Cassazione: No a pregiudizi per i figli alle coppie gay

Pubblicato il 11 gennaio 2013 da redazione

ROMA  – Un minore può crescere in modo equilibrato anche in una famiglia gay. Né vi sono ”certezze scientifiche o dati di esperienza” che provino il contrario. E’ il principio messo nero su bianco dalla prima sezione civile della Cassazione con una sentenza, depositata ieri, che nel respingere il ricorso di un immigrato mussulmano, ha dato il via libera all’affido di un bambino a una coppia formata da due donne, stabilendo che ”il mero pregiudizio che sia dannoso per l’equilibrato sviluppo del bambino il fatto di vivere in una famiglia incentrata su una coppia omosessuale” dà ”per scontato ciò che invece è da dimostrare, ossia la dannosità di quel contesto famigliare”.

L’uomo, che vive a Brescia, si era rivolto ai Supremi Giudici per contestare la decisione con la quale la Corte d’Appello bresciana, il 26 luglio 2011, aveva affidato in via esclusiva il figlio minore, naturale, che lui aveva avuto dalla sua ex compagna, I.B., alla donna. Il padre dal bambino conteso faceva anche presente che la sua ex era andata a vivere con una assistente sociale della comunità per tossicodipendenti in cui, anni prima, era andata a disintossicarsi. Secondo lui era dannoso che il minore fosse educato in un contesto omosessuale.

Ma la Suprema Corte gli ha fatto presente che era stato proprio lui, con la sua condotta violenta nei confronti della compagna della sua ex, ad aver provocato una reazione di turbamento nel minore dal quale, per di più, si era allontanato quando il bimbo aveva appena 10 mesi ”sottraendosi anche agli incontri protetti ed assumendo, quindi, un comportamento non improntato a volontà di recupero delle funzioni genitoriali e poco coerente con la stessa richiesta di affidamento condiviso e di frequentazione libera del bambino”.

Esultano le associazioni omosessuali, che da Arcigay, a Gay Center al Circolo Mario Mieli, parlano di ”sentenza storica” e chiedono alla futura maggioranza di legiferare. Soddisfatta anche Equality, anche se ”rimane irrisolto, in assenza di una legge, il problema della tutela dei bambini delle famiglie omosessuali, che hanno utilizzato tecniche di fecondazione assistita all’estero”.

Per Ignazio Marino, senatore Pd, ”la Corte ha sancito un principio di civiltà”.

– La capacità di crescere un figlio – ha commentato – non è prerogativa esclusiva della coppia eterosessuale, ma riguarda anche le coppie omosessuali e i single. E’ un dato confermato dalla scienza. L’importante è che l’adozione venga disposta nell’esclusivo interesse del minore.

Opposta la posizione del capogruppo Pdl al Senato, Maurizio Gasparri, che vede nel pronunciamento ”un precedente molto pericoloso” che ”di fatto apre ai figli nelle coppie gay, sostituendosi al legislatore giacchè nel nostro paese non è possibile dare in affido un bambino a coppie dello stesso orientamento sessuale”.

Per Carlo Giovanardi, senatore Pdl, se é ”difficilmente sindacabile la convinzione della Cassazione che il bambino nel caso specifico debba rimanere con la mamma, totalmente inaccettabile é il vizio dei magistrati di sostituirsi ai legislatori trinciando giudizi temerari” sulla equilibrata crescita di un bambino. Ma da un altro esponente Pdl, Giancarlo Galan, arriva una valutazione opposta.

– E’ un passo avanti, lo Stato laico deve ascoltare i cittadini.

Contrario invece Massimo Polledri, esponente cattolico della Lega Nord, secondo il quale la sentenza è ”un anticipo del governo Bersani”.

– Non si può costruire una civiltà attraverso le sentenze dei Tribunali – è la reazione di sconcerto di monsignor Domenico Sigalini, vescovo di Palestrina e presidente della Commissione Cei per il Laicato, che invita a considerare ”i tanti studi fatti finora sulla famiglia”.

La psicologa: “Il problema è la preparazione dei genitori”
”In assoluto non è un problema” che un figlio cresca con una coppia omosessuale ”ma in questo ambito c’è una grossa differenza da caso a caso, come peraltro per le coppie eterosessuali. Più che dare principi generali, occorre verificare se le coppie sono all’altezza di tenere i figli, quindi bisogna vedere la preparazione dei genitori”. E’ il commento della psicologa Anna Oliverio Ferraris, docente dell’età evolutiva all’università La Sapienza di Roma, interpellata a proposito della sentenza della Cassazione su figli cresciuti da coppie omosessuali.

– Escludendo naturalmente i pregiudizi – sostiene -, l’affido condiviso è la soluzione ideale, osserva la psicologa, spiegando che assicura il rapporto con entrambi i genitori e in Italia la tendenza é proprio questa. Ciò che bisogna valutare non sono le tendenze sessuali della coppia, che in generale non sono un problema, ma ciò che il figlio trova in questi genitori.

Per evitare che un figlio minorenne cresca in una famiglia dove c’è un solo genere sessuale, ”il primo consiglio che viene dato è quello di aprirsi sul genitore esterno”.

– Ma se questo non è possibile, bisogna aprire alla relazione con altri famigliari e amici di altro sesso – spiega Oliverio Ferraris – perchè il figlio può sentirne l’esigenza. Le coppie gay devono tenere presenti le problematiche di crescita che variano da figlio a figlio – prosegue la psicologa -. Occorrono apertura, flessibilità, bisogna essere pronti all’ascolto del figlio. Alcune coppie si preparano abbastanza per affrontare questa situazione.

Ma un problema per questi figli è anche ”l’ambiente esterno, che spesso non è accogliente – sottolinea la docente universitaria -. Per esempio a scuola i ragazzi per offendersi dicono ‘sei gay’ senza sapere in quali condizioni viva il ragazzino a cui si rivolgono. Dunque è importante anche l’educazione degli altri e c’è da dire che viviamo in un momento di passaggio in cui la società non è ancora educata” rispetto a queste questioni.

– La scuola aiuta ad affrontare tutte le diversità – osserva infine Oliverio Ferraris – ma è necessario approfondire i problemi in soggetti non maturi, fragili.

Ultima ora

00:05Calcio: salta trasferimento Witsel alla Juventus

(ANSA) - MILANO, 31 AGO - La Juventus non ha raggiunto l'accordo con lo Zenit per Axel Witsel. Il centrocampista belga, in scadenza a giugno 2017, resta quindi in Russia. Juventus e Zenit avevano trovato un'intesa sulla base di 18+2 di bonus ma, nelle ultime ore, il club russo ha chiesto più soldi, facendo tramontare la trattativa. Hernanes resta dunque alla Juventus che chiude il proprio mercato con il colpo Cuadrado.

23:37Spagna: in parlamento fumata nera per fiducia Rajoy

(ANSA) - MADRID, 31 AGO - La crisi politica spagnola resta in stallo: come previsto, il parlamento ha negato il voto di fiducia al premier designato conservatore Mariano Rajoy, che pure è solo a 6 voti dalla maggioranza assoluta, e si fa più vicino lo spettro di una 3/a tornata di elezioni anticipate. Come previsto i socialisti di Pedro Sanchez hanno tenuto fermo nel loro proposito di non dare alcun aiuto politico al Partito popolare (Pp), che nelle elezioni di giugno dopo quelle di dicembre, ha ottenuto di nuovo una maggioranza relativa, con 137 deputati su 350. Ora Rajoy ha ancora a disposizione il 2/o tentativo venerdì, quando gli serviranno solo più voti a favore che contrari e potrebbe cioè chiedere ai socialisti di astenersi, ma c'è da aspettarsi un'altra fumata nera. Poi, se non ci sarà un governo entro 2 mesi, re Felipe non avrà altra scelta che di indire nuove elezioni. A meno che dopo le elezioni in Galizia e Paese basco (25 settembre) il Psoe si ammorbidisca, e conceda l'astensione per il bene della Spagna.

23:29Calcio: Napoli, depositato il contratto di Maksimovic

(ANSA) NAPOLI, 31 AGO - Il Napoli ha depositato in Lega il contratto di Nikola Maksimovic. Il trasferimento è stato registrato dalla Lega di Serie A. Il difensore serbo ha firmato per cinque anni. Maksimovic, fermato per ore a Francoforte da un allarme-bomba all'aeroporto, è arrivato a Roma solo alle 20 e non ha potuto essere sottoposto alle visite mediche, dirigendosi direttamente negli uffici della Filmauro, per firmare il contratto, perché venisse depositato in tempo. Maksimovic potrebbe fare comunque le visite mediche domani.

23:27Trump in Messico, colloquio con presidente Pena Nieto

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 31 AGO - Donald Trump è giunto a Città del Messico e ha incontrato il presidente messicano, Enrique Pena Nieto: un gesto politicamente riparatore dopo gli insulti ai messicani dei mesi scorsi. "Ho avuto con il signor Trump un colloquio aperto e costruttivo", ha detto Pena nieto, aggiungendo che i messicani in Usa "contribuiscono in molti modi, sono onesti e gran lavoratori". "I messicani si sono sentiti offesi da quanto detto" da Trump, ha detto Pena Nieto. "L'intenzione - ha aggiunto - è di incontrare entrambi i candidati in modo da poter costruire insieme". "Ho un grande sentimento di rispetto per i messicani-americani", ha detto Trump, che però ha aggiunto che "qualunque Paese ha il diritto di costruire un muro o una barriera al confine". "Traffici di armi illegali, droga e denaro in entrambe le direzioni hanno conseguenze negative su entrambi i lati del confine...Entrambi i Paesi devono investire" per "renderli più sicuri ed efficienti", ha detto Pena Nieto.

23:02Milan: Mati Fernandez in prestito con diritto riscatto

(ANSA) - MILANO, 31 AGO - E' fatta, anche se manca l'ufficialità. Mati Fernandez è un giocatore del Milan e arriva in prestito con diritto di riscatto. Adriano Galliani ha messo a segno il colpo dell'ultimo minuto. Il centrocampista cileno, classe 1986, in uscita dalla Fiorentina, sembrava vicino al Cagliari, ma ha poi scelto di indossare la maglia del Milan.

23:00Calcio: Balotelli sbarca a Nizza, “Mi manda Garibaldi”

(ANSA) - ROMA, 31 AGO - Un Mario Balotelli sorridente, che stringe la mano al presidente del Nizza, Jean-Pierre Rivère, ha celebrato a modo suo il trasferimento a titolo definitivo nel Nizza, squadra che milita nella Ligue 1. L'attaccante, ex Inter, ex Milan ed ex Liverpool, che a lungo era stato corteggiato anche dal Palermo di Zamparini, ha postato - sul proprio account Istagram - la foto e un eloquente "Ciao Nizza, mi manda Garibaldi", con un chiaro riferimento all'Eroe dei due mondi, nato proprio nella città della Costa Azzurra.

22:50Roma 2024: Bersani, ragionamento Raggi è legittimo

(ANSA) - GENOVA, 31 AGO - "Non candidare Roma alle Olimpiadi per risolvere le emergenze della città è un ragionamento che più della metà dei romani capirebbe, è legittimo per il sindaco Raggi dire: io non me la sento di buttare tutte le energie sulle Olimpiadi". Lo dichiara Pier Luigi Bersani stasera a Genova alla Festa de l'Unità all'incontro pubblico 'Il Pd e le sue sfide'. "Il Pd dovrebbe essere tenuto a bada - ha aggiunto Bersani -, non ci sono state dimissioni né assemblee dopo la sconfitta elettorale, dopo 48 ore alcuni esponenti del partito hanno già iniziato ad attaccare il M5S per ogni cosa, continuando così l'M5S prende il 90%, abbiamo perso anche a Bologna. L'ingrediente principale della politica si chiama umiltà".

Archivio Ultima ora