L’ira di napolitano: “Rispettiamo la Germania ma esigiamo rispetto”

Pubblicato il 27 febbraio 2013 da redazione

MONACO – ”Noi rispettiamo la Germania ma esigiamo altrettanto rispetto”, non è possibile che un autorevole candidato alla Cancelleria, il socialdemocratico Peer Steinbrueck, si permetta di chiamare i leader di due dei tre maggiori partiti italiani ”clown”.

– Non lo posso incontrare, non ci sono le condizioni.

Esplode ieri mattina l’ira del presidente Giorgio Napolitano che da Monaco di Baviera – prima tappa di una visita di Stato in Germania – legge con cura le dichiarazioni di Steinbrueck – ”del tutto fuori luogo o peggio” – e prende una decisione clamorosa che avrà effetti anche nella politica interna tedesca: l’incontro previsto in serata a Berlino viene annullato dal Quirinale.

La misura è colma e il capo dello Stato è costretto in questa sua ultima missione all’estero a compiere un ardito slalom tra le preoccupazioni manifeste della classe politica tedesca sullo stallo elettorale e le ragioni della sovranità italiana, di cui il presidente è pur sempre garante. Dalla Germania la crisi politica appare ancora più ingarbugliata di quanto sembri in Italia ed i giudizi sferzanti – a volte ingiuriosi – dei politici tedeschi feriscono il presidente.

“Pizza quattro stagnazioni”, titolava ieri, ad esempio, la BILD nella sua pagina online ricalcando senza fantasia uno degli stereotipi che accompagnano la visione teutonica dell’Italia. “Uno stallo da piangere” recitava spietato il catenaccio. Ma Napolitano ha sparigliato il gioco con una mossa di estro scacchistico: in una botta sola ha difeso fieramente l’orgoglio italiano riconoscendo a Beppe Grillo e Silvio Berlusconi il ruolo centrale che le urne gli hanno assegnato e ha riparato ad una sottovalutazione iniziale della forza di Grillo derubricato meno di un anno fa’ con una battuta non del tutto riuscita; ”il boom di Grillo?, io conosco solo il boom degli anni ’60, altri boom non ne ho visti”, disse dopo le amministrative della primavera scorsa. Meno di un anno dopo M5S è il primo partito italiano e Grillo ha già fatto sapere che sarà lui a salire al Quirinale quando ci saranno le consultazioni.

Purtroppo da queste prime ore passate in Germania il capo dello Stato ha anche rafforzato la consapevolezza che il tempo stringe. Non a caso a lanciare l’allarme Italia è il ministro delle Finanze Schauble.

– Bisogna fare presto, altrimenti c’è il rischio di contagio – ha detto paventando una deriva greca per l’Italia. Non a caso ieri il presidente della Repubblica ha lodato il ministro tedesco definendo le sue parole esempio di riserbo e rispetto. Il ”puzzle è complicatissimo” e le tessere vanno messe in ordine sin da subito, prima di arrivare all’elezione dei presidenti di Camera e Senato, si ragiona al Quirinale che volente o nolente è costretto a subire le notizie di borsa e spread e a leggere le trancianti dichiarazioni di Grillo che invita Bersani alle dimissioni. Tutto questo mentre il ‘niet’ di Napolitano all’incontro con il socialdemocratico Steinbrueck provoca un piccolo terremoto anche in Germania dove la Cdu coglie al volo l’occasione per attaccare il candidato della Spd.

Dal punto di vista personale nessun problema tra Napolitano e Steinbrueck: nel pomeriggio una telefonata ”cortese e chiarificatrice” chiude il caso. Almeno formalmente, visto che lo stesso Steinbrueck certo non si scusa ma si limita a minimizzare mentre altri politici della Spd addirittura rincarano al dose spiegando che definire ‘clown’ Berlusconi e Grillo è ”il minimo”. Oggi è un altro giorno: ma non per Napolitano. Crisi politica sempre più avvitata e due giorni di fuoco da passare a Berlino che guarda esterrefatta al Belpaese.

Il ‘gaffeur’ Steinbrueck imbarazza Berlino
Le gaffe di Peer Steinbrueck sono ormai note a tutti in Germania. Del resto sono proprio quei ‘passi falsi’ del socialdemocratico che non beve vino ”sotto i 5 euro” che stanno facendo sprofondare nei sondaggi lo sfidante di Angela Merkel per la cancelleria. Adesso però lo ‘scivolone’ – si è detto ”inorridito per la vittoria di due clown in Italia” – provoca una fragorosissima caduta sul ‘parquet’ internazionale, con l’annullamento dell’incontro programmato con Giorgio Napolitano.

L’effetto è duplice: un caso diplomatico fra i due Paesi, e un caso politico, ennesimo a suo carico, a Berlino. Le parole sull’Italia sono infatti la conferma, per i suoi avversari, che sia ”inadatto a fare il cancelliere”. Steinbrueck dal canto suo ha ”compreso le ragioni di Napolitano”, ma non è tornato affatto indietro.

No comment dal governo tedesco, anche se Steffen Seibert, portavoce della Merkel, ha ironizzato dicendo di trovare ”la storia molto interessante”. E sono diversi gli avversari politici del candidato Spd ad attaccarlo.

– Si qualifica per andare a fare talkshow, non per diventare cancelliere – è l’aspra critica dal ministro della Giustizia Sabine Leutheusser-Schnarrenberger, che parla in qualità di esponente di vertice dei liberali.

Ultima ora

19:45Migranti: scontri a Roma, condannati 9 di Casapound

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Nove militanti di Casapound sono stati condannati dal tribunale di Roma in relazione agli scontri con le forze dell'ordine del luglio 2015 a Casale San Nicola, periferia nord di Roma. I giudici della V sezione penale hanno inflitto otto condanne a 3 anni 7 mesi e una a 2 anni e 7 mesi. Gli imputati, che manifestarono per impedire il trasferimento di immigrati in una struttura di accoglienza, erano accusati di resistenza aggravata a pubblico ufficiale e lesioni.

19:35‘Ndrangheta:fondi Ue, chiesto processo ex assessore Calabria

(ANSA) - CATANZARO, 11 DIC - La Dda di Catanzaro ha chiesto il rinvio a giudizio di Nazzareno Salerno, ex assessore al Lavoro della Regione Calabria ed attuale consigliere regionale, coinvolto nell'inchiesta "Robin Hood" che ha svelato un presunto sistema illecito nella gestione dei fondi europei attraverso l'ente in house "Calabria etica". La richiesta di rinvio a giudizio è stata avanzata al gup, Claudio Paris, oltre che per Salerno, per altri 16 indagati e due società. I reati contestati, a vario titolo, sono truffa, estorsione aggravata dal metodo mafioso, corruzione, peculato, turbativa d'asta ed abuso d'ufficio. Dalle indagini della Guardia di Finanza di Vibo Valentia e del Ros di Catanzaro è emersa l'esistenza di un presunto "comitato d'affari" che avrebbe distratto i finanziamenti comunitari vincolati al progetto regionale "Credito sociale", indirizzandoli su conti correnti di società private anche all'estero. (ANSA).

19:33Ap, mandato a fondatori, trovare soluzione consensuale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - La Direzione di Ap, a quanto si apprende, ha votato di dare mandato ai tre fondatori Beatrice Lorenzin, Fabrizio Cicchitto, Maurizio Lupi, e al vice coordinatore Antonio Gentile, di istruire una pratica per trovare una soluzione perché le due coerenze interne al partito - una che guarda alla coalizione di governo, l'altra ad una corsa solitaria e al dialogo con FI - possano "sopravvivere". La Direzione di Ap è quindi aggiornata a domani alle ore 18.

19:24Staccò lobo di un orecchio a morsi, offre 5mila euro

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Voleva risarcire con cinquemila euro il tassista a cui staccò il lobo di un orecchio il bodybuilder Antonio Bini, a processo con l'accusa di lesioni aggravate dai futili motivi, ma la cifra è stata considerata troppo bassa dai legali di Pier Federico Bossi, ancora in convalescenza dopo l'aggressione avvenuta per una banale lite di viabilità lo scorso 28 novembre nei pressi della Stazione centrale. Il giudice Carlo Cotta della undicesima sezione penale ha quindi aggiornato al prossimo 5 febbraio il dibattimento a carico del 29enne, per consentire alle parti di trovare un accordo sul risarcimento del 48enne autista del taxi, che si è costituito parte civile. I legali di Bossi, gli avvocati Sostene Invernizzi e Mauro Mocchi, e la difesa di Bini, gli avvocati Beatrice Saldarini e Patrizia Pancanti, torneranno tra due mesi di fronte al giudice, che potrà quindi valutare eventuali richieste di riti alternativi (patteggiamento, rito abbreviato o sospensione del processo con messa alla prova).

19:17Basket: Brindisi esonera Dell’Agnello

(ANSA) - BARI, 11 DIC - Dopo la sconfitta di ieri, in casa, contro Trento, la Happy Casa Brindisi ha comunicato di aver esonerato l'allenatore, coach Sandro Dell'Agnello. Brindisi è rimasta ultima con 4 punti nella classifica di Lega A di basket. "Al tecnico - si legge in una nota della società - vanno i più sentiti ringraziamenti per il lavoro svolto e l'augurio per le migliori fortune personali e professionali". Quanto al prossimo futuro: "Alla ripresa degli allenamenti - viene chiarito - la squadra verrà affidata temporaneamente al vice allenatore Massimo Maffezzoli".

19:10Calcio: il 19 dicembre assemblea di Lega B

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - E' convocata per martedì 19 dicembre a Milano l'Assemblea di Lega B con all'ordine del giorno l'approvazione del Bilancio d'esercizio 2016/2017, la costituzione e la nomina dei componenti del Comitato esecutivo, la composizione e le deleghe delle Commissioni e le determinazioni inerenti alla governance di B Futura. Quindi si provvederà ad aggiornare le società sul processo di cessione dei diritti audiovisivi per il triennio 2018-2021. L'Assemblea verrà preceduta in mattinata dal Consiglio direttivo.

19:10Morti in corsia a Saronno, altri 18 casi al vaglio

(ANSA) - BUSTO ARSIZIO (VARESE), 11 DIC - Sono altri 18 i casi di morti "sospette" all'interno del pronto soccorso di Saronno (Varese), attualmente "sottoposti all'esame dei consulenti" come confermato dal Procuratore della Repubblica di Busto Arsizio (Varese) Gianluigi Fontana, nell'ambito del terzo filone dell'inchiesta 'Angeli e Demoni' sulle morti sospette in corsia a pronto soccorso di Saronno. I casi in esame riguardano pazienti trattati antecedentemente al 2013 dall'ex vice primario del pronto soccorso di Saronno Leonardo Cazzaniga, già accusato di nove decessi in corsia e in concorso con l'amante infermiera Laura Taroni delle morti di suo marito, suo suocero e sua madre, le cui cartelle cliniche sono state sequestrate contestualmente all'arresto del medico il 29 novembre 2016.

Archivio Ultima ora