A 2 anni dalla primavera araba: Egitto, almeno 4 morti

Pubblicato il 25 gennaio 2013 da redazione

ROMA – Nel pomeriggio di ieri, a Suez, sono scoppiati violenti scontri tra manifestanti e agenti antisommossa, che hanno sparato lacrimogeni quando i dimostranti hanno tentato di assaltare la sede del governatorato di Suez. Secondo i nuovi resoconti, la polizia avrebbe sparato prima proiettili di gomma poi pallottole vere. Il bilancio, affermano gli attivisti sui social network, trovando conferma nelle fonti mediche, è di almeno 4 morti, fino a sei secondo altri, tra i quali una donna e una ragazzino di 15 anni. Alcuni feriti sono in gravi condizioni.

Almeno 160 feriti
IL CAIRO – A due anni dall’inizio delle manifestazioni contro il dittatore Hosni Mubarak gli egiziani tornano in piazza per celebrare la rivoluzione e per protestare contro il nuovo presidente Mohamed Morsi. All’insegna dello slogan ‘Pane, libertà e giustizia sociale’ centinaia di giovani si sono radunati in piazza Tahrir al Cairo. Proteste e scontri anche nel resto del Paese (ad Alessandria, a Suez e a Ismailia) con un grave bilancio delle vittime.

Circa 160 persone sono state ferite nelle manifestazioni nel Paese. Di queste, 70 sono state medicate in ospedale e sono state dimesse, mentre altre 90 restano ricoverate – ha spiegato il portavoce del ministero della Sanità Ahmed Omar.

Al Cairo centinaia di migliaia di manifestanti, intonando slogan come “Abbasso la Costituzione, abbasso il Consiglio della Shura, abbasso i Fratelli Musulmani”, hanno lanciato pietre contro gli agenti, che hanno risposto con gas lacrimogeni per disperdere la folla.

Non solo scontri. Aggressioni sessuali ai danni delle manifestanti in piazza Tahrirsono state denunciate dal quotidiano Ahram Online, secondo cui la squadra anti-molestie presente nell’area è intervenuta per far evacuare le donne. All’urlo di ”molestie molestie”, le persone riunite per manifestare hanno denunciato ”aggressioni sessuali a Tahrir”.

Immediatamente si è creata una ”gran confusione – riferisce il giornalista di Ahram Online – con le persone che hanno tentato di allontanare tutte le donne” dal luogo. Una delle vittime ”è stata portata via in ambulanza” dopo essere ”stata spogliata” e in preda a una ”crisi isterica”.

A Ismailia, nel nord dell’Egitto, centinaia di manifestanti hanno assaltato la sede del governatore provinciale, riferisce la tv satellitare al-Arabiya, e i manifestanti hanno fatto irruzione nell’edificio. Le forze di sicurezza, accorse sul posto, hanno cercato di disperdere la folla e sgomberare l’edificio avvalendosi di gas lacrimogeno. Poco prima i manifestanti avevano dato alle fiamme una sede locale dei Fratelli Musulmani.

Gas lacrimogeni sulla folla anche a Suez e ad Alessandria, dove, in quest’ultima città, si è verificata una vera e propria battaglia di strada nella marcia che ha condotto i manifestanti presso la sede del governatorato. Nella confusione, una giornalista di Ahram Online ha poi riferito di aver udito rumore di spari, mentre alcune persone hanno segnalato la presenza di cecchini in cima al palazzo dei vigili del fuoco.

“Andate nelle piazze per raggiungere finalmente gli obiettivi della rivoluzione” è stato l’ultimo appello lanciato su Twitter dall’ex numero uno dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) e Premio Nobel per la pace, Mohamed ElBaradei, che ha auspicato una partecipazione numerosa. “Io andrò a protestare perché siamo tutti egiziani, non salafiti, né Fratelli Musulmani, copti o liberali. Andrò per riunire il popolo e chiedere una costituzione valida per tutti”, ha affermato ElBaradei, leader del partito di opposizione Dustur (Costituzione, in arabo).

L’anniversario della rivoluzione arriva in una fase cruciale per l’Egitto. Il problema della sicurezza, lascito della rivoluzione, non è ancora stato risolto come dimostrato dagli scontri di ieri al Cairo tra gruppi di manifestanti e la polizia, che ha usato i lacrimogeni per disperdere la protesta contro i Fratelli Musulmani. Il Paese, inoltre, dal punto di vista economico è rimasto bloccato da una spirale recessiva da cui non riesce a riemergere.

Decisivo in quest’ottica è il prestito da 4,8 miliardi di dollari che il Fondo Monetario Internazionale sta ancora discutendo con le autorità egiziane. Una delegazione dell’Fmi, come annunciato dal premier Hisham Kandil nel corso di una conferenza stampa a Davos, tornerà al Cairo entro due settimane per riprendere i negoziati.

 

 

Ultima ora

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

Archivio Ultima ora