L’Italia che vorremmo, noi italiani all’estero

Pubblicato il 28 febbraio 2013 da Mariza Bafile

Un voto serio, ponderato e lungimirante quello espresso dagli italiani all’estero. Forse sarebbe il momento di un mea culpa da parte di tutti quelli che non risparmiavano ironie e critiche al nostro mondo, che ci aspettavano al varco pronti a sbeffeggiare eventuali candidati naif ed eletti poco preparati. Li abbiamo avuti ma, molto spesso, tra quelli espressi in loco non troviamo di meglio (Scilipoti docet).

In quest’occasione gli elettori all’estero hanno dato una prova di serietà dando un voto di fiducia agli schieramenti di PD e Monti, ben coscienti che i problemi che deve affrontare l’Italia richiedono un governo in grado di elaborare un programma credibile sia internamente che all’estero. Sperare di affidare la guida del paese a persone capaci di gestire crisi interne e rapporti internazionali significa semplicemente capire che il mondo non finisce dentro i confini nazionali e che non è pensabile costruire futuro con le chiusure o peggio ancora uscendo dall’euro.

 

È vero che gli italiani all’estero non soffrono in prima persona le conseguenze di una crisi che ha eroso il potere di acquisto delle famiglie, nè l’incubo delle tasse che hanno portato alcuni alla disperazione e perfino al suicidio, o l’angoscia di un futuro senza futuro per i giovani che cercano disperatamente un lavoro. È vero che gli italiani all’estero non sono stati travolti in prima persona dagli scandali che si sono susseguiti in maniera davvero sconvolgente negli ultimi tempi e che hanno visto protagonisti soprattutto i politici, ma la pulizia della casa non si fa bruciando tutto.

 

Più di un terzo degli elettori italiani ha dimenticato il baratro in cui eravamo precipitati un anno fa e ha gettato tutte le colpe su Monti, quella stessa persona che nei primi mesi era stata accolta come il salvatore della patria. Silvio Berlusconi ne ha approfittato e, conoscendo le sue capacità in campagna elettorale, si è rimesso in campo con gran vigore e ha incominciato a sfornare una promessa dietro l’altra, manipolando la delusione e la voglia di speranza degli italiani. Che di nuovo ci hanno creduto.

L’altro terzo ha guardato a Grillo come al nuovo messia. Tra una parolaccia e l’altra, tra un insulto e l’altro, il leader del M5S ha catalizzato le rabbie dei più ed ha elaborato un programma che ci fa proprio pensare al peggior populismo sudamericano. E in molti hanno creduto anche a lui.

 

È indubbio che né Monti né Bersani siano esenti da errori e che ora dovranno rivedere strategie e programmi ma entrambi sono persone preparate, oneste (nessuno dei due ha carichi pendenti) disposte, ciascuno a modo suo e secondo una propria visione della realtà, a lavorare per la ripresa dell’Italia e per un suo rafforzamento nell’ambito delle organizzazioni internazionali.

Brucia pesantemente l’offesa mossa al nostro paese dal candidato socialdemocratico alla cancelleria tedesca, Peer Steinbrueck che si è detto”inorridito dalla vittoria di due clown” e ha aggiunto che si riferiva al “comico di professione Beppe Grillo, mentre l’altro è uno che agisce sotto l’impulso del testosterone”, cioè Silvio Berlusconi. Brucia tanto che Napolitano in visita in Germania ha annullato l’incontro che avevano in programma. Ma tanto più brucia a noi che, pur vivendo fuori manteniamo intatto l’orgoglio delle nostre origini nonostante le battute spesso molto più pesanti di cui siamo oggetto.

L’Italia che vorremmo, quella che hanno sostenuto gli italiani all’estero con il proprio voto, è un’Italia guidata da un capo di Governo capace e degno di rispetto. A dimostrazione che da tempo ormai la valigia di cartone è rimasta nel baule dei ricordi e le nuove generazioni sono costituite da persone, che se ascoltate, potrebbero contribuire alla crescita del paese.

Uno sguardo ai risultati elettorali italiani basta però per capire che chiedere a una certa parte dell’Italia di guardare fuori, di apprezzare quanto da noi costruito è più difficile del chiedere la luna.

Mariza Bafile

Ultima ora

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

Archivio Ultima ora