TENNIS. Fed Cup, le Azzurre sfidano gli Usa

Pubblicato il 08 febbraio 2013 da redazione

ROMA – A poche ore dal via della sfida Italia-Stati Uniti, quarti di finale della Fed Cup, in programma da oggi a Rimini, la squadra capitanata da Corrado Barazzutti é già in clima gara. Assenti le sorelle Williams, la sfida si preannuncia comunque difficile anche se, sulla terra rossa, le azzurre sembrano avere una marcia in più.

Si comincia con il match tra Sara Errani e Jamie Hampton, un incontro sulla carta comunque difficile.

“Lei è una giocatrice aggressiva sin dal servizio – le parole della Errani – è in forma, lo si è visto in Australia, certo, è meglio affrontarla sulla terra che sul veloce, spero di tenera a fondo campo il più possibile”.

L’azzurra giocherà in casa, in tutti i sensi, essendo lei romagnola, un motivo in più per essere motivata: “Speriamo che il 105 Stadium sia pieno, con tantissima gente – aggiunge Errani – ho voglia di giocare questo match. La tensione? Normale che ci sia”.

Dopo il match Errani-Hampton, toccherà a Roberta Vinci scendere in campo contro Varvara Lepchenko: “E’ una partita difficile – spiega la tennista tarantina – lei viene da un ottimo momento, ha un gioco che si basa molto sul dritto, sicuramente dovrò cercare di non darle troppo ritmo”.

Motivate anche Nastassja Burnett, all’esordio in Fed Cup e Karin Knapp, per il momento designate per il doppio, già proiettate al match che andrà in scena al 105 Stadium di Rimini.

“Nella mia testa ho tantissime emozioni – le parole della Burnett – desidero solo imparare più cose possibili da questa esperienza”. Karin Knapp aggiunge: “La voglia di giocare ovviamente c’é, ma è giusto che giochino Sara e Roberta e noi faremo un gran tifo per loro”.

Gli Stati Uniti, dal canto loro. ci credono, sono consapevoli che la strada è tutta in salita, ma hanno fiducia nei propri mezzi. Un pensiero ben espresso dalla capitana Mary Joe Fernandez: “Noi siamo pronte, il match è difficile, ma abbiamo lavorato duramente in questi giorni. Le italiane restano favorite, giocheremo match dopo match e poi vedremo. Se sentiamo la pressione? In una competizione a squadre c’é sempre pressione, fa anche bene, noi ci aspettiamo di fare un buon match. Prepareremo la sfida andando a mangiare un bel gelato”.

Determinate anche Melanie Oudin e Jamie Hampton, molto fiduciosa Varvara Lepchenko: “Sono contenta di essere qui, in questi giorni a Rimini abbiamo lavorato bene con tutta la squadra, vedremo domani”.

Ultima ora

21:39Gerusalemme:Casa Bianca, Trump resta impegnato su pace

(ANSA) - WASHINGTON, 13 DIC - Trump "resta impegnato per la pace come sempre": lo ha ribadito la Casa Bianca dopo l'annuncio dei palestinesi che non riconosceranno più il ruolo degli Usa nel processo di pace con Israele. Una fonte dell'amministrazione ha osservato che "questa retorica ha impedito la pace per anni". La Casa Bianca, ha aggiunto, continuerà a lavorare duro "per elaborare il suo piano, di cui beneficeranno sia il popolo israeliano sia quello palestinese". Un piano che sarà svelato "quando sarà pronto e il momento sarà giusto".

21:38Gerusalemme: Iron Dome intercetta 2 razzi da Gaza

(ANSAmed) - TEL AVIV, 13 DIC - Il sistema antimissili Iron Dome ha intercettato "con successo" due razzi lanciati dalla Striscia di Gaza verso Israele. Lo ha riferito il portavoce militare israeliano.

21:34Tribunale, Inps eroghi premio nascita a tutte le madri

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Ha "carattere discriminatorio" la condotta dell'Inps "consistente nell'aver introdotto requisiti non previsti dalla legge del 2016 per poter beneficiare del cosiddetto 'premio alla nascita'" come il permesso di soggiorno di lungo periodo. Il premio va quindi esteso "a tutte le future madri" straniere "regolarmente presenti in Italia che ne facciano domanda". Lo ha deciso il giudice del Tribunale civile di Milano accogliendo il ricorso di APN - Avvocati per niente Onlus, A.S.G.I. Associazioni Studi Giuridici sull'Immigrazione e Fondazione Guido Piccini per i Diritti dell'Uomo Onlus.

21:27Calcio: Mondiale club,2-1 all’Al Jazira e R.Madrid in finale

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Real Madrid vince 2-1 contro i padroni di casa dell'Al Jazira di Abu Dhabi e stacca il biglietto per la finale del Mondiale per club di sabato, dove affronterà i brasiliani del Gremio Porto Alegre, campioni in carica del Sudamerica.

21:23Gerusalemme: sirene di allarme nel sud di Israele

(ANSAmed) - TEL AVIV, 13 DIC - Le sirene di allarme anti missili sono risuonate poco fa nel sud di Israele, nella zona della cittadina di Sderot non lontano dalla Striscia. Lo conferma l'esercito, citato dai media. Secondo questi ultimi ci sarebbe stato almeno un razzo dalla Striscia intercettato dall'Iron Dome.

21:15‘Boicotta Espresso’, ma blitz Forza Nuova fallisce a Torino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - Avevano in programma un'azione dimostrativa sotto la redazione torinese del quotidiano La Repubblica, simile a quella effettuata a Roma lo scorso 6 dicembre, i militanti di Forza Nuova che ieri sono stati fermati dalla polizia a Torino. Gli investigatori della Digos hanno intercettato il corteo, non autorizzato, prima che arrivasse in via Lugaro, sede del giornale, e i manifestanti si sono allontanati. Secondo quanto appreso, l'intenzione di Forza Nuova era quella di appendere uno striscione con la scritta 'Boicotta il Gruppo Espresso'. (ANSA).

21:12Calcio: 3-2 alla Sampdoria, Fiorentina ai quarti

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - La Fiorentina ha battuto 3-2 la Sampdoria negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti affronterà la vincitrice di Lazio-Cittadella, in programma domani sera allo stadio Olimpico di Roma. Viola in vantaggio già al 2' grazie a Babacar. Il pareggio ligure lo firma Barreto a cinque minuti dall'intervallo. Nella ripresa l'arbitro Rosario Abisso, di Palermo, diventa protagonista fischiando tre rigori, due con l'ausilio della Var. Il primo lo trasforma Veretout, il secondo - quello del 2-2 - è opera di Ramirez al 32'. Al 90' ancora Veretout sul dischetto. Il francese non sbaglia battendo Puggioni con grande freddezza. Per la Samp anche un clamoroso palo colpito da Caprari su punizione.

Archivio Ultima ora