12Il papa ha lasciato il Vaticano: “Da ora un pellegrino”

Pubblicato il 28 febbraio 2013 da redazione

CITTÁ DEL VATICANO – “Non sarò più Pontefice alle otto di questa sera. Sono semplicemente un pellegrino che comincia l’ultima tappa del suo pellegrinaggio su questa terra, ma vorrei ancora col mio cuore, col mio amore, con la mia preghiera, con la mia riflessione, lavorare per il bene della Chiesa e per il bene comune dell’umanitá”. Così il Papa affacciandosi dal balcone di castel Gandolfo.

“Benedetto, Benedetto” e a seguire l’applauso ritmato. E’ stato il saluto dei tantissimi fedeli presenti a Castel Gandolfo.  L’entusiasmo della folla che ha popolato piazza della Libertà a Castel Gandolfo è esplosa quando Benedetto XVI è apparso dal balcone che affaccia sulla piazza. Nel Palazzo pontificio di Castel Gandolfo Ratzinger risiederà per circa due mesi, prima di trasferirsi in quella che sarà la sua nuova residenza, nell’ex monastero di clausura nei Giardini Vaticani.

– Cari amici, sono felice di essere con voi, circondato dalla bellezza del Creato e dalla vostra simpatia che mi fa molto bene -. Cosí, dopo il ”grazie, grazie a voi”, comincia il breve intervento di Benedetto XVI, dal balcone della residenza di Castelgandolfo, rivolto alla cittadinanza. Si tratta dell’ultimo intervento pubblico di Joseph Ratzinger prima di diventare, alle 20.00 italiane, papa emerito.

– Voi sapete – ha ripreso il Papa dopo essere stato interrotto dagli applausi – che questo giorno mio é diverso da quelli precedenti: non sono piú Pontefice Sommo della Chiesa cattolica: fino alle otto di sera lo saró ancora, poi non piú. Sono semplicemente un pellegrino che inizia l’ultima tappa del suo pellegrinaggio su questa terra. Ma vorrei ancora, …ma vorrei ancora – ha ripreso dopo essere stato interrotto dagli applausi – con il mio cuore, con il mio amore, con la mia preghiera, con la mia riflessione, con tutte le mie forze interiori, lavorare per il bene comune e il bene della Chiesa e dell’umanitá. E mi sento molto appoggiato dalla vostra simpatia. Andiamo avanti con il Signore per il bene della Chiesa e del mondo. Grazie, vi imparto adesso con tutto il cuore la mia benedizione. Sia benedetto Dio onnipotente, Padre e Figlio e Spirito Santo. Grazie, buona notte. Grazie a voi tutti”

I media stranieri

Il giorno in cui Benedetto XVI è tornato ad essere Ratzinger. Mettendo da parte le polemiche su alcuni dei cardinali del Conclave la stampa internazionale si concentra sull’addio del Papa analizzandone un pontificato non privo di imperfezioni per la sua ”incompiutezza” sul governo della Chiesa. Alla quale ora – sottolineano i media – per dar vita ad ”una primavera vaticana” occorre un pontefice aperto alla modernità.

In Gran Bretagna ”Il Papa ringrazia il gregge nella sua ultima udienza” è il titolo del GUARDIAN che in un commento intitolato ”I crimini della Chiesa cattolica: non in nostro nome” e firmato da Joanna Moorhead evidenzia che ”sela Chiesaavesse ascoltato i suoi fedeli – e soprattutto le sue donne – avrebbe potuto evitare tanto dolore”.

Il DAILY TELEGRAPH titola ”Si esaurisce il tempo del Papa, l’ultimo giorno di Bendetto XVI nella sua funzione” e in un altro articolo, intitolato ”Un cardinale critica Benedetto XVI nel suo ultimo giorno” riporta le dichiarazioni dell’australiano George Pell, secondo il quale Raztinger ”è stato un maestro brillante” ma ”il governo della Chiesa non è stato il suo punto forte. Preferirei qualcuno che guidila Chiesae la riunisca un po”’. In Francia ”Giornata storica per il Vaticano” è il titolo de LE POINT che si sofferma sull’ultimo giorno di un pontefice e sui suoi possibili successori: una ”dozzina di papabili” che vanno dall’italiano Ravasi al ghanese Turkson fino al brasiliano Scherer. ”Chi guiderà” titola invece LE FIGARO “la barca di Pietro” sottolineando come in queste ore si confrontino ”la tranquilla serenità di un Papa che sa di aver fatto la scelta giusta con la febbrilità in seno al Senato della Chiesa che accusa ancora il colpo”.

In un altro articolo il foglio conservatore riporta l’esito di un sondaggio ai cattolici francesi: ”solo il 6% pensa chela Chiesaesca rafforzata” dal pontificato di Benedetto XVI. ”Un pontificato incompiuto” è infine il titolo di LE MONDE secondo il quale, su alcuni temi, le scelte del pontefice ”sono risuonato come una sorta di rinuncia”. ”Un pontificato per il Vecchio continente” è invece il titolo con cui il tedesco FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG rivede il papato di Raztinger, ”rivolto soprattutto al vecchio mondo” e al quale sono interessate, prima di tutto, ”le questioni classiche della cristianita’ occidentale”.La SUEDDEUTSCHE ZEITUNGsi sofferma invece sul futuro di Ratzinger, caratterizzato da ”questioni di potere e di diritti alla pensione” mentre DIE WELT mette in evidenza ”L’ultima udienza” a Piazza San Pietro. ”Il giorno in cui Benedetto XVI tornerà ad essere Joseph Ratzinger” titola in prima lo spagnolo EL PAIS che in un editoriale si sofferma sull’ ”eredità di un Papa” sottolineando come Benedetto, nei pochi giorni successivi all’annuncio del suo ritiro, abbia ”preso decisioni significative sugli scandali della Chiesa”, nominando un nuovo direttore dello Ior e ”conducendo alle dimissioni” il cardinale O’Brien.

Oltreoceano il NEW YORK TIMES, in un commento, si chiede se ci si attenda ”una primavera vaticana”, nel segno di quelle del mondo arabo. E osserva come ”in questa drammatica situazione alla Chiesa occorra un Papa non intellettualmente ancorato al Medioevo ma aperto alle preoccupazioni della Riforma e alla modernità”. ”Il Papa dà il suo addio a San Pietro” titola infine il WALL STREET JOURNAL mentre il WASHINGTON POST avverte che, dopo l’addio di Ratzinger, ora ”tutte le attenzioni saranno sul Conclave.

 

Ultima ora

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

00:48Calcio: Gattuso “strada ancora lunga, difesa da migliorare”

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Dobbiamo ancora migliorare, specie in difesa, perché il Bologna ci ha messo in difficoltà. Ma devo ringraziare i ragazzi per la vittoria, per la mentalità e per lo spirito di sacrificio: mi tengo la prestazione e il risultato, ma dobbiamo ben tener presente che la strada è ancora lunga". Così l'allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, dopo la vittoria a San Siro sul Bologna. Il tecnico ha elogiato il match winner Bonaventura: "Ha grandissima qualità. Sa fare gol, si sa inserire. Credo sia uno dei centrocampisti migliori d'Italia, deve migliorare un pochino sul fisico". Una battuta sul suo comportamento a bordo campo: "Le partite le sento tantissimo, pure quando gioco a calcio balilla con mio figlio, ma certo su questa di panchina è ancora più emozionante. Il Milan è la mia seconda pelle".

00:32Calcio: Spagna, Suarez-Messi, Barcellona sbanca a Villarreal

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il Barcellona torna alla vittoria in Liga dopo due pareggi superando 2-0 in trasferta il Villarreal, alla terza sconfitta di fila. Restano cinque i punti di vantaggio della capolista sul Valencia, vittorioso ieri sul Celta Vigo, e sei sull'Atletico Madrid, che in un altro incontro domenicale della 15/a giornata è andato a vincere 1-0 a Siviglia sul campo del Betis. A Villarreal, i blaugrana hanno sbloccato il risultato solo nella ripresa, con le reti di Luis Suarez al 27' e Messi al 38', con l'argentino che porta così a 14 centri il bottino personale in campionato. Il Barcellona ha ancora un vantaggio di 8 punti sul Real Madrid, che prima del Clasico del 23 dicembre, forse l'ultima occasione per rientrare in corsa per il titolo, andrà in trasferta in settimana negli Emirati per la semifinale, e probabilmente la finale, del Mondiale per club.

00:23Basket: Serie A, Torino-Milano 71-59

(ANSA) - TORINO, 10 DIC - La Fiat Torino batte 71-59 l'EA7 Milano e aggancia in classifica i milanesi. Una vittoria di carattere quella conquistata dalla squadra dell'ex milanese Banchi, passata a condurre nella prima frazione per poi non lasciare più il comando della partita. Se all'inizio le percentuali di Milano hanno favorito la fuga torinese (32-27 al 20'), nella ripresa la difesa di Torino ha fatto la differenza. Washington ha chiuso le falle in difesa, Mbakwe ha fatto impazzire sotto canestro i lunghi milanesi, caricando di falli Tarczewski e Gudaitis. Un parziale di 17-6 a metà terzo quarto (51-33), propiziato da Mbakwe e Vujacic ha indirizzato la partita: Milano ha provato nel finale a riavvicinarsi, ma la Fiat ha controllato senza patemi il risultato. Ottima prova di Patterson (16), Mbakwe (15) e Vujacic (10) per Torino, mentre sulla sponda milanese il solo Jerrels è riuscito ad andare in doppia cifra chiudendo con 10 punti.

00:21Calcio: Bonaventura, vittoria sia punto di partenza Milan

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Era importante vincere e ce l'abbiamo fatta. Siamo felici, venivamo da un periodo in cui seminavamo tanto e raccoglievamo poco''. A Premium Sport, il centrocampista del Milan Giacomo Bonaventura racconta il suo match da protagonista contro il Bologna: ''Dovevamo tenere un po' più la palla una volta andati in vantaggio, ci servirà da lezione per le prossime. Sperando che questa vittoria possa essere un punto di partenza. Io sto meglio, piano piano sto arrivando al cento per cento e cerco sempre di dare tutto me stesso per la squadra''.

00:08Serie A: il Milan batte il Bologna 2-1 nel posticipo

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Una doppietta di Jack Bonaventura fa respirare il Milan di Rino Gattuso alla sua prima vittoria da quando ha preso il posto in panchina di Vincenzo Montella. In un Meazza congelato con fiocchi di neve a sprazzi, i rossoneri battono il Bologna 2-1 (1-1) nel posticipo della 16/a giornata della Serie A. Apre le marcature Bonaventura al 10' pt, bel pari di Verdi al 23' pt, decide di nuovo Bonaventura al 31' st. Con i tre punti conquistati questa sera il Milan si porta al settimo posto a quota 24 punti.

Archivio Ultima ora