Analisi: L’America Latina senza Chàvez

Pubblicato il 07 marzo 2013 da redazione

CARACAS:- Uno dei tratti dominanti della politica di Chàvez è stato senza dubbio quello della ricerca di un potere al di fuori dei propri confini. Il suo sogno più ambito quello di prendere il posto del suo maestro Fidel Castro. In lui si riconoscevano i movimenti di sinistra più estrema del subcontinente e da lui si smarcavano con diplomazia Presidenti altrettanto forti come Dilma Russef e Ollanta Umala, fautori di governi di sinistra moderata.

Ma, se alcuni governi come quelli dei fratelli Castro a Cuba e di Ortega in Nicaragua, hanno ricevuto un beneficio diretto grazie alla vendita sottocosto del petrolio venezuelano, altri hanno ottenuto benefici indiretti grazie al corposo flusso di esportazioni che da quei paese e in primis dal Brasile, arrivano nel nostro paese.

La sua prematura scomparsa, l’incertezza sul futuro del chavismo senza Chàvez e la convinzione di molti analisti secondo cui nessun altra persona all’interno del PSUV possiede la forza e il carisma del comandante, creano intense preoccupazioni non soltanto tra i suoi più entusiastici fautori ma anche tra tutti coloro che mantenevano floride relazioni economiche con il Venezuela.

Il movimento bolivariano sarà messo fortemente in crisi, secondo il politologo colombiano Alfredo Rangel, a seguito della perdita del loro portavoce più importante e ciò crea un forte clima di incertezza economica e politica tra quei Presidenti che hanno seguito questo modello.

Chàvez ha lasciato un delfino per la politica interna ma non per quella internazionale. È questa un’opinione condivisa da molti.

L’analista argentino Rosendo Fraga, in un articolo dal titolo “Prospettive dell’América Latina nel 2013“, ipotizzando la scomparsa del Presidente Chàvez che nel momento in cui scriveva l’articolo era ancora vivo, diceva: “la perdita di Chàvez sarà fondamentale non soltanto per il Venezuela ma per tutta la regione e in particolare per i paesi dell’ALBA”. E aggiunge che, anche qualora vincesse le elezioni Nicolàs Maduro non riuscirà mai ad avere la forza di conduzione regionale che aveva Chàvez. Lo stesso opina il politologo colombiano Fernando Giraldo secondo cui non si intravede al momento un leader capace di portare avanti con lo stesso carisma di Chàvez il socialismo del secolo XXI. E prosegue sottolineando che in Venezuela né Maduro né Cabello hanno la forza di imporsi a livello regionale.

Stessa opinione arriva dalla nota agenzia di intelligence privata Stratfor che ipotizza un futuro molto difficile per la sinistra latinoamericana dopo la morte di Chàvez.

Secondo Giraldo i tre “eredi” del pensiero di Chàvez Rafael Correa (Ecuador), Evo Morales (Bolivia) y Daniel Ortega (Nicaragua), cercheranno di occupare posti di rilievo all’interno dell’ Alianza Bolivariana (Alba), la Unión de Naciones Suramericanas (Unasur) y la Comunidad de Estados de Latinoamérica y el Caribe (CELAC), organismi che, secondo l’ex Ministro degli Esteri boliviano Armando Loayza rischiano un indebolimento. Fraga, però, crede che Correa cercherà anche di diventare il nuovo leader della sinistra latinoamericana.

Minore sarà secondo gli analisti la ripercussione negativa su paesi come il Brasile, l’Argentina e l’Uruguay, dal momento che la loro dipendenza sia politica che economica dal Venezuela era meno forte.

E la politologa brasiliana Teresa Cruvinel ha scritto che considera una grande esagerazione dire che la morte di Chàvez avrà ripercussioni in tutto il Sudamerica. In questi paesi, scrive la politologa, ci sono governi di sinistra moderata che sono stati scelti dalle popolazioni indipendentemente dal potere del presidente venezuelano.

In molti sottolineano che in nazioni come Cile, Brasile e Perù i governi hanno preferito portare avanti programmi sociali senza radicalizzare la lotta di classe ma c’è anche chi pensa che è proprio grazie alle posizioni più estreme di Chàvez che Lula ha potuto trasformarsi nel leader della sinistra moderata.

La verità è che la scomparsa del Capo di Stato venezuelano apre un nuovo capitolo in America Latina e solo tra qualche tempo si capirà se la sinistra più radicale riuscirà a trovare un condottiero altrettanto carismatico o se invece si imporrà in tutta la regione una sinistra più moderata.

Giuditta Tazzi

Ultima ora

19:37Sfida tra barbieri più vecchi d’Italia

(ANSA) - CAGLIARI, 14 DIC - "L'età anagrafica non è un'opinione". Scherza Antonio Cardia, 90 anni compiuti il 23 ottobre, ma rivendica con fierezza il suo primato: quello del barbiere più longevo d'Italia. "Con l'età non si scherza - sorride mentre fa la barba ad un cliente nel suo salone di via Cimarosa, a Cagliari - con i miei 90 anni e 81 di professione a tutti gli effetti sono l'artigiano di barba e capelli più anziano, naturalmente fino a prova contraria", mette le mani avanti. Ha iniziato prestissimo Antonio. Aveva nove anni quando suo padre lo ha messo in bottega ad imparare il mestiere. A 18 anni, poi, si é messo in proprio. Ancora oggi serve quei pochi clienti che si affacciano al suo salone. Li accoglie col sorriso anche se il suo stato di salute non è più come quello di un tempo. Nel suo salone sono passate anche le vecchie glorie del Cagliari, Albertosi, Domenghini, Boninsegna, Brugnera. "Son venuti alcuni amici a dirmi che il barbiere più longevo d'Italia sarebbe Sergio, di Brescello, in Emilia Romagna, ma non è proprio così, se lui ha 83 anni ed esercita dall'età di 10, fanno 73 anni di lavoro. Ne mancano otto - dice sfoderando un altro dei suoi sorrisi - e io ne ho sette in più, gli auguro di superare il mio primato, con tutto il cuore. Anzi lo invito in Sardegna per visitare il mio salone. Lui é più giovane e può affrontare anche il disagio di un viaggio e qui il clima è sempre bello. Colgo l'occasione di questa bella storia di Sergio, che mi ha commosso, per esprimere la mia solidarietà a lui e alla popolazione colpita dall'alluvione".

19:35India: scontro armato in Telangana, uccisi 8 maoisti

(ANSA) - NEW DELHI, 14 DIC - Otto militanti maoisti sono stati uccisi oggi in uno scontro a fuoco con le forze di sicurezza nello Stato indiano centrale di Telangana. Lo riferisce il quotidiano The Indian Express. Nella sua pagina online il giornale precisa che lo scontro si è svolto nel villaggio di Tekulapalli del distretto di Bhadradri Kothagudem e che, cominciato ieri sera, si è concluso solo all'alba di oggi. Secondo la polizia il drappello di militanti era formato da 17 uomini, di cui otto sono morti nella battaglia mentre altri nove sono riusciti a fuggire. Da anni formazioni maoiste, che vengono conosciute in India come 'naxaliti', contrastano le forze di sicurezza in una decina di Stati della cosiddetta 'fascia rossa' orientale che dal Bihar a nord si spinge fino al Telangana.

19:29Fiorentina: Corvino, siamo in un bel momento

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - ''La vittoria di ieri è stata il 5/o risultato utile di fila, aver superato il turno davanti alla nostra gente contro un avversario come la Sampdoria è stato un momento molto bello, speriamo ne possano arrivare altri''. Così il dg dell'area tecnica della Fiorentina, Pantaleo Corvino, oggi a nel carcere di Sollicciano per partecipare al progetto Uisp 'Sport in libertà'. ''Per noi sarà una stagione utile per capire quanto sono forti le fondamenta messe per il futuro. I Della Valle? Non sono presenti fisicamente ma sentiamo la loro vicinanza''. Intanto la squadra è tornata ad allenarsi per preparare la gara col Genoa. Tra i più attesi l'ex Simeone e il centrocampista francese Veretout reduce dalla doppietta di ieri, fra gli acquisti più positivi dell'ultimo mercato. ''Quando ho puntato su di lui era già per me un calciatore affermato - ha detto Corvino - Fa piacere che tanti stiamo scoprendo le sue potenzialità e quelle di altri nostri giocatori: nostro compito è far innamorare dei nuovi arrivati''.

19:28Siria: ong, 23 civili uccisi in raid Coalizione Usa

(ANSAmed) - BEIRUT, 14 DIC - Ventitré persone imparentate tra loro, di cui otto bambini o adolescenti minorenni, sono stati uccisi in un raid compiuto da aerei della Coalizione internazionale a guida Usa in un villaggio nell'est della Siria, secondo quanto riferisce l'Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus). Il bombardamento è stato compiuto sul villaggio di Al Jerthi, nella provincia di Deyr az Zor, in appoggio alle milizie a maggioranza curda che combattono l'Isis.

19:27Scomparsa nell’Aretino: pena ridotta a 25 anni per frate

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - La corte d'assise d'appello di Firenze ha rimodulato la pena per padre Gratien Alabi a 25 anni di reclusione. Il religioso era stato condannato in primo grado a Arezzo a 27 anni per l'omicidio e l'occultamento di cadavere di Guerrina Piscaglia, la 50enne scomparsa il primo maggio 2014 da Ca Raffaello, la località dell'Appennino aretino dove la donna viveva e dove il religioso prestava servizio nella locale parrocchia.(ANSA).

19:20New York Times, editore Sulzberger passa timone al figlio

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - Cambio della guardia generazionale al New York Times: Arthur Gregg Sulzberger, figlio dell'editore Arthur Ochs Sulzberger Jr., prenderà dal primo gennaio il posto del padre alla guida della Old Grey Lady. Lo ha annunciato oggi lo stesso New York Times. Sulzberger padre ha 66 anni, era editore Times dal 1992 e resterà come presidente della New York Times Company: "Non e' un arrivederci - ha annunciato allo staff - ma dal primo gennaio la grande nave che è il New York Times avrà A.G. al timone".

19:18Francia: scontro treno-scuolabus, 2 morti e 7 feriti

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - Uno scuolabus è stato investito da un treno nei pressi di Perpignan, nel sud-est della Francia, non lontano dal confine spagnolo. Secondo TF1, il bilancio provvisorio è di 2 morti e 7 feriti gravi. L'incidente è avvenuto nel comune di Millas, sull'asse ferroviario Perpignan-Villefranche de Conflent, intorno alle 16.00. Tra le vittime, precisa TF1, ci sarebbero anche dei bambini.

Archivio Ultima ora