Istat, redditi sempre più giù: l’Italia spaccata tra Nord e Sud

Pubblicato il 06 febbraio 2013 da redazione

ROMA  – In Italia i redditi delle famiglie languono: la crisi restituisce un Paese sempre più diviso, dove il Sud è ancora in emergenza, sganciato dal resto della Penisola nonostante i duri colpi inferti dalla recessione al Nord. Nel 2011 la ricchezza pro-capite nel Mezzogiorno si ferma a 13.400 euro, inferiore di un quarto rispetto alla media nazionale, pari a circa 18 mila euro, e di oltre un terzo a confronto con il Nord, dove il budget per abitante arriva a 20.800 euro.

A fare i conti è l’Istat, che nel rapporto sul ‘Reddito disponibile delle famiglie nelle Regioni italiane’ stila anche la classifica territoriale, dove ad ottenere il primo posto è la Provincia autonoma di Bolzano (22.847 euro), togliendo lo scettro alla Valle d’Aosta, in seconda posizione, e scavalcando pure l’Emilia Romagna, sull’ultimo gradino del podio. In fondo alla graduatoria si confermano Calabria, Sicilia e Campania, che vedono la ricchezza scivolare tra i 13 e 12 mila euro a testa.

Ecco che la distanza tra l’Italia meridionale e il dato complessivo riferito al Paese diventa del 25,5%. Un divario che sale al 35,7% se si fa il confronto con il Nord. Lo spread a svantaggio del meridione torna così ad alzarsi, anche se a piccoli passi, dopo aver toccato i minimi del 2009, quando il tracollo economico aveva riavvicinato i due poli. Insomma inizialmente la crisi ha spolpato sopratutto il Nord, mentre il Sud era già in ginocchio; ora il perdurare della debolezza sembra pesare sul Mezzogiorno, incapace di scatti in avanti. Infatti nel 2011 i redditi delle famiglie, a prezzi correnti, segnano i rialzi maggiori in Italia settentrionale, con il Centro-Sud in ritardo.

Guardando a tutto il Paese, il reddito a disposizione delle famiglie nel 2011 in valori correnti è in risalita del 2,1% su base annua, mentre il recupero si ferma allo 0,4% rispetto al 2008. Vantaggi però erosi dall’inflazione e che svaniscono a livello pro-capite: il guadagno in tre anni si riduce dell’1,2%. I ribassi più forti li subisce il Nord Ovest, in particolare la Liguria, mentre la parte orientale resistite.

Ecco che dai dati dell’Istat emerge non solo un Paese diviso in due, ma anche un’Italia settentrionale scissa. L’Istat rileva delle differenze anche nel tipo di reddito. In particolare, nel 2011 risale sia il budget da lavoro dipendente sia quello derivante dalle proprieta’ di abitazioni, mentre continuano a scendere i redditi da capitale, che tra l’altro comprendono interessi, dividendi e altri utili forniti dalle societa’. Passando alla redistribuzione del reddito, nel 2011 l’Istituto di statistica segna un aumento delle prestazioni sociali, mentre cala il peso delle imposte correnti sul reddito, confermandosi superiore nelle regioni settentrionali.

I dati dell’Istat preoccupano sia i sindacati che i consumatori. Per l’Ugl ”è ormai improcrastinabile la creazione di una cabina di regia nazionale” per il rilancio delle aree svantaggiate; sulla stessa linea il Codacons, che accusa come ”il problema del Mezzogiorno in questi anni sia stato del tutto trascurato”.

Il reddito, regione per regione
ROMA  – Ecco una tabella che, Regione per Regione, indica il livello del reddito disponibile per abitante nel 2011, espresso in euro, secondo i dati diffusi dall’Istat. A fronte di un valore medio nazionale pari a circa 18 mila euro, c’è il Nord con 20.800 euro e il Sud con solo 13.400.

Al primo posto della classifica si piazza la provincia autonoma di Bolzano, mentre l’ultima posizione spetta alla Campania.

REGIONE                                            REDDITO PRO CAPITE

Bolzano                                                           22.847

Valle d’Aosta                                                  22.495

Emilia Romagna                                            21.590

Lombardia                                                       21.082

Friuli Venezia Giulia                                    20.677

Piemonte                                                          20.431

Liguria                                                               20.304

Veneto                                                              20.113

Trento                                                               19.642

Lazio                                                                  19.580

Toscana                                                            19.471

Marche                                                              19.055

Umbria                                                             17.885

Abruzzo                                                            15.391

Molise                                                                15.198

Sardegna                                                          14.938

Basilicata                                                          14.276

Puglia                                                                 13.687

Calabria                                                             13.232

Sicilia                                                                  12.970

Campania                                                          12.522

NORD OVEST                                                  20.800

NORD EST                                                        20.800

CENTRO                                                            19.300

MEZZOGIORNO                                            13.400

ITALIA                                                            17.979

 

 

 

 

Ultima ora

14:03Savoia: atterrato a Cuneo aereo con salma re

(ANSA) - CUNEO, 17 DIC - L'aereo partito questa notte da Alessandria d'Egitto con le spoglie del re Vittorio Emanuele III, è atterrato pochi minuti fa all'aeroporto di Cuneo-Levaldigi. La salma del re verrà traslata al Santuario di Vicoforte, nei pressi di Mondovì, dove riposerà accanto alla moglie regina Elena di Savoia. Non è vero che una parte della famiglia reale è stata tenuta all'oscuro dell'arrivo in Italia delle salme. "Erano tutti assolutamente informati: bisogna distinguere nettamente fra discrezione e segreto, o tentativo di occultare". Lo ha detto ai giornalisti Aldo Alessandro Mola, già presidente della Consulta dei senatori del Regno. "Qui - ha precisato - non c'era niente da occultare. La scelta di Vicoforte era stata individuata sin dal 19 marzo 2011, nel centocinquantesimo dell'Unità d'Italia".

13:49Papa: frati Assisi pregano per compleanno Pontefice

(ANSA) - ASSISI (PERUGIA), 17 DIC - "Il nostro ricordo per è la preghiera sulla tomba di San Francesco per il tuo straordinario ministero": è il tweet della comunità del Sacro Convento di Assisi in occasione del compleanno di Papa Francesco. Inviato dal direttore della sala stampa padre Enzo Fortunato. "Un abbraccio francescano da tutti noi" il messaggio augurale dei frati di Assisi al Pontefice. (ANSA).

13:38Gerusalemme: a Bari ‘sit in’ palestinesi contro scelta Trump

(ANSA) - BARI, 17 DIC - Un centinaio di persone ha aderito questa mattina a Bari al 'sit in' della comunità palestinese di Puglia e Basilicata contro la decisione del presidente degli Usa, Donald Trump, di riconoscere Gerusalemme capitale di Israele e di spostare qui l'ambasciata americana. Il presidente della comunità palestinese di Puglia e Basilicata, Afanem Mohammed, ha spiegato che "ora la situazione in Palestina e Medioriente è esplosiva" perché "così si elimina qualsiasi possibilità di pace e quella di creare due Stati per due popoli". "La decisione degli Usa fa saltare - ha detto - tutto il lavoro fatto dalla comunità internazionale negli ultimi 40 anni per portare la pace". "Gerusalemme, oltre a essere dal punto di vista politico la capitale dello Stato di Palestina, - ha aggiunto - è il cuore pulsante sia culturale sia religioso della Palestina". Quanto alle immagini che circolano su Fb di soldati israeliani che arrestano e mettono in carcere bambini palestinesi, Afanem ha evidenziato che "si tratta di immagini vere".

13:22Sci: altro podio per la Goggia, 3/a nel SuperG Val D’Isere

(ANSA) - VAL D'ISÈRE (FRANCIA), 17 DIC - L'azzurra Sofia Goggia e' davvero tornata alla sua maniera e cioe' a suon di podi: seconda nel SuperG di ieri in Val d'Isere e terza pure nel SuperG di oggi in 1.06.28. Ha cosi' rimediato un distacco minimo di tre centesimi dalla piazza d'onore occupata da Tina Weirather del Liechtenstein che infatti chiuso in 1.06.25. Ha vinto - un ritorno al successo dopo una attesa di due anni e mezzo per infortuni - l'austriaca Anna Veith in 1.05.77. Per l'Italia vi sono poi Federica Brignone buona 7/a in 1.06.86, e poi poco piu' indietro Nadia Fanchini in 1.07.45, Johanna Schanrf in 1.07.57 e Marta Bassino in 1.07.97. Non e' invece scesa in pista Lindsey Vonn, vincitrice ieri, lamentando dolori ad un ginocchio. E' invece caduta ad alta velocita' la francese Tessa Worley rimasta illesa anche grazie all'apertura dell'air bag.

13:13Neve su strade al valico di Colfiorito

(ANSA) - PERUGIA, 17 DIC - Intensa nevicata nella zona del valico di Colfiorito, sull'Appennino tra l'Umbria e le Marche. Interessa il vecchio e il nuovo tracciato della strada Val di Chienti. La polizia stradale riferisce che il transito è consentito solo ai veicoli con catene montate. Non sono stati comunque segnalati particolari problemi. Una lastra di ghiaccio si è invece formata nelle prime ore della mattina sul raccordo Perugia-Bettolle, nella zona di Tuoro sul Trasimeno non distante dal lago. Sulla carreggiata che porta in Toscana si è quindi innescato un incidente, coinvolgendo otto veicoli. Nessuno è rimasto comunque ferito. Per la neve e l'incidente sono state impegnate pattuglie della polstrada di Perugia e di città di Castello e una dei carabinieri.

12:18Scherma: Arianna Errigo 2/a nella sciabola in cdm a Cancun

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Una fiorettista sul podio della sciabola. E' accaduto sulle pedane messicane di Cancun dove Arianna Errigo, che col fioretto in mano ha conquistato sin qui un argento olimpico individuale ed un oro a squadre, due volte campionessa del Mondo, due volte campionessa europea, vincitrice di sedici prove di Coppa del Mondo, è finita seconda al termine del Grand Prix FIE. A fermare la scalata dell'azzurra verso il gradino più alto è stata solo l'ucraina Olga Kharlan che ha fermato l'azzurra 15-6.

12:13Bomba devasta negozio a pochi giorni da inaugurazione

(ANSA) - NICOTERA (VIBO VALENTIA), 17 DIC - Una bomba ha devastato la notte scorsa, a Nicotera, il negozio "Splendidi e Splendenti" la cui inaugurazione era attesa a giorni. L'attività commerciale presa di mira con un ordigno, fatto esplodere intorno alle 4.15, è situata nel centro storico del paese. Ingenti i danni, ancora in corso di quantificazione. Sul posto, per spegnere l'incendio seguito alla deflagrazione, sono intervenuti i vigili del fuoco. Le indagini sull'accaduto sono state avviate dai carabinieri. Al momento non viene esclusa nessuna ipotesi. Quella predominante è che si sia trattato di un avvertimento preventivo che alza il livello di attenzione e di preoccupazione nella zona feudo del clan di 'ndrangheta dei Mancuso. (ANSA).

Archivio Ultima ora