TSJ: Presidente Chávez se juramentará cuando cese la causa sobrevenida

Pubblicato il 09 gennaio 2013 da redazione

CARACAS –  Tras la interpretación del artículo 231 de la Constitución de la República, la Sala Constitucional del Tribunal Supremo de Justicia (TSJ) consideró que el presidente de la República, Hugo Chávez, se juramentará cuando cese la causa sobrevenida, entendida ésta como el proceso de recuperación en el que se encuentra el Mandatario en La Habana, Cuba, tras la intervención quirúrgica del pasado 11 de diciembre.

Ayer la presidenta del Poder Judicial, Luisa Estella Morales, recalcó que la juramentación debe cumplirse y así será, sin embargo, dijo que aún no se ha determinado el lugar, la fecha ni cómo se realizará el acto.

– Lo que sí tenemos claro es que será en el momento en que cese la causa sobrevenida, que es conocida por los venezolanos – expresó, en cadena de radio y televisión.

Además, indicó que no es necesaria una nueva juramentación para Chávez, porque se trata de un mandatario reelecto.

Puntualizó que aunque “el 10 de enero próximo se inicia un nuevo período constitucional, no es necesaria una nueva toma de posesión en relación con el presidente Hugo Rafael Chávez Frías en su condición de presidente electo, en virtud de no existir interrupción en el ejercicio del cargo”, puntualizó.

Rememoró que en la derogada Constitución de 1961 los artículos 186 y 187 ordenaban que en caso de existir un desfase en el período Constitucional y la toma de posesión “el presidente saliente debía entregar el mandato al presidente del Congreso y procederse como si se tratara de una falta absoluta”.

No obstante, destacó que la actual Carta Magna eliminó tal previsión, “lo cual impide que en término del mandato pueda ser considerado una falta absoluta que, por otra parte, tampoco está contemplada en el artículo 233 como causal y sería absurdo en el caso de un presidente reelecto y proclamado”.

Al ser interrogada sobre la existencia o no de méritos para la convocatoria de una junta médica que evalúe la salud del presidente Chávez, Morales puntualizó que el TSJ no se ha planteado en ningún momento esa posibilidad.

– El presidente de la República – dijo – ha sido claro al solicitar una autorización para ausentarse del país para efectuar una gestión de salud, que consiste en una intervención quirúrgica, la cual ocurrió el 11 de diciembre y, posteriormente, dado las complicaciones del postoperatorio, solicitó un nuevo permiso.

Luego de subrayar que el TSJ respalda el derecho humano constitucional que tiene el Jefe de Estado de atender su salud,  la presidenta del Poder Judicial dijo que la Sala Constitucional resolvió que en el país no hay falta temporal ni absoluta por parte del Jefe de Estado, pues, a la fecha, no se ha cumplido ningún requisito para declarar alguna falta.

Recordó, en ese sentido, que Chávez solicitó permiso al Poder Legislativo para ausentarse del país por más de cinco días por razones de salud, lo cual fue aprobado, razón por la cual se ha pospuesto la juramentación prevista en el artículo 231.

Durante la actividad de ayer, realizada en la sede del Poder Judicial, la titular del TSJ manifestó que el Poder Ejecutivo está constituido y seguirá ejerciendo cabalmente sus funciones, de acuerdo con el principio de la continuidad administrativa.

Por otra parte, Morales explicó que debido a la estabilidad que presenta el Ejecutivo Nacional, el vicepresidente ejecutivo, Nicolás Maduro, está en facultad de presentar el informe de memoria y cuenta de 2012 ante el Parlamento Nacional, mientras que los miembros del gabinete ministerial pueden ofrecer sus respectivos informes, tal como ha ocurrido en años anteriores.

Ultima ora

17:43Traffico rifiuti: ‘I bambini? Che muoiano’

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - "Ci mancavano anche i bambini che vanno all'ospedale, che muoiano". Così uno degli indagati nell'inchiesta della Dda di Firenze per traffico illecito di rifiuti, che oggi ha portato all'arresto di sei persone, parlando dei rischi di stoccare abusivamente rifiuti pericolosi in una discarica situata vicino a una scuola. "Non mi importa nulla dei bambini che si sentono male - prosegue l'uomo senza sapere di essere intercettato -, io li scaricherei in mezzo alla strada i rifiuti".

17:30Etruria: Boschi, non ho mentito, mai pressioni

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Anche oggi ricevo attacchi dalle opposizioni sulla vicenda Banca Etruria. Confermo per filo e per segno tutto ciò che ho detto in Parlamento due anni fa. Tutto. Chi mi chiede le dimissioni perché avrei mentito in Parlamento deve dirmi in quale punto del resoconto stenografico avrei mentito. Ho incontrato più volte il presidente della Consob in varie sedi come ho incontrato altri rappresentanti istituzionali: mai e poi mai ho fatto pressioni. Mai". Così Maria Elena Boschi su facebook.

17:25Calcio: De Magistris, il Napoli va sempre sostenuto

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non mi inserisco in polemiche che non condivido ed esprimo massimo sostegno e vicinanza alla squadra. Sullo stadio noi facciamo fatti e stiamo realizzando un lavoro che sarà portato a compimento nella sua interezza prima delle Universiadi". Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha così risposto ai cronisti che gli hanno chiesto di commentare le dichiarazioni del presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, il quale in una intervista a Il Mattino ha detto di non aspettare più de Magistris sulla questione stadio. Rispetto al momento che vive la squadra, il sindaco ha affermato: "Va sostenuta da tutti nei momenti belli e in quelli difficili. Siamo fra i primi in campionato e abbiamo grandi prospettive".

17:19Berlusconi, da Salvini puntiglio che sarà superato

(ANSA) - BRUXELLES, 14 DIC - "Non è una cosa che non fa trovare un accordo con la Lega e con Fratelli d'Italia, è un puntiglio che sarà presto superato". Lo ha detto Silvio Berlusconi, rispondendo alle critiche arrivate da Matteo Salvini sull'iter della legge Molteni, all'uscita dalla riunione del Ppe.

17:18Cadavere donna vegliato in casa da figlio per una settimana

(ANSA) - GENOVA, 14 DIC - Il cadavere di una anziana donna di 78 anni è stata vegliata per almeno una settimana dal figlio, malato psichiatrico, di 47 anni. Il corpo è stato trovato oggi dai medici del 118 e dai carabinieri in un'abitazione di Borgoratti, quartiere popolare di Genova. I militari non escludono alcuna ipotesi: il cadavere presenta segni sul collo compatibili con uno strozzamento anche se il medico legale Marco Salvi, intervenuto per il primo sopralluogo, avrebbe accertato la presenza di altri segni che potrebbero far pensare che la donna si possa essere ferita in seguito a una caduta. Il magistrato titolare delle indagini ha disposto l'autopsia per accertare le cause del decesso. Sul posto gli investigatori del nucleo operativo e gli esperti della sezione rilievi.

17:11Calcio: Schick ci crede, la Roma è da scudetto

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Sono venuto qui perché credo nella strada che ha intrapreso la Roma. Siamo sempre in una posizione di classifica che ci permette di pensare allo scudetto. Possiamo vincerlo già quest'anno". Nonostante i due pareggi consecutivi in trasferta con Genoa e Chievo, Patrik Schick è convinto che la i giallorossi possano puntare al titolo. Il giocatore ceco, intervistato da Sky Sport24, spera di poter dare il proprio contributo: "Sono un attaccate e penso fare gol, quando gioco voglio segnare, questo è il mio obiettivo - sottolinea -. Essere il giocatore più pagato nella storia della Roma non mi pesa, anzi è al 100% una grande motivazione per me, farò tutto il possibile per non deludere nessuno". Schick rivela poi di aver legato in particolar modo con Dzeko nello spogliatoio di Trigoria: "Edin parla molto bene la mia lingua. E penso che anche il feeling in campo vada bene. Potenzialmente forse possiamo formare la coppia di attaccanti più forte della Serie A, ma poi dobbiamo confermarlo sul campo".

17:07Droga: Gdf scopre 26 chili di cocaina a Vipiteno

(ANSA) - BOLZANO, 14 DIC - La Guardia di finanza ha bloccato alla barriera dell'autostrada del Brennero a Vipiteno un cittadino italiano di 43 anni, che stava portando in Italia 26 chili di cocaina. La Citroen Ds5, con targa tedesca, condotta dall'uomo, accompagnato da familiari, non si era fermata all'alt e i finanzieri l'hanno inseguita fino a raggiungerla nei pressi dell'area di servizio Trens Ovest. Il conducente mostrava evidenti segni di nervosismo, che facevano ritenere opportuni alcuni approfondimenti, anche con l'ausilio del cane Escort dell'unità cinofila antidroga della Guardia di Finanza di Bolzano. Infine, in un'officina meccanica, nascosti all'interno dei longheroni dell'autovettura, sono stati trovati 22 panetti per complessivamente 26 chili di cocaina, che sul mercato avrebbero potuto fruttare oltre un milione di euro. Il cittadino italiano è stato tratto in arresto.

Archivio Ultima ora