Cassazione: No a pregiudizi per i figli alle coppie gay

Pubblicato il 11 gennaio 2013 da redazione

ROMA  – Un minore può crescere in modo equilibrato anche in una famiglia gay. Né vi sono ”certezze scientifiche o dati di esperienza” che provino il contrario. E’ il principio messo nero su bianco dalla prima sezione civile della Cassazione con una sentenza, depositata ieri, che nel respingere il ricorso di un immigrato mussulmano, ha dato il via libera all’affido di un bambino a una coppia formata da due donne, stabilendo che ”il mero pregiudizio che sia dannoso per l’equilibrato sviluppo del bambino il fatto di vivere in una famiglia incentrata su una coppia omosessuale” dà ”per scontato ciò che invece è da dimostrare, ossia la dannosità di quel contesto famigliare”.

L’uomo, che vive a Brescia, si era rivolto ai Supremi Giudici per contestare la decisione con la quale la Corte d’Appello bresciana, il 26 luglio 2011, aveva affidato in via esclusiva il figlio minore, naturale, che lui aveva avuto dalla sua ex compagna, I.B., alla donna. Il padre dal bambino conteso faceva anche presente che la sua ex era andata a vivere con una assistente sociale della comunità per tossicodipendenti in cui, anni prima, era andata a disintossicarsi. Secondo lui era dannoso che il minore fosse educato in un contesto omosessuale.

Ma la Suprema Corte gli ha fatto presente che era stato proprio lui, con la sua condotta violenta nei confronti della compagna della sua ex, ad aver provocato una reazione di turbamento nel minore dal quale, per di più, si era allontanato quando il bimbo aveva appena 10 mesi ”sottraendosi anche agli incontri protetti ed assumendo, quindi, un comportamento non improntato a volontà di recupero delle funzioni genitoriali e poco coerente con la stessa richiesta di affidamento condiviso e di frequentazione libera del bambino”.

Esultano le associazioni omosessuali, che da Arcigay, a Gay Center al Circolo Mario Mieli, parlano di ”sentenza storica” e chiedono alla futura maggioranza di legiferare. Soddisfatta anche Equality, anche se ”rimane irrisolto, in assenza di una legge, il problema della tutela dei bambini delle famiglie omosessuali, che hanno utilizzato tecniche di fecondazione assistita all’estero”.

Per Ignazio Marino, senatore Pd, ”la Corte ha sancito un principio di civiltà”.

– La capacità di crescere un figlio – ha commentato – non è prerogativa esclusiva della coppia eterosessuale, ma riguarda anche le coppie omosessuali e i single. E’ un dato confermato dalla scienza. L’importante è che l’adozione venga disposta nell’esclusivo interesse del minore.

Opposta la posizione del capogruppo Pdl al Senato, Maurizio Gasparri, che vede nel pronunciamento ”un precedente molto pericoloso” che ”di fatto apre ai figli nelle coppie gay, sostituendosi al legislatore giacchè nel nostro paese non è possibile dare in affido un bambino a coppie dello stesso orientamento sessuale”.

Per Carlo Giovanardi, senatore Pdl, se é ”difficilmente sindacabile la convinzione della Cassazione che il bambino nel caso specifico debba rimanere con la mamma, totalmente inaccettabile é il vizio dei magistrati di sostituirsi ai legislatori trinciando giudizi temerari” sulla equilibrata crescita di un bambino. Ma da un altro esponente Pdl, Giancarlo Galan, arriva una valutazione opposta.

– E’ un passo avanti, lo Stato laico deve ascoltare i cittadini.

Contrario invece Massimo Polledri, esponente cattolico della Lega Nord, secondo il quale la sentenza è ”un anticipo del governo Bersani”.

– Non si può costruire una civiltà attraverso le sentenze dei Tribunali – è la reazione di sconcerto di monsignor Domenico Sigalini, vescovo di Palestrina e presidente della Commissione Cei per il Laicato, che invita a considerare ”i tanti studi fatti finora sulla famiglia”.

La psicologa: “Il problema è la preparazione dei genitori”
”In assoluto non è un problema” che un figlio cresca con una coppia omosessuale ”ma in questo ambito c’è una grossa differenza da caso a caso, come peraltro per le coppie eterosessuali. Più che dare principi generali, occorre verificare se le coppie sono all’altezza di tenere i figli, quindi bisogna vedere la preparazione dei genitori”. E’ il commento della psicologa Anna Oliverio Ferraris, docente dell’età evolutiva all’università La Sapienza di Roma, interpellata a proposito della sentenza della Cassazione su figli cresciuti da coppie omosessuali.

– Escludendo naturalmente i pregiudizi – sostiene -, l’affido condiviso è la soluzione ideale, osserva la psicologa, spiegando che assicura il rapporto con entrambi i genitori e in Italia la tendenza é proprio questa. Ciò che bisogna valutare non sono le tendenze sessuali della coppia, che in generale non sono un problema, ma ciò che il figlio trova in questi genitori.

Per evitare che un figlio minorenne cresca in una famiglia dove c’è un solo genere sessuale, ”il primo consiglio che viene dato è quello di aprirsi sul genitore esterno”.

– Ma se questo non è possibile, bisogna aprire alla relazione con altri famigliari e amici di altro sesso – spiega Oliverio Ferraris – perchè il figlio può sentirne l’esigenza. Le coppie gay devono tenere presenti le problematiche di crescita che variano da figlio a figlio – prosegue la psicologa -. Occorrono apertura, flessibilità, bisogna essere pronti all’ascolto del figlio. Alcune coppie si preparano abbastanza per affrontare questa situazione.

Ma un problema per questi figli è anche ”l’ambiente esterno, che spesso non è accogliente – sottolinea la docente universitaria -. Per esempio a scuola i ragazzi per offendersi dicono ‘sei gay’ senza sapere in quali condizioni viva il ragazzino a cui si rivolgono. Dunque è importante anche l’educazione degli altri e c’è da dire che viviamo in un momento di passaggio in cui la società non è ancora educata” rispetto a queste questioni.

– La scuola aiuta ad affrontare tutte le diversità – osserva infine Oliverio Ferraris – ma è necessario approfondire i problemi in soggetti non maturi, fragili.

Ultima ora

16:15Calcio: Sallai, giocare in A è un sogno

(ANSA) - PALERMO, 26 SET - "Mi avessero detto un anno e mezzo fa, che mi sarei ritrovato in Serie A a giocare contro Napoli e Juventus, non ci avrei mai creduto. Ogni calciatore lavora ogni giorno per vivere momenti come questi: ringrazio coloro che hanno permesso questo mio passaggio in rosanero. Qui avrò la possibilità di crescere e fare bene". Parola di Roland Sallai, giovane attaccante del Palermo. Sallai non sembra aver ancora convinto il ct ungherese Storck, che ha deciso di non convocarlo per le prossime gare di qualificazione ai Mondiali. "Mi dispiace molto - ha spiegato - ma vuol dire che devo fare ancora qualcosa in più. A maggio ho esordito a nemmeno 19 anni nella Nazionale. Il mio obiettivo è dar seguito alla mia esperienza, ma ho tutta una vita davanti".

16:14Camorra: pizzo per “gli amici di Casale”, 3 misure cautelari

(ANSA) - NAPOLI, 26 SET - Chiedevano somme di denaro per i carcerati agli imprenditori del litorale domizio, nel Casertano, a nome "degli amici di Casale": nuove accuse per tre uomini ritenuti appartenenti alla fazione Bidognetti del clan dei Casalesi, già in carcere per altri reati. Si tratta di Luigi Bitonto, 40 anni; Vincenzo Schiavone, 50 anni e di Pasquale Perrone, di 36 anni. Secondo le indagini dei carabinieri, coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, Bitonto e Schiavone avrebbero chiesto e ottenuto il pizzo dal titolare di un lido balneare di Castel Volturno (Caserta) che poi ha denunciato tutto alle forze dell'ordine. Un altro tentativo di estorsione viene contestato a Pasquale Perrone, ai danni del titolare di un distributore di benzina che si trova sulla strada statale Domiziana, sempre a Castel Volturno. I tre sono accusati, a vario titolo, di estorsione aggravata dal metodo mafioso. (ANSA).

16:09Gira a piedi Italia per lotta fibrosi cistica,lo chiama Papa

(ANSA) - VENEZIA, 26 SET - "Difficile crederlo, anche per me. Ho appena ricevuto una telefonata da Sua Santità Papa Francesco": non nasconde l'emozione Christian Cappello, il compagno di Marta Lazzarin, la blogger vicentina malata di fibrosi cistica e morta assieme al bimbo in grembo, nel dicembre 2015, che sta girando l'Italia a piedi per raccogliere fondi a favore della ricerca sulla malattia. A raccontare della telefonata è lo stesso Cappello su Facebook. "Ho risposto un po' con il fiatone - dice - ad un numero anonimo che di solito non considero neppure. 'Ciao Chris, sono Papa Francesco, ti chiamo perché ho letto la tua lettera e ciò che fai è bellissimo. Sto pregando per te, non ti preoccupare, avanti così e forza!'. Io sono riuscito solo a dire: 'la ringrazio Sua Santità, è per me un grande onore sentirvi al telefono ed anche io pregherò per voi'". "Grazie Chris, ne ho bisogno" è stata la risposta di Francesco. Il giro è anche la concretizzazione del sogno che Cappello aveva con Marta: fare un viaggio a piedi per solidarietà.

15:51Carceri: Sappe, detenuto trovato a Bologna con due cellulari

(ANSA) - BOLOGNA, 26 SET - Due telefoni cellulari, all'interno delle scarpe di un detenuto che stava facendo un'attività lavorativa. Sono stati trovati nel carcere bolognese della Dozza, secondo quanto riferisce il Sappe, Sindacato autonomo di polizia penitenziaria, secondo cui il detenuto nascondeva i telefoni per poi utilizzarli o farli utilizzare ad altri, visto che aveva accesso a diversi spazi dell'istituto. "Quello dell'ingresso e dell'utilizzo dei telefoni cellulari è un problema che l'amministrazione penitenziaria si trascina da tempo e pare non abbia intenzione di risolvere, considerato che esistono dispositivi in grado di neutralizzarne l'uso", dicono il segretario generale aggiunto Giovanni Battista Durante e il segretario regionale Francesco Cambopasso. (ANSA).

15:48Calcio: Zanetti, Inter in crescita ma può dare di più

(ANSA) - MILANO, 26 SET - "De Boer sta facendo un ottimo lavoro, con grande professionalità. Spero che ci riporti alle posizioni di vertice. La squadra cresce a ogni partita ma può dare molto di più": lo ha detto il vicepresidente dell'Inter Javier Zanetti a 'Radio Anch'io Sport' su Radio1. Giovedì i nerazzurri giocheranno la seconda partita di Europa League contro lo Sparta Praga e l'obiettivo sarà cancellare la sconfitta contro l'Hapoel Beer Sheva. "Dobbiamo onorare la competizione europea - dice Zanetti - possiamo riscattarci dopo la prima partita. Da lì penseremo a un altro match importante: quello con la Roma". De Boer dovrà risolvere il caso Kondogbia, sostituito al 28' contro il Bologna dopo una prestazione molto deludente. Zanetti minimizza: "Non deve essere considerato bocciato. Con l'ingresso di Gnoukouri la squadra ha giocato diversamente". Zanetti potrebbe in futuro diventare il presidente dell'Inter. "Sono sempre più coinvolto nelle cose più importanti del club. Il Suning? E' un gruppo molto forte e serio".

15:41Uomo spara in centro commerciale Houston

(ANSA) - WASHINGTON, 26 SET - Diverse persone sono rimaste ferite in una sparatoria in un centro commerciale di Houston. L'autore, un nero, è stato ferito e arrestato dagli agenti. C'è ancora incertezza sia sulla dinamica della sparatoria che sul numero dei feriti, dai sei agli otto, secondo i media locali. Un testimone ha raccontato di aver sentito una trentina di spari. La sparatoria è avvenuta nell'area di Weslayan, una zona residenziale. Secondo le prime ricostruzioni, l'uomo sparava contro i veicoli di passaggio.

15:37Testa a testa Clinton-Trump a poche ore duello

(Ripetizione con sottotitolo e testo corretto) (ANSA) - NEW YORK, 26 SET - A poche ore dal primo duello tv tra Hillary Clinton e Donald Trump i sondaggi parlano di un testa a testa tra i due candidati. Secondo il sito specializzato RealClearPolitics, che fa la media di tutte le principali rilevazioni, la ex first lady è in leggero vantaggio, di appena 2,1 punti, con il 45,9% delle preferenze, contro il 43,8% del rivale repubblicano.

Archivio Ultima ora