Bersani: “Il Pd è di tutti”. Renzi: “Non farà la fine di Prodi”

Pubblicato il 01 febbraio 2013 da redazione

FIRENZE  – Il camper delle primarie è stato rottamato, ricordo di rivalità ormai lontane. Pier Luigi Bersani e Matteo Renzi arrivano insieme, sull’auto elettrica del sindaco, al teatro Obihall dove elettori e militanti sono venuti a vedere se il patto tra i due regge davvero. E sul palco per due ore dimostrano che la collaborazione c’è davvero, e forse qualcosa di più: Renzi assicura che non farà fare a Bersani la fine di Prodi, caduto per due volte ”a causa del finto unanimismo” e il leader Pd ringrazia sul palco Matteo e, sotto il palco, lascia intendere una staffetta perchè – dice – ”io faccio un giro e mi fermo, lui è giovane e ha ancora tanta voglia di andare avanti”.

Accerchiato ”da promesse e da bastonate suggerite dai guru”, provato dalla vicende Mps, Pier Luigi Bersani tenta lo scatto di reni per la volata di fine campagna elettorale. E chiede, e ottiene, il sostegno di Matteo Renzi, che quando parla certo non le manda a dire.

– Diamo il benvenuto al prossimo presidente del consiglio – esordisce il ”rottamatore” che apre la manifestazione e picchia duro sul Professore che, facendo risalire al 1921 la nascita del Pd, ”ha confuso la sua carta d’identità con quella del Partito Democratico”.

In maniche di camicia, look simbolo delle primarie che poco dopo Bersani ”in onore di Matteo” copierà, per oltre mezz’ora il sindaco mostra per immagini i simboli dell’Italia Giusta, quella delle piccole e medie imprese come dei nuovi italiani alla Balotelli. E con abilità oratoria il sindaco riesce pure a sfiorare il tema spinoso delle banche, lasciando da parte le critiche espresse durante la battaglia delle primarie. Ma esprimendo un desiderio:

– L’Italia giusta si aspetta un governo che sia capace di un rinnovato rapporto tra finanza e politica, e di questo parlerà Bersani.

I fans del sindaco applaudono, lui frena:

– Non siamo qui a fare la rivincita.

Renzi è ora con Bersani per dimostrare la sua lealtà, sul futuro si vedrà.

– A chi non ha votato per me vorrei dire che non dobbiamo avere paura di chi non la pensa come noi. Meglio dirci prima le cose sennò i finti unanimismi hanno fatto sì che per due volte Romano Prodi è andato a casa. Noi non lo faremo.

Parole che suonano come miele per Bersani che in caso di vittoria non vorrebbe a Palazzo Chigi guardarsi dagli amici. E il leader democratico, quando sale sul palco, ringrazia subito Matteo e gli riconoscerà che ”sulle primarie aveva ragione, se vuoi cambiare devi rischiare qualcosa”.

Non teme di rischiare niente, invece, Bersani rilanciando sull’affare Mps con la richiesta di una commissione d’inchiesta e di regole più strigenti sull’uso dei derivati.

– Non accettiamo di venire raffigurati come quelli che vanno a braccetto con le banche: chi l’ha fatta la portabilità dei mutui, chi ha tolto il massimo scoperto in banca? Voglio lanciare alla destra un messaggio, se si vuole ragionare: in quella vicenda c’é stato negli anni un eccesso di localismo da cui bisognava e bisogna emanciparsi. Al netto di questo, non si azzardassero…

Sulla vicenda Mps, da ieri il leader Pd punta a giocare in attacco, annunciando che la reintroduzione del falso in bilancio sarà una delle prime misure del governo.

– Noi vogliamo una legislatura stabile e per questo combattiamo anche un po’ animosamente e se serve li sbraniamo – mostra i muscoli Bersani. E per dargli coraggio Renzi alla fine gli regala il Marzocco, il leone simbolo di Firenze.

– La firma sul libro d’onore di Palazzo Vecchio, invece, gliela farò fare da premier – scherza il sindaco che per mezz’ora ha ricevuto Bersani in Comune. E lì, assicura il leader Pd, Renzi vuole restare in caso di vittoria alle elezioni:

– Lui ha un’energia eccezionale, sta facendo bene il sindaco. Cosa farà dopo? Io faccio un giro e poi mi riposo, lui invece ha ancora voglia di andare avanti.

Ultima ora

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

22:46Ap: lite Cicchitto-Formigoni su adesioni a intesa con Pd

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Lite fra Fabrizio Cicchitto e Roberto Formigoni su quanti parlamentari di Ap hanno optato per l'alleanza con il Pd e quanti invece sono favorevoli a una intesa con il centrodestra. "Eegistriamo che una larga parte di AP - ha detto CIcchitto - ritiene giusto convertire la coalizione di governo in una alleanza politico-elettorale caratterizzata dall'incontro tra liste autonome e diverse. Su questa linea finora si sono collocati larga parte dei coordinatori regionali del partito e oltre due terzi dei parlamentari di Camera e Senato". "Sono dichiarazioni molto impegnative - ha replicato Formigoni - ma se le fa l'onorevole Cicchitto penso proprio che sia in grado di fornire un elenco nominativo di questi due terzi di parlamentari e di questa larga parte dei Coordinatori regionali. Siamo tutti curiosi di leggere questo elenco. Se però l'onorevole Cicchitto non fosse in grado di fornire questo elenco, credo che potrà con onestà intellettuale fare ammenda di un conteggio del tutto sbagliato".

22:38Centrosinistra: Pisicchio, ora serve lista Gentiloni

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "La buona stima che il presidente del Consiglio ha conquistato nel Paese e nel ceto politico, potrà essere sicuramente giocata a beneficio del centro sinistra, ma in consonanza con il partito di cui Gentiloni è espressione, cioè il Pd. Potrebbe, dunque, rivelarsi come una iniziativa politica coerente per le forze alleate del Pd che hanno sostenuto i governi di questa legislatura, a cominciare dalle forze centriste, ritrovarsi in un unica lista che faccia riferimento al presidente Gentiloni, ma solo in un quadro di intese e di collaborazione col Pd, per mettere in campo un'alleanza competitiva". La proposta arriva dal presidente del gruppo Misto alla Camera Pino Pisicchio tra i promotori della lista di centro assieme a Pierferdinando Casini e ad Ap.

22:36Calcio: Inter, Dalbert “Col Pordenone partita complicata”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "È stata una partita complicata, contro una squadra ben organizzata. Adesso siamo concentrati sul campionato, per continuare a fare buoni risultati, speriamo di trovare i tre punti a San Siro: sarebbero importanti per il nostro cammino". Lo dice Henrique Dalbert, tornando sulla partita di Coppa Italia contro il Pordenone di ieri sera, vinta solo ai rigori. Il difensore racconta anche le impressioni sul campionato italiano: "In ogni partita i ritmi sono molto sostenuti e c'è parecchia fisicità. Il campionato italiano è molto diverso da quello a cui ero abituato ma, pian piano, mi sto adattando e spero di fare meglio nel futuro. Con chi mi trovo meglio? Mi trovo bene con tutti quanti, uno che non conoscevo prima e che mi ha impressionato molto è Skriniar".

22:33Calcio: Samp, Giampaolo “rigori roba seria non virtuale”

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - Rabbia Samp, soddisfazione Fiorentina. L'allenatore dei blucerchiati, Marco Giampaolo, punta il dito contro la direzione dell'arbitro Abisso e dei tanti interventi della Var. "I rigori sono una cosa seria, non una roba da gioco virtuale - sbotta -. Ho dei dubbi, specie su quello del 3-2 finale. L'arbitro non mi è piaciuto così come non mi è piaciuta la squadra, soprattutto nel primo tempo. Anche se, in certi episodi, siamo stati poco fortunati e credo che alla fine avremmo meritato perlomeno di andare ai supplementari". Altro clima in casa viola. "Qualificarci era importante - ha detto Pioli -. Ho un gruppo con un buon potenziale e bisogna sfruttarlo nel migliore dei modi, anche per capire chi di questi giocatori farà parte del progetto futuro. Veretout? Si può avvicinare come caratteristiche a Nainggolan, anche se il romanista è il top nel suo ruolo. Babacar? Ha avuto problemi fisici nel pre-partita, ma ha fatto una buona prestazione. I Della Valle? Ci farebbe piacere se tornassero allo stadio".

22:24Calcio: Milan, fischi e insulti per Donnarumma a San Siro

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Fischi e insulti a San Siro per Gianluigi Donnarumma, prima della partita di Coppa Italia fra Milan e Verona. "Violenza morale 6 milioni all'anno e l'ingaggio di un fratello parassita? Ora vattene, la pazienza è finita!", ha contestato con uno striscione la curva rossonera che, assieme allo scarno pubblico, ha fischiato il nome del portiere e lo ha insultato durante il riscaldamento, che Donnarumma ha concluso poco prima dei compagni. Le immagini Rai hanno poi inquadrato Leonardo Bonucci mentre rincuorava Donnarumma nello spogliatoio.

22:19Azienda denuncia furto 900 bottiglie Brunello Montalcino

(ANSA) - MONTALCINO (SIENA), 13 DIC - Novecento pregiate bottiglie di vino Brunello e Brunello Riserva sono state rubate all'azienda Cupano di Montalcino. Il furto è stato compiuto tra il 5 e il 6 dicembre, ma è stato reso noto solo oggi da Montalcinonews, a Camigliano, frazione di Montalcino. I ladri, approfittando dell'assenza dei proprietari, si sono introdotti prima negli uffici, senza trovare chiavi che potessero aprire la cantina, e hanno in seguito forzato una delle porte della cantina. Il danno, fa sapere l'azienda, è devastante: si tratta di annate destinate all'invecchiamento, il che avvalora l'ipotesi che il furto possa essere avvenuto su commissione. In base ad una prima ricostruzione, si è risaliti ai numeri identificativi della serie di fascette all'interno della quale figurano le bottiglie sottratte di Brunello 2008 e 2011, Brunello Riserva 2007 e 2009.

Archivio Ultima ora