Primavera araba nel caos

Pubblicato il 06 marzo 2013 da redazione

ROMA  – Scivolano sempre più nel caos i Paesi protagonisti della Primavera araba. In Egitto lo scontro istituzionale tra magistratura e il presidente Mohamed Morsi ha segnato  un altra giornata di tensione, con il tribunale amministrativo che ha di fatto annullato le elezioni convocate per fine aprile. In Libia le violenze non si fermano, il presidente del Parlamento Mohamed Magarief è scampato  a un attentato, il secondo da gennaio, mentre spunta un collegamento diretto tra la morte dell’ambasciatore Usa, Chris Stevens, a settembre a Bengasi, e al Qaida. Al Cairo la giustizia amministrativa ha annullato il decreto con cui Morsi ha indetto elezioni a partire dal 22 aprile: la Corte ha motivato la sua decisione con la mancata trasmissione alla Corte costituzionale della legge elettorale emendata dalla Camera alta egiziana, il Consiglio della Shura.

L’ufficio della presidenza egiziana ha annunciato che presenterà appello contro la decisione. L’opposizione ha già annunciato che boicotterà la consultazione. I principali leader anti-Morsi hanno condito la decisione con posizioni eclatanti, come il rifiuto di incontrare al Cairo il neo-segretario di Stato Usa, John Kerry, dopo l’invito americano a El Baradei e agli altri leader a partecipare alle elezioni.

– Si tratta di una interferenza esterna – hanno tuonato gli anti-Morsi. Intanto continuano le proteste di piazza, in particolare a Port Said, dove per il quarto giorno consecutivo si sono registrati scontri tra manifestanti e polizia, con un tentato assalto a un edificio governativo e gli agenti che hanno sparato gas lacrimogeni per disperdere la folla.

Il governo ha silurato il responsabile della sicurezza in città, dopo le violenze dei giorni scorsi che hanno causato diverse vittime, nel tentativo di sedare gli animi. Al di là del confine occidentale, in Libia, la Primavera araba è tragicamente piombata in un vero e proprio inverno. L’altra sera centinaia di giovani, la gran parte armata, hanno assediato la seduta del Parlamento, chiedendo l’approvazione della legge di esclusione, una normativa tesa a limitare la partecipazione politica degli ex esponenti del regime di Muammar Gheddafi. La tensione è arrivata alle stelle, con i deputati che sono stati di fatto ”sequestrati” dalla folla, che ha impedito loro per diverse ore di uscire dall’edificio che ospitava l’incontro – la sede ufficiale dell’Assemblea è stata occupata un mese fa dai reduci della rivolta, e liberata solo ieri.

Poi finalmente il presidente Magarief è riuscito ad andar via: la sua auto è stata investita da una ”pioggia di proiettili”, che ha seriamente danneggiato il mezzo blindato. Magarief, già scampato a un attentato a inizio gennaio a Sabha, nel sud, è rimasto miracolosamente illeso. E’ solo l’ultimo episodio di una escalation di violenza che non risparmia nessuno, occidentali e religiosi non-musulmani in testa. Sempre a Tripoli, domenica un uomo armato ha aperto il fuoco contro un sacerdote cattolico nella cattedrale della città, mancandolo.

Nei giorni precedenti, a Bengasi, i cristiani copti sono stati il bersaglio di aggressioni, intimidazioni e arresti indiscriminati. E proprio da Bengasi, scrive la Cnn citando gli 007 occidentali, l’11 settembre 2012 poco dopo l’assalto alla sede diplomatica Usa in cui persero la vita 4 americani tra i quali l’ambasciatore Stevens, parti’ una telefonata diretta a Moktar Belmoktar, la mente dell’assalto all’impianto algerino di In Amenas, in cui sono stati uccisi oltre 30 ostaggi stranieri. ”Congratulazioni”, disse uno sconosciuto a Belmoctar nella telefonata.

Ultima ora

16:34Grenfell Tower: consiglieri Tory non graditi alla messa

(ANSA) - LONDRA, 12 DIC - Aria di polemica in vista della messa di suffragio in programma giovedì 14 nella cattedrale londinese di St Paul, a sei mesi esatti dalla tragedia, in memoria delle vittime del rogo della Grenfell Tower, edificio popolare in cui persero la vita ben 71 persone. Lo scrive il giornale filo-conservatore Daily Telegraph, sostenendo che il rito - a cui è annunciata fra gli altri la partecipazione dei principi Carlo e William con consorti, nonché del principe Harry - è stato dichiarato off limits, per volere di familiari dei morti e superstiti, per tutti i consiglieri Tory del Municipio di Kensington and Chelsea. La decisione è stata formalizzata dal vescovo anglicano di Kensington - che co-celebrerà la liturgia - il quale invece ha confermato l'invito ai consiglieri laburisti, graditi agli ex inquilini e ai loro familiari. "A tutti i consiglieri conservatori è stato chiesto di stare alla larga", ha confermato un portavoce del Municipio, sul cui territorio si consumò la strage.

16:32Calcio: Coppa Italia, in 4.000 partiti da Pordenone

(ANSA) - PORDENONE, 12 DIC - È iniziato l'esodo dei quattromila tifosi del Pordenone verso San Siro, dov'è questa sera la formazione neroverde affronterà l'Inter negli ottavi di finale di Coppa Italia. Alla volta di Milano è partita, attorno alle 14.00, una quarantina di pullman che hanno dato vita ad un festoso serpentone. A bordo dei bus anche tanti tifosi nerazzurri, che hanno colto l'occasione per ammirare dal vivo la capolista della serie A nel confronto con la squadra della loro città, unica di serie C rimasta in lizza nel torneo. Da Tricesimo (Udine), località di cui è originario, è partito un pullman di supporter personali di Michele De Agostini, figlio di Gigi, gloria della Juventus e della Nazionale, oltre che della stessa Inter anche se solo per una stagione, nel 1992-93.

16:31Brexit: Weber, primo accordo è vincolante, Londra chiarisca

(ANSA) - STRASBURGO, 12 DIC - La premier britannica "Theresa May deve intervenire e chiarire che quanto sarà scritto giovedì al Vertice europeo sarà vincolante dal punto di vista giuridico". Lo ha detto il capogruppo del Ppe al Parlamento europeo, Manfred Weber, chiedendo "chiarezza" a Londra in merito all'accordo preliminare siglato nei giorni scorsi sulla prima fase della Brexit da Regno Unito e Ue. "Se ora David Davis mette in dubbio la prima fase - attacca Weber -, ad esempio proponendo un congelamento dei pagamenti finché il processo non sarà concluso, tutto viene di nuovo messo in dubbio. Quanto sentito da Londra contrasta con l'idea di un rapporto di fiducia".

16:28Russia: 007, sventato piano attentati kamikaze durante feste

(ANSA) - MOSCA, 12 DIC - I servizi di sicurezza russi (FSB) hanno sgominato un gruppo terroristico composto da persone originarie dell'Asia centrale che pianificava attacchi suicida, nel corso del periodo festivo e nelle settimane precedenti alle elezioni presidenziali. Lo ha detto il direttore dell'FSB Alexander Bortnikov citato dalle agenzie russe.

16:26Calcio: Gattuso, quarti di coppa Italia un obbligo

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - "Le vittorie fanno lavorare meglio, ma la salita è ancora lunga". Rino Gattuso non si monta la testa dopo la prima vittoria alla guida del Milan, e cerca subito conferme negli ottavi di coppa Italia contro il Verona. "Abbiamo il dovere di passare questo turno", ha spiegato a Milan Tv l'allenatore rossonero, confermando che "il modulo con la difesa a quattro dà più garanzie" e indicando alcuni aspetti da migliorare Nei pensieri di Gattuso ancora non c'è spazio per l'avversario di Europa League, i bulgari del Ludogorets. "Febbraio è lontano: non ha grandissimo nome ma è una squadra forte, con dieci brasiliani", ha notato, parlando delle sensazioni che sta vivendo a Milanello da allenatore: "Sembra di non essere mai andato via, ma a volte mi fa specie pensare di stare nella stessa stanza di Carlo (Ancelotti, ndr) - ha sorriso l'ex mediano -. Non vado nell'ufficio del mister, mi piace stare giù con la squadra, mi piace lo spogliatoio".

16:25Alfano, la diplomazia economica vale l’1,4% del Pil

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - "La diplomazia economica ha aiutato le nostre imprese nell'ottenimento di contratti e commesse contribuendo lo scorso anno in modo diretto o indiretto all'1,4% del Pil e ha sostenuto 307mila posti di lavoro". Lo ha detto il ministro degli esteri Angelino Alfano alla Farnesina dove è stato presentato il rapporto Prometeia sull'impatto economico di gare e contratti ottenuti all’estero da imprese italiane, che hanno beneficiato del sostegno della rete diplomatico consolare. Il ministro ha sottolineato che questa azione è fondamentale per la diplomazia nel suo insieme a differenza di anni fa, quando la diplomazia economica "era considerata quasi una diplomazia di serie B".

16:24Usa: aperti seggi in Alabama, è un test per il 2018

(ANSA) - WASHINGTON, 12 DIC - Aperte le urne in Alabama dove si vota oggi per il seggio in Senato lasciato vacante dalla nomina di Jeff Sessions a ministro della Giustizia nell' amministrazione Trump. Voto considerato strategico e un test per le elezioni di metà mandato del 2018. In corsa il repubblicano Roy Moore, sostenuto dal nazionalista ex stratega di Donald Trump, Steve Bannon, e dallo stesso presidente degli Stati Uniti, nonostante le polemiche per accuse verso di aver molestato minorenni nei decenni passati. Sul fronte democratico il candidato e' Doug Jones.

Archivio Ultima ora