Cassazione: No a pregiudizi per i figli alle coppie gay

Pubblicato il 11 gennaio 2013 da redazione

ROMA  – Un minore può crescere in modo equilibrato anche in una famiglia gay. Né vi sono ”certezze scientifiche o dati di esperienza” che provino il contrario. E’ il principio messo nero su bianco dalla prima sezione civile della Cassazione con una sentenza, depositata ieri, che nel respingere il ricorso di un immigrato mussulmano, ha dato il via libera all’affido di un bambino a una coppia formata da due donne, stabilendo che ”il mero pregiudizio che sia dannoso per l’equilibrato sviluppo del bambino il fatto di vivere in una famiglia incentrata su una coppia omosessuale” dà ”per scontato ciò che invece è da dimostrare, ossia la dannosità di quel contesto famigliare”.

L’uomo, che vive a Brescia, si era rivolto ai Supremi Giudici per contestare la decisione con la quale la Corte d’Appello bresciana, il 26 luglio 2011, aveva affidato in via esclusiva il figlio minore, naturale, che lui aveva avuto dalla sua ex compagna, I.B., alla donna. Il padre dal bambino conteso faceva anche presente che la sua ex era andata a vivere con una assistente sociale della comunità per tossicodipendenti in cui, anni prima, era andata a disintossicarsi. Secondo lui era dannoso che il minore fosse educato in un contesto omosessuale.

Ma la Suprema Corte gli ha fatto presente che era stato proprio lui, con la sua condotta violenta nei confronti della compagna della sua ex, ad aver provocato una reazione di turbamento nel minore dal quale, per di più, si era allontanato quando il bimbo aveva appena 10 mesi ”sottraendosi anche agli incontri protetti ed assumendo, quindi, un comportamento non improntato a volontà di recupero delle funzioni genitoriali e poco coerente con la stessa richiesta di affidamento condiviso e di frequentazione libera del bambino”.

Esultano le associazioni omosessuali, che da Arcigay, a Gay Center al Circolo Mario Mieli, parlano di ”sentenza storica” e chiedono alla futura maggioranza di legiferare. Soddisfatta anche Equality, anche se ”rimane irrisolto, in assenza di una legge, il problema della tutela dei bambini delle famiglie omosessuali, che hanno utilizzato tecniche di fecondazione assistita all’estero”.

Per Ignazio Marino, senatore Pd, ”la Corte ha sancito un principio di civiltà”.

– La capacità di crescere un figlio – ha commentato – non è prerogativa esclusiva della coppia eterosessuale, ma riguarda anche le coppie omosessuali e i single. E’ un dato confermato dalla scienza. L’importante è che l’adozione venga disposta nell’esclusivo interesse del minore.

Opposta la posizione del capogruppo Pdl al Senato, Maurizio Gasparri, che vede nel pronunciamento ”un precedente molto pericoloso” che ”di fatto apre ai figli nelle coppie gay, sostituendosi al legislatore giacchè nel nostro paese non è possibile dare in affido un bambino a coppie dello stesso orientamento sessuale”.

Per Carlo Giovanardi, senatore Pdl, se é ”difficilmente sindacabile la convinzione della Cassazione che il bambino nel caso specifico debba rimanere con la mamma, totalmente inaccettabile é il vizio dei magistrati di sostituirsi ai legislatori trinciando giudizi temerari” sulla equilibrata crescita di un bambino. Ma da un altro esponente Pdl, Giancarlo Galan, arriva una valutazione opposta.

– E’ un passo avanti, lo Stato laico deve ascoltare i cittadini.

Contrario invece Massimo Polledri, esponente cattolico della Lega Nord, secondo il quale la sentenza è ”un anticipo del governo Bersani”.

– Non si può costruire una civiltà attraverso le sentenze dei Tribunali – è la reazione di sconcerto di monsignor Domenico Sigalini, vescovo di Palestrina e presidente della Commissione Cei per il Laicato, che invita a considerare ”i tanti studi fatti finora sulla famiglia”.

La psicologa: “Il problema è la preparazione dei genitori”
”In assoluto non è un problema” che un figlio cresca con una coppia omosessuale ”ma in questo ambito c’è una grossa differenza da caso a caso, come peraltro per le coppie eterosessuali. Più che dare principi generali, occorre verificare se le coppie sono all’altezza di tenere i figli, quindi bisogna vedere la preparazione dei genitori”. E’ il commento della psicologa Anna Oliverio Ferraris, docente dell’età evolutiva all’università La Sapienza di Roma, interpellata a proposito della sentenza della Cassazione su figli cresciuti da coppie omosessuali.

– Escludendo naturalmente i pregiudizi – sostiene -, l’affido condiviso è la soluzione ideale, osserva la psicologa, spiegando che assicura il rapporto con entrambi i genitori e in Italia la tendenza é proprio questa. Ciò che bisogna valutare non sono le tendenze sessuali della coppia, che in generale non sono un problema, ma ciò che il figlio trova in questi genitori.

Per evitare che un figlio minorenne cresca in una famiglia dove c’è un solo genere sessuale, ”il primo consiglio che viene dato è quello di aprirsi sul genitore esterno”.

– Ma se questo non è possibile, bisogna aprire alla relazione con altri famigliari e amici di altro sesso – spiega Oliverio Ferraris – perchè il figlio può sentirne l’esigenza. Le coppie gay devono tenere presenti le problematiche di crescita che variano da figlio a figlio – prosegue la psicologa -. Occorrono apertura, flessibilità, bisogna essere pronti all’ascolto del figlio. Alcune coppie si preparano abbastanza per affrontare questa situazione.

Ma un problema per questi figli è anche ”l’ambiente esterno, che spesso non è accogliente – sottolinea la docente universitaria -. Per esempio a scuola i ragazzi per offendersi dicono ‘sei gay’ senza sapere in quali condizioni viva il ragazzino a cui si rivolgono. Dunque è importante anche l’educazione degli altri e c’è da dire che viviamo in un momento di passaggio in cui la società non è ancora educata” rispetto a queste questioni.

– La scuola aiuta ad affrontare tutte le diversità – osserva infine Oliverio Ferraris – ma è necessario approfondire i problemi in soggetti non maturi, fragili.

Ultima ora

23:35Sci: slalom Schladming, vittoria Kristoffersen

(ANSA) - SCHLADMING (AUSTRIA), 24 GEN - Il norvegese Henrik Kristoffersen ha vinto la 20/a edizione dello slalom speciale notturno di Schladming bissando il successo dello scorso anno. Al secondo posto l'austriaco Marcel Hirscher in 1.39.92 davanti al russo Alexander Khoroshilov in 1.40.46. Migliore degli italiani il trentino Stefano Gross, quinto in 1.41.37 Gli altri azzurri in classifica sono Manfred Moelgg, 12/o in 1.42.36, il giovane Tommaso Sala 20/o in 1.43.08 e Giuliano Razzoli 22/o in 1.43.37, mentre Patrick Thaler ha inforcato con dolorosa torsione al ginocchio destro. Dopo questa gara in classifica generale di Coppa l'austriaco Marcel Hirscher e' saldamente al comando con 1.160 punti davanti a Kristoffersen a quota 792. La coppa maschile si trasferisce ora in Germania, a Garmisch-Partenkirchen: venerdì una prima discesa recupero di Wengen, sabato un'altra discesa e domenica slalom gigante. Sono le ultime gare in queste discipline prima dei Mondiali di St.Moritz.

22:47Calcio: Zamparini, non contento del gioco di Corini

(ANSA) - PALERMO, 24 GEN - "Io credo ancora alla salvezza. Reputo che, con i rinforzi in procinto di essere ingaggiati dal ds Salerno, ci possiamo salvare. Non ero contento del gioco di Corini, per Eugenio era un compito difficile: non è riuscito a cambiare la mentalità della squadra". Lo ha detto il presidente del Palermo, Maurizio Zamparini, ai microfoni di Sky Sport. "Non abbiamo scelto ancora nessuno per la panchina - ha spiegato il patron del club rosanero -. Diego Lopez sta arrivando in Italia, Salerno lo conosce bene e valuteremo. E' il profilo preferito dal direttore Salerno, io devo conoscerlo un pò, ma il 'mio' direttore ha il 100% della mia fiducia: mi fido di lui".

22:32Sciatore disperso ad Abetone, ritrovato da Soccorso Alpino

(ANSA) - PISTOIA, 24 GEN - E' stato ritrovato e sta bene lo sciatore disperso dal tardo pomeriggio di oggi ad Abetone. Si tratta di un 20enne di Massa e Cozzile (Pistoia), che con attrezzatura non idonea (normali sci da pista), si era avventurato in una zona impervia e particolarmente scoscesa, per la quale sarebbero serviti almeno sci da alpinismo e molta esperienza. Intorno alle 17 la batteria del telefono che aveva con sé si è scaricata ed ha perso i contatti con gli amici. A ritrovarlo intorno alle 20.30 sono stati i volontari del Soccorso alpino e gli agenti della polizia di stato in servizio sulle piste da neve.

22:13Sciatore disperso ad Abetone, lo cerca il Soccorso alpino

(ANSA) - PISTOIA, 24 GEN - Il Soccorso alpino ha avviato le ricerche di uno sciatore che sarebbe disperso nella zona dell'Alpe delle Tre Potenze, in Val di Luce, ad Abetone (Pistoia). Gli amici, dopo averlo sentito per l'ultima volta alle 17 hanno perso i contatti con l'uomo ed hanno dato l'allarme ai soccorsi. E' partita una squadra di volontari del Soccorso alpino e speleologico toscano per le ricerche. Secondo le prime indicazioni, lo sciatore, avrebbe intrapreso il percorso che va dall'Alpe Tre Potenze (1940 m) verso il Lago Nero.

22:05Calcio: Juventus, Real e Barcellona contro discriminazione

(ANSA) - TORINO, 24 GEN - I presidenti di Juventus, Real Madrid e Barcellona hanno partecipato oggi nella capitale spagnola al lancio dell'iniziativa 'Sin respecto no hay huego', la nuova campagna a favore dell'inclusione e contro ogni forma di discriminazione nel calcio, varata dal Gruppo Prisa in collaborazione con Unesco e alla quale hanno aderito i tre club calcistici. Andrea Agnelli ha ricordato come il 27 novembre 2015 a Parigi la Juventus aveva presentato nella sede dell'Unesco il dossier 'Colour? What colour?', incentrato sui fenomeni legati al razzismo in campo internazionale, progetto che lo stesso club bianconero ha finanziato. "Il documento - ha sottolineato il presidente della Juventus - propone delle misure e degli strumenti volti a favorire l'integrazione. Necessità però dell'aiuto di tutti: istituzioni, club e media. Con l'appoggio di tutti sarà più facile dire 'No al razzismo' e favorire l'inclusione e il rispetto verso gli altri".

22:03F.1: la Fia ringrazia Ecclestone

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - La Fia ringrazia l'ad uscente della F1 management, Bernie Ecclestone, "per più di 40 anni di dedizione alla Federazione". "La Fia - si legge in un comunicato - è stata responsabile della creazione di una struttura normativa per la Formula 1 già nel 1946. La Federazione resta impegnata a regolamentare il Mondiale di F1 in modo equo, sicuro e nel migliore interesse dello sport, come ha cercato di fare sin dall'inizio, 67 anni fa". Il presidente della Fia, Jean Todt, si è congratulato con i nuovi proprietari del Gruppo Formula 1, Liberty media corporation. "Come organo di governo della Formula 1, la Fia dà il benvenuto al nuovo ad, Chase Carey, e a tutta la sua squadra per il campionato", prosegue la nota. "Tutta l'organizzazione della Fia - conclude - non vede l'ora di lavorare a stretto contatto, con l'obiettivo comune di migliorare e crescere ulteriormente lo sport con il supporto delle competenze altamente riconosciute di Liberty media corporation sui media e nel mondo della comunicazione sportiva".

21:35Usa: tabloid, Obama ora in vacanza ai Caraibi

(ANSA) - NEW YORK, 24 GEN - Gli Obama ora sarebbero in vacanza ai Caraibi. Lo riferisce Tmz secondo cui l'ex famiglia presidenziale avrebbe lasciato Palm Springs in California dopo soli tre giorni a causa del maltempo. Sempre secondo il tabloid, Barack e Michelle sarebbero prima ritornati a Washington, poi di li avrebbero preso un jet privato di Richard Branson, il businessman inglese proprietario della Virgin Atlantic, alla volta dell'isola di Necker, nelle isole Vergini britanniche. Il sito di Tmz mostra una foto in cui l'ex presidente e First Lady posano con delle persone che sembrano delle guardie. Ancora secondo indiscrezioni, Malia e Sasha non avrebbero seguito i genitori a Palm Spring ma probabilmente ora sono ai Caraibi anche se al momento non circola nessuna loro foto.

Archivio Ultima ora