L’Italia affonda i mercati internazionali

Pubblicato il 26 febbraio 2013 da redazione

ROMA  – L’Italia affonda i mercati internazionali, la borsa di Milano va a picco bruciando 17 miliardi, i rendimenti dei titoli di Stato volano facendo sfiorare i 350 punti base di spread. E il presidente del Consiglio uscente, Mario Monti, appronta un vertice con il ministro dell’Economia, Vittorio Grilli e il presidente di Bankitalia, Ignazio Visco, per fare il punto sulla situazione. Il rating dell’Italia, comunque, per ora è salvo: Stadard & Poor’s ritiene che il risultato del voto non abbia un impatto limitato. Ma – avverte – bisogna andare avanti con la strada intrapresa del risanamento fiscale.

”Saranno decisive le scelte del prossimo governo. Alla luce delle significative differenze politiche fra i partiti più grandi, restano numerose incertezze sulla direzione della politica. Riteniamo – afferma S&P – che restino rischi” sul fatto che il prossimo governo ”possa non avere un mandato abbastanza forte per attuare ulteriormente importanti riforme strutturali per migliorare le prospettive di crescita dell’Italia”, con l’economia che potrebbe rimanere debole per un periodo prolungato.

La reazione violenta degli investitori di fronte al rischio di uno stallo politico, già largamente prevedibile, si è verificata puntualmente nei primi minuti di contrattazione ieri, con gli investitori confusi sul possibile scenario che si apre di fronte a un voto che non ha assegnato una maggioranza assoluta al Senato. Una reazione non inattesa neanche ai vertici istituzionali: ieri nel pomeriggio, mentre si delineava definitivamente la mancanza di una maggioranza in grado di governare, Monti ha ricevuto a Palazzo Chigi Visco e i ministri Grilli(Economia) e Moavero Milanesi (Affari europei).

Una riunione – spiega una nota – dedicata all’esame della situazione congiunturale e di quella dei mercati”, si legge in una nota diffusa al termine dell’incontro. L’attenzione – trapela dal vertice – è massima e il monitoraggio nei prossimi giorni sarà costante, anche in vista delle imminenti aste di titoli pubblici. Ma più di tanto il governo non può fare.

– Non ci possono essere iniziative del presidente del Consiglio, sono le forze politiche in questa fase a doversi assumere le proprie responsabilità – sottolinea una fonte ministeriale. Specie se dovesse riaffacciarsi l’ipotesi, fin qui sempre scartata, che un’ulteriore impennata dello spread costringa a considerare di chiedere aiuto all’Europa.

– Spetterebbe ai partiti, di concerto con le massime cariche istituzionali – spiega uno dei consiglieri di Monti. I timori per l’Italia rimbalzano a Washington, dove il presidente della Fed, Ben Bernanke, spiega che “i mercati reagiscono all’incertezza” creata dal voto, ma confida che nessun candidato in Italia sia davvero contrario all’euro. Di fronte allo scossone sui mercati si muove anche la Consob, che dopo essersi detta pronta a intervenire contro l’eccessiva volatilità è passata ai fatti con un divieto di vendite allo scoperto su Intesa Sanpaolo dopo un calo di oltre il 10%: per le le banche, appesantite dalla forte esposizione sui Btp, è un terremoto con perdite di oltre il 10%. Unicredit segna -8,46% in chiusura, Mediobanca -8,64%.

Per Piazza Affari lo ‘tsunami’ creato dal Movimento 5 Stelle fa segnare un calo di quasi il 5%, con una chiusura a -4,89% che brucia in poche ore 17 miliardi di euro. Milano è la peggiore d’Europa e l’incertezza-Italia fa tremare anche gli altri listini, con Madrid a -3,2%, Parigi a -2,67% e Francoforte a -2,27%. Soffre anche l’euro riavvicinandosi a 1,30 dollari, ai minimi da dicembre. Martedì nero anche per i Btp, con rendimenti volati alle stelle (4,90% in chiusura, quasi mezzo punto in più rispetto a ieri) di fronte alle incertezze sulle politiche di bilancio dei prossimi mesi.

Lo spread chiude a 344 punti dopo aver sfiorato 350, sui massimi da inizio dicembre. Per vendere 8,75 miliardi di Bot il Tesoro ha dovuto pagare un tasso dell’1,237%, quasi il doppio del mese scorso: e la vera prova arriva oggi con i Btp. Le principali agenzie di rating, tutte con una prospettiva negativa sul merito di credito dell’Italia, stanno alla finestra (“no comment” sia da Standard & Poor’s che da Moody’s): ma avendo tutte indicato nella stabilità politica un elemento essenziale, sembrano “destinate a muoversi”,scrive in una nota Societé Generale. Da Bce e Fondo monetario internazionale non filtrano commenti a caldo, data l’incertezza sugli scenari politici possibili. Fra gli investitori c’é sconcerto ma anche prudenza, in attesa di capire le possibili alleanze: c’é chi – come Loredana Federico, economista di Unicredit, ipotizza un sostegno del Movimento 5 Stelle a Bersani, ma avverte il rischio di una “coalizione instabile”. Ma anche chi si spinge oltre, come Barclays che prevede “instabilità politica” nel breve termine, e avverte che se l’impasse politica dovesse prolungarsi, “aumenterebbero le probabilità che l’Italia chieda una linea di credito precauzionale”, il salvataggio ‘leggero’ messo a disposizione dal fondo europeo Esm e dalla Bce.

 

Ultima ora

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

21:41Calcio: Fassone,no a strategie per ridurre valore Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - "Nessuno pensi di adottare strategie per far sì che Donnarumma possa essere ceduto a valori di mercato inferiori rispetto al suo reale valore. A gennaio non abbiamo intenzione di fare nuovi acquisti e non abbiamo necessità di cassa". Così l'ad del Milan Marco Fassone, in un video sul sito del club, commenta le voci sul futuro del portiere, dopo il botta e risposta tra il ds Mirabelli e Mino Raiola. "Donnarumma è un patrimonio umano, tecnico ed economico del club. Siamo qui per tutelarlo e non c'è nessuna volontà di cederlo - aggiunge il dirigente - Mi ha fatto piacere la sua dichiarazione distensiva, ha confermato che non c'è stata nessuna forzatura. Oggi l'ho visto più sereno. Se sarà lui a dirci che vorrà andar via, saremo aperti a valutare le offerte".

21:07Terremoti: sisma 6.5 su costa Java, in Indonesia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Un sisma di magnitudo 6.5 è stato registrato sulla costa di Java, in Indonesia e si sontano un numero imprecisato di vittime. Lo riferisce l'Usgs americano. Le autorità indonesiane hanno emesso un'allerta tsunami. L'epicentro del sisma è stato localizzato a 92 chilometri di profondità, 50 km a sudovest della città di Tasikmalaya. Il portavoce dell'agenzia locale per il contenimento dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho, ha riferito di alcuni edifici danneggiati nell'area ovest dell'isola. Nugroho ha aggiunto che il sisma è stato sentito per 20 secondi nella capitale Giacarta ed in altre città e villaggi di Giava.

20:59Milan:Fassone, richieste Uefa impossibili per chiunque

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - ''La Uefa ci ha chiesto due cose impossibili, non solo per noi ma per qualunque club che si trova nelle condizioni del Milan''. Così l'ad Marco Fassone spiega, con un video sul sito del club, perché l'Uefa ha negato al Milan la richiesta di Voluntary Agreement. ''L'Uefa - aggiunge Fassone - ci ha chiesto di completare prima il rifinanziamento del debito con Elliott e di fornire garanzie per dimostrare la capacità della proprietà di sostenere le perdite del club con un deposito. La nostra documentazione era sufficiente''.

20:44Nuoto: Europei, bronzo di Dotto nei 50 stile libero

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Bronzo di Luca Dotto nei 50 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, con il tempo di 20"78. L'oro è andato al russo Vladimir Morozov (20"31), l'argento al britannico Benjamin Proud (20"66). Ottavo ed ultimo tempo della finale per Marco Orsi.

20:41Nuoto: Europei, Romanchuk oro e Paltrinieri secondo

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Gregorio Paltrinieri si è dovuto accontentare dell'argento nella finale dei 1500 stile libero, agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, conclusi con il tempo di 14'22"93. L'oro è andato all'ucraino Mykhaylo Romanchuk (14'14"59), il bronzo al norvegese Henrik Christiansen (14'25"66).

Archivio Ultima ora