Cassazione: No a pregiudizi per i figli alle coppie gay

Pubblicato il 11 gennaio 2013 da redazione

ROMA  – Un minore può crescere in modo equilibrato anche in una famiglia gay. Né vi sono ”certezze scientifiche o dati di esperienza” che provino il contrario. E’ il principio messo nero su bianco dalla prima sezione civile della Cassazione con una sentenza, depositata ieri, che nel respingere il ricorso di un immigrato mussulmano, ha dato il via libera all’affido di un bambino a una coppia formata da due donne, stabilendo che ”il mero pregiudizio che sia dannoso per l’equilibrato sviluppo del bambino il fatto di vivere in una famiglia incentrata su una coppia omosessuale” dà ”per scontato ciò che invece è da dimostrare, ossia la dannosità di quel contesto famigliare”.

L’uomo, che vive a Brescia, si era rivolto ai Supremi Giudici per contestare la decisione con la quale la Corte d’Appello bresciana, il 26 luglio 2011, aveva affidato in via esclusiva il figlio minore, naturale, che lui aveva avuto dalla sua ex compagna, I.B., alla donna. Il padre dal bambino conteso faceva anche presente che la sua ex era andata a vivere con una assistente sociale della comunità per tossicodipendenti in cui, anni prima, era andata a disintossicarsi. Secondo lui era dannoso che il minore fosse educato in un contesto omosessuale.

Ma la Suprema Corte gli ha fatto presente che era stato proprio lui, con la sua condotta violenta nei confronti della compagna della sua ex, ad aver provocato una reazione di turbamento nel minore dal quale, per di più, si era allontanato quando il bimbo aveva appena 10 mesi ”sottraendosi anche agli incontri protetti ed assumendo, quindi, un comportamento non improntato a volontà di recupero delle funzioni genitoriali e poco coerente con la stessa richiesta di affidamento condiviso e di frequentazione libera del bambino”.

Esultano le associazioni omosessuali, che da Arcigay, a Gay Center al Circolo Mario Mieli, parlano di ”sentenza storica” e chiedono alla futura maggioranza di legiferare. Soddisfatta anche Equality, anche se ”rimane irrisolto, in assenza di una legge, il problema della tutela dei bambini delle famiglie omosessuali, che hanno utilizzato tecniche di fecondazione assistita all’estero”.

Per Ignazio Marino, senatore Pd, ”la Corte ha sancito un principio di civiltà”.

– La capacità di crescere un figlio – ha commentato – non è prerogativa esclusiva della coppia eterosessuale, ma riguarda anche le coppie omosessuali e i single. E’ un dato confermato dalla scienza. L’importante è che l’adozione venga disposta nell’esclusivo interesse del minore.

Opposta la posizione del capogruppo Pdl al Senato, Maurizio Gasparri, che vede nel pronunciamento ”un precedente molto pericoloso” che ”di fatto apre ai figli nelle coppie gay, sostituendosi al legislatore giacchè nel nostro paese non è possibile dare in affido un bambino a coppie dello stesso orientamento sessuale”.

Per Carlo Giovanardi, senatore Pdl, se é ”difficilmente sindacabile la convinzione della Cassazione che il bambino nel caso specifico debba rimanere con la mamma, totalmente inaccettabile é il vizio dei magistrati di sostituirsi ai legislatori trinciando giudizi temerari” sulla equilibrata crescita di un bambino. Ma da un altro esponente Pdl, Giancarlo Galan, arriva una valutazione opposta.

– E’ un passo avanti, lo Stato laico deve ascoltare i cittadini.

Contrario invece Massimo Polledri, esponente cattolico della Lega Nord, secondo il quale la sentenza è ”un anticipo del governo Bersani”.

– Non si può costruire una civiltà attraverso le sentenze dei Tribunali – è la reazione di sconcerto di monsignor Domenico Sigalini, vescovo di Palestrina e presidente della Commissione Cei per il Laicato, che invita a considerare ”i tanti studi fatti finora sulla famiglia”.

La psicologa: “Il problema è la preparazione dei genitori”
”In assoluto non è un problema” che un figlio cresca con una coppia omosessuale ”ma in questo ambito c’è una grossa differenza da caso a caso, come peraltro per le coppie eterosessuali. Più che dare principi generali, occorre verificare se le coppie sono all’altezza di tenere i figli, quindi bisogna vedere la preparazione dei genitori”. E’ il commento della psicologa Anna Oliverio Ferraris, docente dell’età evolutiva all’università La Sapienza di Roma, interpellata a proposito della sentenza della Cassazione su figli cresciuti da coppie omosessuali.

– Escludendo naturalmente i pregiudizi – sostiene -, l’affido condiviso è la soluzione ideale, osserva la psicologa, spiegando che assicura il rapporto con entrambi i genitori e in Italia la tendenza é proprio questa. Ciò che bisogna valutare non sono le tendenze sessuali della coppia, che in generale non sono un problema, ma ciò che il figlio trova in questi genitori.

Per evitare che un figlio minorenne cresca in una famiglia dove c’è un solo genere sessuale, ”il primo consiglio che viene dato è quello di aprirsi sul genitore esterno”.

– Ma se questo non è possibile, bisogna aprire alla relazione con altri famigliari e amici di altro sesso – spiega Oliverio Ferraris – perchè il figlio può sentirne l’esigenza. Le coppie gay devono tenere presenti le problematiche di crescita che variano da figlio a figlio – prosegue la psicologa -. Occorrono apertura, flessibilità, bisogna essere pronti all’ascolto del figlio. Alcune coppie si preparano abbastanza per affrontare questa situazione.

Ma un problema per questi figli è anche ”l’ambiente esterno, che spesso non è accogliente – sottolinea la docente universitaria -. Per esempio a scuola i ragazzi per offendersi dicono ‘sei gay’ senza sapere in quali condizioni viva il ragazzino a cui si rivolgono. Dunque è importante anche l’educazione degli altri e c’è da dire che viviamo in un momento di passaggio in cui la società non è ancora educata” rispetto a queste questioni.

– La scuola aiuta ad affrontare tutte le diversità – osserva infine Oliverio Ferraris – ma è necessario approfondire i problemi in soggetti non maturi, fragili.

Ultima ora

00:17Europei U21: Calabria, in partita fino all’espulsione

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Tutti noi abbiamo disputato una grande partita, ma la Spagna è forte. Abbiamo gicoato alla pari fino all'espulsione di Gagliardini, in 10 contro 11 si è fatta sentire la fatica e loro hanno avuto il sopravvento. Tuttavia, usciamo a testa alta da questo torneo". Così Davide Calabria, in campo per la squalifica di Conti, parlando ai microfoni della Rai, commenta il ko contro gli spagnoli, nella semifinale dell'Europeo Under 21, a Cracovia. "Potevamo andare in finale, l'avremmo meritato - conclude - nella nostra squadra ci sono buoni giocatori. Il mercato? Nessuno di noi ci ha pensato". (ANSA).

23:54Cosentino: giudici in motivazioni Eco4, patto con il clan

(ANSA) - CASERTA, 27 GIU - "Convergenti elementi di prova indicano attendibilmente che Nicola Cosentino, sin dall'inizio della sua carriera politica, ha goduto del sostegno elettorale del clan dei Casalesi, segnatamente del gruppo Bidognetti sin dalle elezioni comunali del 1978 e anche del gruppo Schiavone a partire dalle elezioni regionali del 1995". Così i giudici del collegio del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ricostruiscono la "carriera politica" dell'ex sottosegretario all'Economia del Governo Berlusconi, in uno dei passaggi chiave delle motivazioni (di 597 pagine) della sentenza di condanna a 9 anni di carcere emessa il 17 novembre scorso, e depositate qualche giorno fa. Si tratta del processo cosiddetto Eco4, in cui la Dda di Napoli ha contestato all'ex politico di Casal di Principe il ruolo di "referente politico nazionale del clan dei Casalesi"; un "teorema confermato" dalla condanna per concorso esterno in associazione camorristica. L'ex uomo forte del Pdl in Campania è agli arresti domiciliari a Caserta.

23:44Morto Luigi Pedrazzi, fu tra i fondatori del Mulino

(ANSA) - BOLOGNA, 27 GIU - E' morto Luigi Pedrazzi, politologo, tra i fondatori della rivista Il Mulino. Aveva 89 anni. Tra le voci più influenti del pensiero politico cattolico di centrosinistra, è stato anche protagonista della stagione dell'Ulivo. Ex vicesindaco a Bologna durante l'amministrazione di Walter Vitali, nel 2014 ricevette l'Archiginnasio d'oro conferito dal Comune come "personalità che si è distinta nel campo della cultura e della scienza". (ANSA).

23:35Europei U21: Di Biagio,dopo 4 anni di azzurro zero rimpianti

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Abbiamo disputato un buonissimo primo tempo, certo che ha influito il cartellino rosso a Gagliardini, a quel punto è diventato tutto più complicato. Loro palleggiano bene in 11 contro 11, figuriamoci con l'uomo in più. E' stato tutto più semplice per loro, hanno avuto a quel punto il predominio del campo". Così Gigi Di Biagio ha commentato la sconfitta dell'Italia contro la Spagna, nella semifinale degli Europei Under 21, in Polonia. "I ragazzi sono stati fantastici - ha aggiunto - in me c'era la consapevolezza di poter arrivare in fondo. Il mio contratto? E' l'ultimo dei problemi. Vedremo. Non ho rimpianti, l'obiettivo era di rilanciare il calcio italiano, ci siamo riusciti, anche se è mancata la ciliegina sulla torta".

23:30Europei U21: Italia-Spagna 1-3, azzurrini eliminati

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - La Spagna batte l'Italia 3-1 e si qualifica per la finale dell'Europeo Under 21, in Polonia. Ha deciso una tripletta di Saul Niguez, dopo che Bernardeschi aveva firmato il momentaneo 1-1. Ma ha deciso soprattutto l'espulsione di Gagliardini, per somma di ammonizioni. Gli spagnoli venerdì se la vedranno contro la Germania, per il titolo continentale di categoria.

22:59Calcio: Inter annuncia, accordo col Siviglia per Banega

(ANSA) - MILANO, 27 GIU - L'Inter ha annunciato sul proprio sito online di avere trovato l'accordo con il Siviglia per la cessione del centrocampista Ever Banega. "Inter e Sivigliaß- si legge - hanno raggiunto un accordo di massima per il trasferimento di Ever Banega in Spagna, che diventerà effettivo dopo la sottoscrizione del contratto del calciatore e il superamento delle visite mediche". Il club nerazzurro incasserà circa 9 milioni, generando una plusvalenza di circa 5 milioni.

22:59Germania: evacuato grattacielo Wuppertal

(ANSA) - BERLINO, 27 GIU - Un grattacielo di Wuppertal, in Germania, deve essere evacuato perché ritenuto a rischio incendi, per la presenza di pannelli infiammabili sulla facciata. La misura precauzionale arriva dopo il disastro di Londra, dove le fiamme in un edificio di 24 piani hanno provocato la morte di 79 persone. In questo caso a provocare il rogo sarebbe stato un frigorifero difettoso, ma l'incendio è divampato velocemente, proprio a causa di pannelli simili. I residenti del grattacielo di Wuppertal potranno rientrare appena i pannelli saranno rimossi. Intanto alloggeranno in appartamenti messi a disposizione dal comune.

Archivio Ultima ora