Disoccupazione in crescita, in 2,9 milioni in cerca di lavoro

ROMA  – La disoccupazione avanza ancora, a dicembre fa un altro, seppur piccolo, passo verso l’alto. Ormai il tasso é abbondantemente sopra l’11%, come non accadeva dal 1999, e l’esercito dei senza posto sfiora i tre milioni. Intanto inizia a perdere colpi l’occupazione che finora aveva retto: basti pensare che in un solo mese si contano oltre 100 lavoratori in meno, cifra che quasi triplica nel confronto annuo. Insomma il punto dell’Istat su dicembre mostra un mondo del lavoro che resta in piena crisi.

Un lievissimo miglioramento, limitato al confronto mensile, riguarda i giovani, anche se la quota degli under25 alla ricerca di un impiego rimane su un livello molto elevato, pari al 36,6%, tra i maggiori in Europa. Fuori dalle percentuali, in Italia i ragazzi che chiedono lavoro senza avere risposte sono oltre 600 mila. Nel dettaglio, la rilevazione dell’Istituto di statistica per il mese di dicembre segna un tasso di disoccupazione all’11,2%, in aumento di 0,1 punti su novembre, quando figurava lo stesso tasso, ma solo per arrotondamento. Aumentano anche le persone a caccia di un posto, in rialzo del 19,7% in un anno. In altre parole rispetto a dodici mesi fa si contano 474 mila persone in più senza lavoro.

Dicembre riserva novità negative anche sul fronte occupazione, dove l’Istat registra una perdita di 280 mila posti su base annua, con il tasso di occupazione ai minimi dal 2001. Guardando alle donne, solo il 48,6%, ovvero meno della metà, risulta possedere un impiego. Torna a riaffacciarsi anche l’inattività, su base mensile infatti l’Istituto di statistica rileva una crescita del numero di coloro che nè hanno un posto e nè lo cercano (+81 mila). Probabilmente pesa l’effetto scoraggiamento. Dicembre così non fa che peggiorare il bilancio del 2012. per ora la media annua dell’Istat non è ancora disponibile, mancando ancora i dati definitivi sul quarto trimestre, ma il deterioramento a confronto con il 2011 è praticamente scontato, soprattutto per quanto riguarda la disoccupazione (era solo all’8,4%). La piaga lavoro tiene sotto scacco tutto il continente, la quota dei senza posto nella zona euro si mantiene all’11,7%, un tasso definito ”inaccettabile” dal portavoce della Commissione Ue. Mentre l’aumento delle persone a caccia di un impiego negli Stati Uniti, dove il tasso è salito al 7,9%, non spaventa Wall Street, tornata ai livelli del 2007.

In Italia le reazioni alle nuove cifre sulla disoccupazione sono molto preoccupate: i sindacati già si rivolgono al Governo che uscirà dal voto, chiedendo di mettere l’occupazione al centro. Non mancano i timori tra le associazioni datoriali, con Confcommercio che parla di ”situazione grave”. Allarme emerge anche dal fronte dei consumatori: per Federconsumatori e Adusbef l’Italia è di fronte a uno stato di vera e propria ”emergenza”.

Il confronto con i paesi europei

Ecco un tabella che riporta il tasso di disoccupazione nell’Eurozona a dicembre per i Paesi in possesso di cifre aggiornate. Le quote di senza lavoro fanno riferimento sia al totale che ai giovani. E in Italia il tasso di senza lavoro under 25 risulta, secondo i dati dell’Eurostat, nettamente superiore alla media, ponendo la Penisola nel gruppo di testa degli Stati con le percentuali piu’ alte di ragazzi alla ricerca di un posto.

Paese                   Disoccupazione Totale %             Disoccupazione Giovanile

Belgio                                   7,5                                                         20,0

Germania                           5,3                                                         8,0

Irlanda                                 14,7                                                      30,2

Spagna                                26,1                                                      55,6

Francia                                 10,6                                                      27,0

Italia                                     11,2                                                      36,6

Cipro                                    14,7                                                      —

Lussemburgo                    5,3                                                         18,8

Malta                                   6,7                                         15,7

Olanda                                 5,8                                         10,0

Austria                                 4,3                                         8,5

Portogallo                          16,5                                       38,3

Slovenia                              10,0                                       —

Slovacchia                          14,7                                       35,9

Finlandia                             7,7                                         18,9

Ue-17                                   11,7                                       24,0

Ue-27                                   10,7                                       23,4

 

Disoccupazione, l’impennata 2012

Nel 2012 la disoccupazione ha registrato un’impennata, con aumenti annui a doppia cifra in tutti i 12 mesi. Ecco una tabella che riporta, in base ai dati dell’Istat, il tasso delle persone in cerca di lavoro, il loro numero assoluto e la crescita tendenziale, espressa anche in percentuale.

2012                      Disoccupazione                               Disoccupati                        Rialzo Annuo

Gennaio                              9,7%                      2.467.000                            +408.000 (+21,8%)

Febbraio                             10,0%                   2.558.000                            +584.000 (+29,6%)

Marzo                                  10,3%                   2.641.000                            +668.000 (+33,9%)

Aprile                                   10,6%                   2.711.000                            +771.000 (+39,7%)

Maggio                                10,5%                   2.691.000                            +691.000 (+34,5%)

Giugno                                10,7%                   2.751.000                            +749.000 (+37,4%)

Luglio                                   10,6%                   2.732.000                            +652.000 (+31,3%)

Agosto                                 10,6%                   2.726.000                            +594.000 (+27,9%)

Settembre                         10,9%                   2.801.000                            +567.000 (+25,4%)

Ottobre                               11,2%                   2.881.000                            +665.000 (+29,4%)

Novembre                         11,2%                   2.871.000                            +514.000 (+21,8%)

Dicembre                           11,2%                   2.875.000                            +474.000 (+19,7%)