Più di 50 viaggi dall’Australia all’America

Pubblicato il 11 febbraio 2013 da redazione

ROMA  – ”Sono vecchio e non so quanto il Signore mi concederà ancora”: Papa Benedetto XVI lo ha ripetuto più di una volta durante i suoi viaggi, mentre fin dai primi giorni del pontificato ha accennato alla necessità di dover dosare le proprie energie.

Eletto papa a 78 anni – quando pensava di poter tornare a casa e ai suoi studi dopo oltre due decenni a Roma – Benedetto XVI, pur consapevole dei propri limiti, non ha rifiutato l’eredità fisicamente più faticosa del predecessore: visitare le frontiere del cattolicesimo contemporaneo e del mondo, incontrare i popoli, dialogare con cristiani e non cristiani.

”Naturalmente – aveva confessato nel libro-intervista ‘Luce del mondo’ del 2010 – a volte sono preoccupato e mi chiedo se riuscirò a sopportare il tutto anche solo dal punto di vista fisico. Le visite pastorali chiedono tanto ad uno come me”.

Oltre 50 le missioni fuori del Vaticano – 24 all’estero,30 inItalia – sono all’attivo del pontificato di Joseph Ratzinger. Prima del ”globe-trotter” Wojtyla – che ha viaggiato 104 volte all’estero e104 inItalia – Paolo VI aveva inaugurato i viaggi extraitaliani dei papi d’epoca moderna, ed era stato 9 volte fuori d’Italia. Il primo viaggio del pontificato ratzingeriano è in Italia: poco più di un mese dopo l’elezione, il 29 maggio 2005, è a Bari per chiudere il congresso eucaristico nazionale. I primi due viaggi fuori d’Italia sono ancora nel solco di papa Wojtyla: a Colonia nell’agosto 2005 partecipa alla Giornata mondiale della gioventù per adempiere alla promessa fatta da Giovanni Paolo II ai ragazzi cattolici; in Polonia a maggio 2006 si fa pellegrino sui luoghi wojtyliani e taglia il cordone ombelicale con il predecessore.

Segue la visita a Valencia, a luglio 2006 per l’incontro mondiale delle famiglie, e, a settembre dello stesso anno, il viaggio in Baviera. Questo, nato come ritorno alle radici e incontro con un Paese simbolo della situazione dei cattolici occidentali, si trasforma in crisi con l’Islam, a causa della incauta citazione contro Maometto che il professore Ratzinger, peccando di ingenua impoliticità, inserisce nella Lectio magistralis davanti agli accademici di Ratisbona. Così la successiva missione internazionale, in Turchia a novembre-dicembre 2006, vede molto ridimensionato il motivo originario, tutto ecumenico, e si trasforma in una ricucitura, peraltro riuscita, delle relazioni con il mondo islamico.

In Brasile a maggio 2007 Benedetto XVI apre la assemblea dei vescovi latinoamericani e si confronta con i temi del sud del mondo. Il 2008 si ricorda per le missioni di Benedetto XVI negli Stati Uniti – dove viene accolto affettuosamente e trionfalmente e dove apprezza il rapporto tra dimensione pubblica e religioni – e in Australia perla Giornatamondiale della gioventù, – un raduno che stupisce gli australiani per l’allegria dei protagonisti e un’occasione per incontrare vittime di preti pedofili.

Il 2009 si connota per la missione in Camerun e Angola – dove la polemica sui preservativi offusca la voce pro Africa e Paesi poveri che Ratzinger leva con analoga forza del predecessore – e per quella in Terra Santa, un successo e un capolavoro di attenzione pastorale e diplomazia. Primo viaggio del 2010 è a Malta, dove Benedetto XVI suscita una impressione profonda nelle vittime di abusi di preti. Echi dello scandalo dominano anche le tappe in Portogallo e a Cipro, mentre nel Regno Unito papa Ratzinger tocca il cuore del popolo per il suo incontro con l’anziana Regina e per la rievocazione dell’impegno dei britannici contro il nazismo. L’anno si chiude con la tappa a Barcellona e Santiago di Compostela, per la consacrazione della Sagrada Familia, capolavoro dell’architetto catalano Guadì.

Nel 2011 prime tappe internazionali a Zagabria e poi a Madrid perla XXVI Giornatamondiale della gioventù. Dopo Bari i viaggi in Italia portano Benedetto XVI su e giù perla Penisola, tra l’altro a Verona, a Pavia, in Abruzzo tra i terremotati, a San Giovanni Rotondo tra la devozione popolare a padre Pio, a Cagliari, dove invita i cattolici a formare una nuova generazione di politici, a Carpineto Romano, sulle orme di Leone XIII, padre della dottrina sociale della Chiesa, a Palermo, Venezia, Aquileia e San Marino.

Nel giugno 2012, il Pontefice è nelle zone compite dal terremoto in Emilia Romagna. Del 4 ottobre 2012 è la visita al Santuario di Loreto, nel 50mo anniversario del celebre pellegrinaggio del beato papa Giovanni XXIII in quella località mariana. Memorabile è il 24/mo viaggio internazionale e quarto in Asia, che Benedetto XVI ha compiuto, nel settembre2012, inLibano. Un ”viaggio coraggioso”, in un ”contesto difficile e drammatico”, venne definito da più parti; un viaggio che il Vaticano non ha mai pensato di cancellare dall’agenda, neppure allo scoppio del conflitto siriano. Prima ancora era avvenuto lo storico viaggio che ha portato il Pontefice, a fine marzo2012, aCuba e in Messico.

A L’Avana Benedetto XVI ha celebrato la messa nella Plaza dela Revolucion, luogo simbolico del regime e teatro delle grandi adunate castriste, e nelle ore finali della sua visita a Cuba ha incontrato il ‘lider maximo’ della rivoluzione, l’anziano e malato Fidel Castro. E se da una parte il Papa ha chiesto più libertà per la chiesa cubana, dall’altra, nel suo congedo da Cuba, ha preso posizione contro le ”misure economiche restrittive imposte dal di fuori del Paese”che ”pesano negativamente sulla popolazione”. Pochi mesi prima, Papa Ratzinger aveva compiuto altri due viaggi importanti: nel novembre 2011 era stato per la seconda volta in Africa, in Benin, e più esattamente a Cotonou, la città più popolosa del Paese, e Ouidah, l’antica città degli schiavi. Qui il Papa aveva pregato con i fedeli di tutta l’Africa occidentale, e infuso ”coraggio” ai malati di Aids, ricordando che ”meritano rispetto e amore”. Nel settembre 2011, infine, Benedetto XVI aveva compiuto uno dei viaggi piu’ intensi del suo pontificato in Germania.

 

 

FONDO GRIS

 

DOCUMENTO

L’Annuncio: “Vi comunico una decisione

importante per la vita della chiesa”

 

CITTA’ DEL VATICANO  – ”Carissimi Fratelli, vi ho convocati a questo Concistoro non solo per le tre canonizzazioni, ma anche per comunicarvi una decisione di grande importanza per la vita della Chiesa”. Cosi comincia il testo dell’annuncio delle dimissioni di Papa Benedetto XVI.

”Dopo aver ripetutamente esaminato la mia coscienza davanti a Dio – prosegue il documento – sono pervenuto alla certezza che le mie forze, per l’etá avanzata, non sono più adatte per esercitare in modo adeguato il ministero petrino. Sono ben consapevole che questo ministero, per la sua essenza spirituale, deve essere compiuto non solo con le opere e con le parole, ma non meno soffrendo e pregando. Tuttavia, nel mondo di oggi, soggetto a rapidi mutamenti e agitato da questioni di grande rilevanza per la vita della fede, per governare la barca di san Pietro e annunciare il Vangelo, è necessario anche il vigore sia del corpo, sia dell’animo, vigore che, negli ultimi mesi, in me è diminuito in modo tale da dover riconoscere la mia incapacità di amministrare bene il ministero a me affidato. Per questo, ben consapevole della gravità di questo atto, con piena libertà, dichiaro di rinunciare al ministero di Vescovo di Roma, Successore di San Pietro, a me affidato per mano dei Cardinali il 19 aprile2005, in modo che, dal 28 febbraio 2013, alle ore 20,00, la sede di Roma, la sede di San Pietro, sarà vacante e dovrà essere convocato, da coloro a cui compete, il Conclave per l’elezione del nuovo Sommo Pontefice”.

”Carissimi Fratelli – conclude il Papa – vi ringrazio di vero cuore per tutto l’amore e il lavoro con cui avete portato con me il peso del mio ministero, e chiedo perdono per tutti i miei difetti. Ora, affidiamola Santa Chiesaalla cura del suo Sommo Pastore, Nostro Signore Gesù Cristo, e imploriamo la sua santa Madre Maria, affinchè assista con la sua bontà materna i Padri Cardinali nell’eleggere il nuovo Sommo Pontefice. Per quanto mi riguarda, anche in futuro, vorro’ servire di tutto cuore, con una vita dedicata alla preghiera,la Santa Chiesadi Dio”.

BOLLETTINO N. 0089 – 11.02.2013 3 Dal Vaticano,

10 febbraio 2013 BENEDICTUS

Ultima ora

17:49Papa:mantenere domenica senza lavoro,siamo figli non schiavi

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Alcune società secolarizzate hanno smarrito il senso cristiano della domenica illuminata dall'Eucaristia", ha denunciato papa Francesco in udienza generale. "E' necessario ravvivare questa consapevolezza, per recuperare il significato della festa, del riposo che ristora l'anima e il corpo", ha detto, ricordando che il Concilio ha voluto ribadire che "la domenica è il giorno di festa primordiale che deve essere proposto e inculcato alla pietà dei fedeli, in modo che divenga anche giorno di gioia e di astensione dal lavoro". "L'astensione domenicale dal lavoro non esisteva nei primi secoli: è un apporto specifico del cristianesimo - ha sottolineato Francesco -. Per tradizione biblica gli ebrei riposano il sabato, mentre nella società romana non era previsto un giorno settimanale di astensione dai lavori servili. Fu il senso cristiano del vivere da figli e non da schiavi, animato dall'Eucaristia, a fare della domenica - quasi universalmente - il giorno del riposo".

17:21Calcio: Inzaghi, Lazio si sfoghi con Cittadella

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "I fatti accaduti sono fuori dal mondo, spero che chi di dovere prenda i giusti provvedimenti". Simone Inzaghi torna così sui torti arbitrali subiti in Lazio-Torino. Alla vigilia dell'ottavo di finale di Coppa Italia contro il Cittadella, il tecnico avverte: "Adesso dobbiamo cercare di trasformare questa grande ingiustizia subita in ferocia. Sfogare tutto quello che c'è successo in campo, contro il Cittadella ci saranno delle insidie". Fatti come quelli di Lazio-Torino e un utilizzo del Var che la Lazio lamenta essere stato sempre a sfavore "sono cose che non dovrebbero capitare. Da oggi non parlerò più di cose del genere, poi sono altri che dovrebbero farsi sentire. Io già l'ho fatto dopo le partite con Roma, Fiorentina, Sampdoria e Torino". A Burdisso, che aveva smentito il ds Tare e Parolo sottolineando di non aver mai detto all'arbitro Giacomelli di non essere stato toccato da Immobile, Inzaghi replica: "Sono cose che capitano. Burdisso è un giocatore forte in campo, si è lasciato andare".

17:19Calcio: Pordenone, Colucci “torniamo al nostro mondo”

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "C'erano tanti dei miei che piangevano, ho detto loro di alzare la testa e tornare al mondo che ci appartiene. In questa professione - ne parlo da pseudo allenatore e da ex giocatore - si vive anche di soddisfazioni, come aver messo in difficoltà una squadra come l'Inter con grande umiltà". Si esprime così l'allenatore del Pordenone, Leonardo Colucci, dopo l'eliminazione in Coppa Italia, ai rigori, contro l'Inter. "Oggi un mio amico mi diceva che non capitava da nove anni che l'Inter non segnasse un gol in Coppa Italia in casa. Poi c'è dell'altro, a un certo punto ieri nei tre cambi che ha fatto Spalletti sono entrati 250 milioni di euro in campo, nei miei tre cambi sono entrati 250mila delle vecchie lire. E' lì che c'è poesia e romanticismo nello sport. Sono entrati tre giocatori al livello mondiale e i ragazzi sono stati bravi a portarla fino ai rigori".

17:16Rifiuti: traffico illecito, perquisite 7 aziende

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - Scoperta dai carabinieri forestali un'organizzazione specializzata nel traffico di rifiuti speciali pericolosi, tra cui rottami ferrosi e rifiuti legati al comparto delle acciaierie. Nell'inchiesta, condotta dalla Dda di Firenze, risultano coinvolte 7 imprese e indagate 13 persone, accusate di associazione per delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti. Perquisizioni e ispezioni sono state effettuate in Campania, Lombardia, Liguria, Lazio, Puglia, Lazio e Toscana. I rifiuti oggetto dell'inchiesta, si spiega in una nota dei carabinieri forestali, sono "rifiuti ferrosi rottami e rifiuti legati al comparto delle acciaierie (dichiarati illecitamente come materie prime secondarie o come rifiuti non pericolosi) provenienti anche dall'estero". Tra le aziende perquisite anche l'Ilva, ma l'azienda secondo quanto precisato da fonti investigative, non risulta tuttavia al momento indagata.

17:16‘Zuppa con cannabis’, la Procura di Milano apre inchiesta

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - La Procura di Milano ha aperto un fascicolo con l'ipotesi di detenzione di sostanze stupefacenti, a carico di ignoti, sulla vicenda di una donna e due bambini di 4 e 6 anni intossicati dal Thc, il principio attivo della cannabis, dopo avere ingerito un minestrone di verdure e carne, sabato scorso a Milano. Il pm Cristian Barilli, titolare dell'inchiesta, ha convalidato per accertamenti il sequestro della 'zuppa' in cui sarebbe stata contenuta la sostanza, responsabile degli effetti psicotropi di hashish e marijuana. La famiglia, originaria dello Sri Lanka, ha iniziato ad avere i primi sintomi (crampi, nausea, vomito) poco dopo il pranzo sabato scorso a Milano. Poco dopo è stata trasportata in ospedale al San Paolo, poi i bambini sono stati trasferiti alla De Marchi. Anche se ora tutti sono stati dimessi dall'ospedale, il procuratore capo Ciro Cascone e il pm Michela Bordieri hanno disposto accertamenti per la tutela dei minori.

16:55Corteo Roma:divieto caschi-fumogeni, controlli a borse

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Divieto di indossare caschi e indumenti per travisarsi, e fumogeni, compresi artifici pirotecnici. Controlli su persone, borse e zaini lungo tutto il tragitto della manifestazione. Queste le misure di sicurezza messe in atto per il corteo pro migranti previsto per sabato a Roma. La questura teme infiltrazioni di frange violente. La Questura ribadirà il divieto di portare oggetti contundenti, mazze di ogni tipo, materiale o vestiario idoneo al travisamento, artifizi pirotecnici o esplosivi. Previsti anche controlli alle stazioni ferroviarie, nei caselli autostradali e nelle principali vie consolari. Per tutto il percorso delicato i controlli saranno ripetuti su persone, zaini, borse. L'afflusso dei manifestanti "sarà disciplinato dalle forze dell'ordine". Alla manifestazione è prevista la partecipazione di 15mila persone e la Questura teme "l'arrivo di estremisti". Il corteo, che partirà alle 14, si snoderà da piazza della Repubblica a Piazza del Popolo.

16:48Sci: Vidovic vince slalom Coppa Europa a Obereggen

(ANSA) - BOLZANO, 13 DIC - Il croato Matej Vidovic si é aggiudicato lo slalom di Coppa Europa di Obereggen. Al 24enne, in lizza già dopo la prima manche, é bastato il 20/o tempo per staccare l'austriaco Marc Digruber e l'appena 20enne francese Noel Clement. Dopo i due piazzamenti top 10 nei primi due slalom di Coppa Europa a Fjatervaalen in Svezia ora Vidovic ha all'attivo anche il trionfo a Obereggen e lo si vedrà presto in Coppa del Mondo. Il miglior tempo nella seconda manche lo ha fatto segnare il 22enne azzurro Federico Liberatore. 30/o dopo la prima manche ha sfruttato al meglio la possibilità di poter aprire la seconda manche e ha migliorato notevolmente il suo piazzamento - ha chiuso lo slalom in ottava posizione, risultando il migliore degli azzurri. Il secondo azzurro in 12/a posizione é stato il bolzanino Riccardo Tonetti, praticamente sulla sua pista di casa, considerato che ha imparato a sciare proprio a Obereggen.

Archivio Ultima ora