Mezzano. “Segni sparsi del rurale”

Pubblicato il 28 febbraio 2013 da redazione

Il nome
Sull’origine del nome “Mezzano” sono state avanzate varie ipotesi: alcuni lo fanno derivare dalla parola latina “Medianum”, in opposizione a Imer – da “Imus” – e Siror – da “Superior” -, posti sotto e sopra; altri, invece, fanno derivare il nome del paese dalla famiglia veneta “De Mezan” che avrebbe dominato sulla zona; altri, ancora, lo derivano da un toponimo prediale latino in “Anum” come ve ne sono molti altri in Trentino.

La Storia
Le vicende storiche di Mezzano sono sempre state legate a quelle della Comunità di Primiero, pur avendo esso mantenuto nei secoli una sua particolare caratterizzazione di paese agricolo e autonomo. Non vi sono attualmente prove documentali anteriori all’anno mille, anche se vari ritrovamenti archeologici in valle testimoniano una colonizzazione, anche se solo stagionale e in quota fin dal periodo mesolitico.

La situazione agli inizi del secondo millennio è, tuttavia, quella di una valle abitata e organizzata dal punto di vista amministrativo in quattro columelli: Transacqua con Ormanico e Siror; Tonadico; Imer con Canal San Bovo; Mezzano. I problemi generali della Comunità di Primiero erano discussi dal popolo riunito in Parlamento nella piazza della Pieve dove erano conservati gli statuti approvati nel 1307 da Bonifacio de Lupis.

Questa forma autonoma ed organizzata della Comunità fa in ogni caso pensare alla presenza di un’entità molto più antica.
Seguendo le vicende della Comunità di Primiero, Mezzano passa sotto varie dominazioni: dagli Scaligeri a Carlo di Lussemburgo, Giovanni di Carinzia, i Tirolesi, De Lupis, Carraresi. Passata sotto il dominio dei Duchi d’Austria, Conti di Tirolo, la valle viene consegnata ai conti Welsperg nel 1401. Questi vi domineranno per quattro secoli.

Un itinerario
tutto da scoprire
Mezzano sorge ai piedi delle famose Dolomiti delle “Pale di San Martino”, riconosciute recentemente dall’Unesco quale Patrimonio dell’Umanità.

Una sequenza quasi continua di vecchi edifici in pietrame e legno, rurali e residenziali, articolati organicamente ad “avvolgere” il tracciato dell’antica strada per Feltre secondo uno schema radiocentrico compone il centro storico di Mezzano.

Stradine anguste a misura dei vecchi mezzi agricoli, slarghi irregolari con le antiche fontane di pietra, improvvisi orti rigogliosi e fioriti, una serie di segni – finti bugnati, fregi, fasce marcapiani, affreschi di una religiosità ingenua ma intensa – completano questo nucleo che, pur privo di episodi monumentali, è nella sua unità esso stesso monumento, ossia ricordo e testimonianza della storia culturale, sociale, religiosa ed economica di una comunità essenzialmente agricola e contadina.

I restauri sono filologicamente corretti; i riusi rispettosi; i nuovi edifici (tra cui il centro civico recentemente premiato in concorso nazionale) attestano la presenza di una contemporaneità architettonica in continuità con lo spirito della tradizione; le opere pittoriche recenti raccontano le leggende e la natura del luogo.

Mezzano, quindi, quasi integro nella sua identità e insieme arricchito e attualizzato dalla presenza di elementi nuovi felicemente inseriti nel tessuto originario, scenario suggestivo di cerimonie religiose e feste antiche fedelmente riproposte a un’utenza nuova e composita costituisce il raro esempio di un piccolo borgo di montagna che si evolve realizzando il presente senza tradire il suo passato di luogo arcaico, agricolo, magico.

Il nostro itinerario si snoda attraverso i cinque temi principali del paese: le 20 pitture murali; le oltre 100 iscrizioni; i 400 orti; il sistema delle acque; le architetture.

Fuori dal borgo, tre sentieri di mezza quota segnalati e raccontati e altri itinerari tra masi, tabià e malghe.

Il prodotto del borgo
Tra gli alimenti la “Tosela”, formaggio fresco da latte appena munto, ottimo se cotto con crosta croccante in padella; il “botiro” (burro) di malga; il “brazedel”, dolce propiziatorio di fine anno. Tra i prodotti della manualità, i tessuti in lana o lino realizzati a mano su antichi telai (particolare il disegno a damasco), unici in Trentino e in Italia; le sculture in legno.

Il piatto del borgo
la classica “Polenta, tosela, luganega e finferli”; ma consigliato anche “El tonco con polenta e teghe a la poina”, salsiccia a pezzetti in sugo di farina di frumento con fagiolini stufati alla ricotta affumicata.

La scheda del borgo
Provincia di Trento
Come si raggiunge
Si può raggiungere: in auto da Trento lungo la statale della Valsugana, deviazione per Primiero e San Martino di Castrozza all’altezza di Primolano; dalle autostrade: Padova o Vicenza, per Bassano e statale della Valsugana, deviazione per Primiero e San Martino di Castrozza all’altezza di Primolano. In trento: da Padova si prende per Feltre; si prosegue poi per 30 km con taxi o mezzi pubblici.

 

Ultima ora

11:05Maltempo: piena Enza, evacuazioni nel Parmense e Reggiano

(ANSA) - BOLOGNA, 12 DIC - In seguito alle piogge cadute nelle scorse ore, "la piena del fiume Enza ha tracimato" a Lentigione di Brescello, nel Reggiano, dove è "in corso l'evacuazione del paese". E' quanto si legge in una nota dell'Aipo, l'Agenzia Interregionale per il fiume Po. A causa della situazione dell'Enza, spiega una nota della Prefettura di Parma, "a scopo cautelativo sono in corso le operazioni di evacuazione dell'abitato di Casaltone", frazione di Sorbolo, nel Parmense. Tutti i fiumi principali del Parmense, ossia l'Enza, il Taro e il Torrente Parma, "hanno superato il livello '3', il massimo grado della scala di allarme. Anche la piena del Baganza ha superato il livello '3'". Secondo l'Aipo, "la piena del Parma è stata durante la notte in buona parte trattenuta nella cassa di espansione di Marano, dove sono state azionate le paratoie, ma la portata di notevoli dimensioni sta causando criticità a Colorno" dove "il ponte storico è chiuso. Anche la piena del Taro ha causato alcuni allagamenti nell'area Cepim".(ANSA).

11:03Calcio: tour rassegna su Paolo Rossi, tappa a Vicenza

(ANSA) - VICENZA, 12 DIC - Vicenza è stata scelta come settima tappa del tour mondiale "Paolo Rossi - Great Italians Emotions", la mostra ufficiale su "Pablito" e sull'Italia campione del mondo '82. La mostra itinerante verrà inaugurata sabato prossimo per poi restare aperta sino all'8 gennaio 2018, con ingresso gratuito al pubblico. Vicenza, città rimasta in modo indelebile nel cuore del grande campione che qui è esploso a livello calcistico e dove ha abitato per molti anni una volta lasciato il calcio, è stata inevitabilmente scelta dall'organizzazione dell'evento tra le 18 tappe mondiali previste nell'ambito del tour in tutto il mondo, che si concluderà nel 2020. Anche nel capoluogo berico i visitatori avranno modo di ammirare una straordinaria raccolta di cimeli unici vinti da "Pablito", dal Pallone d'oro alla Scarpa d'oro, ma anche video installazioni, fotografie, articoli, filmati, oggetti, maglie e ricordi.

10:55Maltempo: esondato Serchio a Borgo Mozzano, chiusa ss 12

(ANSA) - BORGO A MOZZANO (LUCCA), 12 DIC - Nel corso della notte il fiume Serchio è esondato nel territorio di Borgo a Mozzano (Lucca), provocando la chiusura della statale 12 del Brennero. La situazione è poi tornata alla normalità: non c'è più acqua in strada ma la statale è ancora chiusa, per le operazioni di pulizia, tra le località di Ponte Pari e Chifenti. In particolare, come si spiega dalla protezione civile di Lucca che ha monitorato la situazione tutta la notte, con l'innalzamento dei livelli del fiume l'acqua è fuoriuscita dalle bocchette invadendo la sede stradale. Nella zona, si spiega ancora, ha smesso di piovere.Tre famiglie sono state evacuate dalle loro abitazioni che hanno subito danni al tetto per il forte vento a Dicomano, nel Fiorentino. Un'altra persona ha dovuto lasciare la sua casa minacciata da un grosso pino pericolante a Firenzuola, in località Pietramala. In entrambi i casi sono intervenuti i vigili del fuoco.

10:53Atletica: Atleticom we run Roma a -20

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - È iniziato il conto alla rovescia per gli amanti del runninig, pronti a esibirsi il 31 dicembre nel consueto appuntamento podistico con l'Atleticom we run Rome, giunta alla 7/a edizione. La corsa su strada competitiva si disputerà sulla distanza dei 10 km, quella non competitiva sui 5. E' la manifestazione fiore all'occhiello dell'Atleticom Asd. L'edizione 2016 ha certificato lo straordinario successo, con oltre 10.000 iscritti. A tagliare per primo il traguardo nella We run Rome 2016 fu l'atleta del Burundi, Olivier Irabaruta, che superò in volata il grande favorito della vigilia, Stanley Biwott, il keniano già trionfatore nella maratona di New York. In campo femminile si registrò un'altra sorpresa: la vittoria della francese Cassandre Beaugrande, classe 1997, davanti all'azzurra Valeria Straneo. Anche quest'anno verranno ripercorsi i luoghi più ricchi di storia e di fascino della Capitale. Le iscrizioni si potranno effettuare fino al 30 dicembre, online sul portale www.werunrome.com.

10:52Droga: Gdf sequestra elicottero che trasportava cocaina

(ANSA) - CAGLIARI, 12 DIC - C'è anche un elicottero "Alouette", che veniva utilizzato per trasportare la cocaina dal continente alla Sardegna, tra i 500mila euro di beni sequestrati dalla Guardia di finanza di Cagliari a Loris Sabatucci, 41 anni, emiliano. L'uomo, secondo quanto accertato dagli investigatori, era coinvolto nel traffico di droga smantellato proprio dalla Finanza nel luglio scorso con il sequestro di 11,5 chili di cocaina e l'arresto di tre persone. Sarebbe stato proprio lui a fornire l'elicottero per trasportare la cocaina in Sardegna. "L'impiego del mezzo aereo doveva servire per evitare i controlli operati dalle Fiamme gialle negli scali portuali ed aeroportuali, ordinarie ed obbligate vie di comunicazione con il continente - spiegano dalla Guardia di finanza - ma le incisive e complesse attività investigative hanno vanificato questa 'nuova frontiera' criminale, individuando l'elicottero adibito all'illecito trasporto, atterrato e decollato, non autorizzato, fuori da sedimi consentiti". Proprio sul 41enne emiliano si sono concentrate le attività investigative condotte dal Gico della Finanza di Cagliari e in particolare una serie di verifiche patrimoniali che oggi hanno portato al sequestro preventivo di beni per 500mila euro, tra i quali, oltre all'elicottero, schermato tramite un trust registrato nello stato americano del New Mexico, tre auto e quote di due società di capitali, peraltro fraudolentemente intestate a prestanome. Il provvedimento d'urgenza è stato emesso perché tre settimane fa il 41enne è stato arrestato in provincia di Pavia in quanto coinvolto nel contrabbando di sigarette. L'uomo, assieme a due moldavi, aveva creato una fabbrica di sigarette di contrabbando. Sono state sequestrate 35 tonnellate di "bionde". (ANSA).

10:49Basket: Nba, vola Houston in testa, inatteso ko per Boston

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Vincono ancora i Rockets, per loro decimo successo di fila, e consolidano il primato nella Western Conference. Nella notte Nba si sono giocate sei partite e la formazione di Houston ha superato con il punteggio di 130.123 i New Orleans Pelicans, con il solito Harden a fare da padrone sotto canestro, con 26 punti e 17 assist. Vittoria anche peri campioni in carica, dei Golden State Warriors che passano contro Portland con il punteggio di 111-104 e inseguono da vicino i battistrada. Ancora una grande serata per Damian Lillard del Portland, che mette a segno ben 39 punti. Fra gli altri risultati della nottata va segnalata la sconfitta inattesa dei Boston Celtics per 108-85 sul campo dei Chicago Bulls. I Clippers, ancora senza Gallinari infortunato, hanno battuto i Raptors di Toronto per 96-91. Infine due sconfitte casalinghe, per Memphis a opera di Miami per 107-82 e per Oklahoma battuto dagli Hornets 116-103. (ANSA).

10:39Maltempo: acqua alta a Venezia, 102 cm sul medio mare

(ANSA) - VENEZIA, 12 DIC - Acqua alta stamane a Venezia, dove la punta massima di marea sul medio mare ha raggiunto i 102 cm alle 6.15 secondo le rilevazioni del centro previsioni maree del comune. Con questo livello - marea sostenuta pari a codice 'giallo' - è stato interessata la parte più bassa del suolo cittadino a partire da piazza San Marco. Le prime previsioni della giornata davano una massima di marea a 105 centimetri, poi il vento di scirocco che ha interessato la città per tutta la notte, è calato facendo ridurre l'altezza dell'acqua rispetto al medio mare.

Archivio Ultima ora