Napolitano: “Agnelli sapeva il valore del seggio senatoriale”

Pubblicato il 24 gennaio 2013 da redazione

TORINO  – In Italia c’è bisogno di ”una visione di più ampio respiro del nostro comune destino” e tutti, dalla politica ai cittadini, si dovrebbero tenere lontani ”da logiche di contrapposizione sbrigative e meschine”. Perche’ l’obiettivo mancato da decenni è ”la riforma del Paese”, una riforma che non e’ piu’ rinviabile e che deve essere attuata preservando l’unità d’Italia. Ecco il richiamo che Giorgio Napolitano lancia al Paese, dopo giorni di silenzio e mentre infuria una campagna elettorale i cui toni a volte sono ben lontani da quella ”misura ed attenzione” che il capo dello stato non si stanca di invocare per il bene dell’Italia.

Il presidente è silente mentre i partiti sguainano le spade alzando i toni nei comizi e spesso trascendono nelle tante apparizioni televisive di questi giorni. Per questo sceglie la prudenza anche parlando della crisi di Monte dei Paschi di Siena sulla quale sta lavorando Bankitalia che gode della ”piena fiuducia” del Quirinale. Ma ieri a Torino Napolitano ha voluto lanciare un segnale, un richiamo al fare in nome del Paese, prendendo spunto dalla figura di un uomo pubblico, uno degli italiani tutt’ora più conosciuti all’estero a dieci anni dalla sua scomparsa: Gianni Agnelli. Uomo dell’impresa, di quella Fiat che ha fatto crescere il Paese, personaggio simbolo di un’Italia elegante e di successo, nonchè cerniera tra politica ed economia.

Ebbene lui, l’avvocato, ben sapeva l’importanza del seggio senatoriale, riconoscimento unico che la Costituzione ha disegnato per quanti – pochi, pochissimi – hanno ”illustrato la Patria per altissimi meriti nel campo sociale, scientifico, artistico e letterario”. Una prerogativa che l’articolo 59 della Carta attribuisce al presidente della Repubblica e che Napolitano ha usato una sola volta nel suo settennato, per assegnare il prestigioso incarico a Mario Monti.

– Gianni Agnelli fu fatto senatore a vita da Francesco Cossiga, un riconoscimento – ha sottolineato  Napolitano da Torino durante le cerimonie per il decennale della scomparsa dell’avvocato – che mostrò di intendere pienamente nel suo significato e nel suo valore.

Sì, perchè Agnelli “seppe operare nel cuore della società, in posizione di alta responsabilità, e dare prova nello stesso tempo di un forte senso delle istituzioni e degli equilibri democratici”.

– Questo fu – ha aggiunto Napolitano che ebbe una decennale amicizia con lui – ciò che lo contraddistinse facendone un protagonista della nostra vita pubblica oltre che una figura centrale del mondo economico.

Forse per questo Giorgio Napolitano ieri ha colto il messaggio di modernità e rinnovamento che a dieci anni di distanza continua a diffondere la figura di Gianni Agnelli, sentendone la mancanza. Fare le riforme quindi. Chiunque verrà dopo il voto di febbraio alla guida del Paese deve sapere che da ciò l’Italia non può prescindere. Riforme e riforme, politiche, sociali ed istituzionali, che devono essere realizzate dalle forze politiche con “uno spirito di attaccamento all’Italia”, attraverso un comune ”sentire nazionale ed europeo, il solo che può permetterci di reggere e progredire nel mondo globale”.

E forse non a caso il presidente, subito dopo queste parole, ha voluto rendere omaggio – nel reparto ebraico del cimitero monumentale di Torino – ad un’altra delle grandi figure italiane che meglio incarnano apertura mentale e rettitudine: Rita Levi Montalcini.

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora