Usa: donne soldato in prima linea, cade l’ultimo tabù

Pubblicato il 24 gennaio 2013 da redazione

WASHINGTON  – Il soldato J.I. Jane vince la sua ultima battaglia nella strada verso la piena uguaglianza con i suoi commilitoni maschi. Potrà combattere in prima linea al loro fianco. Stavolta non si tratta del film di Hollywood interpretato da Demi Moore, ma di una svolta reale che cambia la vita a militari in carne ed ossa. Nel giorno in cui John Kerry passa l’esame del Congresso per succedere a Hillary Clinton, il Pentagono abolisce una norma del 1994, permettendo così alle donne soldato di andare al fronte come gli altri soldati. Lo ha ufficializzato lo stesso segretario della Difesa americana Leon Panetta, nel suo ultimo atto pubblico prima di ritirarsi a vita privata.

Cade così l’ennesimo tabù di carattere sessuale interno alle forze armate, dopo l’abolizione del principio ‘don’t ask don’t tell’ che permette ai gay con le stellette di non nascondere più la propria omosessualità.

– Le donne – ha detto Panetta – hanno mostrato grande coraggio e sacrificio, dimostrando le loro capacità di servire il Paese, così saremo più forti.

Lo stesso Obama, che solo pochi giorni fa ha lanciato l’uguaglianza tra le parole d’ordine del suo secondo mandato, ha dato il suo pieno appoggio a questa decisione. L’implementazione pratica di questa novità, secondo quanto si è appreso, arriverà per gradi.

– Ci vorrà un po’ di tempo, in alcuni casi, per elaborare meccanismi adeguati. Prevediamo che alcuni incarichi verranno resi disponibili subito, mentre altri, come quelli nelle forze speciali, potrebbero richiedere più tempo – ha affermato una alto funzionario della Difesa, citato dalla Cnn. Il problema resta quello degli standard, sulla forza fisica, da passare per entrare nelle squadre speciali. Ma sono dettagli. Quello che è certo e che la decisione arriva al termine di una lunga campagna: da anni infatti le donne soldato americane facevano pressione per poter essere schierate in prima linea. Le regole militari in vigore sino a ieri non permettevano alle donne di servire nelle unità di combattimento di terra, come la fanteria, l’artiglieria o nelle operazioni speciali di commando. Tuttavia, negli ultimi 11 anni di guerra praticamente ininterrotta, le donne assegnate a ruoli sulla carta di sostegno, di fatto si sono spesso trovate in situazioni di combattimento: in Iraq e in Afghanistan, dove non è sempre chiaro il concetto del fronte, ci sono state 800 donne soldato rimaste ferite e 130 morte.

Per poter combattere in prima linea nei campi di battaglia, quattro soldatesse Usa sono arrivate di recente ad ingaggiare battaglia anche nelle aule di tribunale contro il Pentagono e il segretario alla Difesa Leon Panetta. E per farlo, hanno scelto come alleato la American Civil Liberties Union (Aclu), secondo cui la carriera delle quattro donne nelle forze armate, così come quella di molte altre, sino a ieri è stata di fatto impedita, visto che non vengono loro consentiti gli stessi passaggi che invece possono fare i loro colleghi di sesso maschile.

– ‘Il nostro obiettivo come Dipartimento della Difesa – ha concluso Panetta – è assicurare che le missioni siano svolte dal personale meglio preparato e più capace, senza tener conto del loro sesso.

Ultima ora

16:35Israele: premier Netanyahu interrogato dalla polizia

(ANSAmed) - TEL AVIV, 15 DIC - Per la settima volta, il premier Benyamin Netanyahu è stato interrogato dalla polizia nella sua residenza ufficiale di Gerusalemme nell'ambito di due inchieste giudiziarie su presunte corruzioni. Lo riportano i media ricordando che l'ultimo interrogatorio del premier si è svolto, per quatto ore, lo scorso 19 novembre sempre a Gerusalemme.

16:30Gerusalemme:1 milione protesta a Gaza

(ANSAmed) - GAZA, 15 DIC - Una massiccia adunata - calcolata da fonti locali in quasi un milione di persone - si è svolta in queste ore a Gaza partendo da Rafah, nel sud, fino Beit Hanoun, al nord, lungo la strada Salah Adin. Durante la dimostrazione - convocata da tutte le fazioni palestinesi contro la decisione di Trump su Gerusalemme subito dopo le preghiere del venerdì nelle Moschee - è stato chiesto di continuare la protesta ogni venerdì. Subito dopo manifestanti si sono diretti verso la barriera di demarcazione con Israele dove sono cominciati scontri con l'esercito dello Stato ebraico.

16:29Gb: Harry e Meghan si sposano il 19 maggio

(ANSA) - LONDRA, 15 DIC - Il principe Harry e la fidanzata Meghan Markle si sposeranno il prossimo 19 maggio al Castello di Windsor. L'annuncio ufficiale è stato dato da Kensington Palace.

16:28Nato: ‘grave preoccupazione’ per sistema missili russo

(ANSA) - BRUXELLES, 15 DIC - "Gli alleati hanno individuato un sistema missilistico russo che solleva seria preoccupazione". E' quanto afferma, in una nota, il Consiglio Atlantico della Nato sottolineando che il Trattato Inf (che vieta i missili intermedi), "per 30 anni cruciale per la sicurezza Euro-Atlantica", è rispettato dagli Usa mentre il non rispetto da parte russa dei patti post-guerra fredda è motivo di "di grave e urgente preoccupazione".

16:26Gerusalemme: media, scontri e feriti in Cisgiordania

(ANSAmed) - TEL AVIV, 15 DIC - Scontri tra manifestanti palestinesi ed esercito israeliano sono in corso, al termine delle preghiere del venerdì, in località della Cisgiordania e a Gaza presso la linea di demarcazione. Lo riferiscono le agenzie palestinesi Maan e Wafa secondo cui "ci sono decine di feriti" nei confronti a Qalandiya (nord di Gerusalemme), nel villaggio di Kafr, ad Hebron, a nord di Betlemme ma anche a Nablus, Jenin, e Tulkarem. "Una manifestazione di massa svoltasi sulla Spianata delle Moschee - ha scritto la Maan - ha respinto la decisione del presidente Trump su Gerusalemme".

16:09Calcio: Di Francesco, col Cagliari voglio gol e vittoria

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Qualche gol in più rispetto alle ultime uscite e i tre punti. Eusebio Di Francesco non vuole altro dall'impegno di domani sera all'Olimpico contro il Cagliari. "Affrontiamo una squadra da temere, che ha una sua identità ed è molto pericolosa davanti, ma noi dobbiamo giocare per vincere" spiega il tecnico della Roma, soffermandosi sulla mancanza di concretezza dei giallorossi sotto porta: "Questa settimana abbiamo fatto tante esercitazioni per stimolare i miei giocatori ad attaccare meglio. Devo dire che nelle ultime gare per quello che abbiamo costruito siamo stati poco cinici. Da domani voglio che la squadra risponda coi fatti portando a casa il risultato e continuando però a non prendere gol". Riguardo all'utilizzo o meno di Nainggolan, diffidato, Di Francesco è chiaro: "Se per fare la formazione pensassi già alla sfida con la Juventus farei l'errore più grande di tutti. Adesso c'è il Cagliari e lui potrebbe giocare dal 1, poi è ovvio che anche io guardo queste cose ma non in prospettiva della prossima gara".

16:05Calcio: Coutinho, Liverpool vuole 140 mln

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - La telenovela Coutinho-Barcellona non è finita e, complice l'imminente riapertura della finestra invernale di mercati, l'operazione è di nuovo 'fattibile'. Lo scrivono i media spagnoli secondo cui "la firma di Coutinho a gennaio è possibile, ma il Barça - spiega 'Sport.es' - deve pagare una cifra molto alta: circa 140 milioni, anche se sarebbe disposto a rateizzare la somma. La porta è aperta e ora deve essere il Barcellona a decidere se affrontare la firma più costosa della sua storia o meno. Il club blaugrana non ha mai rotto con il Liverpool dopo il rifiuto dell'estate scorsa, gli agenti di Coutinho hanno tenuto in vita i contatti con il club inglese durante questi mesi e il Bara ha riaperto i negoziati nei giorni scorsi. Hanno comunque gia l'intesa raggiunta col calciatore". In caso di partenza dell'asso brasiliano, il Liverpool avrebbe già individuato l'eventuale sostituto in Lemar del Monaco.

Archivio Ultima ora