Vucinić piega il Milan, Juve in semifinale

TORINO – Sarà la Juventus ad affrontare la Lazio nella semifinale di Coppa Italia. I bianconeri battono infatti il Milan 2-1 ai supplementari allo Juventus Stadium.

La squadra di Massimiliano Allegri passa subito in vantaggio con il solito Stephan El Shaarawy. Kevin-Prince Boateng trova spazio a sinistra e centra, velo di Pazzini per il ‘Faraone’ che con un preciso destro rasoterra batte Storari.

La Juve risponde subito con una splendida punizione a giro di Sebastian Giovinco che si insacca alla destra di un Amelia che può solo guardare.  La squadra di Antonio Conte continua a fare la partita e non concretizza altre due occasioni sempre con Giovinco, che calcia male da buona posizione sia in chiusura di primo tempo che in apertura di ripresa.

Il tecnico bianconero si gioca la carta Vucinić richiamando proprio Giovinco, Allegri butta nella mischia Bojan e Niang che entrano a posto di Pazzini ed Emanuelson. Il Milan finisce in attacco e a tre minuti dalla fine proprio Niang sfiora il gol con un colpo di testa sul cross di De Sciglio.

Si va così ai supplementari e la Juve passa in vantaggio dopo una manciata di minuti con una grande azione in contropiede. Giaccherini serve in profondità De Ceglie  che tocca di prima per Vucinić e il montenegrino batte Amelia di precisione con il piatto destro.

Il Milan prova la reazione nel secondo tempo supplementare ma Storari fa buona guardia sui tiri da fuori di Montolivo e El Shaarawy. Dall’altra parte Giaccherini manca il controllo sul perfetto lancio di De Ceglie favorendo l’uscita di Amelia. Un’altra occasione capita a Niang, che salta secco Barzagli in area ma non riesce a imprimere forza al tiro da buona posizione.

Poi è Isla a farsi respingere un tiro a botta sicura da Amelia su invenzione di Vucinić. Proprio nel finale il nuovo entrato Traoré va due volte vicino al clamoroso pareggio, ma Storari mette una pezza sia sulla bordata al volo dall’altezza del dischetto che sul diagonale rasoterra da destra. In semifinale va la Juve.

Condividi: