Corea del Nord sfida il mondo: terzo test nucleare

Pubblicato il 12 febbraio 2013 da redazione

TOKYO  – La Corea del Nord torna a sfidare la comunitá internazionale. A due mesi esatti dal razzo/satellite del 12 dicembre, il regime ha completato il terzo test nucleare di ”livello superiore”, con detonazione sotterranea da 7 chilotoni (era di circa 20 la bomba sganciata su Hiroshima) e sisma artificiale, minacciando anche ”passi piú forti” se gli Usa alimenteranno altre ostilità con il Consiglio di Sicurezza Onu convocato d’urgenza.

Pyongyang ha incassato la condanna unanime: dal presidente americano Barack Obama (”atto altamente provocatorio”) al segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon (”chiara e grave violazione delle risoluzioni”), fino ai vicini allarmati, Corea del Sud e Giappone, e a Russia, Francia, Gran Bretagna, Italia, Ue e Nato. Perfino la Cina, in una mossa tanto pesante e rara contro l’alleato, ha spinto il ministro degli Esteri Yang Jiechi a convocare l’ambasciatore nordcoreano a Pechino per esprimere ”forte insoddisfazione e contrarietà risoluta”. Il regime del ‘giovane generale’ Kim Jong-un ha mostrato i muscoli tra crescenti timori di nuovi test nucleari o lanci di missili, in linea con la politica del ‘Songun’ (‘i militari prima di tutto’) cara al padre, ‘il caro leader’ Kim Jong-il.

La detonazione – secondo i dati della Comprehensive Nuclear Test Ban Treaty Organisation (Ctbto), l’agenzia di controllo sui test nucleari con sede a Vienna – e’ avvenuta alle 11.57 con coordinate dell’epicentro riconducibili al sito di Punggye-ri, nel nordest del Paese, già teatro dei primi due test. L’esplosione ha causato un ‘sisma artificiale’ di magnitudo 5 sulla scala Richter, il doppio rispetto al test del 2009 (4.52) e molto più di quello del 2006 (4.1). La Corea del Nord ha riconosciuto a tre ore di distanza ”la prova nucleare” e detto di aver usato un ordigno miniaturizzato con forza esplosiva maggiore degli esperimenti del 2009 e del 2006.

”E’ stato confermato – dice il dispaccio della Kcna – che il test nucleare è stato effettuato a livello elevato in un modo sicuro e perfetto con una carica miniaturizzata e di maggiore forza esplosiva rispetto al passato senza causare un impatto negativo sul circostante ambiente ecologico”. A prescindere all’effettiva riuscita su cui gli esperti dei servizi militari e di intelligence occidentali lavoreranno nei prossimi giorni, lo scopo di Pyongyang è sviluppare una testata per un missile a lungo raggio, come sostiene l’International Peace Research Institute di Stoccolma (Sipri). Secondo fonti diplomatiche consultate dall’ANSA, il timore è che si arrivi a un ordigno di una tonnellata o meno di peso che consenta il suo montaggio su un vettore a lunga gittata come quello di dicembre, capace di coprire 10.000 chilometri fino a minacciare i Paesi vicini e, potenzialmente, gli Stati Uniti.

Un altro fattore di preoccupazione è l’ipotesi dell’uranio arricchito invece che del plutonio: la prova, se confermata, che i piani nucleari di Pyongyang non si sono mai fermati e tale da rendere verosimile l’obiettivo di produzione annua di 40 chili di minerale sufficienti per armare due testate, in aggiunta ai 30 chili di plutonio pronti per ‘confezionare’ diverse bombe.

Uno scenario dai contorni inquietanti che il regime, dopo gli avvicendamenti alla guida delle potenze legate alle vicende nordcoreane (Russia, Usa, Cina, Giappone e Corea del Sud, gli stessi del tavolo a Sei in stallo sull’abbandono dei programmi atomici di Pyongyang), si prepara a usare per strappare aiuti vista l’economia in crisi cronica, pur tra segnali di riforme.

Un test per ”difendere sicurezza e sovranità dell’atto feroce e ostile deciso dagli Usa”, ha annunciato il tg della tv di Stato, la Kctv, sul peso di Washington nella condanna del Consiglio di sicurezza di dicembre. Ma per Obama non c’è tempo da perdere: serve un’azione internazionale ”rapida” e ”credibile” in ambito Onu, con ”gli Usa che continueranno a prendere misure necessarie per difendersi, così come i nostri alleati”. L’obiettivo di americani e occidentali è far votare quanto prima dal Consiglio di sicurezza dell’Onu nuove e severe sanzioni nei confronti del regime di Pyongyang: i quindici sarebbero d’accordo su una rapida condanna dei nuovi test nucleari, ma i negoziati per l’adozione di nuove sanzioni potrebbero richiedere settimane per le resistenze cinesi. Washington tuttavia preme perche’ si faccia presto: la Corea del Nord, ha sintetizzato oggi il capo del Pentagono, Leon Panetta, è ormai ”una minaccia seria” per gli Stati Uniti.

Ultima ora

11:34Bangladesh: Unicef, vaccinazioni per 255.000 bambini

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il governo del Bangladesh - supportato da Unicef, Oms e dall'Alleanza Globale per le Vaccinazioni (Gavi) - ha lanciato una campagna di vaccinazione contro la difterite e altre malattie prevenibili per i circa 255.000 bambini Rohingya di età compresa fra le 6 settimane e i 6 anni che vivono in 12 campi per rifugiati e insediamenti temporanei vicino al confine col Myanmar. In particolare, si tratta dei sotto-distretti di Ukhiya e Teknaf a Cox's Bazar, rende noto un comunicato dell'Unicef.

11:33Ciclismo: Tour Down under, Porte guiderà l’assalto della Bmc

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - La Bmc schiererà un vero e proprio squadrone, per tentare l'assalto al Tour Down under di ciclismo: al via della prima gara del World tour ci saranno, infatti, i vincitori delle quattro ultime edizioni, vale a dire Richie Porte, Simon Gerrans e Rohan Dennis. A completare la formazione, il campione australiano Miles Scotson, il neozelandese Patrick Bevin, il duo svizzero Tom Bohli e Danilo Wyss. Richie Porte sarà il capitano del team. Dennis ha vinto il Down Under nel 2015 e punta al bis dell'anno prossimo. Il Tour Down under si disputerà dal 14 al 21 gennaio dell'anno prossimo, con partenza da Adelaide. Nel 2018 la gara australiana celebrerà le 20 edizioni, essendo nata nel 1999.

11:31Doping: Uci chiede spiegazioni a Froome (2)

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Ha sconvolto il mondo del ciclismo la notizia della positività di Froome nelle analisi effettuate il 7 settembre, in occasione della 18ma tappa della Vuelta, il Giro di Spagna che poi il corridore britannico ha vinto. La federazione internazionale (Uci) ha già sollecitato ulteriori approfondimenti ed ha chiesto alla squadre del corridore britannico di fornire spiegazioni sull'accaduto. In ogni caso per il momento non verrà preso alcun provvedimento sanzionatorio, vista la natura della sostanza, l'antiasmatico appunto, trovato nel sangue del corridore. Il Team Sky in una nota ha ricordato che Froome "nel corso dell'ultima settimana della Vuelta ha sofferto di attacchi acuti di asma e in accordo con i medici della squadra ha aumentato il dosaggio" del farmaco nelle dosi consentite.

11:25Torino: blitz della Digos, sgomberato centro sociale Fenix

(ANSA) - TORINO, 13 DIC - Blitz della Digos di Torino al Fenix, edificio occupato dagli squatter dall'estate scorsa nel centro del capoluogo. All'alba di questa mattina, gli agenti hanno fatto irruzione nello stabile. Il Fenix, di proprietà del comune di Torino, era stato adibito a biblioteca e a punto informativo del gruppo di anarchici. Domani sera, come tutti i giovedì, era prevista un'assemblea aperta. Lo sgombero del Fenix, in corso San Maurizio angolo via Rossini, è stato espletato senza ripercussioni per l'ordine e la sicurezza pubblica. Sono in corso le operazioni di messa in sicurezza dello stabile a cura dell'amministrazione comunale proprietaria dell'edificio.(ANSA).

11:25Doping: Froome si difende,curavo asma con dosi lecite

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Tutti sanno che soffro di asma, ma so quali sono le regole e sono stato attento a non superare le dosi consentite": questa la difesa del campione britannico Chris Froome, trovato positivo al salbutamolo a un controllo effettuato durante la Vuelta a settembre. "È noto che ho l'asma e so esattamente quali sono le regole. Uso un inalatore per gestire i miei sintomi (sempre entro i limiti consentiti) e so per certo che verrò testato ogni giorno indossando la maglia del leader della corsa".

11:09Badminton: torna lo Yonex International

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Ritorna al PalaBadminton di Milano lo Yonex Italian International 2017. Quattro giorni di gara - da domani a domenica 17 dicembre - che vedranno la partecipazione del grande badminton internazionale. La kermesse, giunta alla sua 17/a edizione, offrirà agli azzurri l'opportunità di brillare nuovamente dopo le 5 medaglie (un oro, due argenti e due bronzi) conquistate in Botswana e Zambia e il decimo posto ai Campionati Europei Under 17 di Praga. Quattordici gli azzurri convocati dallo staff tecnico guidato dal dt Arturo Ruiz. La manifestazione aprirà anche ufficialmente i festeggiamenti per i quarant'anni di badminton in Italia che si protrarranno per tutto il 2018 e che vedranno l'inizio con un convegno che si svolgerà sabato 16 dicembre alle ore 12. Interverranno tra gli altri il presidente federale Carlo Beninati, il presidente emerito Alberto Miglietta e il presidente onorario Rodolfo La Rosa.

11:09Assenteismo: agli arresti domiciliari un agente Polaria

(ANSA) - RIMINI, 13 DIC - La polizia di frontiera (Polaria) dell'Aeroporto "Federico Fellini" di Miramare, ha eseguito una misura cautelare (arresto domiciliare) su ordine del gip del Tribunale di Rimini, nell'ambito di un'indagine coordinata dal sostituto procuratore Davide Ercolani, sull'assenteismo dal posto di lavoro. Agli arresti in casa sarebbe finito un agente della polizia di frontiera. Al vaglio degli investigatori della stessa Polaria le richieste di assenza per malattia dell'indagato. Già nel settembre del 2016, la polizia di frontiera aveva indagato un agente, 53 enne originario di Bari, assistente capo alla Polaria, finito ai domiciliari perché si fingeva malato per andare prima del tempo in pensione. (ANSA).

Archivio Ultima ora