Caracas contro la storia, ma all’Olimpico tutto è possibile!

Pubblicato il 12 febbraio 2013 da redazione

CARACAS – Il Caracas torna a disputare la fase a giorno dopo un anno di assenza. Un anno fa perse nelle preliminari della Libertadores, nello stadio Centenario di Montevideo 4-0 e poi 1-1 nell’Olimpico della UCV. Questa volta i ‘rojos del Ávila’ se la giocano con i brasiliani del Fluminense, nella prima giornata della fase a gironi del prestigioso torneo continentale.

Il Caracas non ha mai battuto una squadra brasiliana, ha un bilancio di 4 pareggi e 8 sconfitte. Un’impresa per niente facile.

Basta pensare che l’ultima finale della Coppa Libertadores che non ha avuto per protagonista una squadra brasiliana risale al 2004: allora si sfidarono i colombiani dell’Once Caldas e gli argentini del Boca Juniors, con vittoria dei ‘cafeteros’ ai calci di rigore.

Gli ultimi vincitori del torneo continentale sono state squadre brasiliane: Internacional (2010), Santos (2011) e Corinthians (2012).

La ‘tricolor carioca’ afronta questa edizione 2013 della Libertadores con la missione di vincerla a tutti i costi. E’ un trofeo che vogliono esibire nella propia bacheca da tantissimo tempo. L’impresa fu sfiorata nel 2008 quando il Caracas perse la finale con la compagine ecuadoriana della Liga Deportiva Universitaria di Quito ai calci di rigore.

Il Caracas sarà la quarta compagine venezuelana che affronterà il ‘Tricolor carioca’. In passato nella Coppa Libertadores ha sfidato Galicia e Deportivo Italia nel 1971 ed il Zamora nell’edizione 2012. Il bilancio è nettamente favorevole ai brasiliani, con un bottino di 5 vittorie ed una sconfitta. L’unico sussulto ‘criollo’ fu nella Libertadores del ’71: il Deportivo Italia fu capace di battere il Fluminense (Campione del Brasile) nello stadio Maracanã di Rio de Janeiro. La vittoria fu celebrata da tutta la stampa sudamericana come “Piccolo Maracanazo”.

Abel Bragra, allenatore del ‘Flu’ prima d’imbarcarsi sull’aereo verso Caracas ha detto che sarà una gara difficile, ma cercherà di portare a casa i tre punti. “Sarà la nostra gara d’esordio nel torneo. Questa situazione è sempre difficile sopratutto quando devi giocare la prima gara in trasferta”.

Ricordiamo che ‘rojos del Ávila’ e Fluminense sono inseriti nel girone 8 della Coppa Libertadores insieme ai cileni del Huachipato e i brasiliani del Gremio.

L’unanime favore dei pronostici non inganna il tecnico del Fluminense, che per i ‘rojos del Ávila’ ha solo parole di stima. Non solo ha studiato le gare in televisione, ma anche dal vivo, assistendo a incontri del Clausura.

“Il Caracas ha una media età bassa ed ha un stile di gioco molto veloce. Uno dei giocatori che mi ha impressionato è Romulo Otero, mi sembra un’ottimo elemento. Ricordo che nella prima gara che abbiamo seguito ha giocato come regista, poi nella seconda ha giocato sulla fascia sinistra. Ha ottime doti come attaccante. E’ di statura bassa, ha velocità ed è robusto” ha spiegato Braga ai media brasiliani, aggiungendo: “Dobbiamo stare attenti alla loro velocità. Non dobbiamo fare il loro gioco”.

L’allenatore del ‘Fluzão’ considera che un pareggio sarebbe un ‘buon risultato’ per la sua squadra, però ha ribadito che il Fluminense non scenderà in campo per il pari. Giocherà deciso a colpire per primo e a vincere il match.

“Non giochiamo per un pareggio. Ci difenderemo bene, me cercheremo di essere effettivi in attacco” ha spiegato l’allenatore brasiliano, che per la gara dell’Olimpico punterà sul suo ariete Fred (21 presenze in Champios League e 6 gol segnati con la maglia del Lione) per cercare di sfondare la porta del Caracas. Sarà attento a non concedere calcio di rigore, l’ex ariete del Lione su 10 rigori battuti ne ha segnati altrettanti.

Sono stati convocati per la spedizione in Venezuela, i portieri: Diego Cavalieri, Ricardo Berna e Kléver, i difensori: Leandro Euzébio, Digao, Anderson, Bruno, Wellington Silva, Carlinhos e Fabián Monzón. Ci saranno i centrocampista: Edinho, Jean, Diguinho, Valencia, Thiago Neves, Wágner e Rhayner, e gli attaccanti: Fred, Wellington Nem, Rafael Sobis, Marcos Júnior e Michael. L’ex giocatore del Barcellona e del Chelsea, Deco, non è stato convocato per scelta tecnica.
Il Caracas per bloccare la corazzata brasiliana dovrà state attento alle azioni nate su punizioni e calci d’angolo. La maggior parte dei gol che hanno aiutato la compagine a vincere il campionato interno sono arrivati da queste situazioni. Attualmente, secondo gli esperti il Fluminense e il Corinthians giocano il miglior calcio del Brasile.

Per i ‘rojos del Ávila’ è un ritorno nell’elite continentale. L’inizio non sarà facile: dovrà fare i conti con le statistiche e la storia del Fluminense. I tifosi sperano che l’edizione del 2013 della Libertadores non sia solo una passeggiata, ma che il ‘rojo de sus amores’ dimostri che è una squadra forte e coriacea. Insomma, che diverta ed entusiasmi e, soprattutto, sia autore di tanti gol in questo prestigioso torneo continentale.

Ultima ora

09:52Riciclaggio e frodi, Dia sequestra beni per 20 mln euro

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Dalle prime ore di questa mattina, la Sezione operativa Dia di Bologna, coadiuvata dai Centri operativi di Bari, Firenze e Napoli, dalle Sezioni operative di Lecce e Salerno e dai Nuclei di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Ravenna e Foggia, sta dando esecuzione, nelle province di Ravenna, Foggia e Taranto, a 7 provvedimenti di cattura e contestuali decreti di sequestro per un patrimonio complessivo di 20 milioni di euro, emessi dal gip di Ravenna, nonché a numerosi decreti di perquisizione disposti dalla Procura di Ravenna. L'operazione, denominata 'Malavigna', ha permesso di ricostruire l'operato di un sodalizio criminale, specializzato nel riciclaggio di ingenti capitali di provenienza illecita e nelle frodi fiscali perpetrate mediante l'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, capeggiato da un imprenditore ravennate e da pregiudicati contigui alla criminalità organizzata operante nella provincia di Foggia.

09:34Ex calciatore ucciso: fermati un uomo e una donna

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - Due persone, un uomo e una donna, sono state sottoposte a fermo per l'omicidio e la soppressione del cadavere di Andrea La Rosa, 35enne milanese ex calciatore di serie C e neo direttore sportivo del Brugherio calcio (Monza), scomparso il 14 novembre scorso. I due sono stati interrogati a lungo dai carabinieri dopo che nel bagagliaio dell'auto di cui la donna era alla guida era stato rinvenuto, ieri, il cadavere dell'ex calciatore Andrea La Rosa. La vettura era stata notata dai militari lungo la Milano-Meda, all'altezza del Comune di Varedo. L'auto era ferma, la donna stava tentando di liberarsi del cadavere.(ANSA).

09:00Molestie: Usa, Dustin Hoffman accusato da altre due donne

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - Dustin Hoffman sempre piu' nella bufera, con nuove accuse di molestie sessuali rivolte da diverse donne. Una di queste racconta di essere stata abusata quando aveva solo 16 anni in un hotel di New York. Cori Thomas, questo il nome della ragazza, era allora una compagna di classe della sorella dell'attore che invito' le due ragazze nella sua stanza d'albergo per una cena. Quando la sorella di Hoffman ando' via - racconta Thomas - l'attore si ando' a fare una doccia e ritorno' con indosso solo un asciugamano che all'improvviso si tolse facendosi vede nudo. Hoffman chiese poi alla ragazza di massaggiargli i piedi. Un'altra donna, Melissa Kester, racconta invece come l'attore prese la sua mano e la infilo' nei suoi pantaloni mentre erano nello studio di registrazione. Hoffman, 80 anni, vincitore del premio Oscar, e' stato gia' accusato di molestie nelle settimane scorse dall'attrice Anna Graham Hunter che all'epoca dei fati, nel 1985, aveva 17 anni.

08:55Casa Bianca, Trump ha parlato al telefono con Putin

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - Il presidente americano Donald Trump ha parlato al telefono nelle ultime ore col presidente russo Vladimir Putin. Lo rende noto la Casa Bianca, che per il momento non informa sui contenuti del colloquio telefonico.

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

Archivio Ultima ora