Pd, sentenza choc: fuori le candidature scomode

Pubblicato il 18 gennaio 2013 da redazione

ROMA  – Sentenza choc del comitato dei garanti del Pd. Dopo una lunga istruttoria dell’organismo presieduto da Luigi Berlinguer, che ha passato a setaccio tutte le candidature ‘scomode’ per il partito, escono dalle liste i siciliani Vladimiro Crisafulli (che alle ‘parlamentarie’ aveva ottenuto oltre 6mila preferenze) e Nino Papania, trapanese, anche lui vincitore alle primarie. Ritirata inoltre la deroga a Nicola Caputo, casertano, mentre il lucano Antonio Luongo sceglie di ritirarsi come aveva fatto, in precedenza, anche la lombarda Bruna Brembilla. Una scelta che, dopo una campagna mediatica che prosegue da giorni sul nodo delle ‘liste pulite’ è stata motivata con il ”criterio dell’opportunità”.

– Abbiamo tutelato – dice il presidente della comitato dei garanti Luigi Berlinguer – l’immagine e l’onorabilità del Pd.

Punti fermi delle scelte dei garanti l’interpretazione severa di codice etico, statuto e legislazione in materia. Di fronte, attacca Berlinguer, a ”polveroni mediatici e sommari processi di piazza (magari via web) che creano un irrespirabile clima di intolleranza”.

– Rispetteremo le scelte dei garanti’ che sono certo faranno per bene – aveva detto Pierluigi Bersani mentre il comitato era riunito. Ma i diretti interessati dalla scelta del partito vanno all’attacco.

– E’ – tuona Crisafulli – giacobinismo allo stato puro. Un errore e una scorrettezza clamorosa. Spero che il mio partito non continui su questa strada, quando si sceglie la via della purezza c’è sempre uno più puro che ti epura.

Per lui si era speso anche il segretario regionale siciliano Giuseppe Lupo. Senatore uscente di Enna, Crisafulli è stato rinviato a giudizio per concorso in abuso d’ufficio e archiviato per concorso in associazione mafiosa dopo essere finito nel mirino per un filmato che lo ritraeva in un colloquio con un avvocato ennese poi condannato come boss mafioso.

Si dice ”esterrefatto” il consigliere casertano, Nicola Caputo, raggiunto nei giorni scorsi da un avviso di garanzia nell’ambito di una inchiesta su presunti falsi rimborsi. Si trincera dietro il silenzioA Antonio Papania, che ha patteggiato 2 mesi per una condanna per abuso d’ufficio. No comment anche da Antonio Luongo, lucano, rinviato nel 2009 a giudizio per corruzione in un’inchiesta su affari e politica a Potenza e che ha rinunciato spontaneamente alla propria candidatura. Passano il vaglio del comitato dei garanti, tra gli altri, l’agrigentino Angelo Capodicasa archiviato nell’ambito di un’inchiesta per falso in concorso e il calabrese Nicodemo Oliverio, imputato di bancarotta fraudolenta. Nessun problema, come era naturalmente prevedibile, per Rosaria Capacchione, la giornalista ‘anti-camorra’ del ‘Mattino’ capolista in Senato e imputata per calunnia nei confronti di un luogotenente della Guardia di Finanza

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora