Vietnam-Vaticano verso la normalizzazione

CITTA’ DEL VATICANO  – Mezz’ora di colloquio privato con il Papa, alla presenza degli interpreti. La visita di Nguyen Phu Trong, primo segretario del Partito comunista vietnamita ad essere ricevuto da un Pontefice romano, ha sancito un ulteriore passo nel processo di piena normalizzazione tra Vaticano e Vietnam. Questi avevano interrotto le relazioni diplomatiche 37 anni fa, dopo la occupazione di Saigon, ma da anni è in corso un cammino di riavvicinamento.

In questa ottica di normalizzazione dei rapporti, a gennaio del 2011 il Vaticano aveva nominato rappresentante pontificio non residente in Vietnam mons. Leopoldo Girelli. Il segretario del Pc vietnamita, in una missione in Europa e in Italia, ha dunque approfittato per un incontro con Benedetto XVI – incontro con un cerimoniale quasi da capo di Stato, con colloquio privato, foto con il seguito e scambio di doni – ed è stato poi ricevuto dal segretario di Stato cardinale Tarcisio Bertone e dallo staff di ”esteri” della Segreteria di Stato nella Sala dei Trattati, per una ventina di minuti.

– Nei ”cordiali colloqui” nel Palazzo Apostolico – ha riferito il portavoce vaticano padre Federico Lombardi – sono stati trattati temi di comune interesse e espresso l’auspicio che presto possano essere risolte alcune situazioni pendenti e che possa rafforzarsi la proficua collaborazione.

Padre Lombardi, rispondendo a una domanda sulle ”situazioni pendenti” tra Vietnam e Vaticano, ha elencato alcune questioni collegate alle attività educative e il fatto che il rappresentante pontificio non sia residente. Il portavoce ha anche annunciato che dopo i tre incontri dei gruppi di lavoro misti, dal 2009 ad oggi, se ne svolgerà un quarto. Gli incontri di ieri dell’esponente vietnamita in Vaticano, così ”ad alto livello”, ha commentato padre Lombardi, ”sono segno che il processo sta continuando. Nel 2009 Benedetto XVI aveva ricevuto il presidente del Vietnam Nguyen Minh Triet, ma il disgelo era cominciato due anni prima, nel 2007, quando papa Ratzinger aveva ricevuto il presidente del Consiglio vietnamita Nguye’n Tan Dung. A febbraio 2009 a Hanoi hanno preso il via i lavori di gruppi di lavoro congiunti tra Santa Sede e Vietnam, il secondo dei quali si è tenuto in Vaticano nel 2010, il terzo nuovamente ad Hanoi nel febbraio 2012. La Santa Sede considera che siano stati fatti passi avanti con il Vietnam per la piena libertà religiosa, per la vita dei cattolici vietnamiti e della Chiesa nel grande paese asiatico.

Condividi: