Ahmadinejad accolto con onori da Morsi

Pubblicato il 05 febbraio 2013 da redazione

IL CAIRO – La definizione di ‘storica’ per la prima visita di un presidente iraniano in Egitto in oltre trent’anni non è eccessiva: con l’arrivo di Mahmoud Ahmadinejad al Cairo per partecipare, oggi e domani, al dodicesimo summit della conferenza della cooperazione islamica, si concretizza il disgelo fra le due grandi potenze regionali.
– La mia visita sarà di slancio per rafforzare le relazioni fra i nostri due paesi – ha dichiarato lo stesso Ahmadinejad, poco dopo il suo arrivo nella capitale egiziana, accolto dal presidente Mohamed Morsi.
Divise dalla religione, Iran sciita e Egitto sunnita, e dalla crisi siriana, le due superpotenze mediorientali hanno cominciato a riavvicinarsi dalla caduta dell’ex rais Hosni Mubarak e soprattutto dall’ascesa al potere del primo presidente dei fratelli musulmani, Morsi. La ripresa di contatti sempre più frequente e di livello sempre più alto sta però facendo innervosire i paesi del golfo che temono l’influenza iraniana, inducendo il ministro degli esteri egiziano Kamel Amr a fare dichiarazioni rassicuranti e concilianti.
Reazione preoccupata anche dal principale schieramento salafita egiziano che vede con sospetto la presenza di Ahmadinejad in Egitto e sollecita Morsi a ricordarsi che l’Egitto è il principale paese sunnita e il suo ruolo è quello di proteggere i sunniti. Più aperte le porte di al Azhar, la più antica e prestigiosa istituzione religiosa del mondo sunnita, il cui gran imam Ahmed el Tayyeb, ha inviato Ahmadinejad per un colloquio. Anche se il presidente iraniano si è presentato all’appuntamento facendo il segno ‘v’ di vittoria, per la gioia di fotografi e cameramen, il messaggio del gran imam è stato esplicito, in parte rivolto alle diffidenti monarchie del Golfo e molto ad uso interno. Affidato ad un comunicato e non alla conferenza stampa finale col presidente iraniano, il gran imam di al Azhar, il più prestigioso centro teologico del mondo sunnita, Ahmed el Tayyeb, ha respinto in maniera ”categorica” i tentativi sciiti di ”intromettersi nei paesi sunniti”, in particolare nel Bahrein, piccola monarchia con una minoranza sciita che ha dato vita ad accese proteste, e nemmeno in Egitto.
Al Azhar ha anche respinto ”i tentativi di diffondere le fede sciita in Egitto” e condannato le ”discriminazioni” dei sunniti in Iran. Malgrado le parole dure di al Ahzar, il riavvicinamento fra Iran e Egitto c’è, anche se non arriva ancora al ristabilimento completo delle relazioni diplomatiche. E questo è uno degli obiettivi della visita, ha fatto capire Ahmadinejad prima di partire da Teheran. Ed è quello che ha ribadito anche nella conferenza stampa ad al Azhar quando ha affermato che la sua presenza al Cairo darà una ”svolta” alle relazioni, come ha assicurato al termine del suo incontro col gran imam di al Azhar Ahmed el Tayyeb.
Ma rimane aperta e drammatica la crisi siriana, sulla quale Iran e Egitto sono su posizioni molto diverse. Un’accusa aperta al regime di Bashar el Assad è venuta anche dalla Conferenza della cooperazione islamica, il cui summit si apre oggi. Nella bozza del documento finale si addossa al regime tutta la responsabilità delle violenze e si sollecita il governo di Damasco ad avviare un dialogo serio con l’opposizione. Di questo hanno parlato Morsi e Ahmadinejad, appena arrivato al Cairo. Ed è tutto da vedere il ruolo che l’Iran giocherà nella due giorni islamica su questo punto.

Ultima ora

21:23Gerusalemme: sirene di allarme nel sud di Israele

(ANSAmed) - TEL AVIV, 13 DIC - Le sirene di allarme anti missili sono risuonate poco fa nel sud di Israele, nella zona della cittadina di Sderot non lontano dalla Striscia. Lo conferma l'esercito, citato dai media. Secondo questi ultimi ci sarebbe stato almeno un razzo dalla Striscia intercettato dall'Iron Dome.

21:15‘Boicotta Espresso’, ma blitz Forza Nuova fallisce a Torino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - Avevano in programma un'azione dimostrativa sotto la redazione torinese del quotidiano La Repubblica, simile a quella effettuata a Roma lo scorso 6 dicembre, i militanti di Forza Nuova che ieri sono stati fermati dalla polizia a Torino. Gli investigatori della Digos hanno intercettato il corteo, non autorizzato, prima che arrivasse in via Lugaro, sede del giornale, e i manifestanti si sono allontanati. Secondo quanto appreso, l'intenzione di Forza Nuova era quella di appendere uno striscione con la scritta 'Boicotta il Gruppo Espresso'. (ANSA).

21:12Calcio: 3-2 alla Sampdoria, Fiorentina ai quarti

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - La Fiorentina ha battuto 3-2 la Sampdoria negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti affronterà la vincitrice di Lazio-Cittadella, in programma domani sera allo stadio Olimpico di Roma. Viola in vantaggio già al 2' grazie a Babacar. Il pareggio ligure lo firma Barreto a cinque minuti dall'intervallo. Nella ripresa l'arbitro Rosario Abisso, di Palermo, diventa protagonista fischiando tre rigori, due con l'ausilio della Var. Il primo lo trasforma Veretout, il secondo - quello del 2-2 - è opera di Ramirez al 32'. Al 90' ancora Veretout sul dischetto. Il francese non sbaglia battendo Puggioni con grande freddezza. Per la Samp anche un clamoroso palo colpito da Caprari su punizione.

21:10Calcio: Baldissoni “Roma patrimonio collettività,è una fede”

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "La storia della Roma ha un inizio, ma è senza fine. Questa squadra è patrimonio di una collettività e racchiude il capitale emotivo di una comunità. Parliamo di una storia che si aggiorna quotidianamente, perché le emozioni non muoiono mai. La Roma è una fede, una famiglia, è parte di tutti noi e lo sarà per sempre". Così il dg della Roma, Mauro Baldissoni, nel corso della presentazione del libro 'Dimmi cos'è', pubblicato per celebrare i 90 anni del club giallorosso. Il volume, a cura di Tonino Cagnucci e Luca Pelosi (casa editrice Skira), ripercorre la storia della Roma con illustrazioni, disegni d'autore, fotografie inedite. "Da quando è arrivata la nuova proprietà è stato creato un dipartimento dedicato all'archivio storico. Abbiamo fatto un lavoro incessante negli anni, recuperato e organizzato centinaia di migliaia di documenti, foto e oggetti - sottolinea Baldissoni -. Questo grande sforzo di raccolta è stato ora messo su carta, è fruibile da tutti e ne siamo estremamente orgogliosi".

21:09Uccise ladro: condannato a nove anni e quattro mesi

(ANSA) - BRESCIA, 13 DIC - La Corte d'Assise di Brescia ha condannato a 9 anni e 4 mesi per omicidio volontario Mirco Franzoni, il 33enne che la sera del 14 dicembre 2013 a Serle, nel Bresciano, uccise in strada con un colpo di fucile ravvicinato il ladro di origine albanese Eduard Ndoj, che era entrato nell'abitazione del fratello. Il pm aveva chiesto 16 anni, sempre per omicidio volontario.

20:59Nuoto: Europei 25 metri, Scozzoli vince l’oro nei 50 rana

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Due medaglie per l'Italia nella prima giornata di gare dei campionati europei di nuoto in vasca da 25 metri, in corso a Copenaghen. L'azzurro Fabio Scozzoli ha chiuso al primo posto la gara dei 50 rana con il tempo di 25"62, nuovo record europeo, che sottrae dieci centesimi al limite che lui stesso aveva stabilito nel 2013 in coppa del mondo a Berlino. Ha preceduto il russo Kirili Progoda, medaglia d'argento, e il britannico Adam Peaty, bronzo. La seconda medaglia è d'argento, conquistata dagli staffettisti della 4x50 stile libero. Luca Dotto, Lorenzo Zazzeri, Alessandro Miressi e Marco Orsi hanno chiuso in 1'23''67, dietro ai russi che si impongono in 1'23''23.

20:48Brasile: stampa, Temer in ospedale per serie esami urologici

(ANSA) - SAN PAOLO, 13 DIC - Il presidente del Brasile, Michel Temer, si sottoporrà oggi a una serie di esami urologici presso l'ospedale Sirio-libanese di San Paolo: lo rende noto la stampa locale. Il ricovero - precisano i media - era previsto per venerdì, ma sarebbe stato anticipato ad oggi su consiglio del medico curante del capo di Stato, il cardiologo Roberto Kalil Filho. Temer, che ha 77 anni, a fine ottobre aveva già subito un intervento chirurgico alla prostata.

Archivio Ultima ora