Cgil presenta piano. Camusso: “Il lavoro è come il pane”

Pubblicato il 25 gennaio 2013 da redazione

ROMA  – ”Parlare del lavoro è parlare del pane”. Il lavoro ”è diritti e doveri”. E’ soprattutto ”dignità”. Non può essere ”precario”, nè tantomeno ”nero, sommerso, schiavizzato, mercificato”: il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, apre così la Conferenza di programma per presentare il Piano del lavoro. Il nuovo Piano del lavoro, 64 anni dopo quello portato da Giuseppe Di Vittorio al secondo congresso della Cgil nel 1949. Un Paese diverso ma con la stessa necessità di ”ricostruire”, ripartire. Dai giovani, dallo sviluppo, per ritrovare la via della crescita. Il lavoro è ”l’unica vera condizione per creare ricchezza nel nostro Paese e nel mondo”. E’ ”la condizione per uscire dalla crisi”. Anzi, ”creare e difendere lavoro è l’unica premessa credibile di una proposta per uscire dalla crisi”, dice Camusso, dando il via alla due giorni, a cui intervengono anche il leader Pd, Pier Luigi Bersani, e di Sel, Nichi Vendola. Da qui il Piano: una proposta che mette in moto circa 50-60 miliardi di euro, nel triennio, principalmente per la creazione di posti di lavoro.

La sua attivazione, secondo una simulazione econometrica del Cer (Centro Europa ricerche) che ha calcolato l’impatto macro, porterebbe ad un aumento dell’occupazione del 2,9% tra il 2013-2015 (solo quest’anno dell’1,9%, rispetto al -0,4% attualmente previsto), ad una crescita del Pil del 3,1% nello stesso periodo (2,2% nel 2013 rispetto al -0,5%), ad un forte calo della disoccupazione. Questa potrebbe tornare ai livelli pre-crisi: 9,6% quest’anno (contro l’11,3% oggi stimato), 8,5% nel 2014 e 7% nel 2015.

La parte più consistente delle risorse necessarie arriverebbe da una riforma fiscale ”radicale”: 40 miliardi di euro annui da imposte più progressive e soprattutto dalla patrimoniale, insieme alla lotta all’evasione fiscale, ”dopo anni di propaganda pro-evasione”, dice Camusso.

– La prima grande necessità – spiega infatti – si chiama equità fiscale, una seria progressività della tassazione e una tassa sulle grandi ricchezze, sui patrimoni e sulle rendite finanziarie mobiliari e immobiliari.

Perchè, è la sua convinzione, non possono essere i lavoratori ed i pensionati ”sempre la sola variabile da comprimere”. Ma oltre al fisco, c’è la riduzione dei costi della politica e degli sprechi insieme alla ”redistribuzione” della spesa pubblica (altri 20 miliardi di risparmi strutturali), un miglior utilizzo dei Fondi europei. Il riordino delle agevolazioni alle imprese (altri 10 miliardi). E c’è il ruolo di ”ritrovato protagonismo” dell’intervento pubblico.

– Non è una bestemmia né un pericolo sovversivo – afferma Camusso. Ma innanzitutto bisogna cambiare la premessa generale:

– Quella del rigore e dell’ossessione del debito pubblico hanno aggravato la crisi.

Ed il senso della stessa parola ‘riforma’, che oggi ”è sempre più malata: lo abbiamo visto con quelle realizzate in questi anni” che ”hanno tagliato risorse, condizioni e prerogative”.

– Abbiamo visto tanti tagli, non riforme – insiste -. L’obiettivo è occupazione qualificata, stabile e corredata delle tutele e dei diritti universali, favorito anche da un piano di incentivazione delle assunzioni – spiega il numero uno della Cgil.

Il Piano del lavoro non è il ”libro dei sogni – ripete, ma una proposta ”aperta al contributo e al confronto, tracciata nella linea fondamentale, ma che ancora può e deve crescere.

Che la Cgil mette a ”disposizione del Paese”. Indicando la necessità di ”un nuovo compromesso sociale”. E di ”una nuova stagione di partecipazione, di condivisione, di conflitto positivo, non preventivo e non fine a se stesso”.

 

Ultima ora

07:57Terremoti, sequenza sismica nel Canale di Sicilia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Sequenza sismica nel Canale di Sicilia: nella notte si sono registrate almeno 5 scosse di terremoto di magnitudo superiore a 2, le più forti di 3.9 e 3.7 alle 2:13 e alle 2:59. Epicentri circa 60 km a sud della ragusana Modica. Già ieri altre due scosse di magnitudo 3.5 e 3.6 erano state registrate nella zona tra le 12 e le 13. Non si segnalano danni a persone o cose.

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

Archivio Ultima ora