Mps, la “banda del 5% e i pagamenti riservati ai dirigenti”

Pubblicato il 29 gennaio 2013 da redazione

SIENA  – Una serie di ”pagamenti riservati” ad alti dirigenti di Rocca Salimbeni, le perdite di una banca d’affari caricate sul Monte dei Paschi, il direttore dell’area finanza e il suo uomo a Londra conosciuti nell’ambiente come ”la banda del 5%” per via della percentuale che, indebitamente, avrebbero percepito su ogni operazione. S’allarga l’inchiesta che sta travolgendo il terzo gruppo bancario italiano e non è affatto escluso che nei prossimi giorni possano esserci novità importanti: i pm Antonino Nastasi, Aldo Natalini e Giuseppe Grosso – dopo aver avuto una riunione con gli investigatori del Nucleo di Polizia Valutaria della Guardia di Finanza arrivati appositamente da Roma – hanno infatti ascoltato per oltre sette ore, come persona informata dei fatti, Valentino Fanti, segretario del Cda del Monte e capo della segreteria di Alessandro Profumo e Fabrizio Viola, lo stesso ruolo che ricopriva quando Giuseppe Mussari era presidente.

Vista la durata e soprattutto lo ‘spessore’ del personaggio, ben inserito nei meccanismi della banca, non è affatto escluso che Fanti abbia fornito agli inquirenti spunti interessanti per le ipotesi investigative, in attesa che arrivino gli esiti delle numerose rogatorie inviate all’estero. Ad esempio, su chi fosse a conoscenza dell’operazione ‘Alexandria’, se nei consigli d’amministrazione si sia mai parlato della vicenda dei derivati, se il famoso documento trovato nella cassaforte del Monte e inviato poi a Bankitalia e in procura fosse effettivamente sconosciuto ai consiglieri, perchè nell’operazione Antonveneta non venne fatta una ‘due dilegence’, perchè il collegio dei revisori non si oppose al prezzo d’acquisto pagato al Santander e lievitato di oltre 3 miliardi in due mesi. Tra l’altro, in qualità di capo segreteria di Mussari, di cui era uomo di fiducia, Fanti era a conoscenza di buona parte della documentazione riservata dell’ufficio ed è sempre lui che, in occasione dei Cda, si occupa della verbalizzazione delle riunioni.

Che la vicenda potrebbe portare a sviluppi clamorosi, lo confermano indirettamente lo stesso procuratore capo Tito Salerno nelle uniche parole rivolte ai giornalisti.

– La situazione è esplosiva e incandescente, stiamo parlando del terzo gruppo bancario italiano. E’ una situazione molto complessa e allo stesso tempo molto fluida, che potrebbe cambiare di giorno in giorno.

E questo senza voler considerare che Bankitalia già nel report dell’ispezione condotta nel 2010 scriveva che ”l’accertamento mirato a valutare i rischi finanziari e di liquidità, ha fatto emergere risultanze parzialmente sfavorevoli” e indicava i ”punti di debolezza”. Al momento comunque, viene sottolineato da fonti inquirenti qualificate, non c’è nell’inchiesta alcun coinvolgimento dell’ex governatore e attuale presidente della Bce Mario Draghi.

Chi, invece, è già ampiamente coinvolto è Gianluca Baldassarri, l’ex capo dell’area finanza. Di lui – e dell’allora responsabile londinese di Mps Matteo Pontone – parla in un verbale del 2008 Antonio Rizzo, all’epoca funzionario della Dresdner Bank, una banca d’affari in rapporti con Mps. L’interrogatorio del teste è contenuto in un’informativa della Gdf di Milano che ora è agli atti dell’inchiesta senese.

Nel marzo del 2008, racconta Rizzo, ”sono andato a cena con Michele Cortese (l’uomo che all’epoca si occupava della vendita di prodotti finanziari per Dresdner Bank – London branch, ndr) il quale sostanzialmente mi ha detto che, a suo avviso, ma il fatto sembrava notorio, Pontone e Baldassarri avevano percepito una commissione indebita dell’operazione per il tramite di Lutifin (societa’ d’intermediazione svizzera). Mi disse anche che i due erano conosciuti come la banda del 5% perchè su ogni operazione prendevano tale percentuale”.

L’informativa partiva proprio da una serie di accertamenti sulla Lutifin che aveva una consulenza per trovare ”potenziali investitori” per Dresdner. Ma gli investigatori scoprono che la Lutifin ”era stata utilizzata quale veicolo per effettuare pagamenti riservati nei confronti di alti dirigenti del Monte dei Paschi di Siena, in cambio dell’acquisto, da parte dell’istituto di credito da cui dipendevano, di un ‘pacchetto titoli’, all’interno dei quali ve ne erano alcuni (cosiddetti C.D.O.) che presentavano forti perdite per Dresdner Bank”. Si tratta di titoli emessi da Skylark, società della Dresdener con sede nelle Cayman e l’operazione riguardava ”un nozionale di riferimento pari a 120 milioni da parte di Bmps (seller) nei confronti di Dresdner Bank (buyer)”. Un’operazione che non sta in piedi. Scrive infatti la Finanza: ”è stato di fatto acclarato che l’operazione non era altro che un riacquisto titoli in precedenza ceduti da Dresdner Bank nei confronti di Mps – London branch”. E dunque ”un pagamento eseguito contro ogni logica commerciale”.

Perche’?

”Scopo dell’operazione – si legge nell’informativa – era quello di far ristrutturare il ‘pacchetto’ a Mps, la quale si è occupata, in definitiva, di sostituire i titoli in sofferenza con altri ‘in salute, in modo tale da consentire a Dresdner bank di neutralizzare le perdite che stava subendo, scaricandole di fatto in capo a Mps”.

Ultima ora

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

22:50Bimbo di due mesi trovato morto in culla dai genitori

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Era in culla e non respirava più. Così un padre e una madre, lui 39 anni lei 33, di Sant'Antioco, nel Sulcis, hanno trovato il corpo senza vita del figlioletto di soli due mesi. La tragedia, su cui stanno indagando i carabinieri, è avvenuta in una abitazione di via Matteotti, alle 18.30, orario in cui i genitori del piccolo hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i medici del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso. In via Matteotti sono poi arrivati i militari della Stazione che hanno raccolto le prime testimonianze. Dai primi accertamenti, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpicino: si tende ad escludere l'azione di terzi. Il magistrato di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma del piccolo al Policlinico di Monserrato dove sarà eseguita l'autopsia.

Archivio Ultima ora