Cassazione: No a pregiudizi per i figli alle coppie gay

Pubblicato il 11 gennaio 2013 da redazione

ROMA  – Un minore può crescere in modo equilibrato anche in una famiglia gay. Né vi sono ”certezze scientifiche o dati di esperienza” che provino il contrario. E’ il principio messo nero su bianco dalla prima sezione civile della Cassazione con una sentenza, depositata ieri, che nel respingere il ricorso di un immigrato mussulmano, ha dato il via libera all’affido di un bambino a una coppia formata da due donne, stabilendo che ”il mero pregiudizio che sia dannoso per l’equilibrato sviluppo del bambino il fatto di vivere in una famiglia incentrata su una coppia omosessuale” dà ”per scontato ciò che invece è da dimostrare, ossia la dannosità di quel contesto famigliare”.

L’uomo, che vive a Brescia, si era rivolto ai Supremi Giudici per contestare la decisione con la quale la Corte d’Appello bresciana, il 26 luglio 2011, aveva affidato in via esclusiva il figlio minore, naturale, che lui aveva avuto dalla sua ex compagna, I.B., alla donna. Il padre dal bambino conteso faceva anche presente che la sua ex era andata a vivere con una assistente sociale della comunità per tossicodipendenti in cui, anni prima, era andata a disintossicarsi. Secondo lui era dannoso che il minore fosse educato in un contesto omosessuale.

Ma la Suprema Corte gli ha fatto presente che era stato proprio lui, con la sua condotta violenta nei confronti della compagna della sua ex, ad aver provocato una reazione di turbamento nel minore dal quale, per di più, si era allontanato quando il bimbo aveva appena 10 mesi ”sottraendosi anche agli incontri protetti ed assumendo, quindi, un comportamento non improntato a volontà di recupero delle funzioni genitoriali e poco coerente con la stessa richiesta di affidamento condiviso e di frequentazione libera del bambino”.

Esultano le associazioni omosessuali, che da Arcigay, a Gay Center al Circolo Mario Mieli, parlano di ”sentenza storica” e chiedono alla futura maggioranza di legiferare. Soddisfatta anche Equality, anche se ”rimane irrisolto, in assenza di una legge, il problema della tutela dei bambini delle famiglie omosessuali, che hanno utilizzato tecniche di fecondazione assistita all’estero”.

Per Ignazio Marino, senatore Pd, ”la Corte ha sancito un principio di civiltà”.

– La capacità di crescere un figlio – ha commentato – non è prerogativa esclusiva della coppia eterosessuale, ma riguarda anche le coppie omosessuali e i single. E’ un dato confermato dalla scienza. L’importante è che l’adozione venga disposta nell’esclusivo interesse del minore.

Opposta la posizione del capogruppo Pdl al Senato, Maurizio Gasparri, che vede nel pronunciamento ”un precedente molto pericoloso” che ”di fatto apre ai figli nelle coppie gay, sostituendosi al legislatore giacchè nel nostro paese non è possibile dare in affido un bambino a coppie dello stesso orientamento sessuale”.

Per Carlo Giovanardi, senatore Pdl, se é ”difficilmente sindacabile la convinzione della Cassazione che il bambino nel caso specifico debba rimanere con la mamma, totalmente inaccettabile é il vizio dei magistrati di sostituirsi ai legislatori trinciando giudizi temerari” sulla equilibrata crescita di un bambino. Ma da un altro esponente Pdl, Giancarlo Galan, arriva una valutazione opposta.

– E’ un passo avanti, lo Stato laico deve ascoltare i cittadini.

Contrario invece Massimo Polledri, esponente cattolico della Lega Nord, secondo il quale la sentenza è ”un anticipo del governo Bersani”.

– Non si può costruire una civiltà attraverso le sentenze dei Tribunali – è la reazione di sconcerto di monsignor Domenico Sigalini, vescovo di Palestrina e presidente della Commissione Cei per il Laicato, che invita a considerare ”i tanti studi fatti finora sulla famiglia”.

La psicologa: “Il problema è la preparazione dei genitori”
”In assoluto non è un problema” che un figlio cresca con una coppia omosessuale ”ma in questo ambito c’è una grossa differenza da caso a caso, come peraltro per le coppie eterosessuali. Più che dare principi generali, occorre verificare se le coppie sono all’altezza di tenere i figli, quindi bisogna vedere la preparazione dei genitori”. E’ il commento della psicologa Anna Oliverio Ferraris, docente dell’età evolutiva all’università La Sapienza di Roma, interpellata a proposito della sentenza della Cassazione su figli cresciuti da coppie omosessuali.

– Escludendo naturalmente i pregiudizi – sostiene -, l’affido condiviso è la soluzione ideale, osserva la psicologa, spiegando che assicura il rapporto con entrambi i genitori e in Italia la tendenza é proprio questa. Ciò che bisogna valutare non sono le tendenze sessuali della coppia, che in generale non sono un problema, ma ciò che il figlio trova in questi genitori.

Per evitare che un figlio minorenne cresca in una famiglia dove c’è un solo genere sessuale, ”il primo consiglio che viene dato è quello di aprirsi sul genitore esterno”.

– Ma se questo non è possibile, bisogna aprire alla relazione con altri famigliari e amici di altro sesso – spiega Oliverio Ferraris – perchè il figlio può sentirne l’esigenza. Le coppie gay devono tenere presenti le problematiche di crescita che variano da figlio a figlio – prosegue la psicologa -. Occorrono apertura, flessibilità, bisogna essere pronti all’ascolto del figlio. Alcune coppie si preparano abbastanza per affrontare questa situazione.

Ma un problema per questi figli è anche ”l’ambiente esterno, che spesso non è accogliente – sottolinea la docente universitaria -. Per esempio a scuola i ragazzi per offendersi dicono ‘sei gay’ senza sapere in quali condizioni viva il ragazzino a cui si rivolgono. Dunque è importante anche l’educazione degli altri e c’è da dire che viviamo in un momento di passaggio in cui la società non è ancora educata” rispetto a queste questioni.

– La scuola aiuta ad affrontare tutte le diversità – osserva infine Oliverio Ferraris – ma è necessario approfondire i problemi in soggetti non maturi, fragili.

Ultima ora

13:58Calcio:Milan, Galliani,battendo Crotone scenari interessanti

(ANSA) - MILANO, 4 DIC - Il Milan non deve sottovalutare la sfida dell'ora di pranzo con il Crotone "perché è un orario tradizionalmente ostico" e perché un successo "aprirebbe scenari veramente interessanti". Questo il pensiero dell'ad rossonero Adriano Galliani poco prima della partita con i calabresi. "Le 12.30 sono un orario tradizionalmente ostico per noi, facciamo fatica, speriamo che i giocatori si siano svegliati bene stamattina - ha notato Galliani -. Il Crotone lascia punti in giro ma dopo aver lottato fino alla fine. Sarebbe fondamentale arrivare con una vittoria alla partita di lunedì prossimo con la Roma, si aprirebbero scenari veramente interessanti".

13:56Milan: Galliani, mercato gennaio condiviso con cinesi

(ANSA) - MILANO, 4 DIC - "Con le regole attuali sarò io a gestire il mercato, e qualsiasi operazione dovrà essere condivisa dalla Sino-Europe Sports". L'ad del Milan Adriano ha confermato che, con la proroga a febbraio del closing per la cessione ai cinesi del club, la gestione del mercato invernale sarà "molto simile a quella di agosto: noi faremo le proposte, se i potenziali acquirenti non le accettano non si fanno. Il mercato - ha detto a Premium Sport prima di Milan-Crotone - è gestito da noi e condiviso, perché siamo in un 'interim period', come si dice nel mondo del business. Non è incertezza, è un dato di fatto".

13:53Referendum: governatore Pigliaru ha votato a Cagliari

(ANSA) - CAGLIARI, 4 DIC - Il governatore della Sardegna Francesco Pigliaru ha votato intorno alle 11.30 nel suo seggio n.106 alla scuola elementare Satta di via Crispi, a Cagliari. A favore del Sì per la riforma costituzionale, il presidente della Regione seguirà lo spoglio dalla sua abitazione, come è abituato a fare in occasione di consultazioni elettorali. Alla domanda dell'ANSA circa una previsione sull'esito del voto, Pigliaru non si è sbilanciato limitandosi a commentare: "vedo molta gente ai seggi, su come andrà vedremo". (ANSA).

13:52Pugilato: trovato accordo Mondiale massimi Joshua-Klitschko

(ANSA) - LONDRA, 4 DIC - E' stato trovato l'accordo per far disputare la supersfida per il Mondiale dei pesi massimi Wba tra il britannico Anthony Joshua, attuale detentore del titolo Ibf, e l'ex campione della categoria Wladimir Klitschko, dominatore per anni della categoria e ora fermo da un anno. La corona in palio sarà quella lasciata vacante dall'altro britannico Tyson Fury, ritiratosi per problemi di doping e depressione. Il match fra Joshua e Klitschko si disputerebbe, secondo quanto hanno fatto sapere fonti vicine ai due pugili, il 29 aprile del prossimo anno nello stadio londinese di Wembley. L'annuncio ufficiale verra' dato sabato prossimo, 10 dicembre, a Manchester al termine della difesa del titolo da parte di Joshua, dato come strafavorito, contro Eric Molina, texano che oltre a fare il pugile insegna ai bambini disabili. Sia Klitschko che Joshua sono stati campioni olimpici dei supermassimi: l'ucraino ad Atlanta 1996, il britannico, con verdetto discutibile ai danni dell'azzurro Roberto Cammarelle, a Londra nel 2012.

13:50Parte progetto chef Bottura, cena 60 persone in difficoltà

(ANSA) - MODENA, 4 DIC - Da domani, ogni lunedì sera, presso la mensa della Ghirlandina gli chef del Consorzio Modena a Tavola prepareranno 60 pasti per chi non se li può permettere. E' il progetto di Massimo Bottura 'Socialtables@Ghirlandina', la nuova mensa solidale fortemente voluta dallo chef pluristellato anche nella sua città, dopo le esperienze di Milano, Rio e Bologna. Il primo ai fornelli sarà Luca Marchini, del ristorante 'L'erba del Re' e presidente del Consorzio. In tavola verranno portate ricette della tradizione locale, grazie agli chef che hanno aderito all'iniziativa e che si avvicenderanno in cucina. Quindi le materie prime parleranno di un territorio particolarmente vocato all'agroalimentare, la tavola celebrerà le ricette della tradizione locale. Per ora gli appuntamenti in calendario sono 14 ma l'iniziativa proseguirà ad oltranza vista l'adesione e l'entusiasmo di tutti i ristoratori del circuito. "Di refettori che aprano le porte al prossimo - commenta Marchini - ce n'è immenso bisogno anche sotto casa". (ANSA).

13:43Casa in fiamme per termocoperta, coniugi gravi a Genova

(ANSA) - GENOVA, 4 DIC - Due coniugi sono rimasti feriti in modo grave per un'incendio divampato la scorsa notte nella loro abitazione al civico 65 di via Posalunga a Genova. Il rogo è scaturito a quanto risulta da una termocoperta mal funzionante. I feriti sono Michele Siracusano, 49 anni, e Gloria Marauda, 54 anni, disabile con problemi motori. Il primo è in condizioni gravissime nel centro grandi ustionati dell'ospedale Villa scassi di Sampierdarena con ustioni sull'80% del corpo. La moglie è ricoverata nella sala di rianimazione dell'ospedale San Martino in coma farmacologico indotto dai medici. Non è in pericolo di vita. La donna è stata colpita da calcinacci caduti dal soffitto a causa del calore. I primi ad intervenire in soccorso sono stati i carabinieri che dopo avere abbattuto la porta sono stati respinti dal fumo e dal calore. I pompieri muniti di autoprotettori sono riusciti a mettere in salvo i due.

13:43Referendum: Renzi vota, “Come? Ora ci penso…”

(ANSA) - FIRENZE, 4 DIC - Folla di giornalisti, fotografi e cameramen alla sezione elettorale n.3 di Pontassieve (Firenze), dove il premier Matteo Renzi ha votato stamani, attorno alle 11. Renzi, accompagnato da moglie e figli, ha atteso in coda una decina di minuti per prendere la scheda. Nessuna dichiarazione, molti selfie con le persone fuori dal seggio e un siparietto con una elettrice che gli ha chiesto: "Presidente, ha già deciso come vota?". E Renzi, scherzando, "Beh, ora ci penso...". Il premier si è poi informato su come stesse andando l'affluenza e, quando uno scrutatore gli ha risposto che era in linea con quella delle elezioni europee, ha commentato sorridendo: "Allora va bene".

Archivio Ultima ora