Monti: “Offerto di tutto per non farmi correre”

Pubblicato il 15 febbraio 2013 da redazione

ROMA  – Mario Monti torna a presentarsi agli elettori come equidistante da destra e sinistra, pronto ad allearsi con il Pd, se terrà a bada Vendola, o con un Pdl ‘libero’ da Berlusconi.

Forse per questo, o perchè i sondaggi riservati non brillano troppo, lascia intendere che pur di non farlo candidare gli era stato offerto non solo il Quirinale, ma anche di restare a palazzo Chigi. Non dice chi, ma in privato, ai più stretti consiglieri, rivela che a offrirgli ”alti incarichi di governo” è stato Pier Luigi Bersani, rivendicando di aver rifiutato convinto che solo con una sua forza politica potrà davvero cambiare le cose.

Il premier, ospite di Andrea Vianello ad Agorà, è particolarmente duro nel giudizio sul governo che lo ha preceduto, tanto da dare del ”cialtrone” a quegli esponenti che hanno sostenuto ”di aver lasciato l’Italia a posto”. Affermazione, quest’ultima, che lo ha ”ferito” più delle accuse di aver provocato lui la crisi economica del Paese. Non per nulla il leader di Scelta Civica sostiene che in caso di vittoria del centrodestra ci sarebbero ”rischi sui tassi” per i nostri Titoli di Stato. Se invece fosse il centrosinistra di Bersani a vincere, a rischio sarebbero ”le riforme di cui l’Italia ha bisogno” all’insegna del liberalismo, specie nel mercato del lavoro. Insomma la ”salita in politica” è stata fatta per proseguire l’esperienza riformista del suo governo: per portare avanti le riforme.

– Ho compiuto l’insensatezza di rinunciare a posizioni che mi venivano prospettate.

Il Quirinale? ‘

– Anche – risponde Monti – oppure posizioni di quasi vertice o di vertice nel governo.

Incalzato su chi gli avesse prospettato queste cariche il professore glissa davanti alle telecamere. Ma se sul Colle lo stesso Bersani conferma che prima della sua candidatura Monti avrebbe potuto aspirare al Quirinale e non è un mistero che Napolitano puntasse su di lui per la successione, resta invece l’incognita su chi gli abbia prospettato la guida del Governo, visto che dal centrosinistra non sono giunte profferte del genere. Ma lontano dalle telecamere, con i consiglieri, Monti rivela che la proposta gli arrivo’ dal segretario del Pd durante ”conversazioni riservate”.

Parole che rischiano di aprire dubbi e ferite fra i democrat. Anche perchè Monti, nel suo ragionamento, pur criticando maggiormente il Pdl, rimarca più volte che le chance di allearsi con Pd o Pdl, senza Berlusconi, sono esattamente le stesse:

– Dipende dai programmi – si limita a dire.

Altra benzina nel rapporto con Bersani, già piuttosto infuocato. Sul fronte del centrodestra, invece, è il presidente della Repubblica a finire nel mirino, per aver detto di aver ”un po’ deplorato” i giudizi liquidatori sulle scelte di Monti. Del quale, aggiunge il capo dello Stato da Washington, ”ho rispettato la libera scelta” di candidarsi. Parole che scatenano l’offensiva del Pdl (ma anche di Di Pietro) che accusa il presidente della Repubblica di ingerenza nella campagna elettorale.

– La pesante intromissione di Napolitano nella campagna elettorale – tuona infatti il coordinatore nazionale del partito, Sandro Bondi – è un bruttissimo episodio ma non mi stupisce.

Gli fa eco Fabrizio Cicchito:

–  E’ deplorevole il fatto che Monti venendo meno alla parola data a Napolitano, sia sceso o salito sul piano politico, per di più attaccando Pd e Pdl che lo hanno realmente appoggiato durante l’anno di governo.

E anche se con ”tutto il rispetto per il presidente Napolitano”, il vicepresidente della Camera, Antonio Leone, registra ”con sorpresa” che ”proprio nella fase più delicata della campagna elettorale il Capo dello Stato diventi sponsor di Monti, cioè di un partito politico in lizza”.

Ultima ora

21:23Gerusalemme: sirene di allarme nel sud di Israele

(ANSAmed) - TEL AVIV, 13 DIC - Le sirene di allarme anti missili sono risuonate poco fa nel sud di Israele, nella zona della cittadina di Sderot non lontano dalla Striscia. Lo conferma l'esercito, citato dai media. Secondo questi ultimi ci sarebbe stato almeno un razzo dalla Striscia intercettato dall'Iron Dome.

21:15‘Boicotta Espresso’, ma blitz Forza Nuova fallisce a Torino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - Avevano in programma un'azione dimostrativa sotto la redazione torinese del quotidiano La Repubblica, simile a quella effettuata a Roma lo scorso 6 dicembre, i militanti di Forza Nuova che ieri sono stati fermati dalla polizia a Torino. Gli investigatori della Digos hanno intercettato il corteo, non autorizzato, prima che arrivasse in via Lugaro, sede del giornale, e i manifestanti si sono allontanati. Secondo quanto appreso, l'intenzione di Forza Nuova era quella di appendere uno striscione con la scritta 'Boicotta il Gruppo Espresso'. (ANSA).

21:12Calcio: 3-2 alla Sampdoria, Fiorentina ai quarti

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - La Fiorentina ha battuto 3-2 la Sampdoria negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti affronterà la vincitrice di Lazio-Cittadella, in programma domani sera allo stadio Olimpico di Roma. Viola in vantaggio già al 2' grazie a Babacar. Il pareggio ligure lo firma Barreto a cinque minuti dall'intervallo. Nella ripresa l'arbitro Rosario Abisso, di Palermo, diventa protagonista fischiando tre rigori, due con l'ausilio della Var. Il primo lo trasforma Veretout, il secondo - quello del 2-2 - è opera di Ramirez al 32'. Al 90' ancora Veretout sul dischetto. Il francese non sbaglia battendo Puggioni con grande freddezza. Per la Samp anche un clamoroso palo colpito da Caprari su punizione.

21:10Calcio: Baldissoni “Roma patrimonio collettività,è una fede”

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "La storia della Roma ha un inizio, ma è senza fine. Questa squadra è patrimonio di una collettività e racchiude il capitale emotivo di una comunità. Parliamo di una storia che si aggiorna quotidianamente, perché le emozioni non muoiono mai. La Roma è una fede, una famiglia, è parte di tutti noi e lo sarà per sempre". Così il dg della Roma, Mauro Baldissoni, nel corso della presentazione del libro 'Dimmi cos'è', pubblicato per celebrare i 90 anni del club giallorosso. Il volume, a cura di Tonino Cagnucci e Luca Pelosi (casa editrice Skira), ripercorre la storia della Roma con illustrazioni, disegni d'autore, fotografie inedite. "Da quando è arrivata la nuova proprietà è stato creato un dipartimento dedicato all'archivio storico. Abbiamo fatto un lavoro incessante negli anni, recuperato e organizzato centinaia di migliaia di documenti, foto e oggetti - sottolinea Baldissoni -. Questo grande sforzo di raccolta è stato ora messo su carta, è fruibile da tutti e ne siamo estremamente orgogliosi".

21:09Uccise ladro: condannato a nove anni e quattro mesi

(ANSA) - BRESCIA, 13 DIC - La Corte d'Assise di Brescia ha condannato a 9 anni e 4 mesi per omicidio volontario Mirco Franzoni, il 33enne che la sera del 14 dicembre 2013 a Serle, nel Bresciano, uccise in strada con un colpo di fucile ravvicinato il ladro di origine albanese Eduard Ndoj, che era entrato nell'abitazione del fratello. Il pm aveva chiesto 16 anni, sempre per omicidio volontario.

20:59Nuoto: Europei 25 metri, Scozzoli vince l’oro nei 50 rana

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Due medaglie per l'Italia nella prima giornata di gare dei campionati europei di nuoto in vasca da 25 metri, in corso a Copenaghen. L'azzurro Fabio Scozzoli ha chiuso al primo posto la gara dei 50 rana con il tempo di 25"62, nuovo record europeo, che sottrae dieci centesimi al limite che lui stesso aveva stabilito nel 2013 in coppa del mondo a Berlino. Ha preceduto il russo Kirili Progoda, medaglia d'argento, e il britannico Adam Peaty, bronzo. La seconda medaglia è d'argento, conquistata dagli staffettisti della 4x50 stile libero. Luca Dotto, Lorenzo Zazzeri, Alessandro Miressi e Marco Orsi hanno chiuso in 1'23''67, dietro ai russi che si impongono in 1'23''23.

20:48Brasile: stampa, Temer in ospedale per serie esami urologici

(ANSA) - SAN PAOLO, 13 DIC - Il presidente del Brasile, Michel Temer, si sottoporrà oggi a una serie di esami urologici presso l'ospedale Sirio-libanese di San Paolo: lo rende noto la stampa locale. Il ricovero - precisano i media - era previsto per venerdì, ma sarebbe stato anticipato ad oggi su consiglio del medico curante del capo di Stato, il cardiologo Roberto Kalil Filho. Temer, che ha 77 anni, a fine ottobre aveva già subito un intervento chirurgico alla prostata.

Archivio Ultima ora