Bersani apre la sua campagna: “No a cabaret”

Pubblicato il 17 gennaio 2013 da redazione

ROMA  – Il Pd non starà ”dentro una campagna elettorale fatta solo di cabaret e politicismi per avere un titolo”. Il giorno dopo il colloquio con Mario Monti, Pier Luigi Bersani apre la campagna elettorale tra i giovani al voto per la prima volta. Non nasconde il fastidio per una piega troppo lontana dalla realtà del dibattito ma certo slogan e affondi hanno solo un bersaglio: Berlusconi e la ”deriva morale” della destra. Solo un accenno diretto a Monti che con la salita in politica ”ci ha sorpreso ma quando si è convinti di fare qualcosa di buono per il Paese non ci si sbaglia mai”.

Il leader Pd scende tra la gente, scherza con i ”ragassi” neocandidati o in platea, e torna al comizio tradizionale perchè ”non si governa senza il popolo”. Un’allusione a chi, come il Professore, pensa che buoni governi possano nascere fuori dalle urne ma soprattutto una rivendicazione orgogliosa della diversità del Pd. L’unico partito che non ha messo il nome del leader sul simbolo ”pur essendo io l’unico candidato premier non scelto da solo ma da 3,2 milioni”.

Per Bersani è tutta qui la distanza tra il Pd e gli altri ed il motivo per cui i democrats riusciranno alla fine ad arginare alle urne la delusione della gente e l’antipolitica.

– Sistemi organizzati su una persona che spesso si sceglie da sola – commenta – sono un tumore che rendono la democrazia ingessata, inefficace e impotente.

Dopo aver ”battuto il Porcellum con le primarie” ed aver fatto girare la ruota del rinnovamento che, assicura, ”ora confermeremo nella sfida di governo”, Bersani è convinto che ”stavolta la battaglia contro la destra la vinceremo”.

– Non perchè – ammette – abbiamo la vittoria in tasca, l’avversario c’è e ha rialzato la testa ma perchè avremo le forze.

Non sara’ un altro ’94 per il Pd, è certo il candidato premier, sia perchè il centrosinistra è rinnovato e meno rissoso. Ma anche perchè ”il Pdl è tornato con le stesse facce e slogan e senza neanche una riflessione di un’oretta sul disastro che ha combinato”.

– Torna Berlusconi e ha trasformato la farsa in dramma ma – galvanizza Bersani – noi gli diremo un colossale no.

Pur precisando di voler ”evitare polemiche”, e rifiutando una campagna in cui si parli solo di patti di non belligeranza con Monti o accordi di desistenza con gli arancioni, il leader democrats non ha dubbi che ”il Pd è l’unico che può chiudere con 20 anni di questa destra e di regressione della politica”. Ed avviare ”una riscossa civica, morale e economica” per la quale ”non serve un’agenda ma una lenzuolata” di provvedimenti: dalla legge contro il falso in bilancio all’antiriciclaggio, dalla trasparenza della P.A. al conflitto di interessi all’abolizione ”di 7-8 leggi ad personam” fino alle unioni civili per le coppie omosessuali. Un riferimento, anche questa volta solo allusivo, alla contrarietà di Monti ai matrimoni tra gay e alla ”barra dei valori progressisti” del centrosinistra. Ciò non cambia, però, la prospettiva del Pd:

– Ci vuole qualcuno che vinca con il 51%, ma ragioni come se avesse il 49% perchè la situazione del Paese non accetta faziosità.

Ultima ora

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

21:41Calcio: Fassone,no a strategie per ridurre valore Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - "Nessuno pensi di adottare strategie per far sì che Donnarumma possa essere ceduto a valori di mercato inferiori rispetto al suo reale valore. A gennaio non abbiamo intenzione di fare nuovi acquisti e non abbiamo necessità di cassa". Così l'ad del Milan Marco Fassone, in un video sul sito del club, commenta le voci sul futuro del portiere, dopo il botta e risposta tra il ds Mirabelli e Mino Raiola. "Donnarumma è un patrimonio umano, tecnico ed economico del club. Siamo qui per tutelarlo e non c'è nessuna volontà di cederlo - aggiunge il dirigente - Mi ha fatto piacere la sua dichiarazione distensiva, ha confermato che non c'è stata nessuna forzatura. Oggi l'ho visto più sereno. Se sarà lui a dirci che vorrà andar via, saremo aperti a valutare le offerte".

21:07Terremoti: sisma 6.5 su costa Java, in Indonesia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Un sisma di magnitudo 6.5 è stato registrato sulla costa di Java, in Indonesia e si sontano un numero imprecisato di vittime. Lo riferisce l'Usgs americano. Le autorità indonesiane hanno emesso un'allerta tsunami. L'epicentro del sisma è stato localizzato a 92 chilometri di profondità, 50 km a sudovest della città di Tasikmalaya. Il portavoce dell'agenzia locale per il contenimento dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho, ha riferito di alcuni edifici danneggiati nell'area ovest dell'isola. Nugroho ha aggiunto che il sisma è stato sentito per 20 secondi nella capitale Giacarta ed in altre città e villaggi di Giava.

20:59Milan:Fassone, richieste Uefa impossibili per chiunque

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - ''La Uefa ci ha chiesto due cose impossibili, non solo per noi ma per qualunque club che si trova nelle condizioni del Milan''. Così l'ad Marco Fassone spiega, con un video sul sito del club, perché l'Uefa ha negato al Milan la richiesta di Voluntary Agreement. ''L'Uefa - aggiunge Fassone - ci ha chiesto di completare prima il rifinanziamento del debito con Elliott e di fornire garanzie per dimostrare la capacità della proprietà di sostenere le perdite del club con un deposito. La nostra documentazione era sufficiente''.

20:44Nuoto: Europei, bronzo di Dotto nei 50 stile libero

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Bronzo di Luca Dotto nei 50 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, con il tempo di 20"78. L'oro è andato al russo Vladimir Morozov (20"31), l'argento al britannico Benjamin Proud (20"66). Ottavo ed ultimo tempo della finale per Marco Orsi.

Archivio Ultima ora