Siria, la guerra diventa resa dei conti

Pubblicato il 29 gennaio 2013 da redazione

BEIRUT  – Divisi su linee confessionali ed etniche, i siriani di ogni comunità sopravvivono alla guerra con l’incubo costante di esser rapiti o di vedere i propri cari vittima di sequestro: una minaccia che non risparmia nemmeno i bambini e che si abbatte in modo indiscriminato sui membri di ogni gruppo e fazione in una guerra che ormai si nutre anche di odii personali, vendette di clan, regolamenti di conti, sciacallaggio e criminalità comune.

In alcune regioni del Paese il caos la fa da padrone e in molti casi gruppi di persone armate, che si spacciano per ribelli o miliziani lealisti, sequestrano per estorsione più che per motivi politici o comunitari. In altri casi, il conflitto in corso e l’assenza di un’autoritá forte servono da pretesto per regolare vecchie ruggini tra famiglie o gruppi che si contendono le risorse del territorio.

– Siamo tutti potenziali vittime di rapimenti. Si esce di casa e non si é sicuri di tornare – afferma Manal, una donna di 38 anni di Damasco -. La religione – sostiene – non c’entra niente. A volte viene usata come pretesto da banditi che approfittano della situazione.

Manal ha due figli che non vanno piú a scuola. E un marito che ogni giorno esce di casa per raggiungere il luogo di lavoro.

– Lui é costretto a uscire ma temiamo tutti per la sua sorte.

Non si sa piú nulla invece di Ahmad Uthman, 16 anni. Nella foto pubblicata dai genitori sulla pagina Facebook dedicato agli scomparsi, Ahmad sorride e guarda in alto. Lui é di origini palestinesi. Era uscito di casa e non è mai tornato dai suoi, nel campo profughi di Yarmuk, attorno a Damasco, diventato da tempo teatro di battaglia tra ribelli e lealisti. Nei pressi di Saraqeb, a metà strada tra Aleppo e Hama, un docente universitario è stato rapito due settimane fa da uomini armati che credevano di aver preso ”un uomo ricco”. La nipote, che preferisce mantenere l’anonimato, racconta all’Ansa l’incubo della famiglia:

– Hanno chiesto un riscatto di due milioni di lire (circa 20mila euro), una cifra enorme. Lo hanno rilasciato solo dopo aver capito che non avremmo mai potuto pagare e si sono accontentati di molto meno.

Dania Zabadani ha appena 13 anni. Al momento della scomparsa indossava pantaloni neri, una maglia turchese e un giaccone fucsia. I genitori hanno lasciato su Facebook i loro numeri di telefono, sperando che qualcuno dia notizie. Negli annunci su Internet non è mai indicata l’appartenenza comunitaria della persona scomparsa ma dalla menzione del luogo di residenza risulta evidente che a esser rapiti sono sunniti, alawiti, curdi, cristiani, drusi, sciiti, armeni, ismailiti.

Il sequestro è usato anche per regolare mai sopite faide locali, alcune caratterizzate in realtà proprio dalla tensione confessionale. Sette sciiti di una stessa famiglia di Nubbol, a nord di Aleppo, si trovano da cinque mesi prigionieri di una brigata di ribelli sunniti. Yahiya Zamm, uno dei sequestrati, è stato di recente intervistato dalla tv panarabo-saudita al Arabiya.

– Siamo stati rapiti per uno scambio di prigionieri che non è ancora stato negoziato.

Il sequestratore e capo della brigata Ahrar ash Sham, Ali Bello, afferma che il motivo del rapimento non è politico:

– Yahiya e i suoi non hanno nulla a che fare col regime. Ma i loro parenti a Nubbol hanno rapito venti del nostro villaggio. Hanno preso anche dei vecchi.

Dietro la facciata politicamente corretta della convivenza armoniosa, tra la gente di Nubbol e il resto della campagna di Aleppo, per lo più sunnita, c’è sempre stata rivalità. E una decina di altri sciiti, questa volta libanesi, da quasi un anno sono prigionieri di un gruppo di ribelli sunniti di Azaaz, sempre nella regione di Aleppo, da più parti descritti come ”volgari banditi”. Timidi tentativi sono stati compiuti dalle autorita’ di Beirut per liberare i ”pellegrini”, inizialmente accusati dagli insorti siriani di esser miliziani di Hezbollah, il movimento sciita alleato del regime di Damasco. Così come numerosi sunniti di Qusayr, tra Homs e il confine libanese, sono stati rapiti da sciiti che vivono alla frontiera tra i due Paesi e che da decenni si contendono con gli odiati ‘cugini’ la spartizione delle terre da coltivare.

Ultima ora

22:39Tap: Emiliano, Governo incosciente, presenteremo esposto

(ANSA) - BARI, 12 DIC - "I fatti accaduti in Austria hanno dimostrato che le preoccupazioni della Regione Puglia hanno un fondamento evidente che ci obbligherà nei prossimi giorni a sottoporre alla Procura della Repubblica competente un esposto che mira a salvaguardare l'incolumità pubblica dalla incosciente decisione del Governo di ritenere non assoggettabile alle direttive Seveso l'impianto Tap". In una nota, il presidente della Puglia, Michele Emiliano, replica al ministro dello Sviluppo Carlo Calenda, che aveva criticato le rimostranze della regione sul gasdotto Tap. Per Emiliano, "di incoscienza collettiva evidentemente si tratta se è vero che il Ministro Calenda dalle notizie della vittima e dei 21 feriti in Austria trae lo spunto solo per ribadire che il TAP è necessario proprio per sopperire alla temporanea carenza di gas distribuita nel Nord Europa ove dovessero ripetersi incidenti analoghi a quello accaduto oggi". "Si tratta con ogni evidenza - rimarca Emiliano - di un caso di strabismo politico".

22:06Calcio: Mondiale club, 1-0 al Pachuca dts, Gremio in finale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - I brasiliani del Gremio si sono qualificati alla finalissima del Mondiale per club battendo 1-0 i messicani del Pachuca dopo i tempi supplementari del match giocato ad Al Ain, stadio Hazza bin Zayed, negli Emirati Arabi Uniti. Decisivo il gol di Everton al 5' del primo tempo supplementare dopo che i 90' regolamentari si erano conclusi a reti inviolate. La squadra allenata dall'ex romanista Renato affronterà la vincente dell'altra semifinale tra Real Madrid e l'Al-Jazira in programma domani.

21:53Terremoto: Boldrini a delegazione Camerino,vi resterò vicina

(ANSA) - CAMERINO (MACERATA), 12 DIC - "Quello che ho visto nelle vostre terre non lo dimenticherò mai, anche perché la vostra terra è anche la mia terra. Abbiamo fatto molto e sono consapevole che molto di più c'è ancora da fare. Siamo arrivati a fine legislatura, ma io, qualunque sarà il mio ruolo in futuro, continuerò a esservi vicina. Questa è la mia promessa". Sono le parole, si legge in una nota del Comune di Camerino, che la presidente della Camera Laura Boldrini ha rivolto a una delegazione di cittadini camerti, ricevuta in visita a Montecitorio. Insieme al sindaco Gianluca Pasqui c'erano rappresentanti di scuole, associazioni e dell'Università. Pasqui ha anche preso parte alla riunione del Comitato legislativo, ricordando che ''se davvero si vuole fare il bene dei Comuni terremotati bisogna entrare nello specifico delle singole realtà''. "Ho chiesto di rivedere il cratere sismico - ha detto il sindaco -. Non è possibile che ogni comune venga curato alla stessa maniera, che a più malati venga data la stessa medicina. Dobbiamo intervenire con decisione affinché il cratere venga rivisto, senza escludere nessuno, ma intervenendo con le necessarie indicazioni in base alle necessità. Le differenze ci sono e le istituzioni le devono evidenziare affinché parta quella ricostruzione che oggi sembra ancora un miraggio".

21:52Ap: direzione vota documento separazione consensuale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il documento per la separazione consensuale di Ap, che mantiene al momento invariati i gruppi parlamentari, è stato votato all'unanimità dalla Direzione Nazionale.

21:51Migranti: domani vertice a Parigi Macron-Gentiloni-Merkel

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni sarà domani, mercoledì 13 dicembre, a Parigi, per il vertice con il presidente francese Emmanuel Macron, la cancelliera tedesca Angela Merkel e i capi di Stato e di governo del G5 Sahel Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania e Niger. L'incontro, presso il castello di La Celle-Saint-Cloud, avrà inizio alle ore 12. Al termine è prevista una conferenza stampa congiunta. E' quanto si legge in una nota di Palazzo Chigi.

21:48Usa: Roy Moore va a votare a cavallo

(ANSA) - WASHINGTON, 12 DIC - Il candidato senatore per il partito repubblicano Roy Moore si è recato a votare in Alabama a cavallo. Lo riportano i media americani. Roy Moore è favorito nonostente le accuse di molestie sessuali nei confronti di minorenni. A sostenerlo si è schierato con decisione anche il presidente americano Donald Trump.

21:35Liberia: elezioni, il 26 dicembre ballottaggio Weah-Boakai

(ANSA) - IL CAIRO, 12 DIC - Si terrà il 26 dicembre il ballottaggio delle elezioni presidenziali in Liberia fra George Weah, ex-attaccante del Milan, e il vicepresidente uscente Joseph Boakai. La data è stata annunciata oggi pomeriggio dalla Commissione elettorale dopo che venerdì scorso la Corte Suprema aveva stabilito che nel primo turno delle elezioni svoltesi il 10 ottobre c'erano state irregolarità e brogli, ma non così gravi da giustificare una ripetizione del voto. In origine era previsto che per eleggere il successore della presidente Ellen Johnson Sirleaf, nel primo passaggio dei poteri senza traumi da oltre 70 anni, il ballottaggio si tenesse il 7 novembre. Vi era stato però un ricorso del terzo classificato, Charles Brumskine, poi respinto dalla Corte suprema. Sirleaf, premio Nobel per la pace e prima donna capo di stato in Africa, è stata presidente dal 2006, dopo la cacciata (avvenuta nel 2003) del potente 'signore della guerra' Charles Taylor.

Archivio Ultima ora