Grillo: “Non voteremo un governo dei partiti”

Pubblicato il 04 marzo 2013 da redazione

ROMA  – Nessuna fiducia ad un governo ‘dei partiti’ ma possibile apertura ad un esecutivo tecnico. E, comunque, la responsabilità di una scelta sta tutta nelle mani del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Beppe Grillo e il suo movimento rispondono picche a Pierluigi Bersani e si scrollano di dosso la responsabilità delle conseguenze che potrebbero arrivare all’Italia dalla loro intransigenza.

– Il pericolo non siamo noi, ma i 20 anni con cui è stata governata l’Italia. Il M5s è coerente con quello che è sempre stato – dicono i neo parlamentari del Movimento. Concorda il segretario del Pdl, Angelino Alfano, che ne approfitta per attaccare:

– Grillo esprime con chiarezza le sue opinioni, chi è confuso è il Pd. Manda l’Italia a sbattere contro un muro.

Il Cavaliere, infatti, attende più che una mossa del Pd quella del Capo dello Stato: è convinto di poter rimanere in gioco anche se a spaventarlo è ora il fronte giudiziario, più che mai caldo. Per questo vuole farsi trovare pronto e contrastare quella che considera un’offensiva dei Pm, dannosa nel caso si dovesse tornare al voto. Il leader del M5S, intanto, se la ride.

– Daremo la fiducia a Bersani, anzi no, a Monti – scherza Beppe Grillo che arriva a Roma per presenziare al raduno e alla presentazione al grande pubblico dei neo-eletti a 5 Stelle. Avverte delle possibili incursioni avversarie i suoi parlamentari ma li incita: ”saremo sotto assedio” perchè loro, i partiti, non riescono a capire” quale sia il loro progetto, portato avanti ”da persone competenti e valide”. Le quali iniziano ad organizzarsi: eleggono i loro primi capigruppo ‘a tempo’ – per tre mesi Vito Crimi e Roberta Lombardi guideranno le ‘truppe’ in Parlamento – e si danno appuntamento per i prossimi giorni per decidere su Commissioni, Uffici di Presidenza, portaborse.

I capigruppo si rimboccano le maniche: sono nei fatti i portavoce del Movimento dopo, ovviamente, il loro leader. Sta a loro, dopo che Grillo si è ‘confidato’ con la stampa straniera, indicare la linea.

– Ribadiamo che il M5S non può e non darà alcuna fiducia al governo dei partiti. Il governo lo individuerà il presidente Napolitano. Altro non c’è da dire – chiarisce Vito Crimi che, sull’ipotesi di governo tecnico sembra quasi aprire:

– Vediamo, prima lo facciano poi il M5S deciderà. E comunque, non siamo noi la coalizione che ha vinto: sta a chi ha vinto e a Napolitano decidere.

Una soluzione? Un governo a cinque stelle….

Il leader invece tira colpi a destra e sinistra:

– Erano già alleati prima con Monti. Lo saranno ancora con un altro presidente del Consiglio: Corrado Passera – azzarda. E il diretto interessato non nega, si limita a non commentare. E mentre il segretario del Pd va avanti per la sua strada e spera di far arrivare in porto il suo tentativo di un governo di minoranza ‘a tempo’, chi chiede un gesto di responsabilità al leader del M5S è Martin Schulz, presidente dell’Europarlamento.

– Spero che Grillo appoggi un governo che aiuti a risolvere i problemi del Paese – è l’ auspicio che rivolge con un occhio agli elettori a 5 Stelle che ”vogliono che i problemi siano risolti, non solo l’opposizione a tutto”.

Chi non dispera è Dario Fo. Un accordo tra Grillo e Bersani potrebbe essere ”ancora possibile, dipende dalle garanzie”. Certo non aiuta il dialogo la disinvoltura con cui alcuni neo eletti trattano temi delicati come quello del fascismo o del ruolo del sindacato. Prima che ”degenerasse” il fascismo ”aveva una dimensione nazionale di comunità attinta a piene mani dal socialismo, un altissimo senso dello stato e la tutela della famiglia”, scrive la capogruppo ‘cinque stelle’ in pectore alla Camera in un vecchio post sul suo blog dove ne ha anche per i sindacati che hanno esaurito la loro ”missione nel momento in cui si sono trasformati in grumi di potere che mercanteggiano soldi, cariche”

Ultima ora

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

21:41Calcio: Fassone,no a strategie per ridurre valore Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - "Nessuno pensi di adottare strategie per far sì che Donnarumma possa essere ceduto a valori di mercato inferiori rispetto al suo reale valore. A gennaio non abbiamo intenzione di fare nuovi acquisti e non abbiamo necessità di cassa". Così l'ad del Milan Marco Fassone, in un video sul sito del club, commenta le voci sul futuro del portiere, dopo il botta e risposta tra il ds Mirabelli e Mino Raiola. "Donnarumma è un patrimonio umano, tecnico ed economico del club. Siamo qui per tutelarlo e non c'è nessuna volontà di cederlo - aggiunge il dirigente - Mi ha fatto piacere la sua dichiarazione distensiva, ha confermato che non c'è stata nessuna forzatura. Oggi l'ho visto più sereno. Se sarà lui a dirci che vorrà andar via, saremo aperti a valutare le offerte".

21:07Terremoti: sisma 6.5 su costa Java, in Indonesia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Un sisma di magnitudo 6.5 è stato registrato sulla costa di Java, in Indonesia e si sontano un numero imprecisato di vittime. Lo riferisce l'Usgs americano. Le autorità indonesiane hanno emesso un'allerta tsunami. L'epicentro del sisma è stato localizzato a 92 chilometri di profondità, 50 km a sudovest della città di Tasikmalaya. Il portavoce dell'agenzia locale per il contenimento dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho, ha riferito di alcuni edifici danneggiati nell'area ovest dell'isola. Nugroho ha aggiunto che il sisma è stato sentito per 20 secondi nella capitale Giacarta ed in altre città e villaggi di Giava.

20:59Milan:Fassone, richieste Uefa impossibili per chiunque

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - ''La Uefa ci ha chiesto due cose impossibili, non solo per noi ma per qualunque club che si trova nelle condizioni del Milan''. Così l'ad Marco Fassone spiega, con un video sul sito del club, perché l'Uefa ha negato al Milan la richiesta di Voluntary Agreement. ''L'Uefa - aggiunge Fassone - ci ha chiesto di completare prima il rifinanziamento del debito con Elliott e di fornire garanzie per dimostrare la capacità della proprietà di sostenere le perdite del club con un deposito. La nostra documentazione era sufficiente''.

20:44Nuoto: Europei, bronzo di Dotto nei 50 stile libero

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Bronzo di Luca Dotto nei 50 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, con il tempo di 20"78. L'oro è andato al russo Vladimir Morozov (20"31), l'argento al britannico Benjamin Proud (20"66). Ottavo ed ultimo tempo della finale per Marco Orsi.

Archivio Ultima ora