Agca: “Dissi a Wojtila che Khomeini era il mandante”

Pubblicato il 07 febbraio 2013 da redazione

ROMA  – L’uomo che attentò alla vita del Papa rivendica le sue ”verità”.

– Dissi a Giovanni Paolo II, nell’incontro che ebbi con lui a Rebibbia, che a ordinarmi di ucciderlo fu l’ayatollah Khomeini – dichiara Ali Agca in un’intervista all’Ansa, ribadendo la tesi della pista islamica per l’attentato del 13 maggio 1981 in Piazza San Pietro e contestando le smentite date dal Vaticano a quanto l’ex ”lupo grigio” ha scritto nella sua autobiografia ”Mi avevano promesso il Paradiso”, uscita recentemente per Chiarelettere. In più, ripete che Wojtyla lo invitò a convertirsi al cristianesimo – ”lo fece pubblicamente all’Angelus nell’anniversario dell’attentato” – e anche che ricevette lettere dall’allora cardinale Ratzinger.

– In sostanza, tutto quello che dice il portavoce vaticano è falso – dice Agca al telefono dalla Turchia a proposito delle smentite di padre Federico Lombardi nel giorno d’uscita del libro, il primo febbraio scorso -. Confermo tutto quello che c’è nel mio libro – afferma con tono perentorio -. Lasciamo da parte le chiacchiere, guardiamo ai dati di fatto – aggiunge poi, invitando i giornalisti a ”onorare la verita”’.

– Padre Lombardi porta come testimone il card. Stanislao Dziwisz, all’epoca segretario di Giovanni Paolo II – osserva Agca -, ma anche dalle immagini tv dell’incontro nel carcere di Rebibbia si può vedere che per 22 minuti io parlai segretamente col Pontefice. Il segretario era con i giornalisti davanti alla porta e non ha sentito niente, quindi non può dire che io non parlai con Giovanni Paolo II del fatto che fu Khomeini a ordinarmi di ucciderlo.

Il ”secondo dato di fatto”, poi, dice contestando un’ulteriore sconfessione di Lombardi, è che ”il Papa mi invitò alla conversione, e lo fece pubblicamente”.

– Il 13 maggio 1984 – racconta -, all’Angelus in Piazza San Pietro, disse che ‘questi giorni di anniversario dell’attentato devono essere un’occasione di conversione’. E il giorno prima il cappellano del carcere mi aveva annunciato che in quell’occasione ci sarebbe stato un messaggio per me, tanto che io poi guardai le immagini al telegiornale.

Ali Agca, oggi uomo libero dopo la ”grazia” per l’attentato e dopo aver scontato altri debiti con la giustizia in Turchia, conferma anche di aver ricevuto lettere dall’allora cardinale Ratzinger, ”lettere che anche il giudice Ferdinando Imposimato ha riferito di avermi visto in mano. Che motivo avrebbe avuto per mentire?”.

– Khomeini mi diede personalmente l’ordine di uccidere il Papa – ribadisce -, che era considerato l’incarnazione di Satana. Questo aveva a che fare anche con la profezia di Fatima, perchè i musulmani ritengono che nella cittadina portoghese apparve non la Madonna, ma la figlia del Profeta, che si chiamava appunto Fatima.

Agca, sottolineando che Khomeini ”è responsabile di molti crimini” e diede almeno ”mille ordini di morte”, ricorda di aver trascorso ”cinque mesi in Iran, a Teheran e a Qom, senza documenti, dal gennaio al maggio 1980”.

– Ci sono prove, ci sono persone che ho visto – osserva. A sostegno delle sue affermazioni spiega anche che ”ci sono due persone ancora vive: perchè non chiedete a loro?”. In particolare si riferisce ai suoi ”addestratori” in Iran, Mohsen Rezai, poi diventato capo dei Pasdaran, e Jaffar Subhani, ”un turco iraniano che mi ha indottrinato nella città santa di Qom”.

– Se si chiede loro, devono rispondere – avverte Agca -. E anche il governo iraniano deve farlo.

Per ora, invece, l’ambasciata di Teheran in Italia ha definito ”inaccettabile” quello che dice Agca, che ”ferisce profondamente la sensibilita’ del popolo iraniano”. L’Ambasciata ha parlato di ”intenzioni non documentabili”, ”infamanti” e di ”gravi e infondate accuse” al fondatore della Repubblica islamica. Però l’ex ”lupo grigio” insiste, si accalora. Se la prende col Vaticano che ”ce l’ha con l’editore Chiarelettere perchè ha pubblicato le carte segrete del Papa”, vedi il libro ”Sua Santità” di Gianluigi Nuzzi: quindi ”per vendicarsi ha cercato di affondare questa mia autobiografia”.

Ricorda che ”il Papa ricevette ben quattro volte la mia famiglia”. E sottolinea che nell’Anno Santo della Redenzione, il 1983, ”uno degli obiettivi era la mia conversione”.

– Lo dimostra quanto scritto in prima pagina dall’Osservatore Romano il 21 ottobre 1984 – rammenta con puntiglio – e cioè che nell’Anno Santo della Redenzione ‘ci sono stati due eventi importanti: il primo è la consegna della croce del Papa a un milione di giovani durante la Pasqua e il secondo è l’incontro tra Ali’ Agca e il Papa nel carcere di Rebibbia.

Ultima ora

14:13Mattarella, grazie a Protezione Civile, paese riconoscente

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Il Paese vi è riconoscente, grazie per quello che fate". Con queste parole il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha consegnato la medaglia d'oro al Valore Civile al dipartimento della Protezione civile per l'intervento nei terremoti che dall'agosto 2016 hanno colpito il centro Italia.

14:12Champions: Totti, sorteggio non male ma Shakhtar forte

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Per quello che c'era è andata abbastanza bene, ma non bisogna sottovalutare lo Shakhtar, squadra forte fisicamente e atleticamente. Sarà una partita apertissima. L'unico piccolo vantaggio potrebbe essere quello di giocare il ritorno in casa, ci sono tre mesi per preparare a questa partita, ma per adesso pensiamo al campionato". Così Francesco Totti commenta ai microfoni di Premium Sport l'esito del sorteggio degli ottavi di finale di Champions League a Nyon, che vedrà la Roma affrontare lo Shakhtar Donetsk.

14:09Calcio: Ps Catania arresta ultra Matera, altri 33 denunciati

(ANSA) - CATANIA, 11 DIC - Cinquantadue bombe carta, 10 mazze di ferro e 4 da baseball, martelli ed 1 noccoliera, oltre a due tre bombe carte artigianali due a fontana e sette fumogeni sono stati sequestrati ieri dalla Digos di Catania durante le perquisizioni eseguite nei confronti dei 50 tifosi del Matera e dei due bus sui quali viaggiavano per assistere alla partita di calcio allo stadio Massimino valida per il torneo di Lega Pro. Il materiale è stato sequestrato e un ultra del Matera, M. P., di 35 anni, è stato arrestato. Altri 33 sono stati denunciati in stato di libertà. Tutti sono stati identificati e fotosegnalati. Il questore di Catania, Giuseppe Gualtieri, che aveva predisposto il piano di controlli della Digos etnea, procederà anche con i Daspo. (ANSA).

14:07Ginnastica: Biles, da Olimpiadi Rio a cheerleader Nfl

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Vincitrice di 4 medaglie d'oro all'Olimpiade di Rio 2016, e di dieci titoli mondiali in carriera, la fuoriclasse statunitense della ginnastica artistica, Simone Biles, ieri ha vissuto una domenica decisamente diversa. Cresciuta a Houston e tifosa del team locale di football americano, i Texans che giocano nella Nfl, ieri ha incitato la squadra del cuore vestendo i panni della cheerleader. Poi, sui social, ha documentato l'esperienza, twittando prima del match la frase "non vedo l'ora che arrivi la mia prima partita...forza Texans!" e pubblicando anche una foto scattata insieme all'ex fuoriclasse del basket (2 titoli vinti con i Rockets) Hakeem Olajuwon, anche lui allo stadio per tifare Houston, che affrontava i San Francisco 49ers. n realtà la Biles non ha portato molta fortuna ai Texans, sconfitti per 26-16 e privati, nel corso dell'incontro, del quarterback titolare, Tom Savage, costretto a uscire dopo aver preso un colpo in testa.

14:05Cause di favore per amici, arrestato magistrato

(ANSA) - NAPOLI, 11 DIC - Il giudice Mario Pagano, già magistrato del Tribunale di Salerno, attualmente in servizio presso il Tribunale di Reggio Calabria, è agli arresti domiciliari al termine di indagini disposte e coordinate dalla Procura di Napoli. Secondo la Procura, Pagano "si sarebbe adoperato nel tempo per favorire imprenditori ai quali era legato da consolidati rapporti di amicizia, trattando cause riferibili a tali amici con esito favorevole per questi ultimi" e "ricevendo dagli imprenditori utilità varie".Pagano è uno dei sette destinatari delle ordinanze cautelari disposte dal Gip di Napoli: due ai domiciliari, quattro applicative del divieto di dimora ed una applicativa dell'obbligo di dimora. Ai domiciliari anche il funzionario giudiziario Nicola Domenico Montone. Divieto di dimora nei confronti degli imprenditori Luigi Celestre Angrisani, Riccardo De Falco, Giovanni Di Iura e Roberto Leone ed infine obbligo di dimora nel comune di residenza nei confronti del consulente fiscale Antonio Piluso.

14:05India: Rahul Gandhi presidente eletto partito del Congresso

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Rahul Gandhi è diventato oggi a New Delhi il nuovo presidente eletto dello storico partito del Congresso indiano (Inc), attualmente all'opposizione. Lo ha annunciato il presidente della Commissione centrale elettorale di questa formazione politica, Mullappally Ramachandran. L'elezione del figlio di Sonia Gandhi, che ha 47 anni e non è sposato, è divenuta automatica perché alla scadenza odierna della presentazione delle candidature per l'incarico, nessun'altra personalità del partito si è fatta avanti. Si tratta del sesto membro della famiglia Nehru-Gandhi (solo lontanamente imparentata con il Mahatma) ad assumere l'importante carica. Gli altri cinque sono stati: Motilal Nehru, Jawaharlal Nehru, Indira Gandhi, Rajiv Gandhi e Sonia Gandhi. Quest'ultima è stata la più longeva, mantenendo la presidenza per 19 anni. La trasmissione del comando fra madre e figlio, si è infine appreso, avverrà il prossimo 16 dicembre.

14:04Cancellato volo Francoforte-Orio

(ANSA) - BERGAMO, 11 DIC - Duecento passeggeri sono rimasti bloccati a Francoforte dopo che ieri sera un volo Ryanair diretto a Orio al Serio è stato cancellato per le avverse condizioni meteo. Ora i passeggeri, tra cui molti italiani, non sanno quando riusciranno a tornare. Il servizio di assistenza di Ryanair infatti ha confermato che il volo successivo, quello in programma oggi alla stessa ora, è già al completo e forse si libereranno solo 10 posti. Alcuni passeggeri hanno contattato il numero dell'assistenza della compagnia lowcost, senza ottenere risposta.

Archivio Ultima ora