Lo spending review sul contingente dei docenti italiani all’estero

ROMA – Anna Rita Sordo, docente del gruppo Facebook “Insegnare all’estero”, esprime apprezzamento per le parole di Francesca Puglisi, responsabile Scuola del Partito Democratico, che ha evidenziato, in una recente intervista sui tagli alla scuola, la necessità di rivedere i provvedimenti adottati con la spendig review, in particolare la riduzione del contingente dei docenti inviati all’estero.

Puglisi ha infatti sottolineato la “funzione strategica per la cultura italiana” svolta dagli insegnanti italiani inviati all’estero, il cui contingente è destinato ad una drastica riduzione nei prossimi anni: per esigenze di risparmio nell’ultima fase dell’attuale legislatura si è disposto un taglio di circa il 40% del numero dei docenti inviati all’estero, che dovranno divenire 624 unità nel 2017 (rispetto alle poco più di mille unità oggi previste). Un taglio che già da settembre ha riguardato oltre 100 unità e che il gruppo “Insegnare all’estero” aveva già chiesto di rivedere o, almeno, considerare definitivo, senza apportare quindi gli ulteriori tagli previsti.

Anna Rita Sordo esprime dunque il suo apprezzamento per l’intenzione espressa dall’esponente democratico di rivedere i provvedimenti sopra richiamati.

“Spero vivamente – scrive – che il prossimo parlamento abbia la volontà e la capacità di evitare che la promozione e la diffusione della nostra meravigliosa lingua e cultura nel mondo non si riducano, in assoluta contro-tendenza rispetto a quel che accade nelle altre grandi democrazie europee, a mera testimonianza”.