò che accade fa pensare a quella ‘’fine ordinata di legislatura’’ auspicata dal Capo dello Stato che, invece, assiste ora con preoccupazione all’escalation delle divisioni.
Quasi ‘archiviato’ il capitolo legge di Stabilità (ha ricevuto l’ok del Senato, oggi torna alla Camera per il voto finale) i partiti se le danno di santa ragione sui testi del governo che riguardano le liste pulite e le firme per la presentazione delle candidature.
Per quanto riguarda il primo, la decisione del presidente della commissione Bilancio del Senato Antonio Azzolini (Pdl) di non dare il parere, non solo fa saltare il Cdm che avrebbe dovuto dare l’ok definitivo alla norma, ma rischia di vanificare la delega al governo per vietare che si candidino condannati (a più di due anni di carcere). Nella delega contenuta nel ddl Anticorruzione si prevede infatti che i pareri delle commissioni competenti arrivino entro 60 giorni.
– E se Azzolini non dovesse dare il parere a breve – commenta il capogruppo Pd in commissione Giustizia della Camera Donatella Ferranti – si rischierebbe di non rendere operativa la misura delle ‘liste pulite’ per le prossime elezioni.
A Montecitorio, invece, la situazione si sblocca perchè l’altro presidente della commissione Bilancio, Giancarlo Giorgetti (Lega) non dà il parere motivandolo con il fatto che non si registrano semplicemente ‘’profili di natura finanziaria’’. In questo modo il testo può passare direttamente all’esame dell’Aula.
Decisamente piu’ complicata la situazione per il decreto firme. Qui la guerra è del tutto contro tutti. E il sospetto che si facciano ‘regali a qualcuno’ è generale. Alla fine, dopo una giornata di ‘tira e molla’ e di trattative più o meno segrete si decide di rinviare. In una conferenza dei capigruppo piuttosto animata si profila una possibile soluzione: un emendamento concordato da presentare questa mattina. Ma, allo stato, l’unico ‘contenuto’ che potrebbe accontentare davvero tutti e’ quello di ridurre ulteriormente il numero delle firme da raccogliere. L’idea, lanciata da Roberto Zaccaria (Pd) e respinta in commissione, torna a girare con insistenza in serata. Ma il punto, si spiega nel centrosinistra, è che i partiti non vogliono far sapere con tanto anticipo il nome dei candidati.
– Il problema – si spiega nel Pd – è che si vergognano delle proprie liste. Ma anche La Russa deve raccogliere le firme. Basta con le leggi ad personam.
Ed è proprio sull’emendamento ‘La Russa’ che scoppia la bagarre. Non solo sembra ‘’tagliato su misura per lui’’, dicono nel Pd, ma esonererebbe del tutto dalla raccolta firme anche Fli, Udc, CN e PT. L’emendamento, firmato da Ignazio Abrignani (Pdl), prevede che non deve raccogliere firme chi, alla data del 20 dicembre, ha un gruppo parlamentare in uno dei due rami del Parlamento. E ‘’guarda caso’’ ironizzano nel Pd proprio in queste ore nasce il gruppo di ‘Centrodestra Nazionale’ di La Russa. L’ok del Comitato dei Nove fa infuriare i Democrat e si rinvia.
Ma c’e’ tensione anche su un’altra norma: quella sugli italiani che si trovano temporaneamente all’estero. Nel decreto si prevede che questi, per lo più militari impegnati nelle cosiddette missioni ‘di pace’ all’estero, votino tutti, solo per il 2013, (ovviamente per corrispondenza) nella circoscrizione Lazio 1. Il Pdl si oppone, ma il Pd difende la norma: nelle circoscrizioni estere una ‘’mole simile di voti (si parla di circa 7-8mila persone) altererebbe gli equilibri della rappresentanza’’.
Non è vero, si ribatte nel Pdl, ‘’loro temono che siano voti di destra e vogliono annacquarli in una grande circoscrizione’’. Il decreto come tale è già in vigore, ma se non dovesse venire riconvertito neanche dopo il voto, si correrebbe il rischio di annullare le elezioni: rischio che ora nessuno vuol correre. Così la trattativa, assicurano nel governo, continuerà ‘’fino all’ultimo minuto utile’’.

Ultima ora

15:42Mondiali: Australia vuole Scolari come ct

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - L'Australia, attualmente senza allenatore per i Mondiali in Russia, vuole Luiz Felipe Scolari come ct per i 'Socceroos'. A rivelarlo è stato lo stesso 'Felipao' ad alcuni media del suo paese, il Brasile, dove si trova in vacanza dopo aver lasciato la panchina dei cinesi del Guangzhou Evergrande, con cui ha vinto tre campionati, una Coppa di Cina, due Supercoppe cinesi e una Champions asiatica. "E' vero, mi hanno contattato - ha detto Scolari -: il mio nome è nei loro radar". L'Australia è priva di tecnico perché Ange Postecoglu ha lasciato la squadra dopo aver ottenuto la qualificazione al Mondiale, in cui i Socceroos giocheranno nel gruppo C con Francia, Danimarca e Perù. Gli australiani erano interessati anche all'argentino Juan Antonio Pizzi, che però ha scelto l'Arabia Saudita. Così ora il presidente della federcalcio australiana, Steven Lowy, punta sul tecnico che ai Mondiali ha vinto nel 2002 con il Brasile ed è arrivato quarto nel 2006 con il Portogallo e nel 2014 ancora con il Brasile.

15:36Biotestamento: ok Senato art.1, si riprende alle 15.30

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Dopo aver respinto tutti gli emendamenti, anche quelli a scrutinio segreto, l'Aula del Senato dà il via libera all'articolo uno del provvedimento sul testamento biologico. I sì sono stati 154, 36 i no e 4 gli astenuti. L'Aula è stata sospesa e riprenderà alle 15.30 per votare gli emendamenti rimanenti.

15:09Eternit: Pg Cassazione, processi restino ‘spacchettati’

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Pg della Cassazione ha chiesto che siano dichiarati 'inammissibili' il ricorso della Procura e del Pg di Torino contro la decisione del Gup torinese che aveva 'spacchettato' il processo per le morti da Eternit, distribuendo la competenza anche a Napoli, Vercelli e Reggio Emilia. Il Gup, inoltre, aveva optato per l'omicidio colposo anziché doloso. Lo si è appreso dai familiari delle vittime presenti a piazza Cavour a Roma. Il Pg della Cassazione, Delia Cardia, ha chiesto di dichiarare inammissibile il ricorso di Pg e Pm torinesi e la Suprema Corte depositerà la sua decisione tra stasera e domani. Il Pg, a quanto ha riferito l'avvocato delle parti civili Marco Gatti, si è espresso anche per la conferma dell'accusa di omicidio colposo anziché doloso. Rammarico per la richiesta del Pg è stato espresso dal sindaco di Casale Monferrato, Titti Palazzetti, e da Assunta Prato dell'Associazione familiari vittime dell'amianto. (ANSA).

14:58Terrorismo: faceva proselitismo su web,condannato marocchino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - È stato condannato a sei anni di carcere Mouner El Aoual, detto 'Mido', il marocchino di 29 anni arrestato lo scorso aprile nel quadro di un'inchiesta contro il terrorismo. Ospite di una famiglia italiana, risultata estranea agli episodi contestati, è accusato di avere svolto attività di proselitismo via internet. Le indagini sono state svolte dai carabinieri del Ros con il coordinamento del pm Enrico Arnaldi di Balme. Per l'uomo la Procura di Torino aveva chiesto e ottenuto il giudizio immediato. (ANSA).

14:52Calcio: Udinese-Napoli, sale a 26 il numero dei Daspo

(ANSA) - UDINE, 13 DIC - E' salito a 26 il numero dei Daspo emessi dal Questore di Udine, Claudio Cracovia, a carico di altrettanti tifosi partenopei protagonisti di alcuni episodi finiti all'attenzione della Polizia in occasione dell'incontro di campionato tra Udinese e Napoli del 26 novembre. Oltre alle tre persone, una arrestata e due denunciate, identificate subito dopo i tafferugli scoppiati nel prepartita, la misura di prevenzione è stata emessa nei confronti di 22 persone, tutte identificate, che seppure fossero regolarmente con il biglietto si erano sedute in un'area della Tribuna diversa da quella loro assegnata, intimorendo nel contempo i tifosi locali con i propri comportamenti. Un ultimo Daspo è stato emesso nei confronti di un uomo di 33 anni, individuato come autore dell'accensione di un fumogeno all'interno del settore riservato ai sostenitori della squadra ospite. E' stato anche segnalato all'autorità giudiziaria per il possesso di ordigni pirotecnici. La posizione di altri tifosi è ancora al vaglio della Questura.

14:50Perquisizioni Gdf in azienda di yacht dopo denunce clienti

(ANSA) - GENOVA, 13 DIC - Questa mattina i militari della Guardia di Finanza di Savona, su delega della Procura, hanno eseguito perquisizioni e sequestri nei confronti della società MondoMarine, che costruisce yacht, e di parte dei soci, amministratori e consulenti. Le operazioni interessano i cantieri e gli uffici di Savona, Pisa e Milano, e hanno portato al sequestro di documentazione aziendale. L'operazione nasce dalle denunce di alcuni clienti che sostengono di essere stati truffati. Le ipotesi per le quali si procede sono truffa, bancarotta, falso in bilancio, ricorso abusivo al credito mediante fatture per operazioni inesistenti e distrazione di somme dalla contabilità aziendale. Il provvedimento arriva nel pieno della crisi di MondoMarine: il 6 dicembre non è arrivato il concordato preventivo per scongiurare il fallimento ma il tribunale, preso atto dell'interesse di un soggetto (Palumbo Group Shipyard) all' affitto del ramo d'azienda, ha rinviato tutto al 19 dicembre. Da una settimana il cantiere è occupato dai lavoratori.

14:44Froome: Nibali, aspettiamo le conclusioni

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Certo per il ciclismo non è un grande giorno, come non lo è per lui". Vincenzo Nibali commenta così all'Ansa la positività-choc di Chris Froome: il campione italiano, in questi giorni in allenamento in Croazia con il suo team Bahrain-Merida, dice però di aspettare a dare giudizi affrettati. "Sulla vicenda non entro nel merito - sottolinea il corridore siciliano - voglio aspettare correttamente le conclusioni".

Archivio Ultima ora