Gli italiani all’estero hanno votato

Pubblicato il 21 febbraio 2013 da redazione

ROMA – Si é concluso alle ore 16,00 locali, l’appuntamento elettorale che ha visto coinvolti consolati, candidati, partiti, sostenitori in una corsa all’ultimo minuto per garantire, in un lasso di tempo piuttosto esiguo in proporzione all’entità dei collegi, la partecipazione del maggior numero di elettori e soprattutto lo svolgimento del voto con tutti i crismi della legalità. Alle ore 16,00 di oggi, sono ritenuti validi tutti i voti rispediti dall’elettore, o consegnati, al proprio Consolato di riferimento: tutte le altre schede, avranno fatto un viaggio a vuoto.

Poi, un altro sforzo per sigillare tutte le buste arrivate entro i limiti di tempo stabiliti dalla legge, in pacchi che voleranno in Italia, destinazione finale “Castelnuovo di Porto” (località a circa30 chilometrida Roma) dove, alle ore 15,00 del 25 febbraio, in concomitanza con l’apertura dei seggi in Italia, verranno aperti per lo spoglio.

Resta ora da vedere quanti, dei 3.438.670 cittadini italiani residenti all’estero aventi diritto, abbiano effettivamente espresso il proprio voto, e soprattutto verificare quante schede sono state inviate, quante non sono mai state ricevute e quante nulle perché non sono state rispettate in pieno le modalità di voto.

A questi 3.438.670 elettori si aggiungono i “temporaneamente all’estero” (12.700), secondo i dati diffusi dal Ministero dell’Interno.

I grandi esclusi dal voto estero, gli studenti Erasmus e i non iscritti all’Aire, si sono organizzati in proprio. Con due iniziative promosse dal blog “Iovogliovotare”, grazie alla piattaforma Eligo, voteranno on line oggi e domani sempre per i candidati esteri. Sabato, invece, potranno votare nei seggi allestiti in alcune città europee…un voto, affermano i promotori, per far capire ai partiti quanti voti… hanno perso.

 

Una tornata elettorale particolarmente faticosa per i vari candidati ed anche per il Ministero degli Affari Esteri che ha dovuto mettere in moto la farraginosa macchina in pochissimo tempo. Come ha sottolineato il comunicato del Sindacato Confsal Unsa-Coordinamento Esteri, le difficoltà sono state amplificate dalla riduzione del personale, dalla chiusura di diverse sedi consolari, senza dimenticare che ancora, dopo tre appuntamenti elettorali,  non si riesce a poter contare su un elenco unico degli iscritti all’Aire. Con tutte le conseguenze del caso in fatto di indirizzi sbagliati, o non aggiornati, o addirittura nominativi che si ripetono. Purtroppo non è stato fatto nulla neanche per garantire maggiore trasparenza al voto.

Bisognava arginare i brogli elettorali inserendo semplici norme che rendessero più difficile l’incetta di buste che alcuni candidati senza scrupoli farebbero regolarmente pur di arrivare alla meta preposta e che, in concomitanza con altre scorrettezze più o meno palesi, non fanno certo onore a collettività costituite da persone che hanno posizioni di tutto rispetto nei paesi di residenza grazie al loro lavoro e a valori mai abbandonati. Bastano pochi per mettere in discussione l’onestà di tutti. Lo sa bene per esempio il sen. Claudio Micheloni che fino all’ultimo ha lottato per inserire quelle modifiche che avrebbero permesso un voto più trasparente. Purtroppo i suoi sforzi sono stati annullati dal precipitare degli avvenimenti italiani a seguito delle dimissioni del Premier Monti. Senza dubbio aiuterebbe i nostri parlamentari un lavoro di equipe di fronte a certe problematiche comuni che esulano dalle posizioni politiche di ciascuno. Ma in alcuni casi è più facile essere fedeli alle direttive del partito che alle doglianze di chi li ha portati a sedere su quell’ambito scranno.

 

Sul fronte della campagna elettorale, non sono mancate accese polemiche, tanto per non essere da meno con quella nazionale, né i soliti articoli di giornalisti che si occupano del voto estero spesso solo per denigrarlo, ben aiutati da quei candidati che hanno pesanti scheletri negli armadi e da altri che si prestano all’ironia. Questo senza considerare la mancanza di credibilità che ha gettato sul voto degli italiani all’estero la consapevolezza di molti media dell’”inevitabilità” dei brogli.

 

Numerosi i candidati che aspirano ad un seggio (12 alla Camera e 6 al Senato): chi cerca riconferme, chi tenta per la prima volta e chi persevera avendo all’attivo tre tentativi, tanti quanti gli appuntamenti al voto politico che hanno visto la partecipazione dei cittadini italiani all’estero, tra volti ben noti ed eminenti “sconosciuti” per lo più presenti nelle liste che partecipano per la prima volta al voto, come il Movimento 5 stelle, Fare per fermare il declino, Rivoluzione civile di Ingroia e la lista Monti per l’Italia. Candidati che, in ogni caso, hanno iniziato a ringraziare a priori gli elettori, quelli incontrati in poco più di un mese che li ha visti impegnati in un estenuante tour de force da una città all’altra della Circoscrizione di appartenenza.

Un impegno notevole che non permette a nessuno di risparmiarsi, anche perché all’estero, al contrario di quel che accade in Italia, per mandare il proprio rappresentante al Parlamento occorre scrivere il suo nome, e non lasciare solo una croce sul simbolo: per cui la conquista del seggio diventa davvero una “lotta”, ed il fatto di essere capolista, non è una garanzia.

Candidati ancora pronti, con le ultime energie rimaste, a diramare gli ultimi appelli invitando al voto anche direttamente nei Consolati (in molti, come quelli del Venezuela, sono rimasti aperti nel fine settimana), sempre entro le ore 16,00, che ringraziano e promettono un impegno costante per gli italiani all’estero. Come se la cosa fosse da sottolineare.

Una campagna elettorale che si è svolta, per la prima volta, senza i programmi prodotti da Rai International, con tribune elettorali andate on onda anche in Italia ma non sempre con i candidati interessati, impegnati sul territorio e sostituiti spesso dai responsabili dei partiti o da candidati appartenenti ad altre circoscrizioni. Hanno sopperito al meglio, i media in lingua italiana, e la “rete”, per molti diventata la vera “piazza” per la propria campagna elettorale.

 

Tra ringraziamenti e propositi, nella febbrile attesa dei risultati, resta evidente, come ricordato da diversi candidati, l’esigenza di cambiare la legge sul voto all’estero, ma soprattutto, aggiungiamo ancora una volta, di tutelarla visto che per arrivare a questo traguardo sono stati necessari 40 anni di ostinazione dell’On. Mirko Tremaglia.

 

Mentre in Italia calano i riflettori sulla campagna elettorale in attesa del voto di domenica e lunedì, più che i sondaggi, sono le voci del popolo a lasciar intendere che la vera sorpresa sarà il Movimento 5 stelle: chissà quale, e se ci sarà, la sorpresa che verrà fuori dallo scrutinio delle schede a Castelnuovo di Porto.

(Giovanna Chiarilli)

Ultima ora

14:03Savoia: atterrato a Cuneo aereo con salma re

(ANSA) - CUNEO, 17 DIC - L'aereo partito questa notte da Alessandria d'Egitto con le spoglie del re Vittorio Emanuele III, è atterrato pochi minuti fa all'aeroporto di Cuneo-Levaldigi. La salma del re verrà traslata al Santuario di Vicoforte, nei pressi di Mondovì, dove riposerà accanto alla moglie regina Elena di Savoia. Non è vero che una parte della famiglia reale è stata tenuta all'oscuro dell'arrivo in Italia delle salme. "Erano tutti assolutamente informati: bisogna distinguere nettamente fra discrezione e segreto, o tentativo di occultare". Lo ha detto ai giornalisti Aldo Alessandro Mola, già presidente della Consulta dei senatori del Regno. "Qui - ha precisato - non c'era niente da occultare. La scelta di Vicoforte era stata individuata sin dal 19 marzo 2011, nel centocinquantesimo dell'Unità d'Italia".

13:49Papa: frati Assisi pregano per compleanno Pontefice

(ANSA) - ASSISI (PERUGIA), 17 DIC - "Il nostro ricordo per è la preghiera sulla tomba di San Francesco per il tuo straordinario ministero": è il tweet della comunità del Sacro Convento di Assisi in occasione del compleanno di Papa Francesco. Inviato dal direttore della sala stampa padre Enzo Fortunato. "Un abbraccio francescano da tutti noi" il messaggio augurale dei frati di Assisi al Pontefice. (ANSA).

13:38Gerusalemme: a Bari ‘sit in’ palestinesi contro scelta Trump

(ANSA) - BARI, 17 DIC - Un centinaio di persone ha aderito questa mattina a Bari al 'sit in' della comunità palestinese di Puglia e Basilicata contro la decisione del presidente degli Usa, Donald Trump, di riconoscere Gerusalemme capitale di Israele e di spostare qui l'ambasciata americana. Il presidente della comunità palestinese di Puglia e Basilicata, Afanem Mohammed, ha spiegato che "ora la situazione in Palestina e Medioriente è esplosiva" perché "così si elimina qualsiasi possibilità di pace e quella di creare due Stati per due popoli". "La decisione degli Usa fa saltare - ha detto - tutto il lavoro fatto dalla comunità internazionale negli ultimi 40 anni per portare la pace". "Gerusalemme, oltre a essere dal punto di vista politico la capitale dello Stato di Palestina, - ha aggiunto - è il cuore pulsante sia culturale sia religioso della Palestina". Quanto alle immagini che circolano su Fb di soldati israeliani che arrestano e mettono in carcere bambini palestinesi, Afanem ha evidenziato che "si tratta di immagini vere".

13:22Sci: altro podio per la Goggia, 3/a nel SuperG Val D’Isere

(ANSA) - VAL D'ISÈRE (FRANCIA), 17 DIC - L'azzurra Sofia Goggia e' davvero tornata alla sua maniera e cioe' a suon di podi: seconda nel SuperG di ieri in Val d'Isere e terza pure nel SuperG di oggi in 1.06.28. Ha cosi' rimediato un distacco minimo di tre centesimi dalla piazza d'onore occupata da Tina Weirather del Liechtenstein che infatti chiuso in 1.06.25. Ha vinto - un ritorno al successo dopo una attesa di due anni e mezzo per infortuni - l'austriaca Anna Veith in 1.05.77. Per l'Italia vi sono poi Federica Brignone buona 7/a in 1.06.86, e poi poco piu' indietro Nadia Fanchini in 1.07.45, Johanna Schanrf in 1.07.57 e Marta Bassino in 1.07.97. Non e' invece scesa in pista Lindsey Vonn, vincitrice ieri, lamentando dolori ad un ginocchio. E' invece caduta ad alta velocita' la francese Tessa Worley rimasta illesa anche grazie all'apertura dell'air bag.

13:13Neve su strade al valico di Colfiorito

(ANSA) - PERUGIA, 17 DIC - Intensa nevicata nella zona del valico di Colfiorito, sull'Appennino tra l'Umbria e le Marche. Interessa il vecchio e il nuovo tracciato della strada Val di Chienti. La polizia stradale riferisce che il transito è consentito solo ai veicoli con catene montate. Non sono stati comunque segnalati particolari problemi. Una lastra di ghiaccio si è invece formata nelle prime ore della mattina sul raccordo Perugia-Bettolle, nella zona di Tuoro sul Trasimeno non distante dal lago. Sulla carreggiata che porta in Toscana si è quindi innescato un incidente, coinvolgendo otto veicoli. Nessuno è rimasto comunque ferito. Per la neve e l'incidente sono state impegnate pattuglie della polstrada di Perugia e di città di Castello e una dei carabinieri.

12:18Scherma: Arianna Errigo 2/a nella sciabola in cdm a Cancun

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Una fiorettista sul podio della sciabola. E' accaduto sulle pedane messicane di Cancun dove Arianna Errigo, che col fioretto in mano ha conquistato sin qui un argento olimpico individuale ed un oro a squadre, due volte campionessa del Mondo, due volte campionessa europea, vincitrice di sedici prove di Coppa del Mondo, è finita seconda al termine del Grand Prix FIE. A fermare la scalata dell'azzurra verso il gradino più alto è stata solo l'ucraina Olga Kharlan che ha fermato l'azzurra 15-6.

12:13Bomba devasta negozio a pochi giorni da inaugurazione

(ANSA) - NICOTERA (VIBO VALENTIA), 17 DIC - Una bomba ha devastato la notte scorsa, a Nicotera, il negozio "Splendidi e Splendenti" la cui inaugurazione era attesa a giorni. L'attività commerciale presa di mira con un ordigno, fatto esplodere intorno alle 4.15, è situata nel centro storico del paese. Ingenti i danni, ancora in corso di quantificazione. Sul posto, per spegnere l'incendio seguito alla deflagrazione, sono intervenuti i vigili del fuoco. Le indagini sull'accaduto sono state avviate dai carabinieri. Al momento non viene esclusa nessuna ipotesi. Quella predominante è che si sia trattato di un avvertimento preventivo che alza il livello di attenzione e di preoccupazione nella zona feudo del clan di 'ndrangheta dei Mancuso. (ANSA).

Archivio Ultima ora