Politiche 2013, risultato in bilico: proiezioni contrastanti.

ROMA – Gli Istant poll, resi noti immediatamente dopo la chiusura delle urne, davano il Partito democratico largamente in vantaggio sul resto delle liste elettorali: Bersani con un vantaggio dell’8 per cento, il Pdl attorno al 30 per cento e il Movimento 5 Stelle al 19 per cento. Deludente, invece, il risultato ottenuto dal premier uscente, Mario Monti, che non raggiungeva neanche la barriera del 10 per cento. Con il passare dei minuti, peró, i risultati sono cominciati a cambiare. E le proiezioni a farsi contrastanti. Infatti, al Senato, con oltre il 25 per cento delle preferenze, sarebbe il movimento di Beppe Grillo il piú votato, mentre il Pd, pur avento la maggioranza alla Camera, non otterrebbe quella del Senato.

Per quel che riguarda, invece, il voto all’estero,secondo la Farnesina avrebbe votato il 32,1 per cento dei diritti al voto. Infatti, dei 3.494.687 i plichi elettorali inviati dalle Ambasciate e dai Consolati agli italiani residenti all’estero, compresi quelli aggiunti localmente a norma di legge, risultano restituite alle Sedi 1.122.294 buste, pari al 32,11% di quelle inviate. Non é stato possibile far pervenire i plichi all’11,38 per cento deigli avebti diritto al voto .I n queste ore, a Castelnuovo di Porto, é in corso  lo scrutinio delle schede.

In Europa, la percentuale delle buste restituite alle Sedi sul totale di plichi inviati è del 31,1%; in America Meridionale è del 34,79%; per l’America Settentrionale e Centrale il dato è il 29,87%; nella ripartizione Africa-Asia-Oceania la percentuale è del 30,65%.

La percentuale di elettori che ha effettivamente espresso il voto, spiega la Farnesina, viene calcolata dall’Ufficio Centrale per la Circoscrizione Estero, una volta concluse le operazioni preliminari allo scrutinio.

Per quel che riguarda il Venezuela i dati sono i seguenti:

Circoscrizione Consolare di Caracas: 77 mila 981 elettori, schede votate 28.491. pari al 36,54 per cento.

Circoscrizione Consolare di Maracaibo: 13 mila 537 elettori, schede votate 5.735, pari al 42,37 per cento.

A differenza della tendenza generale all’estero, in Venezuela la percentuale delle schede votate ha subito un aumento e questo, probabilmente, grazie allo sforzo organizzativo dei nostri Consolati che, in questa occasione, si sono prodigati affinché tutti gli elettori potessero esercitare il loro diritto di voto.

Condividi: