Svalutato il bolívar: da 4.30 a 6.30 per un dollaro Usa

CARACAS – Il ministro dell’Economia, Jorge Giordani, e il presidente della Banca Centrale del Venezuela, Nelson Merentes, hanno annunciato la svalutazione della moneta nazionale, il bolivar, da 4,30 a 6,30 per un dollaro Usa.

La notizia é stata resa nota dopo che il vicepresidente, Nicolas Maduro, aveva attribuito al presidente  Chavez,  a Cuba  in convalescenza dopo l’ennesima operazione per estirpare un cancro,  ”preoccupazioni” sullo scenario economico del Paese. Secondo Maduro, Chávez ha sollecitato interventi per ”mantenere il ritmo di crescita”.

Oltre alla svalutazione della moneta, decisione presa il giorno prima del lungo “ponte di Carnevale”, il presidente della Banca Centrale ha annunciato anche l’eliminazione del sitme.

– Era un sistema imperfetto che non ha dato i risultati che desideravamo.

Il salto da 4,30 a 6,30 rappresenta una svalutazione del 46,5 per cento che, stando ai primi pronostici di economisti ed esperti nella materia, avrá una forte ricaduta sull’inflazione e, quindi, sul consumo e sul livello di vita dei venezolani.